top of page

Malabar 2023: centinaia di satelliti cinesi a bassa orbita spiano le esercitazioni navali

Centinaia di satelliti cinesi a bassa orbita spiano le esercitazioni navali di India, Stati Uniti, Giappone e Australia.


Mentre navi da guerra provenienti da India, Giappone, Australia e Stati Uniti sono impegnate in addestramento bellico di alto livello in Australia come parte dell'esercitazione Malabar 2023, secondo quanto riferito centinaia di satelliti cinesi stanno raccogliendo preziose informazioni sulle esercitazioni militari in corso.

Le origini dell'esercitazione Malabar risalgono al 1992, quando iniziarono come esercitazioni navali bilaterali annuali tra India e Stati Uniti. Tuttavia, da allora si sono evolute fino a comprendere tutte e quattro le nazioni partner indo-pacifiche che costituiscono il Quadrilateral Security Dialogue (QUAD) e include Giappone e Australia, oltre a India e Stati Uniti.

Sottoposte a costanti critiche da parte della Cina, le esercitazioni sono spesso viste come una reazione collettiva delle nazioni Quad per salvaguardare la stabilità e la sicurezza nell'Indo-Pacifico, date le crescenti preoccupazioni per la crescente influenza della Cina.

Durante la 31a iterazione in corso dell'esercitazione multinazionale del Malabar, un rapporto dell'Australian Broadcasting Corporation ha affermato che la Cina ha compiuto un passo proattivo per monitorare e raccogliere dati sulle esercitazioni del Malabar.

Il rapporto affermava che molti dei satelliti cinesi a bassa orbita (LEO) sono strategicamente posizionati sopra l'Australia, acquisendo sistematicamente informazioni sulle operazioni di addestramento militare.


Esercizio Malabar 2023: Royal Australian Navy


L'ABC, citando dati spaziali commerciali, rivela l'estensione delle attività di sorveglianza di Pechino durante il recente completamento dell'"Esercizio Talisman Saber" e dell'"Esercizio Malabar" in corso.

A luglio, il rapporto ha aggiunto che EOS Space Systems, una società di difesa con sede a Canberra, ha monitorato i movimenti di tre satelliti cinesi in orbita geostazionaria.

Questi satelliti cinesi si sono posizionati strategicamente sotto l'equatore per monitorare da vicino i giochi di guerra Talisman Saber nel nord dell'Australia.

Il satellite cinese Shiyan 12-01 è stato identificato tra questi satelliti mentre si spostava gradualmente verso ovest sopra la regione settentrionale dell'Australia.

Allo stesso tempo, i satelliti Shijian-17 e Shijian-23 sono stati tracciati mentre manovravano verso est, consentendo loro di osservare e raccogliere dati in modo efficace da varie aree chiave in cui questi esercizi sono stati eseguiti meticolosamente.

Attraverso un approccio sistematico, l'azienda ha raccolto dati di sorveglianza ottica dai satelliti cinesi di osservazione della Terra durante le esercitazioni Talisman Saber e Malabar.

L'analisi dell'azienda di Canberra rivela la significativa attività dei satelliti cinesi nel rilevamento delle operazioni terrestri durante questi eventi.

I sistemi spaziali EOS hanno anche rivelato che oltre 300 satelliti esaminano meticolosamente le attività a terra durante le esercitazioni militari. In particolare, dall'inizio dell'esercitazione di Malabar, incentrata sul porto di Sydney, si sono verificati oltre 3.000 sorvoli.


Le capacità della Cina nella raccolta di informazioni tramite satelliti in orbita terrestre bassa


Lo scenario che coinvolge la potenziale raccolta di informazioni tramite satelliti evoca parallelismi con eventi recenti, in particolare all'inizio di quest'anno, quando un pallone spia cinese ad alta quota ha attraversato il territorio degli Stati Uniti.

Successivamente, sono emersi rapporti che indicano che un simile pallone ad alta quota è stato osservato nei cieli sopra le isole Andamane e Nicobare in India nel gennaio 2022.

Questo sviluppo solleva la possibilità che Pechino stia monitorando l'esercitazione militare condotta in Australia.

L'ultimo rapporto evidenzia che la presenza sostanziale di satelliti cinesi geostazionari e in orbita bassa sull'Australia offre a Pechino una capacità di sorveglianza dettagliata e continua senza precedenti. Ciò consente loro di monitorare da vicino le attività onshore e offshore con dettagli eccezionali.

Debadatta Mishra, un ex scienziato senior dell'ISRO, ha dichiarato all'EurAsian Times che l'utilizzo da parte della Cina di satelliti a bassa orbita, beneficiando del loro vantaggio a bassa latenza, le consente di monitorare tali attività militari senza sforzo.

Tuttavia, ha sottolineato che questa capacità non è uno sviluppo nuovo. In passato anche Stati Uniti e Russia impiegavano i loro satelliti per monitorare le manovre militari di altre nazioni.

Mishra, che attualmente ricopre il ruolo di Direttore e COO di Erisha Space Private Limited, ha inoltre aggiunto che sebbene i satelliti svolgano un diverso spettro di funzioni, comprese le previsioni meteorologiche e le trasmissioni, resta innegabile che il loro inizio sia stato guidato principalmente dalla difesa e da obiettivi strategici.

Attirando l'attenzione su un caso emblematico in cui gli Stati Uniti hanno intrapreso la sorveglianza satellitare dell'India al momento del successo del test atomico di Nuova Delhi, l'ex scienziato senior dell'ISRO ha osservato che ogni grande potenza spaziale possiede capacità simili e spesso le utilizza per promuovere i propri interessi strategici .


Shijian 20, il satellite di comunicazione più avanzato della Cina, è stato lanciato nel 2019. Foto: Weibo


Tuttavia, ha osservato che il dispiegamento di satelliti LEO da parte di Pechino per osservare le esercitazioni militari condotte dalle nazioni Quad illustra la sua ambiziosa spinta ad espandere il dominio. Ciò, a sua volta, rafforza l'idea prevalente secondo cui l'affidabilità della Cina continua a essere oggetto di incertezza.

Nel frattempo, il dottor Malcolm Davis, analista senior presso l'Australian Strategic policy Institute, ha dichiarato: "Questo è il modo in cui verrà realizzata l'intelligence futura dallo spazio, con sciami di piccoli satelliti che lavorano in coordinamento per fornire una sorveglianza pervasiva dall'orbita terrestre bassa attraverso capacità iperspettrali".

Davis ha spiegato che in seguito alla decisione dell'attuale amministrazione australiana di abbandonare il programma NSMEO (National Space Mission for Earth Observation) a favore della riallocazione dei fondi per il consolidamento fiscale, Canberra deve andare avanti verso capacità future.

Con un focus sull'intelligence, la sorveglianza e la ricognizione (ISR) basate sullo spazio, l'Australia deve trarre lezioni da questo caso, in particolare perché contempla le imminenti iniziative spaziali orientate alla difesa come DEF 799 Phase 2, secondo Davis.

Ha inoltre suggerito che è fondamentale non ripetere l'errore di abbracciare paradigmi obsoleti investendo in un numero limitato di satelliti considerevoli e costosi, che successivamente produrrebbero una capacità fragile e altamente specializzata.

La traiettoria del progresso risiede nel diffuso dispiegamento di costellazioni all'interno dell'orbita terrestre bassa (LEO), un approccio che dovrebbe essere adottato in futuro.

L'ultimo rapporto ha anche affermato che l'impiego di questi satelliti potrebbe consentire alla Cina di raccogliere informazioni sulle capacità e le attrezzature utilizzate, nonché sulle procedure operative degli impegni militari terrestri.

Successivamente, queste informazioni raccolte potrebbero essere utilizzate per acquisire informazioni considerevoli sulle attività militari che si svolgono in Australia.

Tuttavia, l'importanza dello spazio come dominio cardine per le moderne operazioni di guerra globale continua a crescere in modo esponenziale.

Fonte The Eurasian Times


8 visualizzazioni0 commenti

Comentários


bottom of page