top of page

Ministero Difesa giapponese: ecco il documento sulla militarizzazione di Pechino del Mar Cinese

Il Giappone, già fortemente allarmato dalle attività regionali della Cina, fortifica le isole sud-occidentali e aumenta il budget per la difesa. L'allarme: ecco le prove di come Xi Jinping ha militarizzato il Mar Cinese Meridionale


Il Giappone sta aumentando la spesa per la difesa e armando le sue isole lontane mentre aumentano le tensioni nel Mar Cinese Orientale.

Le minacce provenienti dalle potenze vicine hanno spinto la nazione, che per decenni è dipesa dagli Stati Uniti per la sicurezza, a iniziare a rafforzare le proprie capacità di difesa.

Mentre la rivalità tra Stati Uniti e Cina si sviluppa nel Mar Cinese Orientale, il Giappone sta fortificando altre isole remote nel suo sud-ovest.

Prima del 2019, la capacità di difesa era quasi inesistente a Nansei Shoto, conosciuta anche come Isole Ryukyu, una serie di isole che si estendono dal sud di Kyushu a Yonaguni.

L'unica presenza militare era nella capitale di Okinawa, Naha. Ma negli ultimi anni sono stati costruiti nuovi presidi. L'ultimo è stato aperto a marzo di quest'anno sull'isola di Ishigaki, nel sud di Okinawa, a soli 270 chilometri da Taiwan.

Nel dicembre 2022, il Giappone ha reso noto il suo più grande rafforzamento militare dalla seconda guerra mondiale, impegnandosi a raddoppiare il proprio budget per la difesa entro cinque anni.

Il Giappone è inoltre pronto a schierare missili a lungo raggio, in grado di raggiungere la Cina, lungo le isole meridionali, già dal 2026.


MINACCE REGIONALI

La crescente assertività militare della Cina nella regione è in cima alle preoccupazioni del Giappone in termini di sicurezza, poiché Tokyo teme che Pechino possa attaccare le sue isole o Taiwan.

Un altro vicino che il Paese tiene d’occhio con cautela è la Corea del Nord, che sporadicamente lancia missili nel Mar del Giappone e, a volte, sul Giappone.

I sostenitori delle nuove basi militari affermano che con le tensioni che si stanno intensificando nel paese, il Giappone ha iniziato a rendersi conto che non ha altra scelta se non quella di rafforzare le proprie capacità di difesa.

Ciò è ancora più diffuso nelle acque circostanti le isole, che anche la Cina rivendica e chiama Diaoyu.

"Se si verificasse una situazione di emergenza a Taiwan, la Cina cercherà di attirare l'attenzione del Giappone e degli Stati Uniti sulle isole Senkaku facendo sentire più forte la sua presenza lì", ha detto l'ex ministro della difesa giapponese Satoshi Morimoto.

“La loro priorità (del Giappone e degli Stati Uniti) sarà la difesa degli isolotti. E quando ciò accadrà, si creerà un vuoto di potere attorno allo Stretto di Taiwan.

“È così che la Cina ha avanzato la sua presenza nel Mar Cinese Meridionale: quando gli Stati Uniti si sono ritirati dalle Filippine (all’inizio degli anni ’90), nell’area si è creato un vuoto di potere”.

Nell'agosto 2023 il Ministero della Difesa giapponese ha confermato l'allarme, fornendo le prove di come Xi Jinping ha militarizzato il Mar Cinese Meridionale attraverso la pubblicazione di un importante documento dal titolo "China’s Activities in the South China Sea (China’s development activities on the features and trends in related countries)".


Documento ministero difesa giappone 2023
.pdf
Scarica PDF • 5.03MB

13 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page