L'assalto di Biden alla libertà economica e alla prosperità statunitense

Contro la libertà economica, da Nixon, non si è visto nulla di simile rispetto a quello fatto e che faranno il Presidente Biden e la sua amministrazione


di Nicola Iuvinale

David Henderson ricercatore presso la Hoover Institution e professore di economia, segue da vicino la politica economica degli Strati Uniti, fin dall'attacco di Richard Nixon alla libertà economica attraverso la politica del controllo dei prezzi del1971.

David racconta che, da allora, pur essendoci stati degli alti e bassi nella libertà economica, non ha mai visto nulla di simile contro, rispetto a quella esercitata dal presidente Biden e dalla sua amministrazione.

"Nella misura in cui avrà successo, non solo ridurrà la libertà degli americani, ma rallenterà anche la crescita del loro reddito reale". "Se pensi che le politiche di Biden siano paragonabili a quelle di Jimmy Carter, ti sbagli" afferma David.

Le politiche energetiche di Carter erano orrende, sostiene Henderson.

Carter ha continuato con la politica del controllo dei prezzi di Nixon e Ford su petrolio e benzina fino a quando non ha finalmente iniziato ad eliminarla gradualmente nel suo ultimo anno in carica; ha fissato "le temperature interne" minime e massime per gli edifici; ha regolato standard energetici per gli elettrodomestici che li hanno resi meno utili e più costosi.

In una delle sue peggiori assunzioni, nominò G. William Miller presidente della Federal Reserve; Miller continuò a stampare più denaro e causare più inflazione.

Ma Carter, sostiene David, è stato anche "un leader" nell'aver posto fine, nel 1978, alla regolamentazione economica delle compagnie aeree, dei trasporti su gomma e delle ferrovie.

La deregolamentazione delle compagnie aeree ha reso i viaggi aerei più economici e ha reso molto più facile per le persone della classe media volare più volte l'anno.

La deregolamentazione degli autotrasporti e delle ferrovie ha reso queste modalità di spedizione più efficienti ed economiche.

E nel 1979 Carter ha nominato Paul Volcker presidente della Fed; Volcker, contrariamente a prima, ha continuato a seguire una politica semi-monetarista che, sotto il presidente Reagan, portò alla riduzione dell'inflazione.

Carter ha anche firmato nel 1978 una legge che ha ridotto l'aliquota fiscale sulle plusvalenze nel lungo termine.

Per Henderson, nulla di tutto ciò che l'amministrazione Biden ha fatto o si propone di fare in materia di politica economica è minimamente paragonabile a quanto realizzato da Carter.

Su ogni fronte, Biden e i suoi incaricati, stanno spingendo per aumentare spese, tasse e introdurre regolamentazioni notevolmente più stringenti.

"La semplice lettura del bilancio, per quanto numeri spaventosi, sottostimano i danni che saranno provocati a causa del modo in cui sono strutturati i programmi. Molti dei questi creano iniqui disincentivi e incidono anche nel processo decisionale privato che, invero, fino ad oggi ha funzionato abbastanza bene".

Spesa

Alla fine del suo secondo mese in carica, Biden ha firmato un disegno di legge da 1,9 trilioni di dollari per tentare di alleviare il coronavirus.

Henderson in vari articoli, ha già definito quel disegno di legge "Un inutile 'stimolo', e ha parlato "del danno che deve ancora venire "; ha avvertito (in "Crediti d'imposta per figli che alimentano il debito e la dipendenza") che i politici di entrambi i partiti stanno spingendo per la proroga, oltre il 2021, del costosissimo credito d'imposta sui figli.

E' abbastanza sicuro, dell'estensione del credito d'imposta fino alla fine del 2025 perché è una parte importante del budget da 3,5 trilioni di dollari voluto dai democratici.

Un'altra spesa importante nel disegno di legge di bilancio da 3,5 trilioni di dollari è per un programma federale di assistenza all'infanzia.

L'economista dell'Università di Chicago Casey B. Mulligan ha l'abitudine di leggere e ragionare sui complessi progetti di legge del Congresso.

Nel suo post sul blog del 14 ottobre, intitolato " Assistenza all'infanzia in 'Build Back Better", Mulligan fornisce una descrizione dettagliata delle disposizioni sull'assistenza previste dal disegno di legge.

Tali disposizioni sono così ampie che, se attuate, sovvertirebbero l'assistenza all'infanzia rendendola molto più costosa.

Il disegno di legge impedirebbe ai fondi federali di andare a vantaggio dei fornitori di assistenza all'infanzia a meno che questi ultimi non vengano pagati tanto quanto gli insegnanti delle scuole elementari.

I dati del Bureau of Labor Statistics mostrano che nel 2019 gli insegnanti delle scuole elementari sono stati pagati in media $ 63.930 all'anno.

Al contrario, nel 2019 gli operatori dell'assistenza all'infanzia hanno guadagnato in media solo $ 25.510 all'anno.

"Il disegno di legge federale renderebbe l'assistenza all'infanzia molto più costosa per la gran parte delle famiglie americane; l'aumento verrebbe ad essere applicato in base al reddito medio per scaglioni".

Per la maggior parte delle famiglie che utilizzano l'assistenza all'infanzia ciò sarebbe un forte disincentivo a lavorare di più e a conseguire un reddito aggiuntivo: più guadagni più paghi.

"Le tasse causano distorsioni" dice Henderson.

Spiega che gli economisti hanno persino un termine per definire tali distorsioni: deadweight loss, perdita secca.

"Un teorema economico afferma che la perdita secca di un'imposta è proporzionale, non all'aliquota d'imposta stessa, ma al quadrato dell'aliquota d'imposta. Quindi, ad esempio, raddoppiare le aliquote fiscali non raddoppierebbe la perdita secca; quadruplicherebbe la deadweight loss".

L'aumento dell'aliquota fiscale marginale di una famiglia dal 33,65% al ​​47,65% aumenterebbe l'aliquota fiscale marginale del 41,6% (14/33,65 * 100.) "raddoppiando la perdita secca".

"E per cosa? Per aver preso un'area dell'economia che funziona abbastanza bene e averla volutamente resa molto più costosa", dice Mulligan.

Un'ulteriore grande spesa nel disegno di legge da 3,5 trilioni di dollari è quella di 220 miliardi per gli alloggi "a prezzi accessibili".

In una recente intervista con John Cochrane, l'economista Mulligan ha osservato che la spesa di 220 miliardi di dollari per l'edilizia abitativa non significa che gli inquilini dell'alloggio otterrebbero un valore di 220 miliardi di dollari.

L'economista fa questo esempio: "per vedere la differenza tra spesa e valore, immagina che qualcuno ti offra due scelte: $ 220 che puoi spendere come vuoi o una spesa di $ 220 per qualcosa che il donatore sceglie. Se quello che sceglie è ciò per cui lo avresti speso comunque, allora la spesa di $ 220 vale $ 220 per te. Ma è molto più probabile che lo spenderebbe diversamente da come lo faresti tu".

Mulligan ipotizza, sulla base di altre spese governative per l'edilizia popolare, che gli inquilini valuterebbero i 220 miliardi di dollari come 60.

Ma i 220 miliardi di dollari risulteranno nel prodotto interno lordo sempre come $ 220 miliardi.

Ma non è così nella realtà, per Mulligan, perché "gli economisti hanno sempre avvertito che il PIL è una misura imperfetta del benessere, e questo sarebbe un esempio del genere. La spesa per alloggi a prezzi accessibili sarebbe finanziata da tasse più elevate, ora o in futuro. E le tasse più alte sono una riduzione della libertà di finanziare qualcos'altro che potrebbe, invero, aumentare il nostro benessere economico, la nostra prosperità".

Le tasse

Gli aumenti delle tasse sono tanti.

Il disegno di legge aumenterebbe l'aliquota dell'imposta sul reddito delle società dall'attuale 21 percento al 26,5 percento.

Aumenterebbe l'aliquota fiscale sulle persone e sulle famiglie ad alto reddito dall'attuale 37 percento al 39,6 percento.

E aumenterebbe l'aliquota fiscale massima sulle plusvalenze a lungo termine dal 23,8 percento al 31,8 percento.

Tutti questi aumenti delle aliquote fiscali scoraggeranno gli investimenti.

Perché è importante per David?

Perché una delle principali fonti di aumento del benessere per i lavoratori è "più capitale" per lavoratore.

Aumentando i salari reali aumenta la produttività.

In USA lo hanno visto dopo il taglio delle tasse del 2017, racconta Henderson.

Le aliquote dell'imposta sulle società furono ridotte dal 35% al ​​21%.

Tra il 2018 e il 2019, i redditi medi reali delle famiglie sono aumentati del 6,8 per cento.

Gli aumenti sono stati ancora maggiori per le famiglie ispaniche (7,1 percento), le famiglie di colore (7,9 percento) e gli asiatici-americani (10,6 percento).

"Ciò significa, quindi, che gli aumenti fiscali proposti da Biden avrebbero l'effetto contrario. Condurrebbero a una crescita più lenta del capitale per lavoratore, causando una crescita più lenta della produttività e, quindi, dei salari reali".

Gli aumenti delle aliquote fiscali genererebbero teoricamente maggiori entrate fiscali per il governo federale. Ma proprio perché scoraggerebbero gli investimenti, il loro aumento non incrementerebbe probabilmente le entrate fiscali federali, tanto quanto previsto dai Democratici al Congresso.

Ciò significa che il deficit annuale del bilancio federale, già previsto elevato, sarebbe persino più alto di quanto si aspettano.

Una nota aggiuntiva, spiega David.

Il presidente Biden ha promesso che non avrebbe aumentato le tasse sulle persone che guadagnano meno di $ 400.000 all'anno.

Ma se firmasse un disegno di legge che aumentasse le aliquote dell'imposta sulle società, infrangerebbe la sua promessa.

Anche se si accettasse come vera l'affermazione, poco plausibile, che nessuno degli aumenti dell'imposta sulle società sarebbe a carico dei lavoratori e dei consumatori, almeno una parte di essi sarà sicuramente a carico delle società.

E chi possiede le società?

Azionisti.

Decine di milioni di persone con redditi inferiori, e spesso ben al di sotto, di 400.000 dollari possiedono azioni di società e quindi pagherebbero tasse più alte.

E se i federali aumentassero le tasse sulle sigarette, come propone la House Ways and Means Committee, milioni di persone che non possiedono azioni pagherebbero comunque tasse più alte.

Inutile ribadire che il debito nazionale degli Stati Uniti sta crescendo ad un ritmo mai visto nella storia d'America; nel 2029 il rapporto debito/PIL arriverà al 277%, superando l'attuale rapporto debito/PIL del 272% del Giappone.

Una svolta senza precedenti!



96 visualizzazioni0 commenti