top of page

Niall Ferguson: Le antiche fonti del potere americano si sono indebolite

Gli Stati Uniti erano bravi a persuadere gli alleati, a perseguire i propri fini e a dissuadere i nemici dal seguire i propri. Questo vantaggio viene sprecato in sette modi significativi. “Qual è la forza che muove i popoli?”, si chiede Tolstoj nel saggio filosofico conclusivo di Guerra e pace . “In che modo gli individui” – ha in mente Napoleone – “hanno fatto sì che le nazioni agissero come desideravano?”. Il teorico politico Robert Dahl una volta offrì una risposta molto semplice a questa domanda. “A ha potere su B nella misura in cui può convincere B a fare qualcosa che B altrimenti non farebbe”. La dura realtà è che gli Stati Uniti non sono più molto bravi a fare tutto ciò. Sicuramente la potenza americana non è più quella di una volta. Durante le due guerre mondiali, la Guerra Fredda e la cosiddetta Guerra al Terrore, gli Stati Uniti non solo si sono arricchiti; hanno sviluppato anche un’ampia gamma di leve o strumenti che hanno trasformato la ricchezza nazionale in potere. Queste furono le chiavi per l’ascesa dell’America allo status di superpotenza. Alcuni sono ovvi, altri paradossali. Alcuni resistono. Troppi si sono atrofizzati negli ultimi tempi. Che dire dell’innovazione americana? È una verità universalmente riconosciuta che la fonte più importante del potere economico è la leadership tecnologica. In qualsiasi conflitto freddo o caldo, è molto probabile che lo Stato dotato dei mezzi più efficienti di distruzione, raccolta di informazioni e controspionaggio ottenga almeno la deterrenza e, se necessario, la vittoria. Per gran parte del secolo scorso, la leadership tecnologica degli Stati Uniti è stata assicurata. Ma una caratteristica sorprendente della Seconda Guerra Fredda è che la Cina sta ponendo serie sfide in una serie di settori chiave: intelligenza artificiale, calcolo quantistico, missili ipersonici e guerra dell’informazione. E a differenza degli Stati Uniti, la Cina ha la capacità manifatturiera per produrre in serie quasi ogni nuova tecnologia, dai droni ai missili ipersonici. Dove si collocherebbero il dollaro e il rendimento dei titoli a 10 anni se gli Stati Uniti perdessero una grande guerra? Ciò potrebbe spiegare perché le amministrazioni americane hanno preferito la guerra economica a quella vera e propria. Ma non illudiamoci sull’efficacia di misure come sanzioni e controlli sulle esportazioni. Se la guerra economica fosse un mezzo sufficiente, Cuba e l’Iran sarebbero democrazie e la Russia avrebbe perso la guerra in Ucraina. Quindi, quando mettiamo insieme tutte le fonti della debolezza americana, dove ci troviamo?Un’ipotesi ragionevole è che gli Stati Uniti oggi siano pericolosamente vicini alla situazione dell’Impero britannico tra le due guerre, soprattutto perché il suo elettorato e le sue élite non sono più disposti a sostenere i costi della deterrenza. Ciò solleva la prospettiva di uno scontro (come quelli vissuti dalla Gran Bretagna nel 1914 e nel 1939) che sarà molto più costoso di quanto sarebbe stata la deterrenza e in cui anche un esito vittorioso lascerebbe il paese notevolmente indebolito. Sul Piano politico il consenso bipartisan è perfettamente possibile quando le riforme sono viste come imperative per la sicurezza nazionale. "Dite semplicemente che tutte le proposte di cui sopra sono dirette contro il Partito Comunista Cinese e avrete i voti". Ed è per questo che il potere, in ultima analisi, deve consistere in qualcosa di più della semplice ricchezza e degli strumenti che la traducono in bastoni e carote geopolitici. Oltre alla legittimità, deve esserci volontà. Gli Stati Uniti hanno ancora molte, anche se non tutte, delle fonti del potere di cui hanno goduto per un secolo. Fino a che punto manterrà la volontà di potere è più difficile da dire. "Ho il sospetto che lo scopriremo quest'anno".




“Qual è la forza che muove i popoli?”, si chiede Tolstoj nel saggio filosofico conclusivo di Guerra e pace . “In che modo gli individui” – ha in mente Napoleone – “hanno fatto sì che le nazioni agissero come desideravano?”

Il teorico politico Robert Dahl una volta offrì una risposta molto semplice a questa domanda. “A ha potere su B nella misura in cui può convincere B a fare qualcosa che B altrimenti non farebbe”. Una grande potenza può costringere altri stati o entità a fare ciò che è nel suo interesse nazionale e possono scrollarsi di dosso le pressioni per far ciò che gli si addice meglio.

"A volte ci diciamo che il potere nel mondo moderno è una cosa più sofisticata" scrive lo storico Niall Ferguson nel suo editoriale domenicale su Bloomberg.

In un saggio per Foreign Affairs andato in stampa poco prima degli orrori dello scorso 7 ottobre, il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan ha definito le moderne “fonti del potere americano” come una combinazione di “Bidenomics” (aumento degli investimenti nell’innovazione nazionale e nell’industria), alleanze rinnovate (“un reticolo di cooperazione che si auto-rafforza”), riforma delle istituzioni internazionali come la Banca Mondiale e persino il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e il contenimento economico e tecnologico – in contrapposizione allo scontro militare diretto – di potenze ostili come come Russia, Iran e, soprattutto, Cina.

L’argomentazione era elegante – e immediatamente smentita dagli eventi avvenuti in Israele, rendendo necessaria una frettolosa riscrittura.

La dura realtà è che gli Stati Uniti non sono più molto bravi a “convincere B a fare qualcosa che B altrimenti non farebbe”. Chi pensa adesso all’Afghanistan, frettolosamente abbandonato ai talebani nel 2021? L’Ucraina, ancora in lotta contro l’invasore russo, sta scomparendo dalla coscienza pubblica a causa della diminuzione del sostegno finanziario da parte di Washington.

Discutiamo aspramente del modo in cui Israele sta conducendo la sua guerra contro Hamas; diciamo molto meno dell'impunità con cui gli agenti dell'Iran in Medio Oriente provocano il caos, attaccando persino le truppe americane. (Gli attacchi di venerdì guidati dagli Stati Uniti contro obiettivi Houthi hanno causato danni minimi, poiché sono stati telegrafati con largo anticipo).

Il popolo taiwanese ha votato sabato: quale, ci si chiede, sarà la risposta degli Stati Uniti se i cinesi si opponessero al risultato e bloccherebbero l'isola?

Il saggio di Sullivan avrebbe dovuto invero intitolarsi: “Le fonti della debolezza americana”?

Sicuramente la potenza americana non è più quella di una volta. Durante le due guerre mondiali, la Guerra Fredda e la cosiddetta Guerra al Terrore, gli Stati Uniti non solo si sono arricchiti; hanno sviluppato anche un’ampia gamma di leve o strumenti che hanno trasformato la ricchezza nazionale in potere. Queste furono le chiavi per l’ascesa dell’America allo status di superpotenza. Alcuni sono ovvi, altri paradossali. Alcuni resistono. Troppi si sono atrofizzati negli ultimi tempi.

Diventando la più grande economia del mondo in termini di prodotto interno lordo – cosa che, secondo l’economista britannico Angus Maddison, avvenne già nel 1872 – gli Stati Uniti disponevano di risorse senza eguali da spendere per l’esercito e la marina, per non parlare di tutte le altre agenzie del settore, come per la sicurezza nazionale che venne dopo.

Semplicemente scelse di non esercitare il potere fino agli anni ’40, quando la sua spesa per la difesa in percentuale del PIL aumentò fino a eguagliare e poi superare quella delle grandi potenze europee.

Gli Stati Uniti sono ancora il numero 1 in termini di produzione economica aggregata?

Sulla base del dollaro attuale, è ancora chiaramente la più grande economia del mondo. Secondo il Fondo monetario internazionale, nel 2023 il PIL della Cina era probabilmente pari a circa due terzi del PIL degli Stati Uniti se misurato in dollari. Tuttavia, quando viene calcolato sulla base della parità del potere d’acquisto – tenendo conto del fatto che i servizi e i beni non scambiati sono significativamente più economici, ad esempio, a Changsha che a Filadelfia – la Cina ha raggiunto gli Stati Uniti nel 2016, e l’anno scorso aveva un’economia un quinto più grande.

Perdere il primato in termini di parità di potere d’acquisto è un problema, dato che la maggior parte delle risorse per armare uno Stato non vengono acquistate sul mercato mondiale.

La marina cinese e l’arsenale nucleare sono molto più economici delle loro controparti statunitensi, troppo costose. Naturalmente, sono anche di qualità inferiore.

D’altra parte, quasi tutto il resto della nostra economia ancora relativamente globalizzata – dal petrolio ai semiconduttori – ha un prezzo in dollari. E la recente forza del dollaro, combinata con il tasso di crescita cinese più basso, significa che la Cina rimane significativamente indietro rispetto agli Stati Uniti in termini di dollari.

Fin qui tutto bene. Sfortunatamente, ci sono molti altri modi in cui l’America ha minato le fonti del suo potere negli ultimi anni. Sette in particolare spiccano.

Innanzitutto, l’immigrazione. Essendo in grado di importare il talento mondiale, gli Stati Uniti hanno una fonte di potere quasi unica. Più della metà degli unicorni (startup private del valore di 1 miliardo di dollari o più) sono stati fondati o co-fondati da immigrati. La Cina semplicemente non può farlo: vorresti trasferirti lì? Nemmeno il prossimo Elon Musk. Né i successivi Patrick e John Collison (i fondatori irlandesi di Stripe). Né il prossimo Apoorva Mehta (il fondatore di Instacart di origine indiana). Si potrebbe continuare.

Tuttavia, il passaggio dall’immigrazione legale a quella illegale, come quello osservato negli Stati Uniti negli ultimi anni – culminato nel 2023 con un afflusso attraverso il confine meridionale che potrebbe aver superato l’aumento naturale della popolazione nativa – erode questa fonte di forza riducendo la qualità dell’immigrazione, del “capitale umano” importato.

Un secondo problema è lo stato di diritto. Cos’è che rende gli Stati Uniti così attraenti per la manodopera e il capitale stranieri? Una parte fondamentale della risposta è la coerenza e l’affidabilità del sistema legale. Tutto ciò che mina questo edificio, dalla Costituzione fino all’efficienza dei tribunali, indebolisce la nazione. Sfortunatamente, ci sono modi misurabili in cui questo si è deteriorato negli ultimi anni – è scivolato al 26° posto nel mondo nella classifica sullo stato di diritto del World Justice Project, principalmente a causa delle ingiustizie nel sistema di giustizia civile e penale – un altro esempio di ciò che una volta Ferguson ha chiamato La Grande Degenerazione.

Poi viene l’istruzione. Nel 19° secolo, gli Stati Uniti beneficiarono di un’istruzione secondaria migliore rispetto al resto del mondo. Nel 20° secolo ha beneficiato di una migliore istruzione superiore. Ma questi vantaggi sono scomparsi o stanno scomparendo. Dai un'occhiata agli ultimi risultati del Programma per la valutazione internazionale degli studenti se vuoi vedere quanto gli adolescenti americani sono ora indietro rispetto ai loro colleghi non solo di Hong Kong e Singapore, ma anche di Estonia e Irlanda, in matematica e scienze. Dai un'occhiata al breve mandato di Claudine Gay come presidente di Harvard per vedere quanto le nostre università d'élite siano state indebolite dall'ideologia di "diversità, equità e inclusione".

In quarto luogo, c’è la sanità pubblica. Nel 20° secolo, gli americani erano nutriti meglio e vivevano più a lungo degli altri popoli. Anche questo evidentemente non è più così. L’esercito statunitense trova sempre più difficile attrarre reclute normodotate, tanto sono diffuse l’obesità, la dipendenza e altre infermità autoinflitte. Meno di un quarto dei giovani americani è abbastanza in forma – e ha precedenti penali sufficientemente puliti – per arruolarsi.

Sì, potreste dire, ma che dire dell’innovazione americana? È una verità universalmente riconosciuta che la fonte più importante del potere economico è la leadership tecnologica. In qualsiasi conflitto freddo o caldo, è molto probabile che lo Stato dotato dei mezzi più efficienti di distruzione, raccolta di informazioni e controspionaggio ottenga almeno la deterrenza e, se necessario, la vittoria. Per gran parte del secolo scorso, la leadership tecnologica degli Stati Uniti è stata assicurata. Ma una caratteristica sorprendente della Seconda Guerra Fredda è che la Cina sta ponendo serie sfide in una serie di settori chiave: intelligenza artificiale, calcolo quantistico, missili ipersonici e guerra dell’informazione (viene in mente TikTok). E a differenza degli Stati Uniti, la Cina ha la capacità manifatturiera per produrre in serie quasi ogni nuova tecnologia, dai droni ai missili ipersonici.

È evidente che, in passato, gli investimenti del governo statunitense in ricerca e sviluppo hanno avuto immensi benefici collaterali per il settore privato, anche se lo scopo principale di tale spesa era quello di migliorare la sicurezza nazionale. Tuttavia, sembra dubbio che lo spirito di Vannevar Bush (che guidò l'Ufficio per la ricerca e lo sviluppo scientifico durante la seconda guerra mondiale) animi l'odierna burocrazia federale. Dovremmo diffidare delle misure pubblicizzate come “strategia industriale” che espandono il ruolo economico dello Stato a dispetto delle lezioni degli anni ’70, quando i costi dell’intervento statale superavano chiaramente i benefici.

Risultati migliori si otterrebbero preservando la capacità dei governi statali di competere nell’attrarre investimenti del settore privato, uno dei punti di forza duraturi del nostro sistema federale.

Sesto, c’è la dissolutezza fiscale. Per più di 20 anni, il governo federale ha condotto una politica fiscale insostenibile, con una spesa eccessiva e una tassazione inefficiente che hanno fatto sì che i deficit diventassero la norma, anche in condizioni di piena occupazione e che il debito federale salisse rapidamente al di sopra del PIL totale (per non parlare del passività non finanziate dei programmi di welfare). Si tratta di una grave vulnerabilità, data la dipendenza degli Stati Uniti dagli investitori stranieri e dalla Federal Reserve per acquistare obbligazioni e altri titoli emessi dal Tesoro. L’aumento dei tassi di interesse reali a partire dal 2022 ha aumentato significativamente il costo del servizio del debito, al punto che è prossimo a superare il bilancio totale della difesa. L'atteso taglio dei tassi da parte della Fed quest'anno non allevierà tale onere se il debito continuerà ad aumentare, come previsto dal Congressional Budget Office.

È vero, in quanto emittenti della valuta più utilizzata al mondo (non solo come attività di riserva ma come mezzo di pagamento nelle transazioni), gli Stati Uniti godono di una sorta di privilegio, sebbene non sia “esorbitante”, come sostenuto dai francesi, critici negli anni Sessanta. Probabilmente, il governo americano è in grado di contrarre prestiti a condizioni relativamente migliori che se un’altra valuta fosse dominante nel mondo. Ma non si apprezza quanto questo privilegio dipenda dal nostro primato strategico. Dove si collocherebbero il dollaro e il rendimento dei titoli a 10 anni se gli Stati Uniti perdessero una grande guerra? Ciò potrebbe spiegare perché le amministrazioni successive hanno preferito la guerra economica alla guerra vera e propria. Ma non illudiamoci sull’efficacia di misure come sanzioni e controlli sulle esportazioni. Se la guerra economica fosse un mezzo sufficiente, Cuba e l’Iran sarebbero democrazie e la Russia avrebbe perso la guerra in Ucraina.

Infine, dobbiamo considerare la legittimità in patria e all’estero. Forse è più difficile da quantificare rispetto a qualsiasi altro attributo, ma il “soft power” conta chiaramente sotto due aspetti. In primo luogo, è vantaggioso se gli Stati Uniti venissero percepiti in una luce positiva dagli alleati attuali o potenziali. In secondo luogo, è fondamentale che il potere americano venga considerato legittimo dagli stessi cittadini americani. Se il primo sembra essere più o meno intatto – l’America è ancora molto più popolare nel mondo rispetto alla Cina – il secondo sembra più vulnerabile ai mutevoli atteggiamenti dei giovani americani. Ciò potrebbe avere molta importanza in caso di un conflitto su larga scala, poiché sono sempre i più giovani a essere chiamati a combattere.

Gli Stati Uniti sono orgogliosi di essere una democrazia e la frase “leader del mondo libero” viene ancora sentita occasionalmente durante un anno elettorale. Nel XX secolo, ciò è stato senza dubbio una fonte di forza, in quanto gli interventi americani nelle guerre mondiali, nella guerra di Corea e nella guerra del Golfo del 1991 hanno goduto di un ampio sostegno pubblico. Tuttavia, la relativa insofferenza dell’elettorato nei confronti dei conflitti prolungati, a partire dal Vietnam, ha agito come un limite alla potenza americana. Sembrerebbe che l’impegno americano all’estero abbia una durata relativamente breve, a meno che (come in Afghanistan) i costi siano relativamente modesti e i combattimenti siano svolti da una parte relativamente piccola di una forza composta da soli volontari.

Pax americana è un altro termine per indicare un ordine internazionale basato su regole, in quanto le regole furono ideate nel 1945 e successivamente in gran parte dagli Stati Uniti, con il contributo del Regno Unito, il precedente egemone anglofono. La lezione dell’ordine mondiale britannico è che i benefici del primato devono essere sufficienti – e in modo evidente – a compensare gli indubbi costi. Non appena ciò cessa di essere vero, la volontà politica di scoraggiare i potenziali sfidanti viene indebolita, portando a scontri molto più costosi quando l’aggressore rischia una resa dei conti.

Quindi, quando mettiamo insieme tutte le fonti della debolezza americana, dove ci troviamo?

Un’ipotesi ragionevole è che gli Stati Uniti oggi siano pericolosamente vicini alla situazione dell’Impero britannico tra le due guerre, soprattutto perché il suo elettorato e le sue élite non sono più disposti a sostenere i costi della deterrenza. Ciò solleva la prospettiva di uno scontro (come quelli vissuti dalla Gran Bretagna nel 1914 e nel 1939) che sarà molto più costoso di quanto sarebbe stata la deterrenza e in cui anche un esito vittorioso lascerebbe il paese notevolmente indebolito.

L’esito preferibile è rinviare tale confronto – attraverso la distensione e non la pacificazione – fino a quando le patologie della superpotenza rivale non ne mineranno il potere economico. Questo è stato il destino dell’Unione Sovietica. È molto probabile che questo sia il destino della Repubblica popolare cinese, dati i suoi crescenti deficit demografici e fiscali.

Le fonti della debolezza americana discusse sopra sono tutte relativamente facili da affrontare attraverso misure legislative che riformerebbero:

  • Gli appalti per la difesa, che sono estremamente costosi e inefficienti e favoriscono i “principi” della difesa consolidati rispetto ai nuovi attori innovativi;

  • Immigrazione verso un sistema di punteggio basato sul merito e un giro di vite sugli attraversamenti illegali delle frontiere;

  • Il sistema della responsabilità civile, che arricchisce gli avvocati processuali a scapito degli affari;

  • Istruzione, ad esempio, abolendo i vincoli legati al finanziamento federale delle università, come il Titolo IX;

  • La burocrazia della sanità pubblica, che ha miseramente fallito quando il Covid ha colpito nel 2020;

  • Il sistema fiscale federale, un incubo di complessità e inefficienza;

  • Medicare e Social Security, entrambe su percorsi insostenibili.

Sarebbe anche facile creare incentivi migliori per gli investimenti produttivi rispetto alla discutibile strategia industriale di Biden. La lezione della storia è che le libere imprese investiranno i nostri risparmi in modo ottimale se il codice fiscale le incentivasse adeguatamente, mentre i sussidi statali 9 volte su 10 porteranno a un’errata allocazione del capitale.

La solita obiezione è che tali riforme sono politicamente impossibili nel nostro disfunzionale sistema bipartitico. Ma questo è ovviamente sbagliato. Nel corso della storia americana, le divisioni partitiche sono state abbastanza facili da superare quando è in gioco la sopravvivenza degli stessi Stati Uniti. Misure come il CHIPS and Science Act del 2022 – sebbene molto lontane dall’essere una soluzione miracolosa quando si tratta di rilanciare l’industria americana dei microchip – dimostrano che il consenso bipartisan è perfettamente possibile quando le riforme sono viste come imperative per la sicurezza nazionale.

Dite semplicemente che tutte le proposte di cui sopra sono dirette contro il Partito Comunista Cinese e avrete i voti.

Ed è per questo che il potere, in ultima analisi, deve consistere in qualcosa di più della semplice ricchezza e degli strumenti che la traducono in bastoni e carote geopolitici. Oltre alla legittimità, deve esserci volontà. Gli Stati Uniti hanno ancora molte, anche se non tutte, delle fonti del potere di cui hanno goduto per un secolo. Fino a che punto manterrà la volontà di potere è più difficile da dire. Ho il sospetto che lo scopriremo quest'anno.


Ferguson è anche il fondatore di Greenmantle, una società di consulenza, FourWinds Research, Hunting Tower, una partnership di venture capital, e il regista Chimerica Media.


20 visualizzazioni0 commenti

Kommentare


bottom of page