Il Giappone approva il disegno di legge sulla sicurezza economica per proteggere la tecnologia

Nel maggio 2022 il Giappone ha approvato il suo tanto atteso disegno di legge sulla sicurezza economica . La normativa riflette la crescente preoccupazione per le vulnerabilità create dalle catene di approvvigionamento estese, dalla dipendenza da fonti estere di materiali critici e dal furto di proprietà intellettuale. È l'ultima di una serie di mosse per preparare al meglio il Giappone all'intensificarsi della competizione geopolitica del 21° secolo.

Sebbene tempestivo e logico, questo approccio potrebbe essere utilizzato per giustificare il tecnonazionalismo collaudato nel tempo del paese. Durante la crisi del COVID-19, il Giappone, come altri paesi, è diventato profondamente consapevole della sua dipendenza da fornitori stranieri per prodotti vitali come i dispositivi di protezione individuale. Ciò ha spinto Tokyo a creare un fondo di 2,2 miliardi di dollari per aiutare le aziende giapponesi di produzione onshore a ridurre i colli di bottiglia della catena di approvvigionamento.

Il fondo faceva parte di un più ampio pacchetto di misure volte ad affinare la capacità del governo di fare politica di sicurezza economica. Altre misure includevano la creazione di un ufficio economico presso il Segretariato per la sicurezza nazionale, la formazione di divisioni per la sicurezza economica nei principali ministeri e la riorganizzazione delle forze dell'ordine per concentrarsi sulla Cina.

La legge sulla sicurezza economica si basa su questi sforzi. I suoi quattro pilastri sono la resilienza delle catene di approvvigionamento, la sicurezza delle infrastrutture critiche, il rafforzamento della base tecnologica attraverso partenariati pubblico-privato per promuovere l'innovazione e i brevetti segreti.

Partito Liberal Democratico (LDP) ha esposto la logica alla base della legislazione in un gruppo di studio concludendo che la sicurezza economica si basa su due principi: autonomia strategica e indispensabilità strategica. Il primo si ottiene attraverso l'autosufficienza, che riduce la vulnerabilità, e il secondo attraverso l'innovazione, che aumenta il ruolo e l'importanza del Giappone nelle reti di produzione globali.

Ci sono aspetti negativi nel dare più peso alla sicurezza economica nella politica di sicurezza nazionale.

Il primo è la preoccupazione perenne che le legittime paure saranno utilizzate per giustificare il mercantilismo corrente. Il Foreign Exchange and Foreign Trade Act , emendato nel maggio 2020 per controllare gli investimenti esteri in Giappone e proteggerli dall'acquisizione straniera di beni nazionali chiave, ha adottato una definizione espansiva di sicurezza nazionale, lasciando al Ministero delle finanze il compito di riempire gli spazi vuoti. Il ministero ha deciso che la legge coprirebbe le società che rappresentavano circa il 40% della capitalizzazione di mercato dell'indice TOPIX.

La legge sulla sicurezza economica è altrettanto ampia e priva di dettagli. Secondo un'analisi, 138 sezioni della legislazione richiedono futuri ordini del Gabinetto o ministeriali. Il ministro "pertinente o competente" ha spesso il potere di decidere chi è soggetto a vigilanza e può chiedere loro "di presentare relazioni e documenti nella misura necessaria per l'attuazione di una serie di misure".

Questa discrezione deve essere messa in prospettiva. L'agenda della sicurezza economica è nota per essere guidata dai politici, non dai burocrati. Sebbene la flessibilità sia una buona cosa, tale discrezione può essere abusata per respingere praticamente tutte le incursioni straniere nell'economia nazionale, proteggendo lo status del Giappone come economia sviluppata con uno dei livelli più bassi di investimenti diretti esteri. Per i critici, la sicurezza economica è un altro modo per attuare misure protezionistiche, promuovere il mercantilismo e rafforzare il potere burocratico.

Per controbilanciare questa tendenza protezionistica c'è la determinazione del Giappone a promuovere la sicurezza economica attraverso la cooperazione multilaterale. Tokyo ha lanciato una Supply Chain Resilience Initiative con Australia e India nel 2021. Questi tre paesi, con gli Stati Uniti, hanno fatto della sicurezza della supply chain un fulcro del dialogo quadrilaterale sulla sicurezza. Al vertice del maggio 2022, i leader giapponesi ed europei hanno anche convenuto di "rafforzare la resilienza delle nostre economie nel campo delle infrastrutture critiche e della resilienza della catena di approvvigionamento, nonché della sicurezza informatica e delle esportazioni".

Lavorare a stretto contatto con gli Stati Uniti su questi temi è una priorità per Tokyo per garantire l'accesso a tecnologie all'avanguardia e promuovere la sua immagine di alleato affidabile. Un'espressione di questa cooperazione è la formazione del Comitato consultivo di politica economica USA-Giappone a livello ministeriale. Ciò rispecchierà il processo del Comitato consultivo di sicurezza che riunisce alti funzionari dei due paesi in politica estera e difesa e dovrebbe essere lanciato nel luglio 2022.

progressi richiedono che il Giappone adotti ulteriori misure, compreso lo sviluppo di un sistema di nulla osta di sicurezza. L'incapacità di Tokyo di istituire un meccanismo per proteggere i segreti dalla divulgazione non autorizzata è una denuncia perenne degli Stati Uniti. Nel disegno di legge sulla sicurezza economica era previsto un provvedimento di nulla osta di sicurezza, ma ritenuto troppo delicato. La percezione che il primo ministro Fumio Kishida sia una figura meno radicale dell'ex primo ministro Shinzo Abe potrebbe attenuare alcuni timori.

Un altro punto all'ordine del giorno è la creazione di un'organizzazione per identificare e valutare le tecnologie emergenti e indirizzare il governo e il settore privato su come coltivare e proteggere il loro sviluppo.

Tutti attendono la nuova Strategia di sicurezza nazionale (NSS), prevista per la fine del 2022. La prima revisione da quando la prima NSS è stata pubblicata nel 2013, si dice che la sicurezza economica sia un pilastro fondamentale del nuovo documento. Ma un documento LDP con raccomandazioni per l'NSS non usa nemmeno l'espressione "sicurezza economica". Se questo è il caso della nuova strategia, suggerirebbe che l'opacità è preferita alla chiarezza e che sono giustificati i timori di un'agenda protezionista e tecno-nazionalista ringiovanita.

***

Il parlamento giapponese ha approvato mercoledì un disegno di legge sulla sicurezza economica volto a proteggere la tecnologia e rafforzare le catene di approvvigionamento critiche, imponendo anche un controllo più stretto delle aziende giapponesi che lavorano in settori sensibili o infrastrutture critiche.

Secondo il disegno di legge, le misure della legislazione, che mira principalmente a scongiurare i rischi dalla Cina, saranno attuate nell'arco di due anni una volta emanata. Viene dopo che gli Stati Uniti hanno imposto restrizioni alle importazioni di tecnologia, come sui semiconduttori, in mezzo alla crescente tensione con Pechino.

La nuova legge arriva anche quando l'invasione russa dell'Ucraina - Mosca definisce le sue azioni "un'operazione speciale" - aggiunge pressione sul Giappone affinché faccia di più per proteggere le catene di approvvigionamento e le infrastrutture dall'hacking e dagli attacchi informatici e garantire che la tecnologia fondamentale per la sicurezza nazionale non venga rubata .

La legge darà al governo il potere di ordinare alle aziende di notificargli gli aggiornamenti del software e di controllare alcuni acquisti di attrezzature in 14 settori, tra cui energia, approvvigionamento idrico, tecnologia dell'informazione, finanza e trasporti.

La legislazione prevede anche sussidi per le aziende , per aiutarle a rafforzare le catene di approvvigionamento contro interruzioni come la carenza di componenti spediti dall'estero. Stabilisce inoltre un sistema per i funzionari governativi per effettuare ispezioni in loco presso le aziende.

Il nuovo meccanismo di sicurezza che stabilisce promette denaro del governo per la ricerca e lo sviluppo di tecnologie chiave ritenute importanti per la sicurezza economica.

Stabilisce inoltre un sistema di brevetti segreti mantenuti in Giappone per garantire che le scoperte tecnologiche non vengano utilizzate da altri paesi per sviluppare armi nucleari o altre attrezzature militari.

Sebbene la legge richieda il sostegno del governo nel settore privato, prevede anche la reclusione fino a due anni o una multa massima di ¥ 1 milione per coloro che trapelano informazioni sui brevetti non divulgate.

Poiché i dettagli delle apparecchiature infrastrutturali che saranno esaminate dal governo saranno stabiliti separatamente da ordinanze che non richiedono deliberazioni parlamentari, le imprese rimangono preoccupate per l'ambiguità e la maggiore interferenza del governo con le loro attività.

Al disegno di legge è stata aggiunta una risoluzione non vincolante in cui si afferma che l'indipendenza delle attività commerciali dovrebbe essere rispettata.

Fonte: https://www.eastasiaforum.org/2022/07/13/japan-flirts-with-techno-nationalism/


https://www.japantimes.co.jp/news/2022/05/11/business/japan-passes-economic-security-bill-protect-sensitive-technology/

0 visualizzazioni0 commenti