top of page

Mar Cinese Meridionale: pericolose espansioni di Vietnam e Cina

Geopolitcs

G Iuvinale

Il Vietnam ha accelerato la costruzione di isolotti nel Mar Cinese Meridionale - dove la Cina ha completamente militarizzato tre delle sue isole artificiali - con Hanoi che rivendica ora l'80% di nuove terre.


Il rapporto “ Vietnam's major Spratly expansion ”, pubblicato dall'Asia Maritime Transparency Initiative (AMTI) presso il Center for Strategic and International Studies di Washington, afferma però che l'area complessivamente bonificata dal Vietnam resta inferiore al 20% rispetto a quella illegittimsmente acquisita dalla Cina.


Pearson Reef, uno scoglio situato nelle Isole Spratly nel Mar Cinese Meridionale, è stato uno dei luoghi in cui il Vietnam si è espanso. Il quadrato rosso indica l'avamposto vietnamita. Foto CSIS Asia Maritime Transparency Initiative / Planet Labs
Nella seconda metà di quest'anno, il Vietnam ha accelerato ed ampliato i lavori di dragaggio in molti dei suoi avamposti nelle Isole Spratly, creando circa 420 acri [210 ettari] di nuova terra e portando il totale degli ultimi dieci anni a 540 acri [1.295 ettari].

Il lavoro comprende l'ampliamento della discarica in corrispondenza di quattro caratteristiche identificate da AMTI all'inizio di quest'anno e il nuovo dragaggio di cinque caratteristiche aggiuntive.

La portata del lavoro di discarica, pur essendo ancora molto al di sotto degli oltre 3.200 acri di terra creati dalla Cina dal 2013 al 2016, è significativamente maggiore rispetto ai precedenti sforzi del Vietnam e rappresenta un importante passo verso il rafforzamento della sua posizione nelle Spratlys.

Sei Stati - Brunei, Cina, Malesia, Filippine, Taiwan e Vietnam - detengono rivendicazioni contrastanti sul Mar Cinese Meridionale, ma quelle della Cina sono di gran lunga le significative.

Solo la Cina, Filippine e Vietnam hanno rivendicato terreni per ulteriori costruzioni sulle loro isole e barriere coralline occupate con Pechino che ha terminato la costruzione e la militarizzazione di tre delle sue isole artificiali - Subi, Fiery Cross e Mischief Reef - tutte all'interno dell'arcipelago delle Spratly.

La Cina ha anche completamente sviluppato Woody Island nell'arcipelago di Paracelso e la utilizza come fulcro militare per tutte le sue rivendicazioni nel Mar Cinese Meridionale.

Anche Vietnam e Taiwan rivendicano la sovranità su alcune isole Paracelso, ma la Cina le occupa tutte.

Il Mar Cinese Meridionale svolge un ruolo importante sulla sicurezza in tutta l'Asia orientale perché quella nordorientale dipende fortemente dal flusso di petrolio e dal commercio attraverso queste rotte marittime, compreso oltre l'80% del petrolio greggio che arriva in Giappone, Corea del Sud e Taiwan.

La Cina rivendica la sovranità sui gruppi di isole delle Spratly e sulle Paracel Island e su altre caratteristiche della terra all'interno della sua ambigua "linea dei nove trattini" che delimita un'area marittima di quasi due milioni di chilometri quadrati, ovvero più di un quinto del territorio terrestre cinese. Tuttavia, queste rivendicazioni sono contestate da Brunei, Filippine, Malesia e Vietnam.

Nel 2009, Pechino ha protestato contro le richieste estese sulla piattaforma continentale nel Mar Cinese Meridionale presentate da Malesia e Vietnam in due note verbali alle Nazioni Unite (ONU). Nelle sue risposte, la Cina ha affermato di avere "l'indiscutibile sovranità sulle isole nel Mar Cinese Meridionale e sulle acque adiacenti, e gode dei diritti sovrani e della giurisdizione sulle acque rilevanti, nonché sui fondali marini e sottosuolo", inclusa la "linea dei nove trattini"1995.

Nel 2016, un Tribunale istituito ai sensi della Convenzione sul diritto del mare (ONCLUS) ha stabilito che qualsiasi pretesa della Cina sui "diritti storici" nel Mar Cinese Meridionale, all'interno dell'area raffigurata come la "linea dei nove trattini", non poteva eccedere i suoi diritti marittimi come espressamente previsto dalla Convenzione stessa.

La Cina non ha preso parte all'arbitrato e i suoi funzionari hanno da subito espresso pubblicamente opposizione alla sentenza. Secondo i termini della Convenzione, però, il provvedimento è definitivo e vincolante per entrambi gli Stati.

Nonostante ciò, Pechino continua a possedere illegittimamente gli isolotti contesi che ha successivamente anche militarizzato. L'atteggiamento della Cina nella gestione delle controversie territoriali e marittime è improntato ad un generale ed aperto disprezzo delle più elementari regole, siano esse internazionali o regionali.

Nonostante la decisione giudiziaria, Pechino continua ad utilizzare tattiche coercitive, compreso l'impiego di navi militari e paramilitari della PLA, per far valere le proprie pretese e promuovere i propri interessi, in modi calcolati per rimanere al di sotto della soglia di provocazione di un conflitto.

Secondo il Pentagono, la Cina anche schierato missili da crociera anti-nave (ASCM) e missili terra-aria (SAM) a lungo raggio sulle isole Spratly e aerei caccia e SAM nelle contese isole Paracelso.

La Cina ricorre a tattiche da conflitto armato e calibra le sue attività coercitive al di sotto della soglia di provocazione di un conflitto armato. Queste pratiche sono particolarmente evidenti nel perseguimento delle rivendicazioni territoriali e marittime nei mari della Cina meridionale ed orientale, lungo il confine con l'India e con il Bhutan.

42 visualizzazioni0 commenti
bottom of page