top of page

La cooperazione sino-russa "nell'Artico russo"; per gli esperti cinesi il potenziale è altissimo

Gli esperti: i progetti avvantaggiano entrambi in mezzo all'incertezza mondiale


di Gabriele e Nicola Iuvinale

Geopolitcs

Il continuo sviluppo della zona artica della Federazione Russa (AZRF) e della rotta del Mare del Nord (NSR), nonostante le sanzioni occidentali, è stato evidenziato nel settembre 2022 al Forum economico orientale (EEF) a Vladivostok. Nell'occasione, gli esperti cinesi hanno chiesto una maggiore cooperazione tra Cina e Russia nell'Artico.

La cooperazione che coinvolge il passaggio economico artico soddisfa gli interessi di entrambe le parti e può essere una situazione vantaggiosa per entrambi, in quanto aiuterà la Cina ad accorciare i tempi di trasporto e garantire l'approvvigionamento energetico, aiutando anche la Russia a ottenere capitale, tecniche e supporto infrastrutturale per i suoi progetti artici, hanno notato gli esperti cinesi.

La conferenza sugli investimenti e il commercio nell'Artico presso l'EEF ha rivelato che, nonostante la turbolenza dell'economia globale e l'aumento della pressione delle sanzioni quest'anno, diversi importanti progetti di investimento continuano ad essere attuati nella zona artica russa, secondo il sito web dell'EEF.

La rotta artica ridurrà ulteriormente i costi di trasporto globali offrendo una rotta alternativa per le compagnie di navigazione marittima, rompendo il monopolio di alcuni dei principali corsi d'acqua del mondo, ha dichiarato martedì al Global Times Wang Jianjiao, ricercatore della Silk Road Academy of Social Sciences.

Il commercio marittimo rappresenta il 60% del commercio bilaterale totale tra la Cina e l'UE e la rotta artica potrebbe ridurre di un terzo i tempi di spedizione tra la Cina e l'UE rispetto al Canale di Suez, riducendo i costi, il consumo di carburante e l'inquinamento, ha affermato Wang.

Tale cooperazione aiuterà anche la Cina a rafforzare la sicurezza energetica.

La cooperazione Cina-Russia su progetti energetici e infrastrutture nell'Artico può essere un settore chiave ed essere vantaggiosa per entrambe le economie, ha dichiarato al Global Times Li Xin, direttore dell'Istituto per gli studi eurasiatici presso l'Università di scienze politiche e diritto di Shanghai.

Le compagnie energetiche cinesi potrebbero avere la possibilità di unirsi al co-sviluppo e il successo del progetto Yamal sul gas naturale liquefatto (GNL) ha offerto un buon esempio di cooperazione energetica tra i due paesi nell'Artico, ha affermato Li.

Situato nella penisola russa di Yamal nell'Artico, il progetto ha iniziato le spedizioni in Cina nel luglio 2018 e ha inviato 3 milioni di tonnellate di GNL Yamal in Cina ogni anno dal 2019, secondo quanto riportato dall'agenzia di stampa Xinhua.

Il progetto aiuta anche la Russia ad aumentare gli investimenti, l'occupazione e le entrate fiscali, poiché secondo Xinhua sono stati firmati contratti per un valore di quasi 10 miliardi di dollari con 650 imprese russe.

"La costruzione di infrastrutture lungo la rotta artica sarà un progetto gigantesco, compresa la costruzione di autostrade, ferrovie e porti profondi per grandi navi, che avranno bisogno dell'aiuto delle imprese cinesi", ha aggiunto Li.

La Russia sta incentivando le imprese e le persone a stabilirsi nell'Artico per migliorare la crescita economica nella regione.

In una mossa recente, il primo ministro russo Mikhail Mishustin ha approvato il piano per lo sviluppo della rotta del Mare del Nord fino al 2035, con oltre 150 eventi inclusi e finanziamenti per un totale di quasi 1,8 trilioni di rubli ($ 30 miliardi). Il traffico merci lungo la NSA dovrebbe raggiungere i 220 milioni di tonnellate entro il 2035, ha riferito TASS.

Mentre la Cina e la Russia approfondiscono la cooperazione nell'Artico, ci saranno ampie prospettive di investimenti e cooperazione per le aziende cinesi, ha dichiarato martedì al Global Times Chen Jia, un ricercatore indipendente sulla strategia internazionale.

"Tra i progetti russi nell'Artico, la maggior parte riguarda l'energia fossile e rinnovabile. Poiché la Cina ha stabilito un vantaggio globale nella nuova energia, sarà più facile per le aziende cinesi attingere al mercato", ha affermato Chen.

Detto questo, esistono anche sfide, avvertono gli esperti.

Wang ha affermato che a breve termine il costo operativo della rotta sarà ancora elevato a causa delle limitate rotte disponibili, dell'elevato costo dell'estrazione di materie prime dall'Artico, degli elevati premi assicurativi delle navi e delle difficoltà nel funzionamento delle navi portacontainer.

"Si prevede che lo svantaggio degli alti costi economici nella fase iniziale sarà ridotto con il miglioramento degli investimenti e delle infrastrutture. Pertanto, le imprese interessate dovrebbero accelerare la disposizione di questo nuovo mare blu di opportunità nella regione artica", ha affermato Wang.

20 visualizzazioni0 commenti
bottom of page