top of page

La Francia è ancora un alleato degli Stati Uniti?

Tra la Germania totalmente dipendente dalla Cina e il sogno di Macron di una grandeur gollista che vuole realizzare il terzo polo tra Stati Uniti e Cina, si è creata una miscela esplosiva che potrebbe far implodere l'UE


N Iuvinale

La Francia è ancora un alleato degli Stati Uniti?
Foto: Gettyimages

Sulla base della visita di stato di tre giorni di Emmanuel Macron nella Repubblica popolare cinese all'inizio di questo mese, la risposta a questa domanda è un dubbio.

Dire che il presidente francese si è inchinato a Xi Jinping, il sovrano cinese più potente dai tempi di Mao Zedong, sarebbe un'esagerazione, ma non di molto.

Alludendo all'intenzione di Xi di sostituire gli Stati Uniti come leader globale, Macron avrebbe detto a Xi: "La Francia non prende posizione". Il nuovo ordine internazionale previsto da Xi si baserebbe sulle regole stabilite dal Partito Comunista Cinese (PCC).

Apparentemente, questo non turba affatto il signor Macron.

Cosa fa? In un'intervista con i giornalisti di Politico e Les Echos, un quotidiano finanziario francese, Macron ha messo in guardia contro l'Europa che diventa "vassallo dell'America". Ha esortato i suoi compagni europei a cercare "autonomia strategica" ed evitare di "farsi prendere da crisi che non sono le nostre".

Ad accompagnare il signor Macron in Cina c'erano diverse dozzine di magnati francesi. Nelle loro valigette c'erano contratti che non vedevano l'ora di far firmare a uomini d'affari cinesi o leader del PCC: una distinzione irrilevante se si comprende la strategia di Pechino di " fusione militare-civile ".

Per quanto ne sappiamo, Macron non ha sollevato questioni spinose come l'insabbiamento da parte di Pechino dell'origine della pandemia di coronavirus, la sua persecuzione di uiguri, tibetani e altre minoranze o la sua violazione delle libertà di Hong Kong in palese violazione degli obblighi del trattato.

Né Macron ha suggerito che le relazioni francesi con la Repubblica popolare ne risentirebbero se le truppe cinesi invadessero Taiwan. Dato che "gli europei non possono risolvere la crisi in Ucraina", ha detto, "come possiamo dire in modo credibile su Taiwan, 'attenzione, se fai qualcosa di sbagliato noi ci saremo'?"

Al termine della visita, una dichiarazione congiunta in 51 punti ha annunciato il "partenariato strategico globale della Francia con la Cina".

Sembra un'alleanza, non credi?

Il signor Macron ha anche detto ai giornalisti – lo ha già detto in precedenza – che vuole che l'Europa diventi una “terza superpotenza”. Raggiungere questo obiettivo richiederebbe sicuramente un aumento significativo delle spese per la difesa. Ciò sembra improbabile considerando che molti dei membri europei della NATO non hanno mai destinato alla difesa nemmeno il 2% del prodotto interno lordo, nonostante si fossero ripetutamente impegnati a farlo.

Né Macron ha riflettuto sull'ironia del fatto che meno di un anno fa abbia ritirato le forze militari francesi dal Mali, una delle tante ex colonie francesi con cui Parigi aveva a lungo mantenuto un "rapporto speciale".

Quelle truppe - dispiegate per la prima volta nel Paese dell'Africa occidentale nove anni fa su invito del governo maliano per combattere i jihadisti legati ad al-Qaeda e allo Stato islamico - sono state ora sostituite dalle forze russe, compresi i mercenari del gruppo Wagner, famigerati per aver ignorato le leggi di conflitto armato.

Da quando ha assunto l'incarico nel 2017, Macron non è stato un leader francese particolarmente efficace.

Né è attualmente popolare. Un sondaggio di questo mese rileva che il suo sostegno è sceso a solo il 26%.

Una questione che genera insoddisfazione è la sua spinta per la riforma delle pensioni, alzando l'età pensionabile da 62 a 64 anni.

Uno degli obiettivi di Macron a Pechino era convincere Xi a usare la sua influenza per porre fine alla guerra della Russia contro l'Ucraina. Ha fallito.

La dichiarazione congiunta di cui sopra non condanna l'aggressione russa né menziona l'uso della sua influenza da parte di Pechino per frenare Vladimir Putin.

Il signor Macron ha fatto altre dichiarazioni, indubbiamente peggiori, riguardanti Taiwan e "l'autonomia strategica" durante il suo pellegrinaggio in Cina. Lo sappiamo perché i funzionari dell'Eliseo, il palazzo dove risiedono i presidenti francesi, hanno ordinato a Politico e Les Echo di non includerli nei loro rapporti. (Rispettare tali istruzioni era una condizione per concedere l'intervista.)

L'Eliseo ha poi rilasciato una dichiarazione affermando che la Francia “non è equidistante tra Stati Uniti e Cina. Gli Stati Uniti sono un nostro alleato, con valori condivisi”.

Convinto?

Venerdì scorso, l'ambasciatore cinese in Francia ha osservato che l'Ucraina e altre nazioni indipendenti che un tempo facevano parte dell'impero sovietico potrebbero non essere stati indipendenti agli occhi di Pechino perché "non esiste alcun accordo internazionale per concretizzare il loro status di paese sovrano". L'ha detto per mettere in imbarazzo il signor Macron? Il signor Macron è imbarazzato (come dovrebbe essere)?

Più le cose cambiano, più rimangono le stesse, come dicono i francesi.

Nel 1990, dopo aver trascorso tre anni come corrispondente e capo ufficio del New York Times a Parigi, Richard Bernstein scrisse “Fragile Glory: A Portrait of France and the French”, un libro meraviglioso che combina giudiziosamente ammirazione e critica.

Ha osservato che i francesi, in tutto lo spettro politico, si aggrappano all'idea che la loro nazione sia "un faro di illuminazione per il resto del mondo". Ha citato Charles de Gaulle che – nonostante “l'umiliazione e la vergogna della sconfitta nella seconda guerra mondiale” – ha insistito: “La Francia non può essere Francia senza grandezza”.

La grandezza poteva essere raggiunta, credeva de Gaulle, facendo della Francia il leader di quello che Bernstein chiamava "un terzo grande blocco di potere nel mondo che tampona l'antagonismo sovietico-americano".

Sembra che il signor Macron stia riciclando quell'aspirazione, immaginando che la Francia tamponi quello che vede come l'antagonismo sino-americano.

I vini francesi invecchiano bene. Idee golliste, non tanto.

Quello che una volta chiamavamo il Mondo Libero, attualmente affronta avversari più formidabili che durante la Guerra Fredda. Alcuni leader europei hanno gli occhi lucidi riguardo alla minaccia rappresentata dalle ambizioni imperiali di Pechino e dei suoi partner a Mosca, Teheran e altre capitali di nazioni non libere.

Quei leader farebbero bene a sedersi con Macron e spiegare perché un'alleanza con gli Stati Uniti, nonostante tutti i suoi difetti, rimane preferibile alle alternative disponibili.


25 visualizzazioni0 commenti
bottom of page