top of page

La Serbia ha notevolmente rafforzato il suo esercito con attrezzature e armi provenienti dalla Cina

Esclusivo. Il Ministro della Difesa serbo Vucevic: "La cooperazione militare Cina-Serbia sostiene la modernizzazione della difesa del Paese e rafforza le nostre capacità di difesa". "La Cina è uno dei nostri amici "più affidabili". "Per quanto riguarda le relazioni bilaterali tra Serbia e Cina, vorrei sottolineare la collaborazione diretta tra i militari, ma anche la cooperazione economica e i numerosi investimenti, che sono molto importanti per il nostro Paese. Attendo con ansia l'ulteriore sviluppo della cooperazione bilaterale, soprattutto sul fronte militare". Confermata anche la vendita da parte di Pechino del sistema missilistico antiaereo a medio raggio FK-3 e i droni CH-95 e CH-92A. "Siamo profondamente grati per il sincero sostegno della Cina alla preservazione della sovranità e dell'integrità territoriale della Serbia, nonché per la sua posizione sempre coerente e di principio sulla questione Kosovo-Metohija. La comprensione reciproca tra Serbia e Cina riguardo alla sovranità e all’integrità territoriale suggerisce che abbiamo un ottimo rapporto che, spero, non cambierà mai. La Serbia non dimenticherà mai il sostegno del popolo cinese che è stato fermamente al nostro fianco nella difesa contro l’aggressione della NATO del 1999, immorale e ingiusta, lanciata senza il consenso del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, calpestando i principi fondamentali del diritto internazionale".



di Nicola e Gabriele Iuvinale



Un numero record di aerei cargo cinesi Y-20 furono avvistati nella primavera del 2022 in Serbia. Nell'occasione l'aeronautica militare dell'Esercito popolare cinese (PLA) consegnò una fornitura di missili HQ-22 SAM ordinati dalla Serbia nel 2019.

Confermata anche la vendita da parte di Pechino del sistema missilistico antiaereo a medio raggio FK-3 e i droni CH-95 e CH-92A.

Il vice primo ministro serbo Milos Vucevic ha detto che l'equipaggiamento militare cinese ha notevolmente rafforzato l'esercito del suo Paese in una lunga intervista pubblicata domenica dal quotidiano statale cinese Global Times.

Secondo lui gli sforzi della Serbia per l'equipaggiamento e la modernizzazione delle forze armate sarebbero orientati alla difesa.

Il vice primo ministro serbo ha citato il sistema missilistico antiaereo a medio raggio FK-3 e i droni CH-95 e CH-92A come "senza dubbio" tra i più importanti sistemi difensivi acquisiti dalla Serbia. Gli S-300 russi sono stati consegnati nel 2022.


Xi Jinping, sulla Serbia: “amico incrollabile”

Nell'aprile dello scorso anno i serbi hanno presentato i loro missili terra-aria cinesi insieme ad altro equipaggiamento militare acquistato dalla Russia e dall'Occidente.

Xi Jinping, incontrando la scorsa settimana a Pechino il suo omologo serbo Aleksandar Vucevic, ha chiesto un migliore coordinamento strategico con la Serbia, un "amico incrollabile" e ha promesso di sostenere la Serbia nel garantire la sua sovranità e integrità territoriale.

Le tensioni tra Serbia e Kosovo si sono intensificate negli ultimi mesi. Il Kosovo ha dichiarato l'indipendenza nel 2008, dopo una guerriglia e l'intervento della NATO nel 1999. Sia gli Stati Uniti che la Russia, tradizionale alleato della Serbia, hanno affermato di monitorare la situazione.

La Cina è uno degli amici “più affidabili” della Serbia

Il vice primo ministro serbo Milos Vucevic ha dichiarato che la Serbia rafforzerà la capacità di difendere la propria indipendenza e si è detto sicuro che le relazioni bilaterali si svilupperanno, perché la Cina è uno degli amici "più affidabili" del suo Paese.

E' del tutto evidente che la presenza della Cina in Serbia, costituisce una chiara indicazione del suo coinvolgimento come superpotenza nella regione e nella gestione della crisi con il Kosovo.

Di seguito l'intervista integrale pubblicata sul Global Times


Nota dell'editore:


La coraggiosa resistenza della "corazzata amica" della Cina, la Serbia, contro la NATO durante la sua aggressione contro l'ex Jugoslavia nel 1999, ha toccato molti in Cina. Il leggendario risultato ottenuto dall'aeronautica e dalla difesa aerea serba nell'abbattimento di un caccia stealth per la prima volta nella storia umana ha conquistato il rispetto di molti cinesi. Ad aprile, la notizia dell'acquisto da parte di Belgrado dei sistemi di difesa aerea FK-3 di Pechino ha acceso il dibattito nel mondo occidentale. Il vice primo ministro e ministro della difesa serbo Milos Vucevic (Vucević) ha condiviso le sue opinioni su questo e altri temi scottanti in una recente intervista esclusiva con i giornalisti del Global Times Hu Yuwei e Fan Wei (GT).


Il ministro della Difesa esprime profonda gratitudine alla Cina per il suo sincero sostegno alla sovranità e all'integrità territoriale della Serbia e riafferma la sua adesione al principio "One China". Egli ha sottolineato che le armi cinesi contribuiranno alla modernizzazione delle forze armate serbe e attende con ansia l'ulteriore sviluppo della cooperazione bilaterale, soprattutto sul fronte militare.


L'alto funzionario ha detto che la Cina, a differenza delle altre grandi potenze, non pone alcuna condizione alla cooperazione con la Serbia e ha dedicato altruisticamente i risultati ottenuti in vari campi al raggiungimento dei suoi obiettivi mondiali. Sii è detto ottimista sulla tenacia dell'amicizia tra i due paesi e considera la Cina come uno degli amici più affidabili della Serbia.


Il vice primo ministro e ministro della difesa serbo Milos Vucevic Foto: VCG



GT: I popoli cinese e serbo hanno una lunga tradizione di relazioni amichevoli. Durante l'aggressione della NATO contro l'ex Jugoslavia nel 1999, il popolo cinese si è schierato fermamente al fianco del popolo serbo per difendere la sovranità della Serbia e il suo diritto a salvaguardare la propria unità nazionale. Come vede gli sforzi compiuti dal popolo cinese per sostenere la stabilità nazionale e la sovranità della Serbia?


Vucevic: Nel complesso, le relazioni Serbia-Cina negli ultimi anni sono state molto strette e si stanno sviluppando soprattutto grazie agli ottimi rapporti tra i due presidenti Aleksandar Vucic e Xi Jinping. La tradizionale "amicizia corazzata" è testimoniata dal fatto che tra due anni si celebrerà il 70° anniversario dell'instaurazione delle relazioni diplomatiche tra i nostri due Paesi.


Siamo profondamente grati per il sincero sostegno della Cina alla preservazione della sovranità e dell'integrità territoriale della Serbia, nonché per la sua posizione sempre coerente e di principio sulla questione Kosovo-Metohija. La comprensione reciproca tra Serbia e Cina riguardo alla sovranità e all’integrità territoriale suggerisce che abbiamo un ottimo rapporto che, spero, non cambierà mai.


La Serbia non dimenticherà mai il sostegno del popolo cinese che è stato fermamente al nostro fianco nella difesa contro l’aggressione della NATO del 1999, immorale e ingiusta, lanciata senza il consenso del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, calpestando i principi fondamentali del diritto internazionale. Purtroppo abbiamo anche assistito al terribile evento in cui è stato bombardato l’edificio dell’ambasciata cinese a Belgrado e hanno perso la vita civili che svolgevano il loro lavoro. In quel luogo è stata posta una targa commemorativa in ricordo dei nostri amici cinesi defunti che, insieme a noi, hanno vissuto la dura prova dei bombardamenti.



Saremo per sempre grati al popolo cinese per tutto ciò che ha fatto per noi durante quel tragico anno 1999, e per tutto ciò che continua a fare, sostenendoci in ogni cosa affinché il nostro popolo e il nostro Paese perseverino nei momenti difficili.


GT: L'esercito serbo ha acquistato armi ed equipaggiamenti sviluppati dalla Cina, come missili antiaerei e droni. Ciò è diverso dalle scelte fatte da altri paesi europei, che optano per lo più per apparecchiature di fabbricazione americana o russa. Perché l’esercito serbo ha scelto armi ed equipaggiamenti di fabbricazione cinese, e quali fattori sono stati considerati in questa decisione?


Vucevic: Essendo un paese neutrale, la Serbia collabora sia con i partner orientali che con quelli occidentali e si impegna a farlo già da anni. In passato, molti beni sono stati consegnati alla Serbia, tra i più importanti senza dubbio il sistema missilistico antiaereo cinese a medio raggio FK-3 e gli UAV cinesi CH-95 e CH-92A.


La consegna di armi ed equipaggiamenti dalla Cina ha attirato l’attenzione dell’opinione pubblica a livello globale, ma ciò che è più importante e che dovrebbe essere sottolineato è che le forze armate serbe si stanno rafforzando notevolmente grazie alle armi e agli equipaggiamenti moderni e stanno quindi acquisendo capacità che non avevano prima.


Continueremo a rafforzare le nostre capacità, sia in termini di risorse umane che di armi e attrezzature militari, per poter proteggere il nostro popolo, ovunque viva e per essere il garante dell'indipendenza della Serbia.


GT: Quali cambiamenti hanno apportato le armi e gli equipaggiamenti cinesi alle forze di difesa serbe?


Vucevic: Dotare le nostre forze armate di armi e attrezzature militari moderne è un'ottima notizia per il nostro personale militare, ma anche per i nostri cittadini. Tutte le decisioni riguardanti l'acquisto dell'equipaggiamento e l'ammodernamento delle nostre truppe si basano su analisi approfondite e valutazioni di esperti effettuate dalle autorità competenti del Ministero della difesa e delle Forze armate serbe. Ci riferiamo alle armi moderne con le quali ci sforziamo di rafforzare le nostre capacità di difesa e migliorare significativamente la nostra prontezza al combattimento. È certo che l’acquisizione del moderno sistema antiaereo FK-3 ha garantito una maggiore sicurezza al nostro spazio aereo e al nostro Paese nel suo insieme.


Inoltre, acquisendo l’aereo a pilotaggio remoto CH-95 dai nostri partner cinesi, abbiamo notevolmente migliorato le nostre capacità di ricognizione aerea e di ingaggio di bersagli, che molti paesi della regione e del mondo non hanno.


GT: Abbiamo notato che le armi e gli equipaggiamenti forniti dalla Cina alla Serbia sono per lo più di natura difensiva e utilizzati principalmente per salvaguardare la patria. Tuttavia, alcune fonti dei media occidentali hanno colto l'occasione per esaltare l'affermazione secondo cui la fornitura di armi ed equipaggiamenti da parte della Cina alla Serbia ha alterato l'equilibrio militare regionale. Qual è la tua opinione su questo punto di vista?


Vucevic:Il Ministero della Difesa e le Forze armate serbe stanno facendo grandi sforzi per fornire armi ed equipaggiamenti militari nuovi e modernizzati destinati alla difesa del nostro Paese e del nostro spazio aereo.


Coloro che sostengono che la consegna di armi cinesi ha alterato l’equilibrio militare regionale normalmente non fanno commenti quando si tratta dei nostri vicini che si armano con aerei, sistemi missilistici di artiglieria, veicoli corazzati, sistemi anti-corazzati o droni il cui scopo è il completo opposto della difesa.


La Serbia continuerà ad equipaggiare le sue forze armate e a migliorare le sue capacità di difesa per essere in grado di affrontare adeguatamente tutte le sfide, i rischi e le minacce alla sicurezza e preservare il nostro popolo e il nostro Paese.



GT: Alcuni paesi occidentali stanno ora cercando di contenere la Cina sfruttando la questione di Taiwan, in modo simile a come hanno usato la questione del Kosovo e Metohija per fare pressione sul governo serbo. Qual è la tua opinione a riguardo?


Vucevic: Siamo veramente grati per il sincero sostegno della Cina alla preservazione della sovranità e dell'integrità territoriale della Serbia. La posizione della Cina sulla questione Kosovo-Metohija è sempre stata coerente e basata su principi, il che dimostra la vera amicizia tra i due paesi.


Nello stesso spirito, come ha ripetutamente affermato il presidente della Repubblica e comandante supremo delle forze armate serbe, Aleksandar Vucic, la Serbia sostiene la politica "One China" e condanna tutti i tentativi di minacciare la sua unità. Sosteniamo fermamente la preservazione dell'integrità territoriale e della sovranità della Repubblica popolare cinese. Per noi esiste un solo governo con sede a Pechino e consideriamo l’isola di Taiwan come parte integrante della Cina.


GT: Alcuni paesi occidentali hanno spesso diffamato la Cina definendola una nazione “guerriera”. Tuttavia, in realtà, la Cina ha sempre sostenuto il dialogo pacifico per risolvere le controversie internazionali, anche nella propria causa di riunificazione. Come vedi la posizione della Cina e pensi che la Cina sarà una forza importante nel mantenimento della pace nel mondo?


Vucevic: La Cina ha vissuto grandi cambiamenti in un periodo di tempo relativamente breve. I suoi risultati hanno attirato l’attenzione globale.


A differenza di altre grandi potenze, la Cina non pone alcuna condizione alla cooperazione con la Serbia e ha dedicato altruisticamente i suoi risultati in vari campi al raggiungimento degli obiettivi globali.


Consideriamo la Cina un nostro amico tradizionale e di lungo termine in questi tempi difficili, ma anche uno dei fattori cruciali che contribuiscono alla pace e alla stabilità globale, come è stato dimostrato innumerevoli volte con la politica cinese in tempo di pace e le sagge mosse politiche.


GT: In futuro, in quali aree l’esercito serbo approfondirà la cooperazione con l’esercito cinese?


Vucevic: Sono lieto di vedere che nell’ultimo decennio si è assistito a una tendenza al rialzo nella cooperazione militare tra Serbia e Cina. Le relazioni amichevoli e il rispetto reciproco tra i due presidenti, Aleksandar Vucic e Xi Jinping, hanno notevolmente facilitato e accelerato la cooperazione in tutti i settori, soprattutto nel campo della difesa.


La nostra cooperazione in quasi tutti i settori di reciproco interesse ha ottenuto grandi risultati. Per quanto riguarda le relazioni bilaterali Serbia-Cina, vorrei sottolineare la cooperazione militare-militare, nonché la cooperazione economica e numerosi investimenti, che sono molto importanti per il nostro Paese.


Per quanto riguarda i nostri rapporti e la cooperazione futura, sono estremamente ottimista e confido nella tenacia della nostra amicizia. La Cina è il nostro partner strategico e uno degli amici più affidabili della Serbia, quindi sono convinto che continueremo a sviluppare le nostre relazioni generali, soprattutto nei settori della cooperazione militare-economica, militare-medica e militare-educativa.

11 visualizzazioni0 commenti
bottom of page