Freddo artico: le sanzioni colpiscono le iniziative energetiche sino-russe

di Nicola Iuvinale


"Il bisogno di sostegno economico della Russia di fronte a nuove sanzioni, combinato con quello di energia della Cina e l'influenza dell'Artico, li rendono partner logici", afferma un rapporto pubblicato attraverso il progetto Tearline dell'agenzia di intelligence NGA.

Le sanzioni occidentali contro la Russia, dopo l'invasione dell'Ucraina, hanno frenato i progetti energetici congiunti sino-russi nell'Artico, secondo il nuovo rapporto sponsorizzato dall'intelligence militare statunitense.

Questo, prodotto come parte della partnership Tearline della National Geospatial-Intelligence Agency con ricercatori esterni, si basa su immagini satellitari che presumibilmente mostrano alcuni degli "investimenti critici" della Cina nella Russia settentrionale in stallo o in difficoltà.

Ad esempio, si dice che alcuni "moduli" per un progetto avrebbero dovuto essere consegnati dalla Cina alle strutture russe a marzo, ma "l'analisi delle immagini mostra che fino a settembre 2022, molti dei moduli fabbricati in Cina erano ancora nelle banchine cinesi .”

Il rapporto afferma che le sanzioni hanno "probabilmente impedito a molte delle principali società di trasporto pesante con sede in Occidente (che hanno contratti di trasporto dei moduli) di continuare a partecipare al progetto".

Il loro "esodo" ha lasciato "buchi profondi nel progetto che dovranno essere colmati".

Secondo quanto riferito, quella e altre immagini mostrano che "una delle più importanti incursioni della Cina nell'Artico potrebbe essere a rischio".

Il rapporto è stato scritto da due ricercatori della Washington University di St. Louis in collaborazione con NGA attraverso il programma Teatline.

Questo, è un nuovo sforzo open source della NGA, agenzia di intelligence normalmente segreta, progettato per far luce su quelle che l'agenzia pensa siano questioni strategiche "sottostimate".

Secondo il rapporto, i recenti investimenti della Cina nell'Artico sono in parte sviluppati per fornire un'alternativa alle rotte energetiche che dipendono dallo Stretto di Malacca, che è controllato da Singapore, un problema per Pechino chiama "dilemma di Malacca".

"Per raggiungere questo obiettivo, la Cina cerca un partenariato economico più stretto con la Russia, in particolare per quanto riguarda l'accesso ai giacimenti energetici russi al di sopra del Circolo Polare Artico", afferma il rapporto.

In cambio, gli accordi energetici forniscono finanziamenti alla Russia in un momento in cui le sanzioni occidentali continuano a comprimere l'economia russa. "Il bisogno di sostegno economico della Russia di fronte a nuove sanzioni, combinato con il bisogno di energia della Cina e l'influenza dell'Artico, li rendono partner logici", afferma il rapporto.

Ma, non è solo l'energia che la Cina sta cercando, facendo eco alle preoccupazioni espresse di recente dal generale Glen VanHerck, capo del comando nord degli Stati Uniti, nonché dalla strategia per l'Artico dell'amministrazione Biden.

"Nonostante non abbia territorio nell'Artico, la Cina cerca di affermarsi come un attore chiave negli affari in quell'area".

"Sebbene la Cina non sia una delle otto nazioni che possiedono territorio nell'Artico, sostiene di avere un interesse importante nella regione e si definisce uno "stato vicino all'Artico, attraverso la Russia".


21 visualizzazioni0 commenti