top of page

Il Congresso degli Stati Uniti detta la nuova strategia politico-economica per contrastare Pechino

Per generazioni gli Stati Uniti hanno scommesso sul fatto che un forte impegno economico avrebbe portato il Partito Comunista Cinese ad aprire l'economia e i mercati finanziari e, a sua volta, a liberalizzare il sistema politico e a rispettare lo Stato di diritto. Queste riforme non ci sono state. Dall'adesione al WTO nel 2001, il PCC ha portato avanti una campagna pluridecennale di aggressione economica contro gli Stati Uniti e i suoi alleati, in nome di un disaccoppiamento strategico della Cina dall'economia globale; ciò ha reso l'ha resa meno dipendente dall'economia mondiale mentre gli Stati Uniti e l'Unione Europea sono diventati più dipendenti da Pechino. In risposta, gli Stati Uniti e l'UE devono urgentemente tracciare un nuovo percorso che metta la loro sicurezza nazionale, quella economica e i valori al centro del dialogo tra Stati Uniti, UE e Cina. L'House Select Committee on the Strategic Competition between the United States and the Chinese Communist Party ha studiato a fondo il modello di aggressione e manipolazione economica della RPC e ha formulato una strategia di concorrenza economica e tecnologica con la Cina. La strategia si basa su tre pilastri fondamentali.

di Nicola e Gabriele Iuvinale


Per generazioni gli Stati Uniti hanno scommesso sul fatto che un forte impegno economico avrebbe portato il Partito Comunista Cinese (PCC) ad aprire l'economia e i mercati finanziari e, a sua volta, a liberalizzare il sistema politico e a rispettare lo Stato di diritto.

Queste riforme non ci sono state.

Dall'adesione all'Organizzazione mondiale del commercio nel 2001, il PCC ha portato avanti una campagna pluridecennale di aggressione economica contro gli Stati Uniti e i suoi alleati, in nome di un disaccoppiamento strategico della Cina dall'economia globale; ciò l'ha resa meno dipendente dall'economia mondiale e dagli Stati Uniti in settori cruciali, mentre gli Stati Uniti e l'Unione Europea sono diventati più dipendenti da Pechino.

In risposta, gli Stati Uniti e l'UE devono devono tracciare un nuovo percorso che metta la loro sicurezza nazionale, quella economica e i valori al centro del dialogo tra Stati Uniti e Cina.

Il Comitato ristretto della Camera sulla competizione strategica tra gli Stati Uniti e il Partito Comunista Cinese (House Select Committee on the Strategic Competition between the United States and the Chinese Communist Party) ha studiato a fondo il modello di aggressione e manipolazione economica della RPC e raccomanda la seguente strategia di

concorrenza economica e tecnologica con la RPC.


La strategia si basa su tre pilastri e i seguenti punti chiave:


Pilastro I: Ripristinare i termini della nostra relazione economica con la RPC

  • Il sistema economico della RPC è incompatibile con il WTO e mina la sicurezza economica degli Stati Uniti.

  • Nonostante i maggiori rischi associati agli investimenti statunitensi in società cinesi,

  • Gli Stati Uniti non hanno un piano di emergenza per gli impatti economici e finanziari di un conflitto con la RPC.

  • La RPC utilizza un'intricata rete di politiche industriali, tra cui sussidi, trasferimenti forzati di tecnologia e restrizioni all'accesso al mercato, per distorcere il comportamento del mercato, ottenere una posizione dominante nei mercati globali e aumentare la dipendenza degli Stati Uniti dalle dalle importazioni della RPC.

  • L'adozione diffusa di alcune tecnologie sviluppate dalla RPC negli Stati Uniti rappresenta un rischio significativo per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti e per la protezione dei dati e minaccia la competitività tecnologica degli Stati Uniti nel lungo periodo.


Secondo pilastro: Bloccare il flusso di capitali e tecnologie statunitensi che alimentano la modernizzazione militare della RPC e le violazioni dei diritti umani

  • Gli investitori americani sostengono, consapevolmente e non l'industria della difesa della RPC, le aziende tecnologiche emergenti e le violazioni dei diritti umani.

  • I controlli sulle esportazioni degli Stati Uniti sono stati lenti ad adattarsi ai rapidi cambiamenti tecnologici e ai tentativi degli avversari di confondere le linee di demarcazione tra il settore privato e quello pubblico, in particolare la strategia di fusione militare-civile della RPC.

  • La Commissione per gli investimenti esteri negli Stati Uniti (CFIUS) ha bisogno di

  • La RPC sfrutta l'apertura dell'ambiente di ricerca statunitense per rubare la proprietà intellettuale (IP) degli Stati Uniti e trasferire la tecnologia per promuovere la propria economia e il proprio benessere, i propri interessi economici e di sicurezza, a scapito degli Stati Uniti.


Terzo pilastro: investire nella leadership tecnologica e costruire una resilienza economica collettiva in concerto con gli alleati.

  • Gli Stati Uniti sono in ritardo nella corsa alla leadership in alcune tecnologie critiche.

  • La RPC sta guadagnando sugli Stati Uniti nella corsa ai talenti globali.

  • Lavorando con gli alleati, gli Stati Uniti possono aumentare le esportazioni, ridurre la dipendenza della catena di approvvigionamento dalla RPC e contrastare il suo mercantilismo economico e tecnologico.

  • Gli Stati Uniti dipendono pericolosamente dalla RPC per le importazioni di minerali critici.

  • La dipendenza degli Stati Uniti dalla RPC per le catene di fornitura di prodotti farmaceutici e di dispositivi medici rappresenta un rischio evidente per la sicurezza nazionale.

  • Attraverso la Belt and Road Initiative, il PCC ha ampliato la sua influenza in tutto il mondo e ha guadagnato posizioni significative nelle principali catene di fornitura chiave e nelle infrastrutture strategiche, come porti e strutture spaziali.





The CCP Absorbs China's Private Sector
.pdf
Scarica PDF • 2.24MB

53 visualizzazioni0 commenti

Comentários


bottom of page