USA espandono i divieti di esportazione alle aziende tecnologiche cinesi per il sostegno alla Russia

Il 29 giugno, gli Stati Uniti hanno aggiunto cinque società cinesi ad una black list di esportazione del Dipartimento del Commercio nota come Entity List per aver violato le sanzioni che vietano di fornire supporto all'esercito russo. Le cinque società sono di elettronica e tecnologia che secondo il Dipartimento del Commercio avrebbero condotto attività "contrarie alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti e agli interessi di politica estera"; perché avrebbero firmato recenti contratti per continuare a fornire l'esercito russo. Sebbene l'aggiunta all'elenco delle entità non impedisca automaticamente alle società statunitensi di fare affari con le organizzazioni quotate, impone un rigoroso requisito per la licenza di esportazione.

Dopo che Xi Jinping e Vladimir Putin hanno annunciato una partnership "senza limiti" a febbraio prima dell'invasione russa dell'Ucraina, i commentatori erano preoccupati che la Cina avrebbe fornito un'ancora di salvezza alla Russia continuando a fornire beni tecnologicici cruciali. Contrariamente a questi timori, i funzionari statunitensi hanno affermato di non aver visto alcuno "sforzo sistematico da parte della Cina per aiutare la Russia a eludere le sanzioni occidentali". Mentre il commercio complessivo tra Cina e Russia dovrebbe raggiungere "nuovi record", secondo il presidente Xi, le aziende tecnologiche cinesi in particolare si sono gradualmente ritirate dalla Russia per paura di incorrere in sanzioni statunitensi.

Le sanzioni del Dipartimento del Commercio sono state una frequente causa di reclamo per il governo cinese. Nel 2021, la Cina ha imposto sanzioni direttamente contro il segretario al Commercio Wilbur Ross come rappresaglia per le sanzioni imposte ai funzionari cinesi a Hong Kong. In risposta a quest'ultima espansione della Entity List, il media statale cinese China Daily ha affermato che le sanzioni hanno dimostrato una "giurisdizione prepotente con il braccio lungo" che è contraria alle norme del diritto internazionale.

La Cina ha anche introdotto di recente i propri divieti di esportazione. Il 7 luglio, la Cyberspace Administration of China ha pubblicato regolamenti definitivi che richiedono che i trasferimenti di dati "importanti" e massicci dalla Cina verso destinazioni al di fuori dei suoi confini siano soggetti a revisione della sicurezza. I regolamenti richiedono revisioni della sicurezza per tutte le aziende che gestiscono le informazioni personali di oltre 1 milione di residenti cinesi e dovrebbero imporre maggiori costi di conformità alle multinazionali che cercano di fare affari in Cina".

Il CAC è sotto il diretto controllo di Xi Jinping.

Fonte: https://www.lawfareblog.com/senators-ask-ftc-investigate-tiktok-deceptive-conduct-regarding-chinese-access-us-user-data

17 visualizzazioni0 commenti