Putin fraintende la storia. Anche Biden, purtroppo.

Per lo storico Niall Ferguson, Biden sta commettendo un errore colossale nel pensare di poter dissanguare la Russia, rovesciare Putin e segnalare alla Cina di tenere le mani lontane da Taiwan. Prolungare la guerra rischia non solo di lasciare decine di migliaia di ucraini morti, ma anche di consegnare a Putin qualcosa che può plausibilmente presentare, a casa sua, come una vittoria. È, a pensarci bene, l'archetipo della Realpolitik per consentire, alla carneficina in Ucraina di continuare e impantanare Putin; sedersi e guardare gli eroici ucraini "dissanguare la Russia"; pensare al conflitto come a una mera sottotrama della Seconda Guerra Fredda, una lotta in cui la Cina è il vero avversario degli Stati Uniti. Questi presupposti sono gravemente sbagliati e riflettono una incomprensione rilevante della storia


di Nicola Iuvinale

Bloomberg ha pubblicato un articolo dello storico scozzese Niall Ferguson, secondo il quale la strategia statunitense nei confronti dell'Ucraina ripete la logica superata della Guerra Fredda e molto probabilmente non porterà alla caduta del regime di Putin.

"La lingua che le persone parlano nei corridoi del potere", ha osservato una volta l'ex segretario alla Difesa Ashton Carter, "non è economia o politica. È storia”.

In un recente articolo accademico, Ferguson ha dimostrato quanto ciò fosse vero dopo gli attacchi terroristici dell'11 settembre del 2001 e il fallimento del "15 settembre 2008" di Lehman Brothers.

I responsabili politici, mentre reagivano, hanno utilizzato tutti i tipi di analogie storiche.

"La Pearl Harbor del 21° secolo ha avuto luogo oggi", annotò nel suo diario il presidente George W. Bush, la notte degli attentati; questo, per fare solo un esempio, sebbene nei giorni successivi siano stati tracciati molti altri parallelismi, dalla Guerra civile, a quella fredda.

Sette anni dopo, il presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke e il presidente della Fed di New York, Tim Geithner, furono i primi membri del Federal Open Market Committee, ad accettare il fatto che, senza l'adozione di misure drastiche, avrebbero rischiato di nuovo la "Grande Depressione".

"Quale storia passata, vissuta, sta influenzando, oggi, le decisioni a Washington, mentre la guerra in Ucraina si avvicina alla conclusione del suo primo mese?".

Sono emersi alcuni indizi.

"I funzionari americani sono divisi su quanto le lezioni delle guerre per procura, dalla Guerra Fredda a quella dell'Unione Sovietica in Afghanistan, possano essere applicate alla guerra in corso in Ucraina", ha precisato David Sanger per il New York Times.

Secondo Sanger, che non può aver scritto il suo pezzo senza fonti di alto livello, l'amministrazione Biden "cerca di aiutare l'Ucraina tentando di chiudere la Russia in un pantano, senza incitare ad un conflitto più ampio con un avversario dotato di armi nucleari o interrompere potenziali percorsi di de-escalation... Gli ufficiali della CIA stanno lavorando per garantire che le casse di armi vengano consegnate nelle mani di unità militari ucraine controllate, secondo funzionari americani. Ma per ora, il signor Biden e il suo staff non vedono l'utilità, di un più ampio sforzo segreto, per utilizzare l'agenzia di spionaggio a trasportare armi, come hanno fatto gli Stati Uniti in Afghanistan contro l'Unione Sovietica negli anni '80".

Leggendo attentamente questo passaggio, Ferguson "ritiene che gli Stati Uniti intendano continuare questa guerra".

L'amministrazione continuerà a fornire agli ucraini Stinger antiaerei, Javelins anticarro e droni Switchblade esplosivi.

Continuerà a cercare di persuadere altri governi dell'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico a fornire armi difensive più pesanti. (L'ultima proposta degli Stati Uniti è che la Turchia fornisca all'Ucraina il sofisticato sistema antiaereo S-400, che Ankara ha acquistato da Mosca solo pochi anni fa. Ciò potrebbe avvenire anche per i MiG polacchi).

"Washington tornerà al playbook dell'Afghanistan dopo il 1979: fornire un'insurrezione solo se il governo ucraino perderà la guerra convenzionale".

A dimostrazione di ciò, Ferguson dice di avere prove da altre fonti.

"Ora l'unica fine del gioco" , sentito dire da un alto funzionario dell'amministrazione in un evento privato all'inizio di questo mese, "è la fine del regime di Putin. Fino ad allora, per tutto il tempo in cui Putin rimarrà, [la Russia] è uno stato che non sarà mai accolto di nuovo nella comunità delle nazioni. La Cina ha commesso un enorme errore nel pensare che Putin la farà franca. Vedere la Russia tagliata fuori, non sembrerà un buon vettore e dovranno rivalutare l'asse sino-russo. Tutto questo per dire che la democrazia e l'Occidente potrebbero ben guardare a questo come a un momento cruciale di rafforzamento”.

Immaginiamo, che alti esponenti britannici parlino in termini simili.

A Londra, si ritiene che "l'opzione numero 1 del Regno Unito sia quella di estendere il conflitto e quindi far sanguinare Putin".

Ancora e ancora, l'autore sente un linguaggio simile.

"Ciò, aiuta a spiegare, tra le altre cose, la mancanza di qualsiasi sforzo diplomatico da parte degli Stati Uniti per garantire un cessate il fuoco. Spiega anche la disponibilità del presidente Joe Biden a chiamare Putin un criminale di guerra e un macellaio".

Ora, scrive Ferguson, "potrei essere troppo pessimista. Mi piacerebbe molto condividere l'ottimismo di Francis Fukuyama sul fatto che "la Russia si stia dirigendo verso una sconfitta totale in Ucraina".

Ecco la sua audace previsione del 10 marzo (qui):

"Il crollo della loro posizione (la Russia) potrebbe essere improvviso e catastrofico, piuttosto che avvenire lentamente attraverso una guerra di logoramento. L'esercito sul campo raggiungerà un punto in cui non potrà né essere rifornito né ritirato e il morale si vaporizzerà. ... Putin non sopravviverà alla sconfitta del suo esercito ... Una sconfitta russa renderà possibile una "nuova nascita di libertà" e ci farà uscire dal nostro funk sullo stato in declino della democrazia globale. Lo spirito del 1989 sopravviverà, grazie a un gruppo di coraggiosi ucraini.

Non c'è dubbio, dice Ferguson, che la forza d'invasione russa abbia subito perdite molto elevate e di equipaggiamento.

Incredibilmente, Komsomolskaya Pravda, un quotidiano russo pro-Cremlino, ha appena pubblicato i numeri del Ministero della Difesa russo che indicano 9.861 soldati russi uccisi in Ucraina e 16.153 feriti. (La storia è stata rapidamente rimossa.).

In confronto, 15.000 soldati sovietici sono morti e 35.000 sono rimasti feriti in 10 anni in Afghanistan.

Inoltre, ci sono ampie prove che la loro logistica è un pasticcio, esemplificato dai molti camion di rifornimenti che sono stati semplicemente abbandonati perché i loro pneumatici o motori si sono fermati. Con queste misure, l'Ucraina sembra vincere la guerra, come hanno sostenuto Phillips O'Brien ed Eliot A. Cohen.

La storia fornisce anche numerosi casi di regimi autoritari che sono andati in pezzi abbastanza rapidamente di fronte ai rovesci militari: si pensi al destino di Saddam Hussein e Moammar Al Gheddafi, o alla giunta argentina che invase le Falkland quasi esattamente 40 anni fa.

"Sarebbe davvero meraviglioso se la combinazione tra il logoramento in Ucraina e una crisi finanziaria indotta dalle sanzioni in patria portasse alla caduta di Putin. Prendi questo, Cina! Basta provare lo stesso trucco con Taiwan, a cui, tra l'altro, teniamo molto più dell'Ucraina a causa di tutti quegli incredibili semiconduttori che producono alla Taiwan Semiconductor Manufacturing Co.".

La cosa affascinante di questa strategia è il modo in cui combina cinismo e ottimismo.

"È, a pensarci bene, l'archetipo della Realpolitik per consentire alla carneficina in Ucraina di continuare; sedersi e guardare gli eroici ucraini "dissanguare la Russia"; pensare al conflitto come a una mera sottotrama della Seconda Guerra Fredda, una lotta in cui la Cina è il vero avversario degli Stati Uniti".

L'amministrazione Biden pensa di fare abbastanza per sostenere lo sforzo bellico ucraino, ma non tanto da provocare un'escalation di Putin. Pensa anche di fare abbastanza per soddisfare l'opinione pubblica, che si è fortemente mobilitata dietro l'Ucraina, ma non tanto da costare vite americane, a parte alcuni sfortunati volontari e giornalisti.

"L'ottimismo, tuttavia, è il presupposto che permetterà alla guerra di andare avanti e minerà la posizione di Putin; e che la sua umiliazione, a sua volta, servirà da deterrente alla Cina. Temo che questi presupposti possano essere gravemente sbagliati e riflettere un'incomprensione rilevante della storia".

Prolungare la guerra rischia non solo di lasciare decine di migliaia di ucraini morti e milioni di senzatetto, ma anche di consegnare a Putin qualcosa che può plausibilmente presentare, a casa sua, come vittoria. Scommettere su una rivoluzione russa è scommettere su un evento estremamente raro, anche se la guerra continua ad andare male per Putin; se la guerra andrà a suo favore, non ci sarà nessun colpo di stato.

Per quanto riguarda la Cina, "credo che l'amministrazione Biden sia profondamente fuorviata nel pensare che le sue minacce di sanzioni secondarie contro le società cinesi dissuaderanno il presidente Xi Jinping dal fornire assistenza economica alla Russia".

A cominciare dalla situazione militare, che gli analisti occidentali presentano costantemente in una luce troppo favorevole per gli ucraini.

"Mentre scrivo, è vero che i russi sembrano aver sospeso il loro programmato accerchiamento di Kiev, anche se i combattimenti continuano alla periferia della città.

Ma i teatri di guerra da tenere d'occhio sono a est e a sud".

A est, secondo esperti militari, c'è un rischio significativo che le posizioni ucraine vicino al Donbas siano seriamente minacciate nelle prossime settimane. Nel sud, una forza cecena, dalle dimensioni di un battaglione, si sta avvicinando alla città di Mariupol, assediata e distrutta per l'80%.

Ai difensori ucraini mancano punti di rifornimento e spazio per un breakout tattico.

"In breve, la caduta di Mariupol potrebbe essere a pochi giorni di distanza. Ciò a sua volta libererà le forze russe per completare l'avvolgimento del fronte del Donbas".

I prossimi grandi obiettivi nel sud si trovano più a ovest: Mykolayiv, che è nell'entroterra, a nord-ovest di Kherson, e poi il vero premio, la storica città portuale di Odessa.

Non aiuta, i difensori ucraini, il fatto che una grande tempesta nel Mar Nero settentrionale, di venerdì scorso, abbia causato danni considerevoli alle difese marittime ucraine rimuovendo le loro mine.

Alcuni giorni fa, affermano i russi, hanno usato per la prima volta un'arma ipersonica in combattimento: un missile Kinzhal lanciato dall'aria, che è stato utilizzato per eliminare un deposito sotterraneo di munizioni a Deliatyn, nell'Ucraina occidentale.

Avrebbero potuto ottenere lo stesso risultato con un missile da crociera convenzionale.

"Il punto era presumibilmente quello di ricordare ai sostenitori dell'Ucraina la potenza di fuoco di gran lunga superiore, che la Russia ha a sua disposizione. Finora, circa 1.100 missili hanno colpito l'Ucraina. Ma ce ne sono molti di più da dove provengono".

E, naturalmente, Putin ha il potere – a differenza di Saddam o Gheddafi – di minacciare di usare armi nucleari.

Il prossimo colpo sarà quando le forze bielorusse invaderanno l'Ucraina occidentale da nord, cosa che lo stato maggiore ucraino prevede accadrà nei prossimi giorni e che potrebbe rappresentare una minaccia per la fornitura di armi dalla Polonia.

In ogni caso, Putin avrebbe altre opzioni meno "incendiarie", se scegliesse di intensificare. Cyberwarfare finora è stata "il cane di Sherlock Holmes che non abbaiava".

Lunedì scorso l'amministrazione Biden ha ufficialmente avvertito il settore privato: "Attenzione al cane". Sono possibili anche attacchi fisici diretti all'infrastruttura (ad esempio, i cavi sottomarini che trasportano la maggior parte del traffico digitale globale).

"Non riesco a vedere, nell'attuale strategia occidentale, alcuna reale visione di quanto gravemente potrebbe andare questa guerra per l'Ucraina, nelle prossime settimane".

L'incentivo per Putin è ovviamente quello di crearsi una posizione contrattuale più forte di quella che ha attualmente, prima di avviare negoziati seri.

Gli ucraini hanno mostrato le loro carte. Sono pronti a rinunciare all'idea dell'adesione alla NATO; accettare la neutralità; chiedere garanzie di sicurezza a terzi; accettare limiti alle proprie capacità militari.

Ciò che è meno chiaro è la loro posizione sul futuro status della Crimea e delle presunte repubbliche indipendenti di Donetsk e Luhansk.

Sembra ovvio che Putin abbia bisogno di qualcosa di più di questi, per poter affermare in modo credibile di aver vinto la sua guerra.

Sembra altrettanto ovvio che, se credono di vincere, gli ucraini non cederanno un miglio quadrato di territorio.

Il controllo della costa del Mar Nero darebbe a Putin le basi per chiedere ulteriori concessioni, in particolare un "ponte terrestre" dalla Crimea alla Russia.

Nel frattempo, le sanzioni principalmente finanziarie imposte alla Russia stanno facendo il loro dovere, causando qualcosa come la corsa agli sportelli a livello nazionale e la carenza di beni di consumo. Le stime variano per quanto riguarda l'entità della contrazione economica, forse fino ad un terzo, ricordando le condizioni di depressione che seguirono al crollo sovietico nel 1991.

Eppure, finché i paesi dell'Unione Europea si rifiuteranno di imporre un embargo energetico alla Russia, il regime di Putin continuerà a ricevere circa 1,1 miliardi di dollari al giorno dall'UE per l'acquisto di petrolio e gas.

"Rimango scettico sul fatto che le sanzioni attualmente applicate possano fermare la macchina da guerra russa o rovesciare Putin. Perché la scorsa settimana il rublo non è ulteriormente sceso e non è addirittura salito contro l'euro? Ricorda, entrambe le parti possono applicare la cronologia".

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy è un maestro dell'arte, adattando con cura i suoi discorsi a ciascun parlamento nazionale a cui si rivolge, raccontando efficacemente un paese dopo l'altro: “La nostra storia è la tua storia. Siamo voi."

Ha dato agli inglesi Churchill, ai tedeschi il muro di Berlino, agli yankee Martin Luther King Jr. e agli israeliani l'Olocausto.

Putin applica la storia in modo diametralmente opposto.

"Il presidente ha completamente perso interesse per il presente", ha affermato il giornalista russo Mikhail Zygar, in un recente articolo del New York Times.

“L'economia, le questioni sociali, la pandemia di coronavirus, tutto questo lo infastidisce. Invece, lui e [il suo consigliere Yuri] Kovalchuk sono ossessionati dal passato".

"Posso capire che i recenti scrittori, pseudo-studiosi, di Putin - sulle origini della seconda guerra mondiale e "Sull'unità storica dei russi e degli ucraini " - confermano la svolta storica nel suo pensiero."

"Non sono d'accordo con l'ex ministro degli Esteri russo, Andrey Kozyrev , che ha detto al Financial Times che, per Putin e i suoi amici, "la guerra fredda non si è mai fermata. Non è questa la storia che interessa a Putin".

Come ha detto a Der Spiegel il politologo bulgaro Ivan Krastev, Putin “ha espresso indignazione per il fatto che l'annessione della Crimea fosse stata paragonata all'annessione dei Sudeti da parte di Hitler nel 1938. Putin vive in analogie e metafore storiche. Coloro che sono nemici della Russia eterna devono essere nazisti”.

Inoltre:

"L'ipocrisia dell'Occidente è diventata una sua ossessione e si riflette in tutto ciò che fa il governo russo. Sapevate che in alcune parti della sua dichiarazione sull'annessione della Crimea, ha preso quasi alla lettera dei passaggi dalla dichiarazione di indipendenza del Kosovo, che è stata sostenuta dall'Occidente? O che l'attacco a Kiev sia iniziato con la distruzione della torre della televisione, proprio mentre la NATO ha attaccato la torre della televisione a Belgrado nel 1999?".

Eppure la storia così recente è meno significativa per Putin, di quella molto più antica del passato imperiale della Russia.

"Ho già parlato di questo argomento qui prima".

Una nuova prova che il progetto di Putin non è la resurrezione dell'Unione Sovietica, ma guarda indietro all'imperialismo zarista e all'Ortodossia, è stata fornita dal suo discorso alla manifestazione fascista, tenutasi nel principale stadio di calcio di Mosca.

La sua allusione conclusiva all'ammiraglio zarista Fëdor Ushakov, che si fece famoso ottenendo vittorie nel Mar Nero, è molto inquietante per Odessa.

"I cinesi sanno anche applicare la storia ai problemi contemporanei, ma lo fanno ancora in modo diverso. Mentre Putin vuole riportare la Russia post-sovietica in un passato zarista mitizzato, Xi rimane l'erede di Mao Zedong, uno che aspira a un posto al suo fianco, nel pantheon del Partito Comunista Cinese".
Nella telefonata di due ore, secondo quanto riportato dal ministero degli Esteri cinese, Biden ha detto a Xi: "50 anni fa, Stati Uniti e Cina fecero l'importante scelta di emettere lo Shanghai Communique. Cinquant'anni dopo, le relazioni USA-Cina sono arrivate ancora una volta a un momento critico. Il modo in cui questa relazione si svilupperà plasmerà il mondo nel 21° secolo". Biden ha ribadito che gli Stati Uniti non cercano una nuova Guerra Fredda con la Cina; non mira a cambiare il sistema cinese; il rilancio delle sue alleanze non è mirato alla Cina; gli Stati Uniti non supportano "l'indipendenza di Taiwan"; e non ha alcuna intenzione di cercare un conflitto con la Cina.

A giudicare dalla risposta di Xi, non crede a una parola delle assicurazioni di Biden:

"La relazione Cina-USA, invece di uscire dalla difficile situazione creata dalla precedente amministrazione statunitense, ha incontrato un numero crescente di sfide. … In particolare ... alcune persone negli Stati Uniti hanno inviato un segnale sbagliato alle forze di "indipendenza di Taiwan". Questo è molto pericoloso. La cattiva gestione della questione di Taiwan avrà un impatto dirompente sui legami bilaterali ... La causa diretta dell'attuale situazione nelle relazioni Cina-USA è che alcune persone dalla parte degli Stati Uniti non hanno seguito l'importante intesa comune raggiunta dai due Presidenti …".
Xi ha concluso con un detto cinese: “Chi ha legato il campanello alla tigre deve toglierlo”.

I falchi cinesi nell'amministrazione Biden - in particolare Kurt Campbell e Rush Doshi al Consiglio di sicurezza nazionale - non amano il termine "Seconda Guerra Fredda".

Ma il recente libro di Doshi " The Long Game" (recensito da Ferguson qui ) è essenzialmente un manuale per il contenimento della Cina; è la cosa più vicina al fondamentale Long Telegram di George Kennan e all'articolo "X" in Foreign Affairs.

E il consigliere per la sicurezza nazionale, Jake Sullivan, non si è reso popolare durante la maratona di lunedì scorso con il suo omologo cinese, Yang Jiechi, minacciando sanzioni secondarie contro un elenco di società cinesi che gli Stati Uniti terranno d'occhio per vedere se stanno commerciando con la Russia.

Se Benn Steill e Benjamin Della Rocca del Council on Foreign Relations avessero ragione, i cinesi avrebbero già aiutato la Russia a nascondere alcune delle sue riserve valutarie dalle sanzioni finanziarie.

A giudicare dalla sua intervista del fine settimana sul Wall Street Journal, un membro dell'NSC del presidente Donald Trump, Matthew Pottinger, è ora più che contento di chiamare una guerra fredda con il suo vero nome.

"Sono d'accordo: l'invasione dell'Ucraina ricorda per molti versi l'invasione della Corea del Sud da parte della Corea del Nord nel 1950".

"Direi così: la seconda guerra fredda è come una strana immagine speculare della prima guerra fredda. Nella prima guerra fredda, il partner senior era la Russia, il partner minore era la Cina - ora i ruoli sono invertiti. Nella prima guerra fredda, quella calda è stata in Asia (Corea), ora è in Europa (Ucraina). Nella prima guerra fredda, la Corea è stata solo il primo di molti scontri con aggressivi delegati sostenuti dai sovietici: oggi la crisi in Ucraina sarà probabilmente seguita da crisi in Medio Oriente (Iran) ed Estremo Oriente (Taiwan)".

Ma c'è un contrasto molto sorprendente.

Nella prima guerra fredda, l'amministrazione del presidente Harry Truman è stata in grado di guidare una coalizione internazionale con un mandato delle Nazioni Unite per difendere la Corea del Sud; ora l'Ucraina, deve accontentarsi solo di forniture di armi. E la ragione di ciò, come abbiamo visto, è l'intenso timore dell'amministrazione Biden che Putin possa far degenerare la guerra in una nucleare, se il sostegno degli Stati Uniti all'Ucraina si spingesse troppo oltre.

Non era un problema nel 1950.

Sebbene i sovietici avessero condotto il loro primo test atomico il 29 agosto 1949, meno di un anno prima dello scoppio della guerra di Corea, non erano in alcun modo pronti a vendicarsi se (come raccomandato dal generale Douglas MacArthur ) gli Stati Uniti avessero usato le bombe atomiche per vincere la guerra di Corea.

"La storia parla nei corridoi del potere. Ma parla con voci diverse, a seconda di dove si trovano i corridoi. Dal mio punto di vista - e mi piacerebbe davvero sbagliarmi su questo - l'amministrazione Biden sta commettendo un errore colossale pensando di poter prolungare la guerra in Ucraina, dissanguare la Russia, rovesciare Putin e segnalare alla Cina di tenere le mani lontane da Taiwan".

Ogni passo di questa strategia si basa su una storia dubbia.

L'Ucraina non è l'Afghanistan negli anni '80, e anche se lo fosse, questa guerra non durerà 10 anni. Permettere all'Ucraina di essere bombardata e ridotta in macerie da Putin, non è intelligente; gli getta le basi per raggiungere il suo obiettivo, di rendere impraticabile l'indipendenza ucraina.

Putin, come la maggior parte dei leader russi nella storia, molto probabilmente morirà per cause naturali.
"E la Cina osserva tutto questo con un crescente senso di certezza, di non essere alle prese con gli Stati Uniti di Truman e Kennan. Perché quell'America - quella che ha condotto con tanta sicurezza la fase di apertura della prima guerra fredda - è essa stessa ora storia".

Fonte: Bloomberg

Niall Ferguson è Milbank Family Senior Fellow presso la Hoover Institution della Stanford University e editorialista di Bloomberg Opinion. In precedenza è stato professore di storia ad Harvard, New York University e Oxford. È il fondatore e amministratore delegato di Greenmantle LLC, una società di consulenza con sede a New York. Il suo ultimo libro è "Doom: The Politics of Catastrophe".

59 visualizzazioni0 commenti