top of page

Speciale: la penetrazione dell'Iran e del terrorismo islamico in America Latina


Gabriele e Nicola Iuvinale


Nonostante la distanza e le differenze culturali, l'America Latina è diventata un punto strategico per l'espansione internazionale dell'Iran. La sua vicinanza agli Stati Uniti e i movimenti sociali che hanno portato al potere governi di sinistra negli ultimi anni sono alcuni dei fattori che hanno contribuito a far sì che quest'area geografica diventasse un obiettivo della rivoluzione iraniana.


Foto Gettyimages

"Per Teheran, l'America Latina è una priorità internazionale e, dalla metà degli anni '80, la sua penetrazione nelle Americhe è aumentata", ha indicato l'Istituto spagnolo di studi strategici (IEEE) in un rapporto della fine del 2022.


Il regime iraniano, attraverso diverse dichiarazioni, ha evidenziato il suo interesse per l'America Latina, rendendo più volte pubblica la sua amicizia con alcuni Paesi della regione ed esprimendo il desiderio di espandere le relazioni bilaterali. Il Presidente iraniano Ebrahim Raisi, durante la sua visita del giugno 2023 in Nicaragua, Venezuela e Cuba, ha sottolineato il suo interesse ad espandere le relazioni in America Latina. "Vogliamo aumentare e approfondire le nostre relazioni in tutti i settori politici, economici, culturali e in tutte le aree, specialmente nella scienza e nella tecnologia", ha dichiarato dopo l'incontro con l'omologo nicaraguense Daniel Ortega, come riporta Voice of America.


Storicamente, le relazioni dell'America Latina con l'Iran sono state quasi inesistenti. Ma negli ultimi anni questa regione è diventata una priorità per l'Iran in cui espandere la propria influenza e la propria sfera d'azione. Ciò è stato confermato dal presidente iraniano Ebrahim Raisi alla fine del 2021, dopo un incontro a Teheran con l'allora ministro degli Esteri venezuelano Felix Plasencia.


Gli sforzi dell'Iran per penetrare nella regione vanno oltre l'ambito delle relazioni diplomatiche. Secondo lo studio Propaganda, Narratives and Influence in Latin America: Iran, Hezbollah and Al-Tajammu, realizzato dall'International Institute for Counter-Terrorism (ICT) dell'Università israeliana Reichman, l'Iran si avvale del sostegno di organizzazioni terroristiche e gruppi filo-iraniani per espandere la propria influenza ideologica in America Latina.


Lo studio sottolinea che il gruppo terroristico Hezbollah è stato responsabile della raccolta di fondi, della propaganda e delle operazioni di contrabbando. Inoltre, secondo il rapporto, altre organizzazioni filo-iraniane come Al-Tajammu starebbero giocando un ruolo importante nell'espandere l'influenza iraniana nella regione attraverso Internet, siti web e altre piattaforme di social media.


Il raggio d'azione dell'Iran si distingue come "guerra psicologica su larga scala che utilizza le reti sociali, i satelliti e i media in lingua spagnola, che promuovono gli interessi [iraniani] per attaccare l'Occidente e l'America Latina", ha dichiarato a Diálogo nel settembre 2022 Jorge Serrano, membro del team di consulenti della Commissione di intelligence del Congresso peruviano. "Il VEVAK [il Ministero nazionale iraniano dell'Intelligence e della Sicurezza] è dietro a tutto questo".


Tra i gruppi terroristici che sostengono l'Iran nella regione, merita attenzione anche l'Unità 840 della Forza Quds, una delle cinque branche del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC) iraniano.


L'influenza mediatica di Hezbollah


Secondo lo studio Hezbollah's Media Apparatus, realizzato dal think tank spagnolo International Observatory on Terrorism Studies (OIET), Hezbollah dispone di un conglomerato mediatico e di uno schieramento propagandistico molto potente e influente a livello internazionale.


Il principale strumento di propaganda è l'emittente televisiva Al-Manar, da cui trasmette le attività del gruppo terroristico e promuove l'ideologia del gruppo e i valori della rivoluzione islamica iraniana, secondo il rapporto. Tutti i media del gruppo terroristico si rivolgono a un pubblico libanese e internazionale, trasmettendo in diverse lingue, tra cui lo spagnolo. Secondo il rapporto, questo è un elemento fondamentale per l'espansione e il rafforzamento della sua guerra psicologica e della manipolazione delle informazioni nella regione.


Hezbollah ha anche un importante trampolino di lancio per la propaganda attraverso altri canali mediatici come HispanTV, che secondo il rapporto è il media iraniano attraverso il quale Hezbollah ha maggiore influenza nella regione. Lo studio evidenzia anche Al Mayadeen, un media pro-Hezbollah che opera in America Latina e il cui direttore, Wafica Ibrahim, collabora con TeleSur, la rete televisiva legata al regime venezuelano, e con Cubavisión Internacional e Canal Caribe del regime cubano.


Il modus operandis mediatico di Hezbollah


Per comprendere meglio l'influenza dell'Iran attraverso i social network e altre piattaforme mediatiche, l'ICT ha presentato due casi di studio che illustrano la narrativa utilizzata per esercitare la propria influenza.


Il primo caso è il canale Tertulias en Cuarentena su YouTube, creato da due membri spagnoli del Fronte Internazionalista Anti-Imperialista (FAI). L'obiettivo dei contenuti trasmessi è quello di penetrare negli schermi dell'America Latina, attraverso interviste condotte da altri media influenzati dall'Iran come Hispan TV, TeleSur, RT e Al Mayadeen, e di creare contenuti politici che sostengano le correnti ideologiche di Paesi come Venezuela e Cuba.


L'altro caso analizzato dal TIC è la piattaforma digitale Resumen Latinoamérica (RL). Questa pagina web creata in Argentina cerca di essere "l'altra faccia delle notizie sull'America e sul Terzo Mondo". L'obiettivo dei contenuti è quello di disinformare e creare terrorismo mediatico. La sua narrazione attacca coloro che considerano Hezbollah un'organizzazione terroristica e, proprio come Tertulias en Cuarentena, utilizza come fonti media iraniani come Al Mayadeen, Hispan TV e Al Manar, replicando anche le informazioni trasmesse da Tertulias en Cuarentena.


"Incoraggiano queste correnti di sinistra, sapendo che l'America Latina è duramente colpita dalla crisi economica e sociale", ha detto Serrano. "Approfittano di questo scenario e esacerbano il risentimento della popolazione emarginata o sfollata contro il sistema".


L'Iran, Hezbollah e i gruppi filo-iraniani "continueranno a creare altri canali su YouTube e sui social network per espandere questa guerra psicologica in America Latina e in Spagna", ha aggiunto. "Potrebbero produrre nei mesi o anni successivi attacchi terroristici nei Paesi in cui vedono uno scenario di maggiore vulnerabilità per perpetrarli".


Unità 840 della Forza Quds


L'Unità 840 è una divisione segreta dell'IRGC guidata dalla Forza Quds, il braccio esecutivo di tutti gli atti di terrorismo internazionale progettati e finanziati dalla Repubblica Islamica dell'Iran.


L'unità è responsabile della pianificazione e della creazione dell'infrastruttura terroristica al di fuori dell'Iran e lo fa attraverso l'uso di criminali locali per eseguire atti terroristici a livello globale e uccidere gli avversari all'estero. Allo stesso modo, il regime rafforza i suoi attacchi contro funzionari non identificati all'estero negli Stati Uniti, in Europa e in Medio Oriente.


Dal 2020, l'Iran è passato dal classificare e tracciare obiettivi per possibili attacchi in caso di escalation delle pressioni tra l'Occidente e l'Iran, al lancio di piani, tra cui il tentativo di assassinare uomini d'affari israeliani in Colombia.


Modus operandi dell'Unità 840


Le connessioni logistiche dell'Iran includono il movimento di materiali e persone sfruttando variabili e vulnerabilità note, probabilmente simili ai modelli di flusso migratorio utilizzati in America Latina.


Un esempio di come opera l'Unità 840 è il caso del fallito assassinio di due uomini d'affari israeliani in Colombia a metà del 2021, come riporta il sito di notizie argentino Infobae. L'operazione è stata pianificata con manodopera locale ed è stata coordinata da Rahmat Asadi, un terrorista iraniano che ha svolto attività di intelligence globale fingendosi un giocatore di paintball. Secondo Infobae, il piano è stato assegnato a due sicari colombiani che, sotto le istruzioni dirette di Asadi, hanno svolto il lavoro di intelligence e ingaggiato i membri di una banda locale per l'esecuzione delle vittime. Secondo Infobae, gli sforzi coordinati del governo colombiano e delle agenzie di intelligence occidentali e mediorientali hanno sventato il piano.



Indottrinamento e assimilazione 


Le relazioni dell'Iran con l'America Latina risalgono al 1979 con lo scoppio della Rivoluzione, un momento storico in cui Cuba e Nicaragua hanno rafforzato i legami ideologici con l'Iran, diventando così i pionieri dell'espansione iraniana nella regione, secondo lo studio IEEE. Da allora, le relazioni tra l'Iran e la regione si sono intensificate grazie a diverse strategie di penetrazione attuate da Teheran.


Per Joseph Humire, esperto di sicurezza globale e direttore esecutivo del think tank Center for a Secure Free Society, queste infiltrazioni possono essere suddivise in due fasi principali.


La prima la chiama "indottrinamento". Secondo Humire, sotto l'ipotesi di scambi commerciali e culturali, l'Iran ha infiltrato spie e altri attori sovversivi incaricati di organizzare reti di intelligence in tutta la regione. Attraverso questa strategia, ha detto l'esperto, "Teheran ha cercato di comprendere i fattori politici, le popolazioni e le società locali e le tendenze socioeconomiche e demografiche prevalenti, per trovare il modo migliore per influenzare l'America Latina a favore della rivoluzione iraniana".



Le conseguenze di queste infiltrazioni si riflettono nello studio dell'IEEE, che sottolinea come all'inizio degli anni '90 Hezbollah si sia diffuso rapidamente attraverso "il reclutamento e il successivo addestramento di cittadini latinoamericani per commettere attentati terroristici", come l'attentato del 1992 all'ambasciata israeliana di Buenos Aires e l'attacco terroristico del 1994 contro l'Associazione Mutua Israelita Argentina (AMIA).


La seconda fase, "l'assimilazione", ha avuto luogo con l'arrivo al potere di Mahmoud Ahmadinejad nel 2005, rafforzando la volontà di Teheran di espandere la propria ideologia in America Latina.


"Una volta che la presenza informale dell'Iran in America Latina ha un'influenza sufficiente, viene utilizzata per rafforzare la sua presenza diplomatica formale e ottenere un maggiore accesso alle élite politiche ed economiche del Paese. L'Iran sfrutta questa influenza per creare società di facciata che fungono da tramite per i suoi programmi missilistici nucleari occulti", ha affermato Humire.


Fondamentale in questa fase è stato il sostegno che l'Iran ha ricevuto dal defunto Hugo Chávez, attraverso il quale ha aumentato significativamente la sua presenza nella regione, non solo attraverso l'influenza ideologica ma anche militare. Secondo la ricerca dell'IEEE, l'Iran è il secondo partner commerciale del Venezuela e ha lo status di osservatore presso l'Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America (ALBA). Inoltre, i voli diretti con il Venezuela sono la porta d'accesso per gli iraniani in America Latina.



Anche in altri Paesi, come Nicaragua, Cuba e Bolivia, l'Iran ha mostrato un certo livello di successo, ha detto Humire, e la Bolivia è il Paese in cui è penetrato più intensamente negli ultimi anni. La Bolivia è probabilmente il Paese in cui l'Iran ha compiuto i maggiori progressi in America Latina, in quanto ha superato con successo le varie fasi dell'infiltrazione strategica, in linea con il "processo di cambiamento" (promesse di cambiamenti sociali, culturali, economici e politici) del regime di Evo Morales", ha aggiunto Humire.


Gli esperti assicurano che l'obiettivo dell'Iran è continuare a ottenere l'accesso alla regione e coordinare il movimento di persone e materiali attraverso vaghe pratiche logistiche. Per gli analisti, l'Iran continuerà a cercare di espandere la propria influenza in America Latina attraverso attività illecite, disinformazione, discorsi di odio e persino nuovi attacchi terroristici. Essi avvertono dell'importanza per i Paesi della regione di esercitare cautela nel fare affari con l'Iran.


Vigilanza


È giunto il momento di essere vigili nell'evidenziare le minacce e garantire la sicurezza dei cittadini e dei visitatori dell'America Latina. Secondo gli esperti, Iran, Hezbollah e gruppi filo-iraniani continueranno a sviluppare la loro influenza narrativa attraverso i social media. L'Iran continuerà a sfruttare le vulnerabilità nei modelli di flusso per spostare attori criminali e materiali in cerca di passaggio in America Latina verso il confine meridionale degli Stati Uniti.


L'Iran, e gruppi come l'Unità 840 della Forza Quds, continueranno ad approfittare del riciclaggio di denaro nell'area transfrontaliera per scopi terroristici progettati e finanziati dalla Repubblica Islamica dell'Iran. La suscettibilità e l'uso delle rotte transitorie dei migranti da parte di attori nefasti che spostano personale e materiali in tutta la regione per scopi terroristici è preoccupante e una maggiore attenzione a queste rotte deve essere posta al centro dell'attenzione.



Il rischio della penetrazione militare


Le attività dell'Iran in America Latina destano preoccupazione anche per la loro portata militare. A metà del 2021 è scattato l'allarme per la presenza di due navi da guerra iraniane nell'Atlantico meridionale, la cui destinazione, secondo Teheran, era il Venezuela, ha riferito la CNN en Español. Per Humire si trattava di "un segno non molto sottile che la Repubblica islamica considera l'America Latina un importante scenario strategico, degno di operazioni militari avanzate".


Secondo l'esperto, per molto tempo l'Iran si è sentito in svantaggio con gli Stati Uniti a causa della sua lontananza geografica. "Sta arrivando il giorno in cui l'Iran avrà diminuito questo svantaggio per diventare una minaccia più grande dell'emisfero occidentale", ha concluso Humire.


Nel tentativo di espandere la propria influenza in America Latina, l'Iran sta rafforzando la propria spinta al potere anche attraverso accordi strategici, come il recente trattato di cooperazione in materia di sicurezza e difesa firmato con la Bolivia, che rappresenta un rischio per la pace e la stabilità nella regione, secondo gli esperti di sicurezza.


Il trattato, firmato il 26 luglio scorso tra il ministro della Difesa iraniano, il generale di brigata Mohammad Reza Ashtiani, e il suo omologo boliviano, Edmundo Novillo, prevede il dispiegamento di droni di fabbricazione iraniana in Bolivia, che Novillo ha dichiarato di voler utilizzare per contrastare il traffico di droga e monitorare i confini, come ha riferito l'agenzia di stampa ufficiale iraniana IRNA.


In una mossa disperata, l'Iran sta cercando di aumentare le esportazioni di prodotti per la difesa per migliorare leggermente la sua martoriata economia, dove un dollaro americano costa mezzo milione di rial, ha indicato l'Istituto statunitense per lo studio della guerra. Il 25 maggio, il Centro statistico iraniano ha riportato un tasso di inflazione del 46,1%.


"Questo accordo, mascherato da lotta contro il traffico di stupefacenti, è uno scherzo. L'Iran ha coinvolto Hezbollah nel traffico di droga, riciclando il denaro dal Libano ai cartelli messicani, colombiani e transfrontalieri", ha dichiarato a Diálogo il 26 agosto Jorge Serrano, esperto di sicurezza e consulente della Commissione Congressuale di Intelligence del Perù.


Il boom del narcotraffico, del contrabbando e delle alleanze con "Stati canaglia" sta danneggiando l'America Latina: i tassi di criminalità per queste questioni sono aumentati", ha indicato la Direzione degli Affari Latinoamericani dell'organizzazione ebraica B'nai B'rith International. "Rinnovare i legami attraverso accordi nascosti aumenta la preoccupazione e l'inquietudine di tutti, senza eccezioni".


Rete statale e non statale


L'avanzata dell'Iran in Bolivia e nella regione si basa sull'alleanza militare tra La Paz e Caracas, per esercitare influenza sulle politiche estere dei governi latini, promuovendo posizioni contrarie alla democrazia, ha dichiarato Joseph Humire, direttore del think tank Center for a Secure Free Society in un commento del 17 agosto.


"L'Iran sta raggiungendo il suo pieno potenziale geopolitico nell'emisfero occidentale, pre posizionando mezzi militari e armamenti nella regione", ha affermato Humire.


"L'Iran sta avanzando nella sua capacità di infiltrarsi in tutta l'America Latina grazie ai legami che ha con il regime venezuelano", ha detto Serrano. "Il Venezuela è il principale promotore dell'infiltrazione della strategia iraniana nella regione, con la complicità dei servizi segreti di Cuba".


Per Humire, Teheran cerca di stabilire una rete di presenza statale e non statale in America Latina, replicando il suo approccio in Medio Oriente. Il Venezuela è alla guida di questa iniziativa.


L'alleanza La Paz-Teheran influenza già le dinamiche politiche e di sicurezza della regione, afferma Serrano.


Argentina


L'accordo di difesa tra Bolivia e Iran ha preoccupato il governo argentino, che ha contattato l'ambasciatore boliviano a Buenos Aires per chiedere informazioni sul memorandum raggiunto da Novillo a Teheran. Nel frattempo, la comunità ebraica argentina ha avvertito che l'accordo equivale ad "avere il tuo nemico accanto a te", ha riportato la pubblicazione digitale di affari esteri World Politics Review.


Secondo il quotidiano spagnolo La Razón, i droni iraniani in Bolivia potrebbero essere destinati a sostenere il lavoro dell'intelligence iraniana, piuttosto che concentrarsi esclusivamente sulla lotta al traffico di droga.


Novillo ha minimizzato le preoccupazioni dell'Argentina e ha affermato che la Bolivia cerca di ottenere i droni iraniani solo per salvaguardare i propri confini e combattere il traffico di droga. Ha respinto le critiche come "esagerate", ha riferito l'IRNA. Il nuovo accordo di difesa tra Bolivia e Iran non è stato pubblicato.


Nicaragua


Il regime nicaraguense di Daniel Ortega-Rosario Murillo ha difeso il diritto di ogni Paese a sviluppare armi nucleari in un incontro con il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian a Managua il 2 febbraio scorso, ha riferito il sito d'informazione statale del Nicaragua El 19 Digital.


"In questo mondo, ciò che si dovrebbe fare è che tutti [i Paesi] cerchino un modo per avere la nostra 'piccola arma nucleare', in modo che ci rispettino", ha detto Ortega durante la trasmissione in diretta dell'incontro con il ministro iraniano, alludendo agli Stati Uniti. "In questo modo mostrano rispetto, quando sanno che quel [Paese] che vogliono schiacciare ha armi nucleari".


"Questa dichiarazione dovrebbe essere considerata folle", ha dichiarato a Diálogo il 20 febbraio Napoleón Campos, esperto di relazioni estere in Salvador. "Insinuare che il Nicaragua possa arrivare a possedere un'arma atomica fa parte del delirio di un tiranno come Ortega, per mantenere sempre quel clima di paura e terrore generalizzato".


Ortega ha fatto questo commento mentre appoggiava i programmi nucleari della Corea del Nord e dell'Iran, ha riferito l'agenzia di stampa EFE, riferendosi all'accordo nucleare iraniano del 2015, che ha posto limiti severi allo sviluppo di attività nucleari sensibili da parte dell'Iran in cambio della revoca delle sanzioni. Nel 2018, gli Stati Uniti si sono ritirati dall'accordo e hanno imposto nuove sanzioni.


Nell'agosto del 2022, l'Unione Europea ha presentato un testo finale per rilanciare l'accordo con il sostegno degli Stati Uniti, ma l'Iran lo ha respinto, ponendo come condizione che l'osservatorio nucleare delle Nazioni Unite chiudesse l'indagine sul ritrovamento di uranio arricchito in siti non dichiarati in Iran.


Secondo il Dipartimento di Stato americano, l'Iran è il principale Stato sponsor del terrorismo al mondo. Le sue provocazioni nucleari, i suoi progressi nella produzione di uranio altamente arricchito, documentati dall'Agenzia internazionale per l'energia atomica, hanno esacerbato le tensioni regionali e globali.


"Se l'Iran è interessato al Nicaragua, dovrebbe essere per avere un altro 'piccolo cliente' per la sua industria militare in America Latina", ha detto Campos. "Dovremmo ricordare che la Russia ha usato droni militari iraniani per attaccare l'Ucraina. Così va la loro storia, con un chiaro messaggio agli Stati Uniti e all'Unione Europea".


Un posto speciale


"I Paesi sudamericani occupano un posto speciale nella politica estera e di difesa dell'Iran perché si trovano in un'area molto sensibile", ha dichiarato Ashtiani durante l'incontro con Novillo, secondo quanto riportato dalla BBC.


A giugno, il presidente iraniano Ebrahim Raisi ha visitato Venezuela, Nicaragua e Cuba, che devono affrontare le sanzioni statunitensi, per rafforzare gli "ideali rivoluzionari dell'ideologia populista islamica", ha riferito Arab News.


"Nonostante gli alti livelli di corruzione e la mancanza di leadership, le forze armate venezuelane sono le prime in America Latina ad avere droni armati nel proprio inventario, per gentile concessione dell'Iran. Nel 2021, il Venezuela ha iniziato a ricevere spedizioni di missili a corto raggio a guida di precisione di fabbricazione iraniana, che saranno probabilmente utilizzati per armare i droni", ha dichiarato Humire. "L'episodio, consegnato sotto l'apparenza di carichi commerciali da parte di produttori di auto iraniani, riflette la maestria dell'Iran nei trasferimenti a doppio uso e la sua notevole capacità di fondere progetti commerciali e militari".


"Le democrazie dell'America Latina devono stabilire una strategia combinata, congiunta e complementare di alto livello per affrontare le minacce comuni, perché in isolamento non saranno in grado di farlo. L'Iran è una minaccia transnazionale che colpisce la regione", ha concluso Serrano.



9 visualizzazioni0 commenti

Σχόλια


bottom of page