top of page

Le Filippine convocano l'ambasciatore cinese per la collisione di una nave nelle sue acque

Non ci sono segnalazioni di feriti, ma le Filippine hanno affermato che le azioni delle navi cinesi hanno messo in pericolo la sicurezza dell'equipaggio a bordo delle navi. Il Dipartimento di Stato americano ha rilasciato una dichiarazione affermando che gli Stati Uniti stanno al fianco del loro alleato, le Filippine, di fronte alle “azioni pericolose e illegali” di Pechino nel Mar Cinese Meridionale. Il dipartimento ha aggiunto che qualsiasi attacco armato contro le forze armate filippine, le navi pubbliche e gli aerei "ovunque nel Mar Cinese Meridionale" scatenerebbe una risposta secondo il trattato di difesa tra Stati Uniti e Filippine


Oggi le Filippine hanno convocato l'ambasciatore cinese dopo che una nave della guardia costiera cinese ha effettuato "manovre pericolose di blocco" contro una nave filippina che operava all'interno della sua zona economica esclusiva (ZEE) nel Mar Cinese Meridionale, provocando una collisione.

La collisione è avvenuta intorno alle 6:04 ora locale del 22 ottobre, quando la barca filippina ,che tentava di consegnare rifornimenti alle truppe di stanza ad Ayungin Shoal, ha avuto la strada bloccata e si è scontrata con una nave della guardia costiera cinese.

Nello stesso incidente, anche una nave della Guardia costiera filippina, che scortava la barca noleggiata, è stata "urtata" da una nave della milizia marittima cinese, ha detto in una nota la Task Force nazionale delle Filippine.

Non ci sono segnalazioni di feriti, ma la task force ha affermato che le azioni delle navi cinesi hanno messo in pericolo la sicurezza dell'equipaggio a bordo delle navi filippine. Ha condannato nella maniera più forte "le azioni provocatorie, irresponsabili e illegali" delle navi cinesi.

Successivamente, la portavoce del ministero degli Esteri filippino Teresita Daza ha affermato che Manila utilizzerà tutti i mezzi diplomatici disponibili con la Cina, inclusa la convocazione dell’inviato cinese e l’emissione di una protesta formale.

In passato il governo filippino ha tentato di affrontare le questioni marittime con la Cina attraverso la sua hotline di comunicazione, ma questo meccanismo si è rivelato “piuttosto limitato”.

"Come abbiamo fatto in passato, intendiamo esprimere chiaramente la nostra posizione secondo cui abbiamo tutto il diritto, ai sensi dell'UNCLOS [Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare], di svolgere le nostre attività legittime nelle nostre zone marittime e che non accettiamo alcuna forma di interferenza", ha detto, secondo un'agenzia di stampa statale filippina.

L'UNCLOS del 1982, di cui la Cina è firmataria, designa le aree marittime entro 200 miglia nautiche dai confini delle nazioni costiere come parte della loro ZEE.

La posizione delle Filippine è stata riconosciuta dalla Corte permanente di arbitrato in una sentenza del 2016. Ma la sentenza del Tribunale dell’Aja non ha visto il regime comunista cinese cambiare il suo comportamento, con le navi cinesi che si intromettono ripetutamente nelle zone marittime delle Filippine.

Ayungin Shoal, noto anche come Second Thomas Shoal o Renai Reef dalla Cina, si trova a circa 105 miglia nautiche dalla provincia di Palawan nelle Filippine, rendendolo parte della giurisdizione del paese.

La guardia costiera cinese ha affermato dell'incidente che "la responsabilità è interamente della parte filippina". Ha accusato le navi filippine di aver ignorato gli allarmi radio che dettavano i movimenti delle Filippine e causavano le collisioni.


Supporto statunitense per le Filippine Nel frattempo, il Dipartimento di Stato americano ha rilasciato una dichiarazione il 22 ottobre affermando che gli Stati Uniti stanno al fianco del loro alleato, le Filippine, di fronte alle “azioni pericolose e illegali” di Pechino nel Mar Cinese Meridionale.



Il dipartimento ha affermato che qualsiasi attacco armato contro le forze armate filippine, le navi pubbliche e gli aerei "ovunque nel Mar Cinese Meridionale" scatenerebbe una risposta secondo il trattato di difesa tra Stati Uniti e Filippine.

"Gli Stati Uniti condannano l'ultima interruzione [della Cina] di una missione legale di rifornimento filippina ad Ayungin Shoal, mettendo a rischio la vita dei militari filippini", ha dichiarato su X.

Nonostante la protesta unitaria contro le sue affermazioni, il Partito Comunista Cinese (PCC) continua ad affermare illegalmente le sue rivendicazioni territoriali su quasi tutto il Mar Cinese Meridionale, comprese le barriere coralline e le isole che si sovrappongono alle ZEE di Vietnam, Malesia, Brunei, Indonesia e Filippine.

Il mese scorso, la guardia costiera filippina ha rimosso una barriera galleggiante lunga 300 metri che era stata installata dalla guardia costiera cinese a Scarborough Shoal per impedire l’ingresso ai filippini. Lo Scarborough Shoal si trova a 124 miglia nautiche dalla provincia di Zambales nelle Filippine.

La Guardia costiera cinese ha successivamente affermato che la sua nave aveva allontanato una cannoniera della marina filippina dallo Scarborough Shoal il 10 ottobre. Ma le forze armate filippine hanno respinto questa affermazione e hanno affermato che si trattava di "propaganda" del PCC, aggiungendo che le sue navi non lasceranno l'area. come è all'interno della ZEE delle Filippine.

Fonte The Epoch Times

10 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page