top of page

I piani di Xi in America Latina. Portare la minaccia cinese al limite della costa degli Stati Uniti

La crisi dei missili cubani è stata uno degli eventi determinanti della Guerra Fredda.

Il tentativo di Mosca di piazzare missili sull'isola ha cancellato il cuscinetto protettivo degli oceani Atlantico e Pacifico, portando la minaccia sovietica al limite delle coste americane.

Nella Nuova Guerra Fredda, gli Stati Uniti affrontano un avversario molto diverso: la Cina.

Oggi, Cuba è pronta a restare un fattore importante in questo conflitto. Tuttavia, le azioni di Pechino nell'emisfero occidentale si estendono ben oltre Cuba. Le loro operazioni di spionaggio sono solo una piccola parte della crescente influenza di Pechino in America Latina.


Occhi da Cuba

La scorsa settimana, il Wall Street Journal ha riferito che la Cina pagherà a Cuba miliardi di dollari per costruire una nuova struttura per sorvegliare gli Stati Uniti continentali. Secondo quanto riferito, i servizi di intelligence cinesi la userebbero per monitorare ulteriormente il traffico marittimo e le comunicazioni elettroniche dagli Stati Uniti.

L'amministrazione Biden ha rapidamente e pubblicamente rimproverato il rapporto in quanto non accurato. Un funzionario anonimo dell'amministrazione, tuttavia, ha successivamente riconosciuto che la Cina opera in una base a Cuba almeno dal 2019. Il funzionario ha osservato che la Cina "ha effettuato un aggiornamento delle sue strutture di raccolta di informazioni a Cuba nel 2019", che sono state "ben documentate dall'intelligence".

L'ex ambasciatore degli Stati Uniti in Cina, Max Baucus, si è sorpreso nel sentire l'amministrazione Biden inizialmente negare il rapporto, osservando che la Cina ha mantenuto una presenza a Cuba per molti anni.

Anche se la Cina ha spiato da Cuba per anni, ora spetta all'amministrazione contrastare questi sforzi.

Nel 2016, il senatore Marco Rubio (R-Fla.) ha fatto pubblicamente riferimento a una "stazione di ascolto cinese a Bejucal", una città appena a sud dell'Avana. Nel 2018, le immagini satellitari sembravano effettivamente mostrare lì un'installazione di sorveglianza radar di nuova costruzione. L'ultimo giro di segnalazioni suggerisce che un nuovo accordo potrebbe comportare la costruzione di un'altra struttura o l'ampliamento dell'impianto esistente.

Il funzionario dell'amministrazione Biden ha riconosciuto che gli Stati Uniti "non stanno facendo progressi sufficienti e avranno bisogno di un approccio più diretto" per contrastare le attività di spionaggio cinesi. Questo è vero, soprattutto considerando che la portata della Cina si estende ben oltre Cuba.


Controllo del Canale di Panama

All'inizio di quest'anno, il comandante del SOUTHCOM ha segnalato la preoccupazione che le società legate all'Esercito popolare di liberazione cinese (PLA) controllino sezioni critiche del Canale di Panama, attraversato annualmente da una quota sostanziale del commercio internazionale statunitense.

Naturalmente, qualsiasi interruzione del libero passaggio attraverso il canale, per le navi militari o commerciali statunitensi, rappresenterebbe una grave minaccia per gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Dall'inizio del secolo, la PLA ha condotto più di 200 visite di leader in America Latina e nei Caraibi e, secondo quanto riferito, gestisce 11 basi di localizzazione satellitare in tutta la regione.

La Cina ha anche costruito una stazione spaziale terrestre in Argentina, gestita dall'esercito cinese, che probabilmente ha scopi sia civili che militari.


Gli sforzi di influenza della Cina stanno funzionando Quest'anno, a seguito delle aggressive pressioni cinesi e degli impegni finanziari, l'Honduras ha interrotto le relazioni diplomatiche con Taiwan. Di recente ha aperto un'ambasciata a Pechino. Solo 13 paesi ora continuano a riconoscere Taiwan, di cui sette in America Latina e nei Caraibi. La Cina ha anche convinto l'Honduras ad aderire alla sua Belt and Road Initiative, portando a 22 il totale dei paesi latinoamericani e caraibici partecipanti.


È una nuova guerra fredda

Dal Canale di Panama alle esercitazioni militari, la Cina è ora uno dei principali attori nel cortile di casa dell'America. Gli Stati Uniti devono prendere sul serio l'aumento di risorse per una strategia atlantica. Ciò, dovrebbe essere una componente della prossima strategia di sicurezza nazionale.

Oltre a fare i compromessi e gli investimenti necessari nell'Indo-Pacifico, questa strategia atlantica dovrebbe concentrarsi specificamente sull'emisfero occidentale. La Cina non è solo una minaccia per il Pacifico, è una minaccia globale.

Per fortuna, le stazioni di spionaggio cinesi a Cuba non si tradurranno in una nuova crisi missilistica cubana. Ma questo sviluppo è ancora un altro segno che gli Stati Uniti e la Cina sono in una nuova guerra fredda.


L'ingresso della Russia in Ucraina spalanca le porte alla Cina anche nell'Artico.

"..... E, verso nord, nei gelidi oceani artici, grazie al riscaldamento radicale del pianeta e al ritiro del ghiaccio marino, una flotta di rompighiaccio cinesi e russi hanno manovrato per aprire una "via della seta polare", forse prendendo possesso del tetto del mondo".

La guerra in Ucraina sta costringendo l'Occidente ad adeguarsi politicamente e militarmente alle nuove realtà con la Russia, ma non si possono trascurare le opportunità che la Cina sta ora guadagnando nell'Artico.

Le radicali sanzioni imposte alla Russia hanno avuto gravi ripercussioni sul suo sistema bancario, sul settore energetico e sull'accesso alle tecnologie chiave.

Queste sanzioni hanno effettivamente tagliato fuori la Russia dall'Occidente e potrebbero costringerla a fare affidamento sulla Cina per evitare la rovina economica. Mentre Pechino potrebbe trarne vantaggio in diversi modi, la NATO non può trascurare le implicazioni sulla sicurezza internazionale per la rotta del Mare del Nord (NSR).

16 visualizzazioni0 commenti

Yorumlar


bottom of page