top of page

L'FBI in prima linea nella lotta contro la guerra segreta del PCC nei confronti gli Stati Uniti

Quaranta ufficiali cinesi, un sergente in pensione della polizia di New York, due marinai della Marina diventati spie e due guardiani di una stazione segreta di polizia cinese a New York. Questi casi, e altri, alimentano un elenco sempre crescente di indagini dell’FBI, mentre l’agenzia si concentra sulla lotta alle operazioni di spionaggio cinese, un’arena che ha definito la sua “massima priorità di controspionaggio”. Il livello di spionaggio, influenza e sovversione del Partito Comunista Cinese va oltre la comprensione della maggior parte delle persone.

È il totalitarismo comunista contro la libertà e le libertà di tutti. Questa è la posta in gioco.


di Nicola e Gabriele Iuvinale


"Gli obiettivi dei nostri avversari sono le risorse economiche fondamentali della nostra nazione: le nostre informazioni e idee, la nostra innovazione, la nostra ricerca e sviluppo, la nostra tecnologia. "Nessun paese rappresenta una minaccia più ampia e grave per tali asset rispetto alla Cina", ha detto a Epoch Times un portavoce dell'FBI.

Il direttore dell’FBI Christopher Wray ha affermato nel 2020 che la capacità “profonda, ampia e persistente” del Partito Comunista Cinese (PCC) di influenzare i settori americani ha portato l’agenzia ad aprire un’indagine relativa alla Cina circa ogni 10 ore.

Casey Fleming, amministratore delegato della BlackOps Partners Corporation, ha affermato che il PCC farà “qualsiasi cosa per indebolire la nostra società”. L’obiettivo della Cina, ha detto, è “vincere una guerra senza combattere”.

L'azienda del signor Fleming fornisce consulenza alle aziende sulla sicurezza informatica e sulle strategie di controspionaggio aziendale.

"Il livello di spionaggio, influenza e sovversione del Partito Comunista Cinese va oltre la comprensione della maggior parte delle persone", ha detto a The Epoch Times.

"Una linea nella sabbia"

L'attenzione dell'FBI sulle minacce cinesi ha segnato un cambiamento in decenni di politica statunitense, e qualcosa che è aumentato solo negli ultimi cinque anni, ha osservato Fleming.

Alla fine del 2018, il Dipartimento di Giustizia ha lanciato la China Initiative come parte di una nuova priorità strategica per contrastare le minacce alla sicurezza nazionale cinese. Guidata dalla divisione di sicurezza nazionale del dipartimento, l’iniziativa ha portato a un drammatico aumento dei procedimenti giudiziari contro il furto di segreti commerciali organizzato dallo stato di Pechino, con particolare attenzione agli hacker cinesi, alle spie e a coloro che presumibilmente hanno rubato proprietà intellettuale ai loro datori di lavoro statunitensi a beneficio della Cina.

Nel febbraio del 2018, il signor Wray, che allora era in carica da sei mesi, ha testimoniato in un’audizione della commissione del Senato sullo spionaggio cinese che Pechino rappresenta una minaccia per “l’intera società”.

“Quando apriamo indagini sullo spionaggio economico, più e più volte, continuano a ricondurre alla Cina”, ha detto ai legislatori.

Diversi mesi dopo, Wray classificò il regime come “la minaccia più vasta, impegnativa e significativa che dobbiamo affrontare come Paese”.

Fleming ha detto che è stato in quel periodo che l'FBI sembrò tracciare "una linea nella sabbia" con la Cina.

"In passato, il nostro governo guardava dall'altra parte e diceva: 'beh, è ​​solo un caso isolato'", ha detto Fleming. Ora, tuttavia, i casi contro agenti cinesi che operano sul suolo americano sono diventati molto più frequenti, ha affermato.


Infiltrazione militare

Il sottufficiale della Marina Wei Jinchao sapeva a cosa sarebbe andato incontro quando un ufficiale dell'intelligence cinese si sarebbe avvicinato a lui tre mesi prima che diventasse cittadino statunitense naturalizzato.

Nello stesso mese, nel febbraio 2022, il signor Wei disse a un altro marinaio della Marina americana che gli era stato "chiesto di spiare per la RPC [Repubblica popolare cinese]", secondo i documenti del tribunale.

Da allora fino al suo arresto all'inizio di agosto, il 22enne Wei ha passato al regime cinese più di 50 manuali tecnici, insieme a foto e video con dettagli relativi alle navi della Marina americana e alle armi militari, afferma l'accusa. Alcuni documenti rivelano i sistemi operativi e le strutture di potenza delle navi d'assalto anfibie della Marina, le riparazioni e i punti deboli delle navi.

Almeno 10 dei manuali consegnati non erano mai stati visti dal responsabile cinese, come mostrano i documenti del tribunale. L'assistente cinese ha effettuato almeno nove pagamenti al signor Wei e si è persino congratulato con il marinaio per aver ottenuto la cittadinanza americana lo scorso maggio.


Un altro marinaio della Marina della California, Zhao Wenheng, in un caso separato, avrebbe intascato quasi 15.000 dollari per aver venduto dati militari statunitensi per un periodo di tempo ancora più lungo.

L’ex ufficiale senior dell’intelligence navale americana John Jordan ha affermato che il Partito Comunista Cinese (PCC) “vuole svuotare gli Stati Uniti” dall’interno.

L’esistenza stessa delle società libere è una minaccia al governo del PCC, ha affermato. Pertanto, contrastare la sua influenza “è fondamentale per la sopravvivenza stessa del sistema politico americano”.

Il signor Fleming ha detto che è "totalmente sbagliato" che cittadini stranieri come il signor Wei facciano parte dell'esercito americano.

"Non avrebbe mai dovuto, mai essere ammesso nell'esercito americano, mai", ha detto.

“E soprattutto a qualsiasi livello potesse raccogliere informazioni e riportarle al Partito Comunista Cinese. Questo è un altro esempio di come il nostro governo e le nostre forze armate debbano rendersi conto della gravità dello spionaggio e della guerra senza restrizioni da parte del PCC”.

Il Pentagono non ha risposto alle domande di The Epoch Times sulle sue politiche di reclutamento relative al collocamento di cittadini stranieri in posizioni militari sensibili.


'Dietro le quinte'

Il caso dei marinai della Marina è stato uno degli ultimi supervisionati dalla divisione di controspionaggio dell'FBI, il ramo principale dell'agenzia incaricata di contrastare lo spionaggio da parte di potenze ostili come Pechino.

Negli ultimi quattro mesi, l’FBI ha anche intentato causa contro due uomini che avrebbero tentato di corrompere un presunto funzionario dell’IRS per aiutare il regime a “rovesciare” il Falun Gong, altri due sospettati di gestire una struttura illegale della polizia cinese a Manhattan, un uomo di Boston le autorità accusate di spiare segretamente gli attivisti democratici di Pechino e 40 agenti di polizia cinesi coinvolti in molestie nei confronti dei residenti statunitensi.

A giugno un tribunale di Brooklyn ha condannato tre uomini, tra cui un sergente in pensione della polizia di New York, per aver perseguitato una famiglia del New Jersey e aver fatto pressioni affinché tornassero in Cina. È stato il primo caso del genere ad arrivare al processo che ha rivelato il programma di rimpatrio forzato del regime noto come Operazione Fox Hunt.


Succedono molte cose dietro le quinte prima che qualsiasi caso possa andare avanti, ha affermato Marc Ruskin, un veterano dell'FBI da 20 anni, che ha lavorato su numerosi casi di controspionaggio.

Per avviare un'indagine preliminare, l'FBI deve fornire una causa sufficiente e probabile per assegnare un agente del caso.

Coinvolgere un agente sotto copertura è spesso la tecnica migliore, ma anche la più dispendiosa in termini di manodopera e costosa, ha detto Ruskin a The Epoch Times.

"Fondamentalmente serve un intero team di persone, e poi bisogna ottenere diversi livelli di autorizzazione a seconda della natura del caso", ha detto.

Prima di aggiungere personale aggiuntivo, è necessario approvare una proposta che descriva in dettaglio diversi scenari investigativi e sotto copertura e una ripartizione del budget. L'autorizzazione viene solitamente rinnovata ogni sei mesi fino al completamento dell'operazione, finché i pubblici ministeri ritengono di avere prove sufficienti per effettuare un arresto, ha detto Ruskin.


Un classico esempio, ha detto, è il recente caso di corruzione dell’IRS che ha coinvolto un agente dell’FBI sotto copertura che si era spacciato per un funzionario fiscale.

I documenti del tribunale rivelano che un informatore ha lavorato con l'agente sotto copertura fingendosi un funzionario dell'IRS per connettersi e registrare le conversazioni con due sospettati, che hanno pagato l'agente per aprire un'indagine contro un'entità gestita da aderenti al Falun Gong, un gruppo religioso che è stato brutalmente perseguitato in Cina dal 1999.

Gli agenti sotto copertura "cercano di fare quanti più incontri possibili" con i sospettati, ha detto Ruskin.

All'agente che si spacciava per funzionario dell'IRS è stato versato un acconto di 1.000 dollari nel primo incontro e poi altri 4.000 dollari nel secondo incontro.

“In questo modo ha due riunioni invece di una. E puoi ottenere il doppio delle conversazioni e mettere in chiaro che non ci sono più dubbi su quale sia lo scopo della tangente”, ha affermato Ruskin.

"Ciò, in combinazione con la telefonata intercettata tra i due imputati, che porta anche le prove sul pubblico ufficiale della RPC, costituisce un caso ineccepibile sull'uso sotto copertura", ha detto.

Ruskin ha detto che il caso sarà “molto imbarazzante” per il regime cinese.

"Non ci sono dubbi sulla natura dell'attacco al Falun Gong", ha detto. Gli agenti cinesi stanno cercando di interferire con le persone che esercitano i diritti costituzionali e la libertà di religione sul suolo americano e allo stesso tempo cercano di “corrompere i funzionari pubblici americani, il che è vergognoso”.


Il signor Ruskin ha detto che gli agenti sotto copertura sono “i migliori testimoni”.

"È il lavoro più prezioso che l'FBI può svolgere, perché i testimoni sono agenti dell'FBI", ha detto. "Non è come togliere qualcuno dalla strada e renderlo un testimone, o usare un informatore."

L'affidabilità di un agente addestrato in tribunale è "indiscutibile", ha detto, e "non dà alcun margine di manovra alla RPC per cercare di fornire una spiegazione alternativa per quanto accaduto".

"Questo caso sarà una schiacciante vittoria per chiunque lo persegua."


Il Playbook di Pechino

Le tattiche della campagna cinese non si limitano a nessun aspetto, né lo sono i suoi obiettivi.

Che si tratti di legislatori, imprese, istituzioni accademiche e pubblico in generale, nessuno è immune dalla portata del regime. Il Partito minaccia e molesta regolarmente i critici con sede negli Stati Uniti, esercita pressioni sui politici statunitensi nel tentativo di modellare le politiche a suo piacimento e ottiene in modo aggressivo segreti commerciali e intelligence statunitense attraverso pagamenti generosi o attacchi di hacking.

Secondo le stime della Commissione sul furto della proprietà intellettuale americana (pdf) il furto commerciale sistematico e sponsorizzato dallo Stato da parte della Cina costa agli Stati Uniti tra i 225 e i 600 miliardi di dollari all’anno.

La Cina possiede anche uno dei più grandi eserciti di hacker al mondo. Il programma di hacking cinese, secondo le stime di Wray, è "più vasto di quello di tutte le altre nazioni messe insieme", superando in numero gli specialisti informatici statunitensi in un rapporto di almeno 50 a 1.

La China Initiative del DOJ ha portato un'ondata di ricercatori ad essere accusati penalmente di aver nascosto i loro legami con programmi di reclutamento cinesi sponsorizzati dallo stato, noti come "piani per i talenti", il profilo più alto tra loro è l'ex presidente di chimica dell'Università di Harvard Charles Lieber.


Lieber è stato condannato ad aprile a due giorni di carcere e due anni di libertà vigilata per sei reati legati alle decine di migliaia di dollari ricevuti dalla Cina mentre lavorava a una delicata ricerca statunitense.

Aveva anche aperto e co-diretto un laboratorio congiunto di nanotecnologie presso l'Università di Tecnologia di Wuhan sotto il nome di Harvard.

La repressione dell'FBI contro le frodi sui visti - ufficiali militari cinesi travestiti da studenti negli Stati Uniti - insieme alla chiusura del consolato cinese a Houston per attività di spionaggio, hanno portato oltre 1.000 ricercatori cinesi legati all'esercito a lasciare il paese, allora l'assistente procuratore generale per sicurezza nazionale John Charles Demers dichiarò nel dicembre 2020.

Ma l’Iniziativa Cina ha attirato pesanti critiche per essere troppo zelante e per aver alimentato la discriminazione antiasiatica, motivo citato dal Dipartimento di Giustizia nell’abolire l’iniziativa nel febbraio 2022. Matthew Olsen, il nuovo assistente procuratore generale per la sicurezza nazionale, ha affermato che il panorama delle minacce del PCC richiede un’azione più ampia.

Fleming ha affermato che la chiusura del programma ha fatto il gioco del regime cinese e che la narrativa dell'odio asiatico sarebbe stata alimentata dal regime stesso.

Esagerando i presunti danni attraverso i social media e i media mainstream – con l’aiuto dei suoi subordinati o di coloro che sono fuorviati dalla sua propaganda – Pechino raggiunge l’obiettivo di deviare la colpa e spostare l’attenzione dalle sue attività nefaste.

"Ci stiamo lentamente rendendo conto di quale sia realmente questa minaccia", ha affermato Fleming. "È una guerra che non abbiamo mai conosciuto in passato e nella quale dobbiamo diventare esperti da un giorno all'altro."

Il portavoce dell’FBI ha affermato che la Cina prende di mira le imprese statunitensi, le istituzioni accademiche, i ricercatori, i legislatori e il pubblico in generale.

“Il governo e il settore privato devono impegnarsi a lavorare insieme per comprendere meglio e contrastare la minaccia”, ha affermato il portavoce.

L'FBI ha diffuso annunci mirati chiedendo ai membri della comunità sino-americana di farsi avanti se sono stati vittime del regime.


"La violenza andrebbe bene"


Recentemente, i ricercatori hanno scoperto più di 100 avamposti extralegali della polizia cinese in 53 nazioni, di cui almeno quattro negli Stati Uniti.

La scoperta di una di queste stazioni a New York ha portato all'arresto di due presunti agenti cinesi, uno dei quali, secondo i pubblici ministeri, ha pagato dei cinesi con autobus carichi per accogliere il leader cinese Xi Jinping nel 2015 e per contrastare le manifestazioni del Falun Gong. L'uomo è stato anche arruolato nel tentativo di costringere un presunto fuggitivo cinese a tornare in Cina, sostengono i documenti del Dipartimento di Giustizia .

"Il governo cinese cerca di manipolare le politiche politiche ed economiche degli Stati Uniti mentre tenta di integrare la propria agenda attraverso le comunità locali per servire la propria agenda e invocare le proprie autorità all'interno dei nostri confini", ha affermato l'FBI in una nota.

L’ufficiale dell’esercito americano Xiong Yan ha sperimentato in prima persona la campagna di repressione del regime mentre correva per un seggio al Congresso americano a Long Island, New York, nelle elezioni di metà mandato del 2022. Leader studentesco nelle proteste di piazza Tiananmen del 1989, il signor Xiong aveva prestato servizio nell'esercito americano per 27 anni ed era diventato un cittadino statunitense naturalizzato.

"Sconfiggilo. Picchiatelo finché non potrà candidarsi alle elezioni”, ha incaricato un presunto agente cinese un investigatore privato riguardo ad un complotto per contrastare la campagna elettorale del signor Xiong.

Il complotto è iniziato nel settembre 2021, poco dopo che il signor Xiong ha annunciato la sua candidatura, hanno detto i procuratori federali. "In questo momento non vogliamo che venga eletto", ha detto il presunto agente Lin Qiming nel documento del tribunale. “Qualunque sia il prezzo va bene. Finché puoi farlo.

Il signor Lin ha chiesto all'investigatore privato di coinvolgere il signor Xiong nella prostituzione, nell'evasione fiscale e nella pornografia infantile. Ha suggerito di assumere una donna attraente come volontaria per la campagna del signor Xiong al fine di “avere una relazione con lui”.

Quando l’investigatore ha detto che la realizzazione del piano sarebbe costata 40.000 dollari, il signor Lin ha risposto: “Nessun problema. I soldi non sono un problema”.

"Se non trovi nulla dopo averlo seguito per qualche settimana, possiamo fabbricare qualcosa?" ha chiesto il signor Lin in una chiamata registrata.

"Alla fine, anche la violenza andrebbe bene", ha detto più tardi in un messaggio vocale, aggiungendo che potrebbero usare pestaggi o altri mezzi per infliggere danni fisici, secondo i documenti del tribunale.

«Tu... pensaci. Incidente d'auto, [lui] sarà completamente distrutto [ride], giusto? Non lo so, eh, in qualunque modo, da tutte le diverse angolazioni. Oppure, il giorno delle elezioni, non può venire lì da solo, giusto?".


Il signor Xiong non è stato a conoscenza del piano che si stava svolgendo intorno a lui per mesi ed è stato sorpreso di ritrovarsi sui titoli dei giornali lo scorso marzo quando è tornato negli Stati Uniti dopo un viaggio all'estero.

Arrabbiato com'era, pensava che gli sforzi fossero ridicoli.

“Non ho fatto nulla di male per disonorare me stesso, e quindi non ho motivo di temere”, ha detto a The Epoch Times.

Ma le rivelazioni gli hanno permesso di unire i punti su cose che non avevano senso. Nel novembre 2021, ad esempio, si ricordava di essere uscito presto dal parcheggio della sua casa unifamiliare a Long Island per incontrare un amico. Erano circa le 3 del mattino, ma proprio mentre stava uscendo, notò un'auto che entrava. L'autista sembrava essere una donna sulla quarantina che teneva la testa bassa.

"Mi avevano seguito per tutto questo tempo", ricorda di aver pensato.

Alcuni giorni dopo che il Dipartimento di Giustizia aveva sporto denuncia contro i presunti truffatori, il signor Xiong ha organizzato una grande raccolta fondi per la sua campagna. Degli oltre 500 ospiti attesi si è presentato solo un terzo. Uno degli ospiti che non era presente ha poi chiamato la campagna del signor Xiong e ha spiegato che il consolato cinese aveva avvertito lui e altri di non fare donazioni alla sua campagna, partecipare ai suoi eventi o votare per lui, altrimenti rischiano di non essere in grado di partecipare. fare affari in Cina.

"Erano spaventati", ha detto il signor Xiong. «Non da parte mia... non è che non gli piacessi. Ciò che temevano era come il PCC avrebbe potuto perseguitarli”.

"Clima di paura"

Tenere in ostaggio i familiari è una tipica tattica impiegata dal regime cinese per esercitare il controllo sulla diaspora cinese residente negli Stati Uniti e mettere a tacere le voci sfavorevoli, come ha sperimentato l’attivista uiguro statunitense Rushan Abbas.

La signora Abbas ha considerato sua sorella residente a Urumqi, una dottoressa cinese in pensione, come una figura materna sin dalla morte dei suoi genitori. Ma ha smesso di comunicare con sua sorella nel 2017, anno in cui ha fondato la campagna no-profit Campaign for Uyghurs, nella speranza di proteggere i suoi parenti più stretti dalle ritorsioni delle autorità cinesi.

Non ha aiutato. Nel settembre 2018, sei giorni dopo che la signora Abbas aveva parlato dei maltrattamenti degli uiguri all'Hudson Institute, sua sorella è scomparsa, proprio come molti suoceri della signora Abbas in Cina.

Fu solo due anni dopo che la signora Abbas venne a conoscenza della condanna a 20 anni di prigione di sua sorella. Mentre conduceva una campagna per la libertà di sua sorella dagli Stati Uniti, i media statali cinesi l'hanno attaccata, sostenendo che aveva rubato immagini di uiguri come oggetti di scena per inventare storie fantastiche.



Semmai, ha detto Abbas, il regime ha sottovalutato la forza della sua volontà.

“Il PCC pensava di potermi mettere a tacere. Ma hanno fallito, e questo mi rende solo più forte, perché sto combattendo più duramente”, ha detto a The Epoch Times, mentre la prigionia di sua sorella si avvicina al suo quinto anno.

Pochi giorni dopo la prima testimonianza al Congresso della signora Abbas sulla difficile situazione di sua sorella nel 2019, il sito web della sua organizzazione si è bloccato, un incidente che ha collegato ad attacchi informatici sponsorizzati dallo stato cinese.

Il Partito sta cercando di creare “un clima di paura, autocensura ed esitazione all’interno dei gruppi dissidenti”, ha detto Abbas.

Apprezza la crescente attenzione degli Stati Uniti nei confronti degli agenti del PCC, ma dice che è necessario fare di più per proteggere i dissidenti come lei mentre affrontano "questo potere gigantesco".

"Se nessuno può fare nulla alle persone che stanno affrontando un genocidio all'interno dei confini della Cina, o ai praticanti del Falun Gong che sono perseguitati all'interno dei confini della Cina, o ai tibetani, o agli hongkonghesi, almeno i governi [occidentali] possono proteggere le persone che sono al di fuori della Cina”, ha detto Abbas.


"Imporre costi reali"

Levi Browde, direttore esecutivo del Falun Dafa Information Center con sede a New York, ha affermato che l'aumento dei procedimenti giudiziari da parte del Dipartimento di Giustizia sta probabilmente dando una pausa ai sostenitori del regime.

“Qualsiasi arresto da parte dell’FBI funge da deterrente”, ha detto a The Epoch Times.

Tutti coloro che perseguitano il Falun Gong e gli altri dissidenti all'estero "lo fanno perché verranno pagati di più se ottengono alcune 'vittorie', e si assicureranno promozioni se ottengono 'vittorie'", ha affermato il signor Browde. disse.

Vedere altri arrestati dall’FBI dovrebbe far riflettere il resto di loro: “Vale la pena finire in una prigione americana con quei soldi e quell’avanzamento di carriera?”

Jordan ha affermato che gli Stati Uniti dovrebbero iniziare a mettere “sanzioni sul tavolo” e “imporre costi reali al Partito Comunista Cinese”.

"Tutto questo non si fermerà finché non diventerà più costoso per Pechino portarlo avanti piuttosto che fermarlo", ha detto. "Perché faranno un'analisi costi-benefici: è così semplice."

Xiong ha osservato che gli sforzi degli Stati Uniti hanno significativamente frenato “l’arroganza” degli agenti pro-Pechino.



In passato, gli eventi e le manifestazioni della comunità cinese che protestavano contro gli abusi del regime attiravano un sacco di disgregatori che “appendevano bandiere rosse ovunque”. Ora, ha detto, “non osano più essere così sfacciati”.

Fleming ha detto che vuole vedere il governo degli Stati Uniti stanziare almeno 10 volte più risorse per contrastare il PCC.

"Il livello di spionaggio, influenza e sovversione del Partito Comunista Cinese va oltre la comprensione della maggior parte delle persone", ha detto.
“È il totalitarismo comunista contro la libertà e le libertà di tutti. Questa è la posta in gioco."
8 visualizzazioni0 commenti
bottom of page