Larry Fink ai clienti BlackRock: fine della globalizzazione vissuta negli ultimi 30 anni

"Mentre vi scrivo questa lettera, il mondo sta subendo una trasformazione: il brutale attacco della Russia all'Ucraina ha sconvolto l'ordine mondiale che esisteva dalla fine della Guerra Fredda. Ma l'invasione russa dell'Ucraina ha già posto fine alla globalizzazione che abbiamo vissuto negli ultimi tre decenni"


di Nicola Iuvinale

L'attacco a una nazione sovrana è qualcosa che non vedevamo in Europa da quasi 80 anni e la maggior parte di noi non avrebbe mai immaginato che nella nostra vita avremmo visto una guerra come questa, condotta da una superpotenza nucleare.

Le ramificazioni di questa guerra non si limitano all'Europa orientale. Si sovrappongono ad una pandemia che ha già avuto effetti profondi sulle tendenze politiche, economiche e sociali. L'impatto si riverbererà per decenni a venire in modi che non possiamo ancora prevedere.

All'inizio degli anni '90, quando il mondo è uscito dalla Guerra Fredda, la Russia è stata accolta nel sistema finanziario globale e ha avuto accesso ai mercati dei capitali di tutto il mondo.

Col tempo, la Russia si è interconnessa con il mondo e si è profondamente legata all'Europa occidentale. Il mondo ha beneficiato di un dividendo di pace globale e dell'espansione della globalizzazione. Queste sono state forti tendenze che hanno accelerato il commercio internazionale, ampliato i mercati dei capitali globali, aumentato la crescita economica e hanno contribuito a ridurre drasticamente la povertà nelle nazioni di tutto il mondo.

Rimango un sostenitore a lungo termine dei vantaggi della globalizzazione e del potere dei mercati dei capitali mondiali. L'accesso al capitale globale consente alle aziende di finanziare la crescita, ai paesi di aumentare lo sviluppo economico e a più persone di sperimentare il benessere finanziario.

Ma l'invasione russa dell'Ucraina ha posto fine alla globalizzazione che abbiamo vissuto negli ultimi tre decenni.

L'invasione ha catalizzato nazioni e governi a unirsi per recidere i legami finanziari e commerciali con la Russia. Uniti nel loro costante impegno a sostegno del popolo ucraino, hanno lanciato una "guerra economica" contro la Russia. I governi di tutto il mondo hanno imposto sanzioni quasi all'unanimità, incluso il passo senza precedenti di impedire alla banca centrale russa di dispiegare le sue riserve di valuta forte.

I mercati dei capitali, le istituzioni finanziarie e le società sono andate ancora oltre le sanzioni imposte dal governo.

"Come ho scritto nella mia lettera agli amministratori delegati all'inizio di quest'anno, l'accesso ai mercati dei capitali è un privilegio, non un diritto. E dopo l'invasione della Russia, abbiamo visto come il settore privato ha rapidamente interrotto le relazioni commerciali e di investimento di lunga data".

Queste azioni intraprese dal settore privato dimostrano il potere dei mercati dei capitali: come i mercati possono fornire capitale a coloro che lavorano in modo costruttivo all'interno del sistema e quanto velocemente possono negarlo a coloro che operano al di fuori di esso.

La Russia è stata sostanzialmente tagliata fuori dai mercati dei capitali globali, a dimostrazione dell'impegno delle grandi aziende a operare coerentemente con i valori fondamentali.

Questa "guerra economica" mostra cosa possiamo ottenere quando le aziende, supportate dai loro stakeholder, si uniscono di fronte alla violenza e all'aggressione.

È impossibile prevedere con precisione quale strada prenderà questa guerra.


Implicazioni dell'invasione russa dell'Ucraina per aziende, paesi e clienti

La resilienza è molto più che resistere a uno shock improvviso dei mercati: significa anche comprendere e affrontare i cambiamenti strutturali a lungo termine, incluso ciò che la deglobalizzazione, l'inflazione e la transizione energetica significano per le aziende, le valutazioni e i portafogli dei nostri clienti.

L'aggressione della Russia in Ucraina e il suo successivo disaccoppiamento dall'economia globale spingeranno le aziende e i governi di tutto il mondo a rivalutare le loro dipendenze e ad analizzare nuovamente le loro catene di produzione e assemblaggio, qualcosa che il Covid aveva già spronato molti a iniziare a fare.

E mentre la dipendenza dall'energia russa è sotto i riflettori, le aziende e i governi guarderanno anche in modo più ampio alle loro dipendenze da altre nazioni.

Ciò potrebbe portare le aziende a effettuare più operazioni onshore o nearshore, con un conseguente ritiro più rapido da alcuni paesi.

Altri, come Messico, Brasile, Stati Uniti o centri di produzione nel sud-est asiatico, potrebbero trarne vantaggio.

Questo disaccoppiamento creerà inevitabilmente sfide per le aziende, inclusi costi più elevati e pressioni sui margini. Sebbene i bilanci delle aziende e dei consumatori siano oggi solidi, offrendo loro un maggiore ammortizzatore per superare queste difficoltà, un riorientamento su larga scala delle catene di approvvigionamento sarà intrinsecamente inflazionistico.

Anche prima dello scoppio della guerra, gli effetti economici della pandemia – compreso lo spostamento della domanda dei consumatori dai servizi ai beni per la casa, la carenza di manodopera e le strozzature della catena di approvvigionamento – hanno portato l'inflazione negli Stati Uniti al livello più alto degli ultimi quarant'anni.

Nell'Unione Europea, in Canada e nel Regno Unito, l'inflazione è superiore al 5%.

I salari non hanno tenuto il passo e i consumatori ne sentono l'onere, poiché devono far fronte a salari reali più bassi, bollette energetiche in aumento e costi più elevati alla cassa del negozio di alimentari.

Ciò è particolarmente vero per i lavoratori a basso salario che spendono una parte maggiore del loro salario per beni essenziali come gas, elettricità e cibo.

Le banche centrali stanno valutando decisioni difficili su quanto velocemente aumentare i tassi. Si trovano ad affrontare un dilemma che non affrontavano da decenni, aggravato dal conflitto geopolitico e dai conseguenti shock energetici. Le banche centrali devono scegliere se vivere con un'inflazione più alta o rallentare l'attività economica e l'occupazione per abbassare rapidamente l'inflazione.

Infine, un aspetto meno discusso della guerra è il suo potenziale impatto sull'accelerazione delle valute digitali.

La guerra spingerà i paesi a rivalutare le loro dipendenze valutarie.

Già prima della guerra, diversi governi stavano cercando di svolgere un ruolo più attivo nelle valute digitali e definire i quadri normativi in ​​base ai quali operano.

La banca centrale statunitense, ad esempio, ha recentemente lanciato uno studio per esaminare le potenziali implicazioni di un dollaro digitale statunitense. Un sistema di pagamento digitale globale, progettato con cura, può migliorare il regolamento delle transazioni internazionali riducendo il rischio di riciclaggio di denaro e corruzione. Le valute digitali possono anche aiutare a ridurre i costi dei pagamenti transfrontalieri, ad esempio quando i lavoratori espatriati restituiscono i guadagni alle loro famiglie.


Gli effetti sul mercato energetico oggi e cosa significa per la transizione netta zero

Man mano che le aziende ricalibrano le loro catene di approvvigionamento globali e man mano che gli alleati occidentali riducono la loro dipendenza dalle materie prime russe, il settore energetico subirà un impatto significativo.

I consumatori si trovano ad affrontare costi energetici più elevati poiché abbiamo visto il prezzo del petrolio superare i $ 100 al barile all'inizio di quest'anno per la prima volta dal 2014. Di conseguenza, la sicurezza energetica è entrata a far parte della transizione energetica come una delle massime priorità globali.

Come ho scritto nella mia lettera agli amministratori delegati negli ultimi tre anni, la transizione energetica può funzionare solo se è giusta e corretta.

È importante sottolineare che non si verificherà durante la notte; ci richiede di spostare il mix energetico .

In risposta allo shock energetico causato dalla guerra in Ucraina, molti paesi sono alla ricerca di nuove fonti di energia. Negli Stati Uniti gran parte dell'attenzione è rivolta all'aumento della fornitura di petrolio e gas, e in Europa e in Asia, il consumo di carbone potrebbe aumentare nel corso del prossimo anno. Ciò rallenterà inevitabilmente il progresso mondiale verso lo zero netto nel breve termine.

A lungo termine, credo che gli eventi recenti accelereranno effettivamente il passaggio a fonti di energia più ecologiche in molte parti del mondo.

Durante la pandemia, abbiamo visto come una crisi può fungere da catalizzatore per l'innovazione.

Aziende, governi e scienziati si sono uniti per sviluppare e distribuire vaccini su larga scala in tempi record.

Abbiamo già visto i responsabili politici europei promuovere gli investimenti nelle energie rinnovabili come una componente importante della sicurezza energetica.

La Germania, ad esempio, prevede di accelerare l'uso delle energie rinnovabili e raggiungere il 100% di energia pulita entro il 2035, 15 anni prima del suo precedente obiettivo prebellico.

Più che mai, i paesi che non dispongono di proprie fonti di energia dovranno finanziarle e svilupparle, il che per molti significherà investire nell'energia eolica e solare.

L'aumento dei prezzi dell'energia ridurrà anche significativamente il premio verde per le tecnologie pulite e consentirà alle energie rinnovabili, ai veicoli elettrici e ad altre tecnologie pulite di essere molto più competitive dal punto di vista economico.

Tuttavia, i prezzi dell'energia a questo livello stanno anche imponendo un terribile onere a coloro che meno possono permetterselo. Non avremo una transizione energetica equa e giusta se rimarranno a questi livelli.

Ad oggi, la pianificazione del governo si è concentrata solo sull'offerta senza affrontare la domanda.

Abbiamo bisogno che le politiche pubbliche adottino un approccio più olistico e a lungo termine al fabbisogno energetico mondiale. Tra le altre sfide, con l'aumento della domanda di fonti di energia rinnovabili e dell'uso di tecnologie pulite, dobbiamo considerare cosa questo significhi per le materie prime sottostanti da cui dipendono queste fonti di energia e tecnologia verdi.

Dovremo anche accelerare gli investimenti nelle infrastrutture per sostenere un maggiore uso di energia e tecnologia pulite.

Testo integrale

45 visualizzazioni0 commenti