Gli USA si armano legalmente contro la Cina. Chiederanno un risarcimento alla PRC per il covid-19

Le autorità cinesi hanno ripetutamente affermato di aver fornito al mondo tutte le informazioni sulla comparsa del coronavirus. Tuttavia, le recenti pubblicazioni sui media occidentali fanno rivivere ancora una volta la versione della perdita di laboratorio. In questo contesto, gli Stati Uniti hanno avviato nuove indagini, i cui risultati rischiano solo di complicare le già difficili relazioni di Pechino con l'Occidente.


di Nicola Iuvinale

Fonti dell'intelligence statunitense hanno recentemente riferito al WSJ che i dipendenti dell'Istituto di virologia di Wuhan, dove gli scienziati hanno lavorato con i coronavirus negli ultimi dieci anni, erano malati di una malattia sconosciuta già nel novembre 2019.

E secondo il Daily Caller, la moglie di uno di loro è morta di COVID-19 nel dicembre 2019. In effetti, ciò dimostrerebbe che il coronavirus si sarebbe diffuso in tutto il mondo dal laboratorio.

Questa informazione è ovviamente contraria alla versione ufficiale di Pechino.

In Cina, affermano che le prime persone infette da COVID-19 nel paese sono apparse solo a dicembre 2019.

E non all'Istituto di Virologia, ma al mercato del pesce.

Nonostante ciò, i servizi di intelligence di Stati Uniti e Gran Bretagna hanno comunque avviato delle proprie indagini per individuare le cause dello scoppio della pandemia.


Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha chiesto ufficialmente all'intelligence di "raddoppiare gli sforzi per raccogliere e analizzare le informazioni che porteranno a una conclusione definitiva sull'origine del coronavirus" e di riferirgli i risultati dell'indagine entro 90 giorni.

Inoltre, anche il Congresso americano sta iniziando anche una propria indagine.

Per questo, verrà creata una commissione speciale.

I funzionari statali stanno anche esortando il governo federale a rilasciare tutti i dati in suo possesso sul coronavirus.


Allo stesso tempo, repubblicani e democratici hanno sviluppato un disegno di legge congiunto che consentirà ai cittadini statunitensi di chiedere un risarcimento alla Repubblica Popolare Cinese per la morte di parenti a causa di COVID-19.

Il documento è stato chiamato "International Outbreak Prevention Act Never Again" e, tra l'altro, prevede anche il controllo delle azioni dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Tutto questo dimostrerebbe una reale possibilità che l'indagine statunitense possa dimostrare la fuga di laboratorio come l'ipotesi principale della una pandemia.

I risultati degli esperti dell'OMS

All'inizio dell'anno, gli specialisti dell'OMS di diversi paesi hanno trascorso un mese in Cina. Durante questo periodo, sono giunti alla conclusione che la versione di una fuga di coronavirus da un laboratorio a Wuhan è la meno probabile.


La causa principale per l'inizio della pandemia, sarebbe la trasmissione del virus da animale ad animale e quindi all'uomo. Allo stesso tempo, però, non sono mai riusciti a trovare la variante del coronavirus in natura che si era diffusa in tutto il mondo.

Il tipo più vicino è stato trovato nei pipistrelli che non vivono nella regione di Wuhan.

Nonostante il fatto che la commissione abbia visitato sia il mercato del pesce che il laboratorio di Wuhan, i risultati dell'indagine dell'OMS hanno causato insoddisfazione in molti paesi: Australia, Stati Uniti, Unione Europea, Repubblica di Corea e Giappone. In particolare, perché i lavori della commissione sono proseguiti con notevole ritardo e senza accesso a informazioni e campioni completi a causa del comportamento ostruzionistico della Cina.

Gli Stati Uniti e altri paesi hanno chiesto a Pechino di condurre una seconda fase dell'indagine.

I principali biologi molecolari e immunologi mondiali hanno chiesto lo stesso .

Tuttavia, la Cina ha rifiutato di accettare nuovamente la commissione. Le autorità hanno spiegato questa decisione con il fatto che le origini del coronavirus vanno ricercate in altri Paesi (Italia compresa, e non solo in Cina.

In particolare, i rappresentanti della RPC, hanno chiesto di controllare i laboratori americani.




Probabilmente sarà inevitabile la colpa della Cina

Pechino è piuttosto nervosa per il tentativo di incolpare la Cina della causa della pandemia.

ll coronavirus ha già inferto un duro colpo all'immagine della Cina, ma il Paese potrebbe dover respingere una raffica di nuove accuse nel prossimo futuro.


Sullo sfondo di relazioni sempre più deteriorate tra Pechino e l'Occidente, il rapporto dell'intelligence statunitense potrebbe diventare un'altra ragione per gli Stati Uniti e i suoi alleati per aumentare la pressione sulla Cina e chiederle concessioni e risarcimenti.

Oltre alla possibilità di citare in giudizio la Cina, a Washington ammettono anche misure, come l'espulsione della PRC dall'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) per presunto occultamento di informazioni sull'origine del COVID-19.


Implicazioni legali

Negli Stati Uniti, dallo scorso anno, si sono intentate azioni legali risarcitorie contro la Cina per la pandemia.

Ad esempio, nel marzo 2020, l'avvocato ed ex procuratore federale Larry Kleiman ha intentato un'azione legale collettiva nel distretto settentrionale del Texas.

Nello stesso mese presso la Corte per il Distretto Meridionale della Florida è stata avviata un'azione legale collettiva da parte dei residenti di Miami-Dade e Palm Beach, nonché dalla società The Pitching Lab LLC..

Allo stesso tempo, però, come sostenuto da esperti americani, tutte queste cause sono destinate al fallimento, poiché negli Stati Uniti è in vigore il cosiddetto "Sovereign Immunity Act" del 1976 che garantisce la protezione dei paesi esteri dalla giurisdizione americana, se non si tratta di attività commerciali o terrorismo.

Tuttavia, il disegno di legge "International Outbreak Prevention Act Never Again", introdotto dai legislatori americani, prevede che la Cina e il suo Governo perdano la loro immunità da procedimenti civili o penali negli Stati Uniti.

Allo stesso tempo, però, non è ancora chiaro come le autorità americane intendano costringere la parte cinese a rispettare le proprie decisioni e come funzionerà.

Diverse ONG e avvocati di diversi paesi hanno anche presentato denunce contro la Cina presso organismi internazionali, in particolare la Corte penale internazionale (ICC).

Tuttavia, affinché l'ICC avvii un'indagine, deve essere dimostrato che la Cina abbia deliberatamente attaccato la popolazione civile.

Ovviamente, nessuno oggi è in grado di fornire tali prove, il che significa che la Cina non potrà essere accusata di crimini contro l'umanità.


Però, come riportato in un articolo sul sito dell'International Bar Association, gli Stati hanno anche la possibilità di denunciare la Cina alla Corte internazionale di giustizia delle Nazioni Unite o alla Corte internazionale di arbitrato dell'Aia.

Il pretesto formale potrebbe essere il pericolo che Pechino abbia esposto la popolazione mondiale, in violazione degli obblighi internazionali.

Per confermare ciò, i pubblici ministeri dovranno dimostrare che la Cina non ha deliberatamente segnalato il virus all'OMS, violando così il trattato e gli obblighi imposti dall'organizzazione.

Finora tutte queste misure rimangono solo ipotesi.

La Casa Bianca ha affermato di non avere, al momento, informazioni sufficienti per confermare o smentire la versione di laboratorio in questa fase.

Per una migliore comprensione della situazione, resta quindi da attendere le conclusioni dell'intelligence americana.

Intanto gli USA si preparano legalmente ad agire contro la Cina e questo è già un segnale ben preciso.



257 visualizzazioni0 commenti