"Variable Interest Entities": le "VIE" della seta sono finite

Gli investitori statunitensi hanno investito trilioni di dollari in entità cinesi a "Variable Interest Entities" (VIE) senza saperlo. Sono contratti illegali secondo la legge di Pechino e potrebbero essere chiusi dai regolatori cinesi in qualsiasi momento


di N. Iuvinale

Un articolo pubblicato ieri sulla rivista statunitense "The Epoch Time" di Antonio Graceffo ci spiega esattamente cosa sono "Variable Interest Entities" (VIE) cinesi.

Quando gli investitori statunitensi acquistano azioni di società cinesi, in particolare società Internet, su NYSE e NASDAQ, generalmente non possiedono azioni della società effettiva.

Acquistano azioni in società di comodo delle Isole Cayman che non hanno dipendenti né edifici; un'entità le cui uniche attività consistono in "contratti" con le società reali, che hanno sede in Cina.

La Cina non consente alle società straniere di gestire una società Internet.

Il Partito Comunista Cinese (PCC), infatti, limita gli investimenti stranieri in alcuni settori come l'istruzione e il commercio elettronico, Internet e alcune tecnologie; mentre altri sono completamente off-limits come le armi nucleari.

Per farlo, avrebbero bisogno di una licenza di provider Internet, che non verrà mai data direttamente alle società che hanno investimenti esteri.

Un modo per le società Internet cinesi di aggirare questa regola e ottenere investimenti statunitensi è utilizzare una "Variable Interest Entities" (VIE).


Negli Stati Uniti, le VIE sono spesso costituite come società veicolo (SPV) per detenere attività finanziarie e tenere le attività cartolarizzate fuori dai bilanci aziendali.

Gli investitori non partecipano agli utili e alle perdite dell'entità, né hanno diritto di voto.

Secondo la legge statunitense, le società devono rivelare la loro relazione alle VIE.

Utilizzando una VIE, una società può controllare un'altra società attraverso contratti, piuttosto che attraverso la proprietà.

La società è autorizzata contrattualmente a consolidare le operazioni della VIE con la società madre (cinese) come se fosse una consociata interamente controllata e includerne i risultati nel proprio bilancio. Tuttavia, nonostante il fatto che compaiano nel bilancio della società, questa non possiede le attività e nemmeno i ricavi dell'entità.

Un'azienda tecnologica privata in Cina può ottenere una licenza Internet governativa.

Poi, può costituire una società nelle Isole Cayman, in cui gli stranieri possono investire.

La società privata firma quindi contratti con la società pubblica, trasferendo il controllo della VIE alla società pubblica.

Quindi la società pubblica, dove investono gli stranieri, avrebbe il controllo contrattuale della tecnologia e della licenza Internet in Cina.

Ma tecnicamente, quei beni sarebbero ancora di proprietà della società privata in Cina, non della società pubblica. La società pubblica, dove investono gli stranieri, non possiederebbe nulla.

In pratica, una quota di azioni, o un certificato azionario certifica la proprietà di una parte di una società. In altre parole, fornisce la prova di un diritto di proprietà sui beni aziendali .

Al contrario, una quota VIE (spesso erroneamente indicata come quota di azioni) certifica la titolarità di un diritto contrattuale su una percentuale degli utili di una società.

A differenza di un certificato azionario tradizionale, l'azione VIE fornisce un interesse di proprietà legale nei beni di una società completamente separata, a volte indicata come una società di comodo. Il diritto contrattuale certificato dalla quota VIE deriva da un contratto tra (1) la società nominata sulla quota VIE e (2) la società di comodo.

In altre parole, gli azionisti VIE hanno solo un certificato azionario tradizionale nella società di comodo completamente separata, che ha diritto a una percentuale degli utili della società nominata tramite un contratto privato.

Enron ha utilizzato società a scopo speciale per prendere in prestito denaro e mantenere il debito fuori dai suoi bilanci.

Graceffo, l'autore della ricerca, ci spiega che in Cina, il VIE viene utilizzato in modo opposto.

In Cina, le regole VIE sono state create per aiutare le aziende a inserire attività nel proprio bilancio, anche quando non le possiedono.

I VIE causano, però, problemi agli investitori.

Se il proprietario del VIE decidesse di non rispettare il contratto, la società dovrà citarlo in tribunale.

E quì sorge il problema.

Perché questi contratti sono sottoposti alla legge cinese e i loro tribunali hanno a volte statuito che i contratti VIE sono illegali e inapplicabili.

Ciò significa che gli azionisti potrebbero perdere tutto il loro investimento.


Nel 2011, Jack Ma ha portato Alipay (cinese) fuori dal gruppo Alibaba.

Il gruppo era in gran parte di proprietà di Yahoo e Softbank e Alipay è stata portata fuori dal gruppo per paura che il regime cinese vietasse agli investitori stranieri di possedere una società di "trasferimento di pagamento di terze parti".

Yahoo non ha scoperto che Ma aveva spostato Alipay fuori dalla società, se non dopo il fatto, anche se Yahoo credeva di averne la proprietà.

Agli investitori sono stati dati pochi penny come compensazione.

Successivamente, l'IPO del gruppo Alipay/Ant è stata bloccata dai regolatori cinesi, mostrando i rischi associati all'investimento in VIE.

Molte delle società cinesi quotate all'estero sono di proprietà di strutture VIE, tra cui DiDi, JD.com, Alibaba e Tencent.

Ironia della sorte, le società Internet sono tra le più popolari tra gli investitori stranieri, ma sono anche uno dei settori più ristretti per gli investimenti esteri.

Sarebbe illegale per Tencent (con sede in Cina), ad esempio, vendere una qualsiasi delle sue azioni a investitori stranieri.

Per trarre vantaggio dai mercati dei capitali statunitensi, le società tecnologiche cinesi creano VIE.

"Le azioni della società pubblica vengono vendute negli Stati Uniti, ma gli investitori non capiscono di non possedere la società che credono di possedere. Invece, hanno acquistato azioni di una società straniera che ha un rapporto contrattuale con la società Internet a cui erano interessati".

Poiché i VIE sono tecnicamente illegali in Cina, gli investitori statunitensi corrono il rischio di un'applicazione elusiva della legge di Pechino.

Se ciò dovesse accadere, gli investitori VIE potrebbero ritrovarsi con nulla o una piccola quota dei loro investimenti.

Ad esempio, due investitori stranieri che hanno cercano di ottenere da un tribunale cinese di far rispettare i contratti VIE sono state Mingsheng Bank e Gigamedia.

Ma, in entrambi i casi hanno fallito.


Nelle ultime settimane, mentre Pechino ha represso il settore dell'istruzione a scopo di lucro e il settore tecnologico, ha anche preso di mira il mercato VIE, cancellando miliardi di dollari dal valore delle azioni cinesi quotate nelle borse estere.

La fine dell'accordo VIE potrebbe comportare trilioni di perdite per gli investitori statunitensi.

I regolatori statunitensi si stanno finalmente rendendo conto della minaccia dei VIE cinesi. Gary Gensler, presidente della Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti, ha annunciato nuove regole di trasparenza, che richiedono alle società cinesi di essere più chiare con gli investitori statunitensi in merito a quali attività effettivamente possiedono e quali no.

Tra le altre, la SEC richiederà alle società cinesi di rivelare "se la società operativa e l'emittente, ove applicabile, hanno ricevuto o gli è stata negata l'autorizzazione dalle autorità cinesi a quotarsi nelle borse statunitensi ".

Robert D. Atkinson, economista e presidente della Information Technology and Innovation Foundation, ha ribadito che i VIE hanno permesso agli investitori statunitensi di acquistare società di comodo offshore "opache" di aziende cinesi.


Ha sostenuto che "gli investitori statunitensi non solo hanno pochi diritti, ma hanno anche una visione limitata del funzionamento interno delle aziende, aggiungendo: "A differenza di altre società quotate nelle borse statunitensi, le aziende cinesi non sono sottoposte a revisioni pubbliche dei regolatori statunitensi".


Atkinson ha caldamente suggerito di vietare la futura quotazione di società cinesi, nonché di eliminare quelle esistenti.

194 visualizzazioni0 commenti