top of page

La Russia artica rafforza i legami commerciali con Pechino

I rapporti tra i due Paesi si stanno consolidando a seguito dell’aggressione russa in Ucraina e all’imposizione di massicce sanzioni internazionali


G e N Iuvinale


Russia e Cina stanno entrando in un nuovo livello di partnership, ha detto sul proprio canale telegram il Governatore della località russa Murmansk, Andrei Chibis, durante l’incontro che si è tenuto a settembre con i leader della Shandong Port Group.



Foto: canale telegram Governatore Chibis

"Il gruppo unisce i porti di quattro mari ed è la società numero 1 al mondo in termini di fatturato delle merci. E ha anche un'ottima reputazione. Russia e Cina hanno un interesse comune nello sviluppo della rotta del Mare del Nord. Il nostro porto di acque profonde senza ghiacci con accesso diretto all’Oceano Mondiale e alla rotta del Mare del Nord senza passare attraverso stretti internazionali apre opportunità uniche per la logistica.

I colleghi sono attratti anche dal fatto che opera tutto l'anno e non ha restrizioni sulla dimensione delle navi. Lavoreremo attraverso tutte le opzioni per trovare insieme aree di cooperazione reciprocamente vantaggiose", ha aggiunto Chibis.


Murmansk è una città della Federazione Russa, situata nell'estrema parte nord-occidentale della Russia europea, porto di mare sulla baia di Kola, a 32 km dal Mare di Barents, non lontano dal confine russo con la Norvegia.

I rappresentati della compagnia cinese erano presenti nella regione artica russa per dare un'occhiata ai progetti di sviluppo portuale locale.


Come si è evidenziato, Cina e Russia hanno un interesse comune nello sviluppo della rotta del Mare del Nord. Le acque libere dai ghiacci di Murmansk offrono un accesso diretto alla Northern Sea Route (NSR) senza la necessità di transitare attraverso stretti canali internazionali come Suez.


L'incontro tra Andrei Chibis e i responsabili della Shandong Port Group è avvenuto dopo che il governatore regionale è stato a Shanghai con una delegazione governativa russa, ha riferisto il sito The Barents Observer.


Negli ultimi quattro anni, il fatturato commerciale tra Murmansk e la Cina è aumentato del 140%. E i cinesi vogliono di più, ha sostenuto Chibis dopo l'incontro con Wang Wenli, console generale cinese a San Pietroburgo, in aprile.

Secondo il governatore Chibis, le aziende cinesi sono interessate alla rotta del Mare del Nord e vogliono investire nella costruzione navale nella penisola di Kola


A Severomorsk, nei pressi di Murmansk, ha sede la Flotta del Nord, principale reparto navale della Marina russa dotato del maggior numero di sottomarini, in buona parte armati di testate nucleari.

Andrei Chibis non è l'unico leader regionale del nord della Russia che sembra avere rapporti intimi con i cinesi. Al recente Forum russo-cinese di Shanghai era presente anche il leader del Komi, Vladimir Uiba, che desiderava attrarre investitori cinesi nella sua industria regionale di trasformazione forestale.


I legami più forti con la Cina arrivano in seguito all’aggressione della Russia in Ucraina e all’imposizione di massicce sanzioni internazionali.

L'indebolimento della posizione di Mosca negli affari internazionali dà luogo ad un significativo rafforzamento del ruolo di Pechino nell'economia russa.

Questo ruolo più forte si vede anche nell’Artico russo, dove le aziende cinesi possiedono importanti partecipazioni in molti dei più grandi progetti industriali russi, tra cui Yamal LNG e Arctic LNG 2.


Secondo The Barents Observer, "Mosca accoglie con favore la Cina affinché rafforzi ulteriormente il suo ruolo nella regione. In un incontro tra l'ambasciatore russo nell'Artico Nikolai Korchunov e il rappresentante speciale cinese Gao Fen all'inizio di settembre di quest'anno, entrambe le parti hanno sottolineato il carattere strategico della cooperazione bilaterale nell'Artico.


Secondo il Ministero degli Esteri russo, i due hanno avuto uno scambio di opinioni sulle possibili modalità per rafforzare ulteriormente l'interazione nell'Artico alla luce della nuova situazione geopolitica.

"Entrambe le parti hanno sottolineato l'alta priorità dell'Artico nel contesto dello sviluppo degli interessi nazionali di Russia e Cina", ha informato il Ministero.

All'ordine del giorno dell'incontro c'erano i possibili progetti comuni nel campo dell'energia artica, degli investimenti, della ricerca, dei trasporti, compreso lo sviluppo e l'utilizzo della rotta del Mare del Nord.

Si è discusso anche di un'ulteriore interazione nell'ambito del Consiglio Artico, ha precisato il Ministero.


Chi è la Shandong Port Group Co Ltd

Shandong Port Group Co Ltd attualmente è il più grande operatore portuale al mondo. È un'impresa statale provinciale approvata dal governo popolare della provincia di Shandong.


Il gruppo, composto da Qingdao Port, Rizhao Port, Yantai Port e Bohai Bay Port, gestisce 19 porti principali (aree portuali) e 324 ormeggi di produzione e conta più di 60.000 dipendenti.


Shandong Port Group possiede il più grande terminal minerario del mondo da 400.000 tonnellate, un terminal di petrolio greggio da 450.000 tonnellate, un terminal per container in grado di trasportare navi portacontainer da 24.000 TEU (unità equivalente a venti piedi) e un terminal speciale in grado di attraccare incrociatori da 227.000 tonnellate. Ha più di 330 rotte di spedizione di container che coprono più di 180 paesi e regioni.


"La Shandong Port Group implementa attivamente la Belt and Road Initiative (BRI) e intraprende altre missioni nazionali simili", si legge nel sito ufficiale dell'azienda.


16 visualizzazioni0 commenti

Comentarios


bottom of page