Navi da guerra nel deserto cinese dello Xinjiang fotografate da Maxar Technologies

Il generale Mark Milley, presidente dei capi di stato maggiore statunitensi, ha dichiarato: “Stiamo partecipando ad uno dei più grandi cambiamenti nel potere geo-strategico globale a cui il mondo abbia assistito. C'è un paese che sta diventando straordinariamente potente, che vuole rivedere l'ordine internazionale a proprio vantaggio. Sarà una vera sfida nei prossimi anni 10, 20 anni.



di Nicola Iuvinale

Sembra essere un vero e proprio poligono di tiro nel deserto, situato a Ruoqiang, nella regione desertica nordoccidentale della Cina nello Xinjiang.

Ci sono gigantesche navi da guerra a grandezza naturale che hanno la forma di una portaerei americana di classe Ford e di un cacciatorpediniere di classe Arleigh Burke.

Ha sollevato l'allarme dei funzionari del Pentagono negli Stati Uniti, che temono che la Cina stia seriamente preparandosi ad una guerra sulla questione di Taiwan.

Le immagini satellitari catturate dalla società Maxar Technologies con sede in Colorado mostrano che la Cina ha costruito modelli di navi statunitensi su quello che sembra essere un poligono di tiro militare.

"I modelli di diverse navi da guerra statunitensi, insieme ad altre navi da guerra (montate su rotaie e mobili), potrebbero simulare bersagli relativi alla ricerca/test di acquisizione del bersaglio", secondo AllSource Analysis."

"Questo, e l'ampio dettaglio dei modelli, incluso il posizionamento di più sensori sopra e intorno ai bersagli della nave, confermerebbero che l'area sia destinata a molteplici usi nel tempo".

L'analisi delle immagini satellitari mostra che la struttura è stata costruita per la prima volta tra marzo e aprile 2019. Ha subito diverse ricostruzioni ed è stata poi sostanzialmente smantellata a dicembre 2019.

Il sito ha ripreso vita alla fine di settembre di quest'anno e la struttura è stata sostanzialmente completata all'inizio di ottobre.

Pechino e Washington sono attualmente ai ferri corti su Taiwan – l'isola che la Cina ha promesso di “riunificare” nonostante Biden si sia detto disposto a difenderla – con le tensioni che crescono ulteriormente nel Mar Cinese Meridionale.

L' Istituto navale degli Stati Uniti (USNI) ha dichiarato sul suo sito Web che i modelli di navi statunitensi riprodotte fanno parte di una nuova strategia elaborata dall'Esercito di liberazione del popolo.

Maxar ha identificato la posizione come Ruoqiang, una contea del deserto di Taklamakan nella regione nordoccidentale dello Xinjiang.

Gli obiettivi includono almeno una portaerei fissa, due cacciatorpediniere fissi e una portaerei mobile fissata a un binario e progettata per esercitarsi con il bersaglio in movimento.

L'USNI ha dichiarato di aver esaminato le caratteristiche del cacciatorpediniere fotografato (tra cui imbuti e sistemi di armi) che sembrerebbe progettato per imitare la classe "Arleigh Burke" statunitense.

Il massiccio potenziamento militare della Cina comprende lo sviluppo di missili che possono essere lanciati da terra, mare e aria; in articolare quello balistico terrestre DF-21D noto come "killer delle portaerei".


Gli ultimi mesi hanno anche visto un sostanziale aumento dei voli militari cinesi appena a sud-ovest di Taiwan e prove di addestramento da sbarco del PLL cinese.

La marina cinese è la più grande forza marittima al mondo, con un totale di 355 navi, ha rivelato il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti in un recente rapporto, numero che dovrebbe crescere a 460 navi entro il 2030.

Osserva il rapporto che la marina cinese sta migliorando sia la sua capacità di effettuare attacchi di precisione a lungo raggio contro obiettivi terrestri, che la guerra antisommergibile rafforzando, così, la potenza globale della Cina.

Oltre alla più grande marina del mondo, la Cina possiede anche il più grande esercito permanente del mondo e la terza forza aerea più grande.

Tutto questo si aggiunge alle note capacità nucleari del paese.

Il generale Mark Milley, presidente dei capi di stato maggiore statunitensi, ha dichiarato: “Stiamo partecipando ad uno dei più grandi cambiamenti nel potere geo-strategico globale a cui il mondo abbia assistito. Oggi la Cina ha enormi capacità nello spazio e nel cyber, terra, mare, aria, sottomarini e stanno chiaramente sfidando gli USA. Quindi c'è un paese che sta diventando straordinariamente potente, che vuole rivedere l'ordine internazionale a proprio vantaggio. Sarà una vera sfida nei prossimi anni. Nei prossimi 10, 20 anni. Sarà davvero significativo per gli Stati Uniti”.

Fonti: The Daily Mail, ABC News , USNI News , Jerusalem Post , Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

142 visualizzazioni0 commenti