top of page

RAPPORTO SPECIALE. Cosa c'è all’interno dell’espansione militare globale della Cina

Per due decenni, il regime cinese ha versato decine di miliardi di dollari nelle nazioni a basso e medio reddito, finanziando massicci progetti portuali in nome dello sviluppo globale anche con scopi militari



di Gabriele e Nicola Iuvinale


Esperti e legislatori avvertono che il Partito Comunista Cinese (PCC), che governa la Cina come stato monopartitico, cerca di espandere la sua presenza militare globale creando nuove basi navali all’estero nei porti commerciali che ha finanziato e costruito.

Secondo un nuovo rapporto di AidData, un think tank che analizza le spese per gli aiuti pubblici su progetti di sviluppo internazionale, dal 2001 il regime ha speso quasi 30 miliardi di dollari in infrastrutture portuali estere.

Al Congresso americano chi ha il compito di contrastare la minaccia di un nuovo PCC espansionista, la ricerca del regime di Pechino di nuove opportunità di basi estere è considerato uno sviluppo allarmante che richiede un’azione immediata.

Il deputato Mike Gallagher (R-Wisconsin), che presiede il comitato ristretto della Camera del PCC, ritiene che l’unico mezzo per contrastare tale espansione sia attraverso maggiori investimenti militari e diplomatici da parte degli Stati Uniti.

Tali investimenti anche nei paesi partner, spera, contrasteranno l’influenza strisciante del PCC.

“L'espansione della presenza navale all'estero da parte del Partito Comunista Cinese è un allarme forte e gli Stati Uniti continuano a posticipare il problema”, ha detto Gallagher.

“Per contrastare l’influenza maligna e l’aggressione militare del PCC, gli Stati Uniti devono sia rafforzare la propria capacità militare-industriale sia essere più presenti nell’Indo-Pacifico, espandendo lo sviluppo e la diplomazia con i partner chiave per garantire che non soccombano alla trappola della diplomazia del debito".


La Cina cerca l’espansione militare globale

Il rapporto di AidData, “Harboring Global Ambitions”, analizza più di 20 anni di investimenti ufficiali da parte degli enti statali cinesi in progetti di porti marittimi d'oltremare che potrebbero costituire nuove basi navali militari.

Secondo il rapporto, dal 2000 al 2023, Pechino ha speso l’incredibile cifra di 29,9 miliardi di dollari attraverso prestiti e sovvenzioni per 123 diversi progetti in 78 porti in 46 nazioni a basso e medio reddito.

Ciascuno di questi progetti è stato finanziato direttamente da Pechino o da aziende statali.

Ciò significa che il rapporto non prende nemmeno in considerazione la potenziale spesa delle società ombra senza legami ufficiali con il regime, né tiene conto della politica del regime di fusione militare-civile, che richiede che tutte le entità private cinesi creino un’organizzazione militare a vantaggio del PCC.

Paul Crespo, presidente del think tank Center for American Defense Studies, ritiene che lo sforzo colossale sia in parte guidato dal desiderio del regime di tenere gli Stati Uniti in allerta in qualsiasi parte del mondo.

“La Cina sta rapidamente creando una grande flotta offensiva d’alto mare in grado di sfidare gli [Stati Uniti] ben oltre il Pacifico occidentale, specialmente durante una eventuale guerra per Taiwan”, ha detto Crespo.

“Oltre a permettergli di minacciare le nostre linee di rifornimento, la Cina desidera da tempo far sentire gli [Stati Uniti] come si sentono con una superpotenza navale straniera alle sue porte”.

Il PCC attualmente riconosce solo una base militare all’estero a Gibuti, nel Corno d’Africa. Tuttavia, i funzionari cinesi hanno da tempo riconosciuto un’ambizione globale per le loro forze armate e hanno suggerito che basi simili potrebbero essere in cantiere.

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha affermato nel 2016 che la Cina era disposta a collaborare con i paesi partner per sviluppare strutture simili a quella di Gibuti.

Allo stesso modo, l’edizione 2020 di “Science of Military Strategy” (pdf), pubblicata dall’Università nazionale della difesa cinese, suggerisce che per estendere la portata della Cina è necessaria una nuova rete di strutture navali a lungo raggio.

"Per migliorare le capacità di supporto oceanico della forza navale, oltre allo sviluppo di navi di supporto e di accompagnamento su larga scala, dobbiamo anche attribuire importanza alla costruzione di punti di rifornimento marittimi completi a lunga distanza e multicanali nell'oceano per garantire che le forze navali effettuino operazioni militari all’estero”, si legge nel documento".

Crespo, che in precedenza ha prestato servizio come addetto navale presso la Defense Intelligence Agency, ha affermato che una tale rete di basi sarebbe un prerequisito per il sostegno a lungo termine della presenza militare sempre più globale della Cina.

“Per sfidare la Marina americana a livello globale, la Cina ha bisogno di basi per il riarmo, il rifornimento di carburante, [il rifornimento] e per riparare la sua flotta in rapida espansione”, ha affermato Crespo.

Allo stesso modo, il rapporto AidData colloca i numerosi investimenti esteri del regime nel contesto più ampio per l’influenza globale.

In contrasto con l’impegno ferreo di Gallagher nel contrastare la forza con la forza ovunque nel mondo, il rapporto suggerisce che un tale approccio potrebbe solo peggiorare le tensioni globali.

"Gli [Stati Uniti] e i loro alleati devono essere vigili e allocare saggiamente le risorse, promuovendo alleanze e partenariati con i paesi che considerano di avvicinarsi alla Cina”, si legge nel rapporto. “Ma le coalizioni occidentali non dovrebbero reagire in modo eccessivo alle notizie o alle voci secondo cui la Cina starebbe stabilendo una base qua o là.

“Una corsa a capofitto da parte di un paese o di un’alleanza occidentale per stabilire nuove basi all’estero come mezzo di controbilanciamento potrebbe fornire esattamente la giustificazione o la copertura di cui la Cina ha bisogno per collocare una propria base navale”.

Qualunque sia l’approccio adottato dagli Stati Uniti, resta una questione aperta su dove sorgerà esattamente la prossima base del PCC.

Confrontando gli investimenti totali in singoli progetti portuali e soppesando il valore strategico di una posizione geografica, la forza delle relazioni del PCC con le élite locali, la stabilità politica regionale e l’allineamento elettorale della nazione con la Cina sulla scena mondiale, il rapporto AidData suggerisce pochi paesi come principali contendenti per le nuove infrastrutture militari cinesi.

Le scelte si estendono dall’Indo-Pacifico all’Atlantico e ciascuna regione offre vantaggi e svantaggi distinti.



Base indo-pacifica molto probabilmente

L’Indo-Pacifico è, forse, il luogo più logico per una nuova base militare.

Il PCC cerca di superare la prima catena di isole, assicurando così il libero accesso ai mari alle sue navi commerciali e militari. Allo stesso modo, mira a un maggiore controllo dei territori di pesca e delle risorse preziose in tutta la regione, dal Mar Cinese Meridionale all’Oceano Indiano.

Se il PCC volesse mettere gli Stati Uniti e i suoi alleati sotto una minaccia immediata e ottenere il controllo illimitato delle rotte commerciali più preziose del mondo, avrebbe bisogno di un maggiore controllo dell’Indo-Pacifico.

Sam Kessler, analista geopolitico presso la società di gestione del rischio North Star Support Group, ritiene che una base in questa regione sia il passo logico per il regime nella sua ascesa al dominio globale.

"In questo momento, è realistico vedere Pechino concentrarsi sulla costruzione di future basi navali più vicine alla loro area di influenza piuttosto che sparse su vari continenti”.

Allo stesso modo, il rapporto AidData rileva che “il Pacifico e l’Oceano Indiano sono gli ambienti marittimi di massima priorità per la Cina”.

In particolare, il rapporto ritiene che Hambantota nello Sri Lanka sia il contendente più probabile per la prossima base cinese all’estero, grazie alla sua posizione strategica al largo dell’India, alla popolarità di cui gode il regime tra le élite locali e al suo track record di voti in linea con gli interessi del PCC a livello internazionale.

In effetti, il PCC possiede un contratto di locazione di 99 anni sul porto di Hambantota. L’accordo è il risultato di ciò che alcuni analisti chiamano la diplomazia cinese della “trappola del debito”: il contratto di locazione è stato negoziato in cambio della riduzione di oltre 1 miliardo di dollari di debito cinese.



Kessler è d'accordo. I vantaggi strategici ed economici di una base nello Sri Lanka sono semplicemente troppo preziosi per essere trascurati.

"Come la Belt and Road Initiative, il PCC ha bisogno di una rete o di uno scudo di protezione che circondi il suo principale ambito di controllo, che è la Cina continentale”.

"I porti con investimenti di alto livello come Gwadar e Hambantota hanno un valore strategico e consentono al PCC di estendere le proprie capacità di proiezione di potere in tutto l’Oceano Indiano, nell’Indo-Pacifico, nel Medio Oriente e anche nell’Eurasia”.

In effetti, negli ultimi due decenni Pechino ha investito più di 2 miliardi di dollari nel porto internazionale di Hambantota, rendendolo il più grande investimento portuale del PCC. Il PCC ha anche investito più di 430 milioni di dollari nel vicino porto di Colombo, nello Sri Lanka, che potrebbe offrire strutture simili o di supporto.

Entrambi consentirebbero alla Cina di governare i mari come rivale diretto dell’India.


Lo Sri Lanka, sebbene sia una scelta ovvia, non è l'unica possibilità. Il rapporto di AidData e Kessler sottolineano la possibilità di Gwadar in Pakistan e Port Luganville a Vanuatu, vicino all'Australia.

A tal fine, il regime ha investito circa 577 milioni di dollari a Gwadar e 97 milioni di dollari a Port Luganville.

Secondo il rapporto, una base a Vanuatu consentirebbe al regime di rompere il suo apparente contenimento da parte delle forze statunitensi e alleate, mentre una in Pakistan consoliderebbe ulteriormente l’espansione del regime della Belt and Road Initiative in Medio Oriente e gli consentirebbe un maggiore controllo del territorio.



In particolare, la marina pakistana è anche il più grande acquirente estero di armi cinesi al mondo. Una base navale lì, in quanto tale, migliorerebbe tale rapporto militare-militare e possibilmente aumenterebbe l’interoperabilità tra le forze delle due nazioni.


La connessione con la Cambogia

Ci sono altre considerazioni da fare per quanto riguarda l'Indo-Pacifico. Vale a dire, come l’attuale sviluppo militare potrebbe ridurre o intensificare lo sviluppo futuro.

"Anche la Cambogia e il porto di Ream potrebbero svolgere un ruolo in questo scenario", ha affermato Kessler, riferendosi all'ampliamento in corso da parte del PCC della base militare di Ream in Cambogia, dove il regime sta costruendo strutture in acque profonde per la più grande base navale della Cambogia ed è probabile che beneficerà dell’accesso alla struttura stessa.


Anche se l’investimento ufficiale fino ad oggi è stato piccolo, Ream, in Cambogia, è molto probabile che diventi una struttura [navale cinese] in un modo o nell’altro”, afferma il rapporto AidData.

La comunità di sicurezza nazionale degli Stati Uniti ha lanciato avvertimenti dal 2019 che Cambogia e Cina hanno redatto un patto segreto che garantirebbe alla Cina un accesso militare illimitato al porto sul Golfo della Thailandia una volta completata l’espansione di Ream.

L'espansione e la modernizzazione della base aumenteranno di cinque volte le dimensioni delle navi in servizio, da quelle con un dislocamento di 1.000 tonnellate a quelle di 5.000 tonnellate.

Ciò significa che il porto sarà ancora troppo piccolo per ospitare i nuovi incrociatori missilistici guidati Tipo 055 della Cina, ma sarà in grado di ospitare le sue fregate più piccole, comprese quelle dotate di missili antinave e pacchetti di guerra elettronica.

Il porto è anche adiacente al Mar Cinese Meridionale, dove la Cina ha continuamente rivendicato illegalmente l’espansione del proprio territorio attraverso “diritti storici” inventati e la creazione di isole artificiali, che sostiene facciano parte del suo territorio vero e proprio.



La Cina ha speso 6,9 miliardi di dollari in progetti portuali nell’Africa occidentale in nove nazioni: Angola, Camerun, Costa d’Avorio, Guinea Equatoriale, Ghana, Guinea-Bissau, Mauritania, Nigeria e Sierra Leone.

Secondo Alexander Wooley, direttore delle partnership e delle comunicazioni di AidData, il cui team ha redatto il rapporto sugli investimenti cinesi, i flussi di denaro e altre risorse dalla Cina verso le nazioni dell’Africa occidentale potrebbero indicare che tale espansione sia in corso.

"Avranno una base da qualche parte in quella regione", ha detto Wooley durante un discorso del 15 agosto alla Heritage Foundation.

"Quale [paese] potrebbe essere, non lo dicono a nessuno."

Ci sono indizi, tuttavia, e il rapporto AidData suggerisce che la Guinea Equatoriale e il Camerun siano probabili contendenti. La Cina ha già speso più di 659 milioni di dollari per migliorare il porto di Bata, nella Guinea Equatoriale, e più di 1,3 miliardi di dollari a Kribi, in Camerun.

Entrambe le località offrirebbero al PCC una posizione senza precedenti nel Golfo di Guinea, consolidando la Cina come nazione di riferimento per gli investimenti esteri in tutto il mercato in rapida espansione dell’Africa e garantendo al regime un punto d’appoggio sull’Oceano Atlantico.



"Una base navale cinese nell'Africa occidentale o centrale metterebbe la [Marina dell'Esercito Popolare di Liberazione] a una distanza facilmente raggiungibile dagli Stati Uniti e dai paesi membri della NATO", afferma il rapporto.

A tal fine, un alto generale statunitense ha affermato l’anno scorso che Bata sembrava essere il luogo in cui il regime aveva avuto maggiore successo nei suoi sforzi per espandere la propria presenza militare africana.

Allo stesso modo, Kribi ora vanta acque abbastanza profonde e un molo abbastanza grande da ospitare le più grandi navi da guerra cinesi.

"Sia i porti di Bata che quelli di Kribi hanno condizioni interessanti affinché Pechino possa creare basi e relazioni a lungo termine con la loro leadership”, ha affermato Kessler.

"Tuttavia, l’obiettivo principale del PCC sarà sempre quello di preservare il proprio regno di influenza oltre ad espanderlo. Per quanto riguarda le basi navali, è più probabile che vengano costruite dall’interno e poi si espandano verso l’esterno”.


La competizione USA-Cina assume carattere globale

Qualunque sia la prossima azione del PCC, la decisione non sarà esente da resistenze del tipo che Gallagher e il Comitato Ristretto del PCC intendono opporre.

Il rapporto AidData rileva che ovunque gli Stati Uniti vengono a conoscenza degli investimenti del PCC e probabilmente i cinesi cercheranno di influenzare il governo locale per i propri fini.

Tali sforzi sembrano essere in corso in tutto il mondo, anche nel cortile di casa degli Stati Uniti. Secondo quanto riferito, il regime ha ottenuto un accordo con Cuba, ad esempio, per costruire una base di spionaggio a sole 100 miglia dalla costa della Florida.



A tal fine, il PCC deve essere cauto nel mantenere una posizione difendibile, soprattutto se intende costruire una struttura prima di un’invasione di Taiwan.

"Un avvertimento importante per la Cina è che nessuno dei porti sopra descritti è attualmente difendibile militarmente”, afferma il rapporto. “In una situazione di conflitto, diventerebbero bersagli di alto valore per un nemico”.

Tuttavia, il regime si trova ad affrontare difficoltà. Al PCC mancano i numerosi alleati formali degli Stati Uniti. Ciò significa che non può contare semplicemente sul fatto che la sua presenza militare venga accolta favorevolmente in qualsiasi parte del mondo finché non potrà costruire le proprie basi per garantirne la protezione con la forza.

"[La Cina] non appartiene ad una tipica alleanza di difesa come la NATO o la relativamente nuova AUKUS, quindi non ha rapporti con paesi in cui esiste una certa parità di condizioni in termini di rapporto in cui potrebbero basare le loro navi, come gli Stati Uniti con la flotta a Napoli, ad esempio”, ha affermato Wooley.

“Se vogliono schierare navi più lontano, non hanno questi rapporti con un alleato con una base navale ospitante. Non hanno tante navi di rifornimento quante potrebbero averne altre marine moderne, quindi ha senso cercare un posto dove avere una base navale”.

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, la leadership è attualmente bloccata nella posizione di dover indovinare dove sarà la prossima base cinese e allo stesso tempo impedirne la costruzione.

Pertanto, ha affermato Kessler, la leadership americana dovrebbe adattarsi – e adattarsi rapidamente – ai cambiamenti nel pensiero strategico della Cina e alle opzioni a sua disposizione.

"Gli Stati Uniti e i loro alleati non dovranno solo recuperare il ritardo, ma anche adattare approcci, mentalità, strategie e tattiche su come minimizzare o impedire in modo efficace che questi modelli diventino più efficaci ed espansivi da parte del PCC nel lungo termine”.
18 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page