L'Ucraina e la nebbia oscura del genocidio. Per il processo agli esecutori ci vorranno anni

La guerra in Ucraina continua; il genocidio è sospeso nell'aria, avvolto in una nebbia oscura. Le prove vengono raccolte giorno per giorno. Mettere Putin e il suo politburo sotto processo per genocidio non sarà facile e non accadrà presto. Ci sono voluti anni, dopo il massacro di Srebrenica del 1995, per processare di genocidio l'ex leader serbo: ma Slobodan Miloševic' è morto prima che potesse essere emesso un verdetto


International Law

di Nicola Iuvinale

Di fronte alle politiche omicide del Terzo Reich, alla fine dell'estate del 1941, sul fronte orientale, Winston Churchill dichiarò: "Siamo alla presenza di un crimine senza nome".

Tre anni dopo, il giurista ebreo polacco Raphael Lemkin, diede al crimine il nome di "genocidio".


Le "potenti implicazioni" di quel termine scendono come una nebbia oscura sull'invasione russa e sull'occupazione di parti dell'Ucraina.

Lemkin, aveva studiato giurisprudenza all'Università di Lviv all'inizio degli anni '20.

Lviv, oggi parte dell'Ucraina occidentale, era allora chiamata Lwów ed era entro i confini della Polonia.

Ha praticato diritto internazionale a Varsavia prima di fuggire negli Stati Uniti dopo l'invasione nazista della Polonia nel 1939.

Lemkin ha coniato il suo famoso termine in una pubblicazione del Carnegie Endowment del 1944:

“Le pratiche di sterminio delle nazioni e dei gruppi etnici attuate dagli invasori [nazisti] è chiamato dall'autore 'genocidio', termine derivante dal greco genos (tribù, razza) e dal latino cide (per analogia, vedi omicidio, fratricidio)".

Lemkin, conosceva bene l'Ucraina; fu uno dei primi ad identificare l'Holodomor (Killer Famine) del 1932-1933, che uccise circa quattro milioni di ucraini, nel tentativo di genocidio del popolo Ucraino e di spezzare la schiena alla loro nazione, da parte del regime di Iosif Stalin.

Il termine "Homolodor" deriva dalle parole ucraine da fame (holod) e sterminio (mor).

Dedito a stabilire una legge universale, che proscrivesse il genocidio nel sistema internazionale, Lemkin fece pressioni sulle Nazioni Unite, allora di recente fondazione, per approvare una "Convenzione sulla prevenzione e la punizione del crimine di genocidio", che le UN adottarono all'unanimità il 9 dicembre 1948.

Qui il genocidio è identificato come una serie di atti - l'uccisione di membri del gruppo è il primo citato - "commessi con l'intento di distruggere, in tutto o in parte, un o gruppo religioso, in quanto tale”.

La sottolineatura qui è fermamente sulla distruzione di un "gruppo, in quanto tale" e sulla sua capacità di continuare a funzionare come gruppo.

Tra gli altri atti menzionati nella convenzione ci sono: “causare danni fisici . . . ai membri del gruppo", "infliggendo deliberatamente al gruppo condizioni di vita, determinate per provocarne la distruzione fisica", "imponendo misure intese a prevenire le nascite" e "trasferendo con la forza i bambini del gruppo in un altro gruppo".

Anche il più rapido esame degli eventi delle ultime dieci settimane in Ucraina, rende evidente che la Convenzione sul genocidio si applica, oggi, almeno in parte alle azioni russe commesse nella regione di Kiev e rivelate al mondo dopo il ritiro delle forze.

Siamo ancora incerti sull'entità degli atti genocidio commessi nella città costiera di Mariupol, ma il martellamento della popolazione civile della città, la rivelazione di fosse comuni, l'evacuazione forzata di decine di migliaia di cittadini in Russia, il ruolo dei "campi di filtrazione" a Rostov-on-Don e il presunto trasferimento di bambini ucraini, indicano un'aggressione alla nazionalità ucraina in quanto tale, che costituirebbe un genocidio.

Sia il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy, che il presidente degli Stati Uniti Joseph Biden, hanno accusato i russi di aver commesso un genocidio in Ucraina.

È positivo che lo sollevino, se non altro per mettere in allerta Putin e l'élite russa, che saranno ritenuti responsabili dei loro crimini.

Certamente, le indicazioni di genocidio ci sono, anche se non sono ancora stati raccolti i materiali, di fatto, per un procedimento giudiziario.

Uno dei problemi, nel giungere a una conclusione assoluta sul genocidio in Ucraina, è che le prove che sono state rese pubbliche non sono conclusive e c'è ancora molto che non sappiamo sulle azioni e le intenzioni dei russi.

La guerra è tutt'altro che finita e il peggio potrebbe ancora venire.

Come sappiamo dallo spargimento di sangue in Bosnia, le prove dalle fosse comuni possono essere scoperte molto tempo dopo la fine del combattimento vero e proprio.

Anche nel caso dell'Olocausto, continuano a essere prodotte nuove prove, che possono essere utilizzate nei casi contro i pochi autori ancora in vita.

Sappiamo che il Dipartimento di Stato americano sta accumulando prove contro i russi, così come il governo ucraino, l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) e una miriade di ONG internazionali.

Ancora più importante, il procuratore capo della Corte penale internazionale (CPI), Karim AA Khan, era proprio in Ucraina, insieme ad altri investigatori, ad esaminare e catalogare la serie di crimini commessi dai russi a Bucha, Irpin e altrove.

La maggior parte di questi casi sono legati a "crimini di guerra" (uccisione intenzionale, inflizione intenzionale di sofferenza, presa di ostaggi, ecc.) e "crimini contro l'umanità" (sterminio, tortura, stupro e schiavitù sessuale, sparizione forzata, ecc.); entrambi sono anche soggetti al procedimento giudiziario della CPI.

Il crimine di guerra di aggressione, per il quale i leader nazisti furono processati e impiccati a Norimberga nel 1946, rientra anche nell'ambito della CPI.

Ma per statuto, la corte non può perseguire il caso particolare di "guerra di aggressione" - contrariamente ai crimini di guerra, crimini contro l'umanità e genocidio - contro un paese (la Russia è uno, gli Stati Uniti sono un altro), che non riconosce formalmente la giurisdizione della corte.

C'è anche il criterio determinante dell'intenzionalità, del dolo degli autori, nella valutazione del genocidio.

Putin e la sua cerchia di leader politici e militari cercano di distruggere gli ucraini come gruppo nazionale in quanto tale?

Ci sono prove considerevoli, nel pubblico dominio a sostegno di questa affermazione.

Il costrutto storico di Putin, del luglio 2021, "Sull'unità storica di russi e ucraini" e una serie di suoi discorsi e osservazioni a braccio, negano il carattere distintivo della nazione ucraina e la sua legittimità storica.

Per Putin, Zelenskyy e il suo governo, rappresentano gli interessi dei neonazisti e dei loro sostenitori americani ed europei.

L'obiettivo della campagna di Russia, a suo avviso, è la "denazificazione" e la smilitarizzazione dell'Ucraina.

Queste dichiarazioni sono state ripetute dal ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov; dall'ex presidente e vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev; e da altri leader del Cremlino che si rifiutano di prendere sul serio l'identità nazionale ucraina.

Da questo punto di vista, chiunque affermi l'identità ucraina diventa così un nemico.

L'esposizione di alcuni commentatori televisivi e giornalisti filo-Cremlino, sono ancora più palesemente "genocidi".

In un articolo pubblicato il 3 aprile 2022 da Novosti, l'agenzia di stampa semiufficiale russa, il giornalista Timofei Sergeitsev ha compiuto un passo spaventoso, oltre le già funeste accuse di Putin al nazismo ucraino.

Ha suggerito che la maggior parte delle masse ucraine erano "nazisti passivi" e "complici del nazismo" e dovrebbero essere sottoposti a rieducazione.

Il desiderio di indipendenza degli ucraini e di una via europea non era altro, afferma, che puro nazismo, o quello che chiamava "ucronazismo".

Margarita Simonyan, che dirige un gruppo stampa del Cremlino, ha inserito un additivo ancora più tossico a questa pericolosa retorica: "Ciò che ti rende nazista è la tua natura bestiale, il tuo odio bestiale e la tua volontà bestiale di strappare gli occhi ai bambini sulla base della nazionalità".

I media russi sono riusciti a disumanizzare e sminuire gli ucraini come popolo, uno dei segnali del genocidio.

La misura in cui la retorica russa, è stata tradotta in azioni, è diventata spaventosamente evidente.

L'enfasi di Simonyan, sulla disponibilità degli ucraini "a strappare gli occhi ai bambini", si rispecchia, di converso, nella firma degli assassini russi "per i bambini", dipinta sul missile lanciato dai russi contro la stazione ferroviaria di Kramatorsk, che ha, tra gli altri, ucciso almeno cinque bambini.

La negazione, evidente, di quello che Putin e la sua greppia sono diventati: dei nazisti, loro!

Uno dei temi costanti della propaganda russa, nella regione separatista del Donbass dal 2014, è che gli ucraini uccidono e mutilano bambini, commettendo persino un genocidio.

I soldati russi fermano i civili ucraini ai blocchi stradali e ai posti di guardia per cercare "nazisti", cercando tatuaggi nazionalisti sugli uomini, che, nel qual caso vengono trascinati via per essere interrogati, torturati o peggio.

Tutto ciò che serve è che qualcuno venga identificato come colui che ha combattuto in una formazione nazionalista o anche semplicemente, come un buon ucraino patriottico, perché i russi si vendichino.

Le torture, le esecuzioni, le sepolture di massa, le indicazioni di abusi, percosse e stupri, gli insensati bombardamenti di civili nelle loro case e sulle strade, portano a credere che molti soldati russi abbiano assorbito la linea ideologica russa "gli ucraini sono nazisti", della quale sono stati nutriti dal loro governo, generali e funzionari.

Anche se non lo fanno, non hanno altra scelta che rimanere in silenzio.

Alcuni abbandonano o si arrendono, così come centinaia di migliaia di cittadini russi hanno lasciato la loro patria per l'estero, in cerca di tregua dalle menzogne ​​e dall'oppressione del Cremlino.

Ma la maggior parte rimane al proprio posto e combatte.

La guerra in Ucraina continua; il genocidio è sospeso nell'aria.

Le prove vengono raccolte giorno per giorno. Alcuni giuristi ucraini raccomandano che un processo contro i colpevoli sia organizzato a Kharkiv, che nel dicembre 1943 fu sede del primo processo contro i perpetratori nazisti per i loro crimini contro i civili, durante la seconda guerra mondiale.

Mettere Putin e il suo gruppo sotto processo per genocidio non sarà facile e non accadrà presto.

Ci sono voluti anni, dopo il massacro di Srebrenica del 1995 dei musulmani bosniaci, per processare per genocidio l'ex leader serbo: ma Donbass, è morto prima che potesse essere emesso un verdetto.

I restanti leader dei Khmer rossi furono processati dal tribunale cambogiano solo nel 1997, quasi due decenni dopo essere stati responsabili dell'uccisione di più di un quinto della loro popolazione.

Come la guerra stessa, i processi ai suoi esecutori richiederanno grande pazienza e forza d'animo, soprattutto dagli stessi ucraini.


Fonte Hoover Institution Journal, Defining Ideas, Norman M. Naimark: è senior fellow presso l'Hoover Institution. È anche Professore di Studi sull'Europa dell'Est Robert e Florence McDonnell e Senior Fellow del Freeman-Spogli Institute di Stanford.

61 visualizzazioni0 commenti