top of page

La SEC accusa 3M di aver violato la legge sulla corruzione estera relativa alla sua filiale cinese

La U.S. Securities and Exchange Commission ha comunicato venerdì scorso che la società 3M Company ha accettato di pagare più di 6,5 milioni di dollari per risolvere le accuse di violazione delle disposizioni sui controlli interni del Foreign Corrupt Practices Act (FCPA), per aver finanziato segretamente viaggi all'estero e shopping sfrenato di funzionari cinesi


di Nicola e Gabriele Iuvinale

L'ordinanza della SEC rileva che i dipendenti di una consociata interamente controllata da 3M con sede in Cina hanno organizzato la partecipazione di funzionari governativi cinesi impiegati presso strutture sanitarie statali a conferenze all'estero, eventi formativi e visite a strutture sanitarie, apparentemente come parte del marketing della filiale cinese e sforzi di sensibilizzazione.

Tuttavia, le modalità di partecipazione agli eventi erano spesso un pretesto per offrire ai funzionari governativi cinesi viaggi all'estero, comprese attività turistiche, per indurli ad acquistare prodotti 3M.

Nello specifico, l’ordinanza rileva che, almeno dal 2014 al 2017, la filiale cinese di 3M ha fornito ai funzionari governativi cinesi viaggi all’estero che includevano visite guidate, visite per lo shopping, gite di un giorno alle attrazioni vicine e altre attività ricreative. Secondo l'ordinanza, in molti casi, le attività turistiche erano programmate contemporaneamente agli eventi a cui i funzionari avrebbero dovuto partecipare e a volte i funzionari cinesi perdevano intere giornate agli eventi o semplicemente non vi partecipavano affatto. Inoltre, gli eventi erano in inglese e alcuni viaggi includevano funzionari governativi cinesi che non capivano l’inglese né disponevano di adeguati servizi di traduzione. Dall'ordine risulta che la filiale cinese di 3M ha pagato quasi 1 milione di dollari per finanziare almeno 24 viaggi per funzionari governativi cinesi che includevano attività turistiche. Secondo l'ordine, per ottenere l'approvazione per i viaggi, i dipendenti della filiale cinese di 3M hanno creato un itinerario di viaggio affinché i funzionari governativi cinesi potessero partecipare a eventi legittimi, e i dipendenti hanno fornito gli itinerari al personale addetto alla conformità della filiale per l'approvazione. Tuttavia, i dipendenti, in collusione con le agenzie di viaggio cinesi, hanno anche creato itinerari alternativi costituiti da attività turistiche presso o nelle vicinanze del luogo degli eventi educativi all'estero, che i dipendenti hanno fornito ai funzionari cinesi che hanno partecipato ai viaggi. I dipendenti hanno chiesto ai partecipanti al viaggio di tenere nascosto l'ordine del giorno alternativo e di falsificare i documenti di conformità interni che negavano o omettevano affermativamente di menzionare le attività turistiche che avevano pianificato come parte del viaggio all'estero. Inoltre, l’ordinanza rileva che, tra febbraio 2016 e settembre 2018, i dipendenti della filiale cinese di 3M hanno disposto che 3M trasferisse 254.000 dollari direttamente a un’agenzia di viaggi cinese per contribuire a pagare alcune delle attività turistiche improprie.

"Questa questione evidenzia i pericoli per le aziende con operazioni globali derivanti da controlli contabili interni inadeguati", ha affermato Charles Cain, capo dell'unità FCPA della SEC. “Quei pericoli sono stati esacerbati qui da fornitori terzi complici”.

L'ordinanza della SEC rileva che 3M ha violato i libri, i registri e le disposizioni sui controlli contabili interni delle sezioni 13(b)(2)(A) e 13(b)(2)(B) del Securities Exchange Act del 1934.

Senza ammettere o negando i rilievi, 3M ha accettato di cessare e desistere dal commettere o causare qualsiasi futura violazione di tali disposizioni.

La società ha inoltre accettato di pagare per risolvere la questione oltre 6,5 milioni di dollari.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti e la SEC sono congiuntamente responsabili dell'applicazione della FCPA, una legge emanata nel 1977 con l'obiettivo di vietare il pagamento di tangenti a funzionari stranieri per aiutare a ottenere o mantenere affari. La SEC ha creato la sua unità FCPA nel 2010 per migliorarne l'applicazione.

Negli ultimi anni si sono verificati altri casi FCPA in Cina.

Secondo un ordine della SEC pubblicato a maggio, il fornitore medico olandese Philips ha accettato di pagare più di 62 milioni di dollari per saldare le accuse che coinvolgono le sue filiali cinesi, coinvolte in “pratiche di gara improprie” con ospedali di proprietà del governo tra il 2014 e il 2019.

In un incidente, un direttore vendite distrettuale di Philips China ha fornito 14.500 dollari a un direttore di un ospedale in cambio del suo aiuto durante il processo di approvvigionamento.

Philips China aveva “controlli contabili interni insufficienti” per prevenire e individuare la cattiva condotta dei suoi dipendenti.

Complessivamente, secondo la SEC, la Philips si è “ingiustamente arricchita” di circa 41 milioni di dollari.

Nel 2019, Quad/Graphics Inc., una società di servizi di marketing e stampa con sede nel Wisconsin, ha accettato di pagare circa 9,9 milioni di dollari per saldare le accuse della SEC di essere coinvolta in molteplici schemi di corruzione in Perù e Cina almeno dal 2011 al gennaio 2016.

Secondo la SEC, la filiale cinese di Quad a Shanghai ha utilizzato vendite fittizie per "effettuare e promettere pagamenti impropri a dipendenti di clienti privati ​​e governativi per garantire affari".

Come risultato dei suoi piani, Quad si è “ingiustamente arricchita” di circa 7 milioni di dollari, ha affermato la SEC.

5 visualizzazioni0 commenti
bottom of page