Il "debito nascosto" nei progetti di sviluppo cinesi e problemi di attuazione del BRI

Negli ultimi due decenni, la Cina ha fornito importi record di finanziamenti per lo sviluppo internazionale e si è affermata come finanziatore di prima istanza per molti paesi a basso e medio reddito (LMIC); tuttavia le sue attività di concessione e prestito rimangono avvolte nel segreto


di N. Iuvinale


AidData, un laboratorio di ricerca sullo sviluppo internazionale con sede presso il William & Mary's Global Research Institute, ha pubblicato oggi uno studio completo che rivela novità sul programma segreto di finanziamento dello sviluppo all'estero della Cina.

L'analisi, basata su un nuovo enorme set di dati in quattro anni di lavoro, include un focus speciale sulla Belt and Road Initiative (BRI) della Cina.

Arriva in un momento in cui gli Stati Uniti e i loro alleati stanno cercando di sviluppare una valida alternativa alla BRI attraverso l'iniziativa Build Back Better World (B3W), annunciata al vertice del G7 nel giugno 2021.

Il rapporto AidData, Banking on the Belt and Road, offre una panoramica della strategia geoeconomica cinese prima e dopo l'introduzione della BRI nel 2013.


Descrive in dettaglio come i modelli di spesa, i livelli di debito e l'attuazione dei progetti siano cambiati nel corso del tempo, sfruttando le informazioni provenienti da un set di dati univoco, attraverso l'esame di 13.427 progetti in 165 paesi per un valore di 843 miliardi di dollari.

Questi progetti sono stati finanziati da più di 300 istituzioni governative cinesi ed enti statali. Il nuovo 2.0 Global Chinese Development Finance Dataset esamina progetti approvati tra il 2000 e il 2017 e implementati tra il 2000 e il 2021.

È il set di dati più completo del suo genere.

"La Cina si è rapidamente affermata come finanziatore di prima istanza per molti paesi a basso e medio reddito, ma le sue attività internazionali di prestito e concessione di sovvenzioni rimangono avvolte nel segreto", ha affermato Ammar A. Malik, ricercatore senior presso AidData e co-autore di Banking on the Belt and Road.

“La riluttanza di Pechino a divulgare informazioni dettagliate sul suo portafoglio di finanziamenti per lo sviluppo all'estero ha reso difficile per i paesi a basso e medio reddito valutare oggettivamente i costi e i benefici della partecipazione alla BRI. Ha anche reso difficile per le agenzie di aiuto bilaterale e le banche multilaterali di sviluppo determinare come possono competere, o coordinarsi e collaborare, con la Cina per affrontare questioni di interesse globale".

Malik e i suoi colleghi hanno scoperto che, durante l'era pre-BRI, la Cina e gli Stati Uniti erano rivali nelle spese all'estero.

Tuttavia, la Cina ora sta spendendo più degli Stati Uniti e di altre grandi potenze su una base di più di 2 a 1. Mediamente, in un anno, durante l'era della BRI, la Cina ha speso 85 miliardi di dollari per il proprio programma di sviluppo all'estero, rispetto ai 37 miliardi di dollari degli Stati Uniti.

Banking on the Belt and Road dimostra che Pechino ha utilizzato il debito piuttosto che gli aiuti per stabilire una posizione dominante nel mercato internazionale del finanziamento per lo sviluppo.

Da quando la BRI è stata introdotta nel 2013, la Cina ha mantenuto un rapporto di 31 a 1 tra prestiti e sovvenzioni.


Le "banche politiche" del paese (China Eximbank e China Development Bank) hanno guidato una grande espansione dei prestiti all'estero in vista della BRI. Tuttavia, dal 2013, le banche commerciali di proprietà statale, tra cui Bank of China, Industrial and Commercial Bank of China e China Construction Bank, hanno svolto un ruolo sempre più importante, con le loro attività di prestito all'estero quintuplicate durante i primi cinque anni di implementazione BRI.

Anche il numero di "mega-progetti" - finanziati con prestiti del valore di 500 milioni di dollari o più - approvati ogni anno è triplicato durante l'era BRI.

Il rapporto rileva che, poiché la Cina ha finanziato progetti più grandi e ha assunto livelli più elevati di rischio di credito, ha anche messo in atto garanzie di rimborso più forti.

Il 31% del portafoglio di prestiti all'estero ha beneficiato di un'assicurazione del credito, di un pegno di garanzia o di una garanzia di rimborso da parte di terzi durante i primi anni 2000, ma questa cifra ora si attesta a quasi il 60%.

Quando la posta in gioco è particolarmente alta, gli autori di Banking on the Belt and Road scoprono che la collateralizzazione è lo strumento di mitigazione del rischio "go-to" di Pechino: 40 dei 50 maggiori prestiti da creditori statali cinesi a mutuatari esteri sono garantiti.

Un'altra scoperta chiave è che i prestiti di Pechino ai paesi a basso e medio reddito sono forniti a condizioni più gravose rispetto ai prestiti dell'OCSE-DAC (Comitato per l'assistenza allo sviluppo dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) e creditori multilaterali.

Un tipico prestito dalla Cina ha un tasso di interesse del 4,2% e un periodo di rimborso inferiore a 10 anni.

In confronto, un tipico prestito di un prestatore OCSE-DAC come Germania, Francia o Giappone comporta un tasso di interesse dell'1,1% e un periodo di rimborso di 28 anni.

Banking on the Belt and Road ci racconta anche dell'aumento del "debito nascosto" e della forte diminuzione del debito sovrano durante l'era BRI.

La maggior parte dei prestiti esteri della Cina era diretta a mutuatari sovrani, istituzioni del governo centrale, durante l'era pre-BRI.

Ma da allora si è verificata una transizione importante: quasi il 70% dei prestiti esteri della Cina è ora diretto a società statali, banche statali, società veicolo, joint venture e istituzioni del settore privato nei paesi beneficiari.

Questi debiti, per la maggior parte, non compaiono nei loro bilanci pubblici.

Tuttavia, la maggior parte di essi beneficia di forme esplicite o implicite di protezione della responsabilità del governo ospitante, che ha offuscato la distinzione tra debito privato e pubblico e creato importanti sfide di gestione delle finanze pubbliche per i paesi in via di sviluppo.

Gli oneri del debito cinese sono sostanzialmente più grandi di quelli stimati dagli istituti di ricerca, dalle agenzie di rating del credito o dalle organizzazioni intergovernative con responsabilità di monitoraggio.

Gli autori del rapporto hanno scoperto che 42 paesi hanno ora livelli di esposizione del debito pubblico alla Cina superiori al 10% del PIL.

Questi debiti sono sistematicamente sottostimati al Debtor Reporting System (DRS) della Banca Mondiale perché, in molti casi, le istituzioni del governo centrale nei paesi a basso e medio reddito semplicemente non sono i principali mutuatari responsabili del rimborso.

Secondo Brad Parks, Direttore esecutivo di AidData e coautore del rapporto, "questi debiti non dichiarati valgono circa $ 385 miliardi e il problema del debito nascosto sta peggiorando nel tempo".

Il team di ricerca ha rivelato che la sottostima annuale media delle passività di rimborso nei confronti della Cina era di13 miliardi di dollari durante l'era pre-BRI e di 40 miliardi durante l'era BRI.

I governi interessati mediamente sottostimano i loro obblighi di rimborso effettivi e potenziali nei confronti della Cina di un importo equivalente al 5,8% del loro PIL.

Parks ha spiegato che "la sfida nella gestione di questi debiti nascosti non riguarda tanto i governi in carica che sanno di dover onorare i debiti non dichiarati nei confronti della Cina con valori monetari noti, quanto i governi futuri che non conoscono il valore monetario dei debiti verso la Cina.”

Con il supporto di un team di 130 assistenti di ricerca, gli autori di Banking on the Belt and Road hanno fatto un'altra importante scoperta: il 35% del portafoglio dei progetti infrastrutturali BRI ha incontrato gravi problemi di implementazione, come scandali di corruzione, violazioni del lavoro, rischi ambientali e proteste pubbliche; invece solo il 21% del portafoglio di progetti infrastrutturali del governo cinese al di fuori della BRI ha riscontrato problemi simili.

I progetti infrastrutturali BRI stanno anche impiegando molto più tempo per essere implementati rispetto ai progetti infrastrutturali finanziati dal governo cinese e intrapresi al di fuori della BRI e Pechino ha assistito a più sospensioni e cancellazioni di progetti durante l'era BRI rispetto all'era pre-BRI.

“I responsabili delle politiche dei paesi ospitanti stanno mettendo in naftalina i progetti BRI di alto profilo a causa della corruzione e dei problemi di prezzi eccessivi, nonché a causa dei grandi cambiamenti nel sentimento pubblico che rendono difficile mantenere strette relazioni con la Cina".

"Resta da vedere se i mutati sentimenti verso la Cina, tra i paesi partecipanti alla BRI, minerà la sostenibilità a lungo termine dell'iniziativa infrastrutturale globale della Cina, ma chiaramente Pechino dovrà inevitabilmente affrontare politicamente le preoccupazioni dei paesi ospitanti per garantire il sostegno alla BRI", ha affermato Brooke. Russell, direttore associato di AidData e uno degli altri coautori del rapporto.

"La Cina dovrà presto affrontare livelli di concorrenza più elevati nel mercato finanziario globale delle infrastrutture a causa dell'iniziativa Build Back Better World e dell'iniziativa Global Gateway recentemente annunciata dall'UE", ha sostenuto Parks.

"Mentre entriamo in questa nuova era di rivalità strategica, sarà più importante che mai che i politici del G7, della Cina e dei paesi ospitanti si basino su prove concrete piuttosto che su opinioni o congetture".

Abstract - metedologia di ricerca seguita

Precedente articolo: Il programma segreto di Pechino per il controllo dei paesi in via di sviluppo


74 visualizzazioni0 commenti