top of page

Finanziatori cinesi concedono miliardi di dollari alle banche russe dopo le sanzioni occidentali

Financial Times: durante il primo anno dell’invasione dell’Ucraina, i finanziatori cinesi sono intervenuti per concedere miliardi di dollari alle banche di Mosca, mentre le istituzioni occidentali hanno cessato le loro operazioni in Russia



Per il quotidiano FT, le mosse di quattro delle più grandi banche cinesi fanno parte degli sforzi di Pechino per promuovere il renminbi come valuta globale alternativa al dollaro.

L'esposizione della Cina nel settore bancario russo è quadruplicata nei 14 mesi terminati alla fine di marzo di quest'anno, secondo gli ultimi dati ufficiali analizzati per il Financial Times dalla Kyiv School of Economics.

I finanziatori hanno preso il posto delle banche occidentali, che hanno subito forti pressioni da parte dei regolatori e dei politici dei loro paesi d’origine affinché uscissero dalla Russia, mentre le sanzioni internazionali hanno reso molto più difficile fare affari.

Secondo i dati della banca centrale russa, la Industrial and Commercial Bank of China, la Bank of China, la China Construction Bank e la Agricultural Bank of China hanno aumentato la loro esposizione combinata verso la Russia da 2,2 miliardi di dollari a 9,7 miliardi di dollari nei 14 mesi terminanti a marzo, con la ICBC e la Bank of China che rappresentano complessivamente 8,8 miliardi di dollari di asset.

Nello stesso periodo, la Raiffeisen Bank austriacala banca straniera con la maggiore esposizione verso la Russiaha aumentato le sue attività nel paese di oltre il 40%, da 20,5 miliardi di dollari a 29,2 miliardi di dollari. Raiffeisen ha detto a FT che sta cercando modi per ritirarsi dal paese e da marzo ha ridotto il suo patrimonio a 25,5 miliardi di dollari.



"Le mosse delle banche cinesi fanno parte di un tentativo da parte della Russia di adottare il renminbi anziché il dollaro statunitense o l’euro come valuta di riserva".

"I prestiti delle banche cinesi alle banche e agli istituti di credito russi, in cui lo yuan prende il posto del dollaro e dell'euro, dimostrano che le sanzioni stanno facendo il loro lavoro", ha affermato Andrii Onopriienko, vicedirettore dello sviluppo presso la Kyiv School of Economics, che ha compilato i dati.

L’aumento degli scambi di renminbi evidenzia il perno economico della Russia nei confronti della Cina poiché gli scambi tra i due paesi hanno raggiunto la cifra record di 185 miliardi di dollari nel 2022.

Prima dell’invasione dello scorso anno, oltre il 60% dei pagamenti della Russia per le sue esportazioni venivano effettuati in quelle che le autorità del paese ora chiamano “valute tossiche”, come il dollaro e l’euro, con il renminbi che rappresentava meno dell’1%.

Da allora, secondo i dati della banca centrale russa, le valute tossiche sono scese a meno della metà dei pagamenti all’esportazione, mentre il renminbi rappresenta il 16%.

Raiffeisen è una delle poche banche occidentali che ha mantenuto una presenza significativa in Russia dopo che diversi altri istituti di credito stranieri hanno tagliato i rapporti e venduto le filiali lo scorso anno. Ma le riforme introdotte dal Cremlino la scorsa estate hanno reso molto più difficile per le banche straniere vendere le loro filiali russe.

Venerdì, il viceministro delle finanze russo Alexei Moiseev ha riaffermato la posizione del governo di ostacolare le vendite delle banche estere. Nei primi sei mesi di quest'anno gli utili delle attività russe di Raiffeisen sono aumentati del 9,6% a 867 milioni di euro, con l'istituto di credito austriaco che ha aumentato di 200 milioni di euro le retribuzioni per il suo personale con sede in Russia.

La Banca Centrale Europea sta aumentando la pressione sugli istituti di credito da essa vigilati, compreso Raiffeisen, affinché abbandonino la Russia.

Raiffeisen ha affermato che sta cercando di trovare il modo di vendere o separare la propria attività russa rispettando al tempo stesso le leggi e i regolamenti locali e internazionali. "Ci impegniamo a ridurre ulteriormente l'attività commerciale in Russia mentre continuiamo a portare avanti tali potenziali transazioni", ha aggiunto la banca. Nel complesso, la percentuale di attività bancarie russe detenute da prestatori stranieri è scesa dal 6,2% al 4,9% nei 14 mesi terminati a marzo.

ICBC, Bank of China, China Construction Bank e Agricultural Bank of China hanno tutte rifiutato di commentare al Financial Times.

16 visualizzazioni0 commenti
bottom of page