top of page

Niall Ferguson: non tutto è tranquillo sul fronte orientale


Il 2022 è stato l'anno del ritorno della guerra. Ma la seconda guerra fredda potrebbe diventare la terza guerra mondiale nel 2023, con la Cina come arsenale della democrazia.


La guerra è un inferno sulla terra e, se ne dubiti, visita l'Ucraina o guarda "Tutto tranquillo sul fronte occidentale" di Edward Berger, il nuovo straziante adattamento di Netflix del classico romanzo contro la guerra di Erich Maria Remarque del 1929.

Anche una piccola guerra è infernale per chi vi è coinvolto, ovviamente.

Ma una guerra mondiale è la cosa peggiore che noi umani ci siamo mai fatti l'un l'altro. In un saggio memorabile pubblicato il mese scorso, Henry Kissinger ha riflettuto su "Come evitare un'altra guerra mondiale". Nel 1914, "Le nazioni d'Europa, non sufficientemente familiari con il modo in cui la tecnologia aveva potenziato le rispettive forze militari, procedettero a infliggersi reciprocamente devastazioni senza precedenti". Quindi, dopo due anni di massacri industrializzati, "i principali combattenti in Occidente (Gran Bretagna, Francia e Germania) iniziarono a esplorare le prospettive per porre fine alla carneficina". Anche con l'intermediazione degli Stati Uniti, lo sforzo è fallito.

Kissinger ha posto una domanda importante: "Il mondo oggi si trova a un punto di svolta paragonabile [come l'opportunità per la pace nel 1916] in Ucraina, mentre l'inverno impone una pausa alle operazioni militari su larga scala?" Questa volta l'anno scorso, ho  predetto  che la Russia avrebbe invaso l'Ucraina. La domanda un anno dopo è se esiste un modo per porre fine a questa guerra o se è destinata a trasformarsi in qualcosa di molto più grande.

Come giustamente sottolinea Kissinger, due potenze dotate di armi nucleari si stanno attualmente contendendo il destino dell'Ucraina. Una parte, la Russia, è direttamente impegnata nella guerra convenzionale. Tuttavia, gli Stati Uniti e i loro alleati stanno combattendo indirettamente fornendo all'Ucraina ciò che Alex Karp, amministratore delegato di Palantir Technologies Inc., chiama "il potere dei sistemi avanzati di guerra algoritmica". Questi sono ora così potenti, ha recentemente dichiarato a David Ignatius del Washington Post, che "equivalgono ad avere armi nucleari tattiche contro un avversario con solo armi convenzionali".

Prenditi un momento per riflettere sulle implicazioni di ciò.

La guerra è tornata. Anche la guerra mondiale potrebbe tornare? Se è così, influenzerà tutte le nostre vite.

Nella seconda era tra le due guerre (1991-2019), abbiamo perso di vista il ruolo della guerra nell'economia globale. Poiché le guerre di quel tempo erano piccole (Bosnia, Afghanistan, Iraq), abbiamo dimenticato che la guerra è il motore preferito della storia dell'inflazione, dei default del debito - persino delle carestie. Questo perché una guerra su vasta scala distrugge contemporaneamente la capacità produttiva, interrompe il commercio e destabilizza le politiche fiscali e monetarie.

Ma la guerra riguarda tanto la mobilitazione di risorse reali quanto la finanza e il denaro: ogni grande potenza deve essere in grado di nutrire la sua popolazione e alimentare la sua industria. In tempi di forte interdipendenza (globalizzazione), una grande potenza deve conservare la possibilità di tornare all'autosufficienza in tempo di guerra. E l'autosufficienza rende le cose più costose rispetto al fare affidamento sul libero scambio e sul vantaggio comparato.

Nel corso della storia, la principale fonte di potere è la superiorità tecnologica negli armamenti, comprese l'intelligenza e le comunicazioni. Una domanda critica è quindi: quali sono gli input chiave senza i quali un esercito all'avanguardia è irraggiungibile?

Nel 1914 erano il carbone, il ferro e la capacità manifatturiera di produrre in serie artiglieria e proiettili, nonché navi a vapore. Nel 1939 erano il petrolio, l'acciaio, l'alluminio e la capacità manifatturiera di produrre in serie artiglieria, navi, sottomarini, aerei e carri armati. Dopo il 1945 era tutto quanto sopra, più la capacità scientifica e tecnica di produrre armi nucleari.

Oggi gli input vitali sono la capacità di produrre in serie semiconduttori ad alte prestazioni, satelliti e sistemi di guerra algoritmica che dipendono da essi.

Quali sono state le principali lezioni delle guerre mondiali del XX secolo? In primo luogo, la combinazione americana di leadership tecnologica e finanziaria, oltre alle abbondanti risorse naturali, era impossibile da battere. In secondo luogo, tuttavia, gli imperi anglofoni dominanti erano poveri di deterrenza. Il Regno Unito non è riuscito due volte a dissuadere la Germania e i suoi alleati dal gioco d'azzardo sulla guerra mondiale. Ciò era principalmente dovuto al fatto che i governi liberali e conservatori allo stesso modo non erano disposti a chiedere agli elettori sacrifici in tempo di pace e fallirono nell'arte di governo. Il risultato furono due conflitti molto costosi che costarono molto di più in vite umane e tesori di quanto avrebbe fatto un'efficace deterrenza, e lasciarono il Regno Unito esausto e incapace di sostenere il suo impero.

Gli Stati Uniti sono stati l'impero anglofono dominante sin dalla crisi di Suez del 1956. Con la minaccia di un Armageddon nucleare, gli Stati Uniti hanno dissuaso con successo l'Unione Sovietica dall'avanzare il suo impero marxista-leninista in Europa ben oltre i fiumi Elba e Danubio. Ma l'America non ebbe relativamente successo nel prevenire la diffusione del comunismo da parte di organizzazioni e regimi sostenuti dai sovietici in quello che allora era conosciuto come il Terzo Mondo.

Gli Stati Uniti sono ancora cattivi nella deterrenza. L'anno scorso non è riuscita a dissuadere il presidente Vladimir Putin dall'invasione dell'Ucraina, principalmente perché aveva poca fiducia nelle forze di difesa ucraine che aveva addestrato e nel governo di Kiev che le controllava. L'ultimo obiettivo della deterrenza americana è Taiwan, una democrazia funzionalmente autonoma che la Cina rivendica come propria.

Ad ottobre, l'amministrazione del presidente Joe Biden ha pubblicato in ritardo la sua strategia di sicurezza nazionale. Tali documenti sono sempre opera di un comitato, ma la dissonanza interna non dovrebbe essere così evidente. "L'era del dopoguerra fredda è definitivamente finita", dichiarano gli autori, "ed è in corso una competizione tra le maggiori potenze per plasmare ciò che verrà dopo". Tuttavia, “non cerchiamo il conflitto o una nuova guerra fredda”. Perché le maggiori potenze hanno “sfide condivise” come il cambiamento climatico e il Covid e altre malattie pandemiche.

D'altra parte, "la Russia rappresenta una minaccia immediata per il sistema internazionale libero e aperto, violando sconsideratamente le leggi fondamentali dell'ordine internazionale oggi, come ha dimostrato la sua brutale guerra di aggressione contro l'Ucraina". La Cina, nel frattempo, è "l'unico concorrente con l'intento di rimodellare l'ordine internazionale e, sempre più, il potere economico, diplomatico, militare e tecnologico per portare avanti tale obiettivo".

Quindi cosa faranno gli Stati Uniti per controllare questi rivali? La risposta suona notevolmente simile a quella che ha fatto nella prima guerra fredda:

  • "Assembleremo le coalizioni più forti possibili per avanzare e difendere un mondo libero, aperto, prospero e sicuro".

  • "Daremo la priorità al mantenimento di un vantaggio competitivo duraturo sulla RPC, limitando al contempo una Russia ancora profondamente pericolosa".

  • "Dobbiamo garantire che i concorrenti strategici non possano sfruttare le tecnologie, il know-how o i dati fondamentali americani e alleati per minare la sicurezza americana e alleata".

In altre parole: formare e mantenere alleanze e cercare di impedire all'altra parte di recuperare il ritardo tecnologico. Questa è una strategia da guerra fredda in tutto tranne che nel nome.

Il sostegno degli Stati Uniti all'Ucraina dall'invasione del 24 febbraio è senza dubbio riuscito a indebolire il regime di Putin. L'esercito russo ha subito perdite disastrose di manodopera e attrezzature addestrate. L'economia russa potrebbe non essersi contratta tanto quanto sperava Washington (un mero 3,4% l'anno scorso, secondo il Fondo monetario internazionale ), ma le importazioni russe sono crollate a causa dei controlli occidentali sulle esportazioni. Con l'esaurimento delle scorte di componenti e macchinari importati dalla Russia, l'industria russa dovrà affrontare profonde interruzioni, anche nei settori della difesa e dell'energia.

L'anno scorso, la Russia ha interrotto le esportazioni di gas verso l'Europa che non può deviare, poiché non ci sono gasdotti alternativi. Putin pensava che l'arma a gas gli avrebbe permesso di dividere l'Occidente. Finora non ha funzionato. La Russia ha anche provato a soffocare le esportazioni di grano del Mar Nero. Ma quella leva aveva scarso valore strategico poiché i maggiori perdenti del blocco erano i paesi poveri dell'Africa e del Medio Oriente.

Il risultato netto della guerra di Putin finora è stato quello di ridurre la Russia a qualcosa di simile a un'appendice economica della Cina, il suo principale partner commerciale. E le sanzioni occidentali significano che ciò che la Russia esporta in Cina viene venduto con uno sconto.

Tuttavia, ci sono due ovvi problemi con la strategia degli Stati Uniti.

La prima è che se i sistemi d'arma algoritmici sono l'equivalente delle armi nucleari tattiche, Putin potrebbe alla fine essere spinto a usare le seconde, poiché chiaramente le prime gli mancano. La seconda è che l'amministrazione Biden sembra aver delegato a Kiev la tempistica di eventuali negoziati di pace - e le precondizioni richieste dagli ucraini sono manifestamente inaccettabili a Mosca.

La guerra sembra quindi destinata, come la guerra di Corea nella prima guerra fredda, a protrarsi fino a quando non si raggiunge uno stallo, Putin muore e si concorda un armistizio che disegna un nuovo confine tra Ucraina e Russia. Il problema con le guerre prolungate è che il pubblico statunitense ed europeo tende ad ammalarsi molto prima che lo faccia il nemico.

La Cina è un osso molto più duro da spezzare della Russia. Mentre una guerra per procura sta riportando l'economia e l'esercito della Russia indietro negli anni '90, l'approccio preferito alla Cina è quello di arrestare la sua crescita tecnologica, in particolare per quanto riguarda - nelle parole del consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan - "le tecnologie informatiche, inclusa la microelettronica , sistemi informativi quantistici e intelligenza artificiale” e “biotecnologie e bioproduzione”.

"Per quanto riguarda i controlli sulle esportazioni”, ha proseguito Sullivan, “dobbiamo rivedere la premessa di lunga data di mantenere vantaggi 'relativi' rispetto ai concorrenti in alcune tecnologie chiave. In precedenza abbiamo mantenuto un approccio "a scala mobile" che diceva che dovevamo rimanere solo un paio di generazioni avanti. Questo non è l'ambiente strategico in cui ci troviamo oggi. Data la natura fondamentale di alcune tecnologie, come la logica avanzata e i chip di memoria, dobbiamo mantenere il maggior vantaggio possibile".

Le sanzioni alla Russia, sosteneva Sullivan, avevano "dimostrato che i controlli sulle esportazioni di tecnologia possono essere più di un semplice strumento preventivo". Possono essere "una nuova risorsa strategica negli Stati Uniti e un kit di strumenti alleati". Nel frattempo, gli Stati Uniti aumenteranno i propri investimenti in semiconduttori di produzione propria e relativo hardware.

L'esperienza della prima guerra fredda conferma che tali metodi possono funzionare. I controlli sulle esportazioni erano parte del motivo per cui l'economia sovietica non poteva tenere il passo con gli Stati Uniti nella tecnologia dell'informazione. La questione è se questo approccio possa funzionare contro la Cina, che oggi è l'officina del mondo tanto quanto lo era l'America nel 20° secolo, con un'economia industriale molto più ampia e profonda di quanto l'Unione Sovietica abbia mai raggiunto.

I lettori del romanzo di fantascienza The Three-Body Problem di Liu Cixin ricorderanno che gli alieni del pianeta Trisolaris usano la sorveglianza intergalattica per fermare il progresso tecnologico sulla Terra mentre la loro forza d'invasione si fa strada attraverso lo spazio profondo. L'arresto dello sviluppo della Cina può davvero essere il modo in cui gli Stati Uniti prevalgono nella seconda guerra fredda?

Vero, le recenti restrizioni del Dipartimento del Commercio - sul trasferimento di unità di elaborazione grafica avanzata in Cina, l'uso di chip e competenze americane nei supercomputer cinesi e l'esportazione in Cina di tecnologia per la produzione di chip - pongono grossi problemi a Pechino. Essenzialmente hanno tagliato fuori la Repubblica Popolare da tutti i chip semiconduttori di fascia alta, compresi quelli fabbricati a Taiwan e in Corea, così come tutti gli esperti di chip che sono "persone statunitensi", che include titolari di carta verde e cittadini.

È anche vero che non ci sono soluzioni rapide per il presidente cinese Xi Jinping. La maggior parte della capacità di fabbricazione cinese si trova in nodi a bassa tecnologia (meno di 16 nanometri). Non può evocare dall'oggi al domani un clone continentale della Taiwan Semiconductor Manufacturing Co., che è leader mondiale nella raffinatezza dei suoi chip. Né Xi può aspettarsi che TSMC faccia affari come al solito se la Cina lanciasse con successo un'invasione di Taiwan. Le fabbriche di chip dell'azienda verrebbero quasi certamente distrutte in una guerra. Anche se sopravvivessero, non potrebbero funzionare senza il personale TSMC, che potrebbe fuggire, e l'equipaggiamento proveniente da Stati Uniti, Giappone ed Europa, che cesserebbe di essere disponibile.

Eppure la Cina ha altre carte da giocare. È dominante nella lavorazione di minerali vitali per l'economia moderna, tra cui rame, nichel, cobalto e litio. In particolare, la Cina controlla oltre il 70% della produzione di terre rare sia in termini di estrazione che di lavorazione. Si tratta di 17 minerali utilizzati per realizzare componenti in dispositivi come smartphone, veicoli elettrici, pannelli solari e semiconduttori. Un embargo sulle loro esportazioni negli Stati Uniti potrebbe non essere un colpo letale, ma costringerebbe gli Stati Uniti ei suoi alleati a sviluppare in fretta altre fonti.

Il tallone d'Achille dell'America è spesso visto come il suo percorso fiscale insostenibile. Ad un certo punto del prossimo decennio, secondo il Congressional Budget Office, è probabile che il pagamento degli interessi sul debito federale superi la spesa per la difesa. Nel frattempo, non è immediatamente evidente chi acquista tutti i buoni del Tesoro aggiuntivi emessi ogni anno se la Federal Reserve è impegnata in una stretta quantitativa.

Questo potrebbe dare alla Cina l'opportunità di esercitare pressioni finanziarie sugli Stati Uniti? A luglio deteneva titoli del Tesoro per un valore di 970 miliardi di dollari, diventando così il secondo maggior detentore estero di debito statunitense. Come è stato spesso sottolineato, se la Cina scegliesse di scaricare i suoi buoni del Tesoro, farebbe salire i rendimenti obbligazionari statunitensi e farebbe scendere il dollaro, anche se non senza causare a se stessa un notevole dolore.

Tuttavia, la maggiore vulnerabilità americana potrebbe risiedere nel regno delle risorse piuttosto che nella finanza. Gli Stati Uniti hanno cessato da tempo di essere un'economia manifatturiera. È diventato un grande importatore dal resto del mondo.

Come sottolinea Matthew Suarez , un tenente del Corpo dei Marines degli Stati Uniti, in un saggio perspicace su American Purpose, ciò rende la nazione fortemente dipendente dalla marina mercantile mondiale. “Mettendo da parte il movimento del petrolio e delle merci alla rinfusa”, scrive Suarez, “la maggior parte delle merci scambiate a livello internazionale viaggia in uno dei sei milioni di container trasportati in circa 61.000 navi. Questo flusso di merci dipende da un altrettanto solido flusso parallelo di informazioni digitali”.

Il crescente predominio della Cina in entrambe queste aree non deve essere sottovalutato. La Belt and Road Initiative di Pechino ha creato infrastrutture che riducono la dipendenza cinese dal commercio marittimo. Nel frattempo, Shanghai Westwell Lab Information Technology Co. sta rapidamente diventando il fornitore leader dei sistemi operativi portuali più avanzati.

La guerra in Ucraina ha ricordato che l'interruzione del commercio è un'arma di guerra vitale. Ci ha anche ricordato che una grande potenza deve essere in grado di produrre in serie armi moderne, con o senza accesso alle importazioni. Entrambe le parti in guerra hanno consumato quantità sbalorditive di proiettili e missili, nonché veicoli corazzati e droni. La grande domanda sollevata da qualsiasi conflitto cino-americano è per quanto tempo gli Stati Uniti potrebbero sostenerlo.

Come ha sottolineato il mio collega dell'Hoover Institution Jackie Schneider , solo "quattro mesi di sostegno all'Ucraina ... hanno esaurito gran parte delle scorte di tali armi, compreso un terzo dell'arsenale di giavellotti statunitensi e un quarto degli stinger statunitensi". Secondo il Royal United Services Institute , le munizioni di artiglieria che gli Stati Uniti producono attualmente in un anno sarebbero bastate solo per 10 giorni o due settimane di combattimento in Ucraina nella prima fase della guerra.

Un rapporto del Dipartimento della Difesa del febbraio 2022 sulla capacità industriale ha avvertito che le società statunitensi che producono missili tattici, velivoli ad ala fissa e satelliti hanno ridotto la loro produzione di oltre la metà.

Come ho sottolineato altrove, gli Stati Uniti oggi si trovano in qualche modo nella situazione dell'Impero britannico negli anni '30. Se ripeterà gli errori che i successivi governi del Regno Unito hanno commesso in quel decennio, un'America fiscalmente sovraccaricata non riuscirà a dissuadere una nascente combinazione simile all'Asse di Russia, Iran e Cina dal rischiare un conflitto simultaneo in tre teatri: l'Europa orientale, il Medio Oriente e l'Estremo Oriente Est.

La differenza è che non ci sarà alcun potere industriale solidale che serva da "arsenale della democrazia" - una frase usata dal presidente Franklin D. Roosevelt in una trasmissione radiofonica il 29 dicembre 1940. Questa volta sono le autocrazie ad avere il potere arsenale.

L'amministrazione Biden deve stare estremamente attenta a non perseguire una guerra economica contro la Cina in modo così aggressivo da far ritrovare Pechino nella posizione del Giappone nel 1941, senza altra scelta che colpire presto e sperare in un successo militare. Questo sarebbe davvero molto pericoloso, poiché la posizione della Cina oggi è molto più forte di quella del Giappone allora.

Kissinger ha ragione a preoccuparsi dei pericoli di una guerra mondiale. La prima e la seconda guerra mondiale furono precedute ciascuna da conflitti minori: le guerre balcaniche del 1912 e 1913, l'invasione italiana dell'Abissinia (1936), la guerra civile spagnola (1936-39), la guerra sino-giapponese (1937). L'invasione russa dell'Ucraina può sembrare che stia andando bene per l'Occidente in questo momento. Ma nel peggiore dei casi, potrebbe essere un presagio simile di una guerra molto più ampia.

Fonte: Bloomberg

81 visualizzazioni0 commenti
bottom of page