top of page

L'India mette con le spalle al muro la Cina sulla questione del Tibet e dei musulmani uiguri

L'ex generale dell'esercito indiano: "la libertà è il diritto di nascita di tutti".




Nell'ottobre 2022, l'India e altre dieci nazioni si sono astenute dal voto alle Nazioni Unite contro la Cina sulla situazione dei diritti umani nella regione dello Xinjiang.

L'indignazione è ormai globale per la documentata repressione della Cina contro uiguri, kazaki e altre minoranze etniche prevalentemente musulmane nella sua regione nord-occidentale.

Solo un paio di giorni dopo il discorso dei comandanti del corpo India-Cina, un combattente per la libertà uiguro è in India per partecipare alla 6a Conferenza internazionale di Rangzen (Indipendenza) a Nuova Delhi.

Alla conferenza, che fa parte dell'International Tibetan Freedom Movement, hanno partecipato anche i membri del Parlamento del governo tibetano in esilio.

E un altro visitatore degno di nota è stato l'ex capo generale dell'esercito indiano MM Naravane.

Per inciso è stato recentemente anche a Taiwan nell'ambito di una visita senza precedenti di tre ex capi delle forze armate indiane nella nazione insulare.

L'ex capo dell'esercito indiano si è rivolto ai social media per condividere una fotografia con "Geshe Lharampa Bawa Lobsang, rappresentante del parlamento tibetano in esilio, e Umit Hamit, un noto combattente per la libertà uiguro".

Il generale Naravane ha firmato il post su X: "La libertà è il diritto di nascita di tutti".


Parlando all'EurAsian Times, il generale Naravane ha affermato in modo criptico che il governo indiano è pienamente a conoscenza dell'organizzazione della conferenza.

“Il governo indiano deve aver dato il permesso (per l'evento), le persone provenienti dall'estero (combattenti per la libertà uiguri) devono aver richiesto un visto in cui sarebbe stato indicato lo scopo della visita. Non credo che il governo indiano fosse all'oscuro”.

Anche il suo discorso alla conferenza è stato molto esplosivo.

“Dobbiamo rispettare le libertà individuali. Era il Tibet il nostro legittimo vicino e non la Cina. Con la forzata occupazione del Tibet, i loro diritti sono stati soppressi. È importante che le generazioni presenti e future di tibetani siano in grado di mantenere viva la loro cultura", ha aggiunto il generale Naravane.

Secondo il sito Web del Tibet Rights Collective, "la conferenza si concentrerà sulle strategie per resistere e contrastare collettivamente le misure repressive del PCC (Partito Comunista Cinese), cercando anche modi per rafforzare il movimento globale per l'indipendenza tibetana".

I partecipanti alla conferenza includevano sostenitori tibetani del Rangzen (indipendenza) di varie nazioni e delegati di regioni come Mongol e Turkestan orientale, che hanno "sopportato allo stesso modo l'occupazione cinese e le politiche oppressive".

Il generale Naravane, a differenza di Taiwan, dove non ha parlato al seminario, ha tenuto un discorso qui in cui ha menzionato la sua associazione con la Special Frontier Force (SFF).

L'SFF è un'unità militare segreta composta essenzialmente da rifugiati tibetani e la sua esistenza non è mai stata ufficialmente confermata dall'India. È stato creato dopo la guerra del 1962 tra India e Cina.

L'SFF ha guadagnato il suo soprannome di "Establishment 22" dopo che il suo fondatore, il capo Sujan Singh Uban, ha comandato il 22 ° reggimento da montagna dell'esercito indiano britannico durante la seconda guerra mondiale in Europa.

Con sede a Chakrata (Uttarakhand), comprende almeno cinque battaglioni o circa 5.000 commando che sono paracadutisti d'élite addestrati nella guerra di montagna.

La sua presenza è venuta alla luce nel settembre 2020 quando gli eserciti indiano e cinese si sono scontrati lungo il lago Pangong in Ladakh quando l'Esercito popolare di liberazione ha cercato di penetrare nella parte indiana.

L'operazione sulla sponda sud del Pangong Tso è stata condotta da SFF, che è sotto il controllo del Segretariato di Gabinetto e dell'Ufficio del Primo Ministro (PMO).

Nel 2018, i tibetani avevano programmato un evento "Grazie India" nella capitale nazionale, Delhi, per dare acoglienza ai rifugiati tibetani sei decenni prima.

Tuttavia, l'India, preoccupata per la reazione cinese in un "momento delicato", ha fatto spostare l'evento da Delhi all'isolata città settentrionale di McLeod Ganj, sede del governo tibetano in esilio.

Nell'agosto 2023, l'India ha inviato i suoi tre ex capi delle forze armate a Taiwan per partecipare a un seminario. Alla conferenza ha parlato solo l'ex capo della marina indiana, ammiraglio Karambir Singh. L'ex maresciallo capo dell'aeronautica militare indiana (IAF) RKS Bhadauria e il capo generale dell'esercito indiano MM Naravane si sono impegnati con la leadership taiwanese e hanno condiviso il punto di vista dell'India.

Il capo di stato maggiore della difesa indiano (Cds), generale Anil Chauhan, ha chiesto ai tre servizi di fornire suggerimenti e opzioni per l'India se la questione di Taiwan dovesse precipitare in una crisi conclamata.


Il dilemma dell'India: corteggiare o controbilanciare la Cina

Negli ultimi mesi, l'India ha giocato sull'offensiva nei confronti della Cina. Il confine conteso tra India e Cina, noto anche come LAC di 3.488 km (la Cina sostiene che sia lungo circa 2.000 km), è stato in gran parte pacifico dalla guerra del 1962.

Dallo scontro Doklam tra i due paesi nel 2017, il confine è ribollente e le relazioni tra i due paesi sono tese. L'India è stata allarmata dai tentativi unilaterali della Cina di cambiare lo status quo lungo il confine conteso.

Il 10 agosto 2022, l'India ha fatto volare il Dalai Lama su un elicottero dell'aeronautica militare indiana da Leh, la capitale del Ladakh, al remoto villaggio himalayano di Lingshed. Il ministero della Difesa indiano ha condiviso le fotografie dei leader spirituali tibetani con gli ufficiali dell'IAF presso la stazione aerea di Leh e lo sbarco dall'elicottero a un eliporto a Lingshed, con grande dispiacere cinese.

La visita di un mese è arrivata quando India e Cina hanno dispiegato almeno 50.000 soldati presso la linea di controllo effettivo (LAC) in Ladakh e lì hanno sostanzialmente migliorato i loro armamenti e sistemi di difesa.

L'anno scorso, il primo ministro indiano Narendra Modi ha chiuso la distanza che la sua amministrazione ha mantenuto dal leader spirituale tibetano Dalai Lama.

Ha salutato il Dalai Lama nel giorno del suo 87esimo compleanno, il 6 luglio, facendo arrabbiare la Cina.

Reagendo bruscamente, Pechino ha affermato che l'India "ha bisogno di comprendere appieno la natura anti-cinese e separatista del 14° Dalai Lama".
13 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page