Luci e ombre. La Cina a 20 anni dall'adesione all'Organizzazione Mondiale del Commercio

Dopo due decenni dall'adesione al WTO la Cina non rispetta ancora una vasta gamma di impegni e responsabilità, a scapito sia dei suoi partner commerciali che del sistema economico internazionale e rappresenta una minaccia fondamentale per l'ordine economico internazionale liberale e la comunità globale


di N. Iuvinale

Un recente rapporto dell'ITF "Fondazione per la tecnologia dell'informazione e l'innovazione" con sede a Washington, a firma del vicepresidente J. Ezell, evidenzia i comportamenti negativi tenuti dalla Cina nel WTO e offre una chiave di lettura per l'occidente.



Premesse

  • Il modello economico cinese guidato dallo stato, fortemente esasperato da pratiche di innovazione mercantiliste, è in netto contrasto con i principi fondamentali dell'OMC volti a perseguire politiche orientate al mercato basate sulla non discriminazione, rispetto nazionale e reciprocità;

  • la Cina non è riuscita a rispettare numerosi impegni dell'OMC su questioni come le sovvenzioni industriali, la protezione della proprietà intellettuale straniera, la forzatura di joint venture e il trasferimento di tecnologia e l'accesso al mercato alle industrie dei servizi;

  • il comportamento della Cina nei confronti dell'OMC e dei suoi partner commerciali è quello "di una nazione che sapeva cosa doveva promettere per entrare nell'organizzazione, ma le sue azioni successive hanno dimostrato che non intendeva mantenere quelle promesse";

  • decenni di gioco nel sistema commerciale globale e il mancato rispetto degli impegni dell'OMC hanno permesso alla Cina di accumulare enormi eccedenze commerciali e riserve di valuta estera, che utilizza per perseguire obiettivi di politica interna ed estera;

  • è tempo che le nazioni che la pensano allo stesso modo si uniscano per insistere con forza affinché la Cina adempia pienamente e immediatamente a tutti i suoi impegni nell'OMC e, più in generale, per contestare le strategie mercantilistiche innovative della Cina.

Due decenni di false promesse

Mentre la Cina si avvicina al suo ventesimo anno di appartenenza all'Organizzazione mondiale del commercio (OMC), aderendo originariamente all'organizzazione l'11 dicembre 2001, l'autore evidenzia di come non sia stata mai così lontana dall'attenersi fedelmente agli ideali e ai principi fondamentali dell'organizzazione e ai suoi obblighi e impegni fondamentali.

L'adesione all'OMC comporta il diritto di godere di un accesso preferenziale ai mercati di altre nazioni, ma anche responsabilità.

In particolare, impegna le nazioni a sostenere e perseguire "politiche aperte e orientate al mercato" in conformità con i principi fondamentali di "non discriminazione, accesso al mercato, reciprocità ed equità".


lo studio evidenzia di come la Cina ha sfruttato appieno i suoi diritti all'OMC, ma ha anche in gran parte ignorato le responsabilità e gli impegni attraverso il suo abbraccio del capitalismo diretto dallo stato basato su un mercantilismo aggressivo dell'innovazione.

Questo mercantilismo nega alle imprese straniere l'accesso ai mercati cinesi in termini di reciprocità; distorce i mercati globali, anche per i beni a tecnologia avanzata; e priva le nazioni dei benefici che credevano di ricevere concedendo alla Cina l'adesione alla comunità delle nazioni commerciali.

In questo rapporto vengono evidenziate anche le regole commerciali a cui non si attiene.

Vengono elencati 12 esempi, tra i più importanti, che dimostrerebbero la continua nolontà della Cina di rispettare i suoi impegni:

  • rifiuto dei principi di orientamento al mercato dell'OMC;

  • pianificazione industriale statale che sfida le norme dell'OMC;

  • prevalenza continua e preferenze per le imprese di Stato;

  • massicci sussidi industriali che spesso portano a sovraccapacità;

  • mancata comunicazione tempestiva e trasparente delle sovvenzioni;

  • trasferimento forzato di tecnologia e requisiti di joint venture;

  • mancato rispetto dei diritti di PI stranieri;

  • abuso delle norme antitrust;

  • standard tecnologici discriminatori;

  • mancata apertura reciproca degli appalti pubblici;

  • continuo uso di restrizioni di accesso al mercato dei servizi;

  • uso ritorsivo di rimedi commerciali.


Il punto essenziale è che queste politiche rappresenterebbero, intese collettivamente, lo sforzo concertato del Partito Comunista Cinese (PCC) per realizzare il suo marchio di capitalismo guidato dallo stato con una pesante dose di mercantilismo dell'innovazione.

Per l'autore, la Cina non dovrebbe essere considerata un porto libero e libertario.


Ciò che è in discussione è la portata complessiva di queste politiche e, soprattutto, perché violano lo spirito e la lettera dell'OMC.

Il rapporto descrive anche i benefici economici che la Cina avrebbe in parte accumulato non rispettando i suoi impegni in seno all'OMC.

Ezell offre, infine, raccomandazioni per i responsabili politici degli Stati Uniti e delle nazioni che la pensano allo stesso modo, per affrontare la continua sfida commerciale della Cina.


"Quasi 20 anni dopo, è evidente più che mai la Cina si rifiuta di accettare lo spirito e i principi fondamentali dell'OMC, che sono radicati nei principi di orientamento al mercato, stato di diritto, non discriminazione, accesso al mercato, reciprocità, equità e trasparenza".

Per Ezel, la Cina non sta rispettando le regole specificamente progettate per rendere questi principi una realtà e ha continuamente deviato, ritardato o ignorato la maggior parte dei suoi obblighi in seno all'OMC.

La Cina si è quindi avvantaggiata dei suoi diritti all'OMC, ma non delle sue responsabilità.

"L'ampia gamma di pratiche mercantilistiche della Cina è stata progettata per potenziare le imprese cinesi, in particolare nelle industrie ad alta tecnologia, e per proteggerle nei mercati interni protetti in modo che possano crescere, raggiungere la scala e competere nei mercati di terzi".

Soluzioni

Una gigantesca sfida globale

Sommariamente, per Ezell, le raccomandazioni includono le seguenti misure, principalmente rivolte agli USA ma che dovrebbero coinvolgere altri Stati:

  • sviluppare una "Bill of Particulars" completa contro la Cina;

  • revocare le relazioni commerciali normali permanenti della Cina (PNTR) e rinegoziare i programmi di accesso al mercato dell'OMC per i beni e i servizi cinesi;

  • perseguire la Cina presso l'OMC;

  • insistere affinché la Cina estenda ad altre nazioni le disposizioni dell'accordo di fase uno tra Stati Uniti e Cina;

  • rafforzare la disciplina delle sovvenzioni presso l'OMC;

  • creare un'Organizzazione del Trattato dell'Alleanza delle Democrazie (DATO) per il commercio;

  • formare un'alleanza strategica globale per la catena di approvvigionamento (GSSCA);

  • gli Stati Uniti dovrebbero aderire alla Comprehensive and Progressive Trans-Pacific Partnership (CPTPP) e perseguire accordi di libero scambio (ALS) con nazioni che la pensano allo stesso modo;

  • l'Ufficio del Rappresentante per il Commercio degli Stati Uniti (USTR) dovrebbe avviare autonomamente più cause contro la Cina e prima dell'OMC;

  • aumentare l'attenzione su tecnologia, innovazione e proprietà intellettuale (PI) nella politica commerciale degli Stati Uniti.

Conclusioni

Per Ezell, oggi, la Cina è piuttosto lontana dall'essere un'economia di mercato o dall'abbracciare i principi e lo spirito fondamentali, per non parlare delle regole specifiche, dell'OMC.

Mentre la Cina ha mostrato una certa liberalizzazione economica e apertura del mercato nel primo decennio dopo la sua adesione all'OMC, dall'arrivo del presidente Xi Jinping, queste riforme sono state ribaltate.

L'aggressivo mercantilismo innovativo della Cina ha danneggiato le economie di altre nazioni, le loro imprese high-tech e lo stesso sistema di innovazione globale.


Per l'autore, é tempo che le nazioni che la pensano allo stesso modo e orientate al mercato riconoscano l'intera portata del ripudio da parte della Cina dei principi fondamentali dell'ordine economico internazionale liberale e affrontino il suo continuo diniego al rispetto dei suoi impegni nel WTO. La situazione richiede necessariamente un intervento su più fronti.

"Una Cina che rispetta fedelmente le regole dell'OMC e si evolve verso un'economia basata sul mercato potrebbe rappresentare un attore globale responsabile il cui comportamento crea risultati vantaggiosi per tutti a vantaggio della società globale.
Una Cina, invece, che continua sulla strada attuale rappresenta, una concreta minaccia fondamentale per l'ordine economico internazionale liberale e la comunità globale".

LEGGI E SCARICA IL RAPPORTO COMPLETO

154 visualizzazioni0 commenti