USA: la testimonianza di Cristo Grozev (Bellingcat) sulle torture in Ucraina

Diritto internazionale


La scorsa settimana, la Sottocommissione USA per gli affari esteri della Camera per l'Europa, l'energia, l'ambiente e l'informatica ha tenuto un'audizione al Congresso intitolata "I primi segni di crimini di guerra e abusi dei diritti umani commessi dall'esercito russo durante l'invasione su vasta scala dell'Ucraina".

Foto: profilo twitter Cristo Grozev

La sottocommissione ha ascoltato un gruppo di esperti di crimini di guerra che si è concentrato sugli orrori di bombardamenti diffusi ed indiscriminati di civili, sul dispiegamento di munizioni a grappolo, bombe ed altro.

Ascoltato come testimone Cristo Grozev, il principale investigatore russo e direttore esecutivo di Bellingcat, la nota struttura di giornalismo investigativo con sede nei Paesi Bassi specializzata in intelligence open source (OSINT).

Ecco un passaggio significativo della sua deposizione:

Abbiamo anche ricevuto video e fotografie private, nonché testimonianze dirette, parti delle quali siamo stati anche in grado di verificare, che potrebbero costituire crimini di guerra. Questi includono fotografie di corpi di civili con segni chiaramente visibili di tortura e mutilazioni, che sono state geolocalizzate e contrassegnate con il timestamp in aree e orari in cui le truppe delle cosiddette unità Spetsnaz del leader ceceno Ramzan Kadyrov erano state localizzate poche ore prima (marcatura temporale video 26:10 qui).

A differenza di tante altre immagini di distruzione pubblicate online, queste prove, ha detto Grozev, non erano state caricate sui social media dai testimoni per paura di rappresaglie.

Per questo, ha deciso di rendere queste immagini - privatamente disponibili - ai membri del comitato del Congresso e da allora sono state rese pubbliche sul sito web del Comitato.

Oltre alle accuse di tortura presentate da Bellingcat, l'anno scorso le Nazioni Unite hanno documentato abusi sistematici di prigionieri, inclusa la tortura, nella prigione di Izolyatsia nella regione di Donetsk, che è controllata da separatisti sostenuti dalla Russia. Il vice Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Nada al-Nashif, rivolgendosi al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite lo scorso luglio, ha dichiarato

Siamo gravemente preoccupati per il fatto che eclatanti violazioni di tortura e di maltrattamenti, documentati nella struttura "Izoliatsiia" a Donetsk, così come in altri luoghi di detenzione nel territorio controllato dalle autoproclamate "repubbliche", continuino quotidianamente e vengono compiuti sistematicamente .

In termini di meccanismi di responsabilità per affrontare queste violazioni, il Professore Anthony Clark Arend, ha parlato della portata sia della Corte penale internazionale che di alcuni Stati dove è essrcitabile la cosiddetta giurisdizione universale, come Germania, Spagna e Paesi Bassi.

Ha suggerito che gli Stati Uniti potrebbero anche esercitare la propria giurisdizione interna, molto probabilmente ai sensi della legge sui crimini di guerra, codificata in 18 USC 2441 che punisce le violazioni delle Convenzioni di Ginevra. Queta legge, però, richiede che l'autore o la vittima sia cittadino americano. In altre parole, i russi che commettono i crimini di guerra più eclatanti contro gli ucraini sono attualmente al di fuori della giurisdizione di tale legge.

In base allo statuto sulla tortura degli Stati Uniti, 18 USC 2430A , però, non sarebbe richiesto alcun nesso con la nazionalità poiché tutto ciò che è necessario affinché gli Stati Uniti esercitino la giurisdizione contro un presunto torturatore è che l'autore sia un cittadino statunitense oppure qualcuno "presente in gli Stati Uniti." Finché l'autore del reato si trova negli Stati Uniti, il Dipartimento di Giustizia può perseguirlo, indipendentemente dal fatto che sia o meno un cittadino americano. Ma devono essere presenti nel territorio degli Stati Uniti.

Il Congresso cerca di fare di più per ritenere la Russia responsabile delle orribili violazioni dei diritti umani che si verificano ogni giorno in Ucraina, per chiarire e rafforzare la giurisdizione sia degli statuti sulla tortura che sui crimini di guerra. Cio, aggiunge il Professore Anthony Clark Arend, implica una semplice correzione statutaria per garantire che gli Stati Uniti possano essere messi in grado di assicurare alla giustizia gli autori di gravi violazioni dei diritti umani. In effetti, dice, questa riforma è attesa da tempo ed include emendamenti incoraggiati presentati dal Dipartimento della Difesa e dal Dipartimento di Stato.

I documenti qui

Il video qui



303 visualizzazioni0 commenti