"Big data": minacce e rischi per la sicurezza nazionale

L'abbondanza di dati, la connettività digitale e la tecnologia onnipresente stanno ridefinendo la sicurezza nazionale e il modo in cui i Governi proteggono - o dovranno tutelare - i diritti e le libertà individuali. Una recente analisi evidenzia le tre minacce emergenti dal mondo dei big data; minacce, che costituiscono le imminenti sfide di sicurezza per i Governi democratici


G. Iuvinale

Un recente studio dal titolo Big data e sicurezza nazionale: una guida per i responsabili politici australiani del famoso think tank australiano Lowi Institute, offre uno spaccato a dir poco preoccupante del mondo dei "big data" e, in particolare, dei rischi che ne derivano in termini di minacce emergenti alla sicurezza nazionale e al potere dello stato-nazione.


Foto Bernard Hermant/Unsplash


Da questo punto di vista, le democrazie liberali sono a rischio ed i responsabili politici devono comprendere e contrastare queste minacce.

Secondo l'autrice, Miah Hammond-Errey, la materia dei "big data" va considerata, dunque, in termini di sicurezza nazionale al pari della salvaguardia dell'infrastruttura digitale "critica".

Per quest'ultima, in particolare, tre sarebbero le minacce emergenti alla sicurezza nazionale:

  1. i big data possono conferire un vantaggio strategico consentendo il dominio dell'informazione e, migliorando la capacità di targeting cinetico, l'applicazione di una forza militare attiva

  2. i big data consentono e "democratizzano" il targeting e la sorveglianza.

  3. i big data guidano la guerra dell'informazione e l'interferenza sociale e politica.

Andiamo con ordine.

Innanzi tutto, i big data hanno creato quello che l'autrice definisce un nuovo panorama complesso di informazioni ed infrastrutture.

Le grandi aziende tecnologiche che hanno sfruttato le sue tre caratteristiche principali - abbondanza di dati, connettività digitale e tecnologia onnipresente - sono le nuove oligarchie e controllano sempre più le capacità essenziali per una società funzionante.

In secondo luogo, i big data hanno un profondo impatto sulla società. Secondo la Hammond-Errey, consentono di tutto, dall'accesso alla conoscenza alla comunicazione globale, dalla fornitura di servizi alle infrastrutture.

Tuttavia, i big data stanno esacerbando le minacce alla sicurezza nazionale esistenti e creandone di nuove e imprevedibili. Può essere utilizzato come arma per la guerra, fornendo dominio dell'informazione e capacità di puntamento cinetico. I big data hanno la capacità di abilitare o eliminare le barriere di ingresso per la sorveglianza e l'oppressione. Guida la guerra dell'informazione e l'interferenza sociale e politica.

Infine, afferma l'esperta, sta iniziando finalmente ad emergere una comprensione dei potenziali danni derivanti dall'uso improprio dei big data e della big tech, ma gran parte del suo impatto rimane oscuro.

È importante che gli Stati comprendano e contrastino le minacce abilitate dai big data in un momento critico per la sicurezza mondiale.

Taluni spetti del mondo dei big data, come l'identificazione e la protezione dei set di dati critici e vulnerabili, però, rimangono in gran parte irrisolti, ci dice il documento. Il panorama dei big data sta sfidando i modelli esistenti di valutazione dei danni che storicamente si sono concentrati sul danno fisico diretto e sul danno economico.

Ora ci sono una miriade di modi per attaccare un'organizzazione o un individuo, con alcuni metodi tradizionali ancora disponibili solo per gli stati nazione, ma molti di più disponibili per una gamma più ampia di entità. Ad esempio, una borsa valori potrebbe essere colpita in modi tradizionali da attori malintenzionati, ad esempio attraverso danni fisici o distruzione, attacchi informatici o disastri naturali o istigati dall'uomo come inondazioni o interruzioni di corrente.

Il panorama dei big data aggiunge potenziali nuovi vettori, come dati alterati o corrotti, manipolazione coordinata dei prezzi su larga scala o operazioni di informazione che si traducono in insider trading reale o percepito che genera paura nella capacità delle istituzioni di funzionare o la mancanza di fiducia nella sua integrità.


Minaccia 1

I big data conferiscono un vantaggio strategico: il dominio dell'informazione è dominio militare

I big data possono migliorare notevolmente la consapevolezza della situazione e possono essere utilizzati come armi in guerra per prendere di mira gli avversari. Se ben integrato nei sistemi di comando e controllo, il dominio dell'informazione produce il dominio militare e i big data offrono una consapevolezza situazionale globale su una scala prima non possibile.

L'utilità militare delle funzioni di rilevamento e comunicazione ed il potenziale che offre per prendere di mira gli avversari in conflitto è di fondamentale importanza


Minaccia 2

I big data consentono il targeting, la sorveglianza e l'oppressione

I big data consentono il targeting e la sorveglianza degli esseri umani, spesso in tempo reale. Consente l'identificazione invasiva e talvolta l'accesso completo all'attività fisica e online, alle posizioni e ai movimenti. La possibilità di causare danni individuali e sociali è significativa. Il volume di informazioni personali o identificative disponibili e il grado di dataficazione e connettività significano che è possibile creare rapidamente e in remoto profili completi di individui, gruppi di interesse, istituzioni, gruppi politici e stati nazionali.

La capacità di produrre un quadro più completo della società e del comportamento individuale crea il potenziale per una società più invasiva e repressiva dell'autonomia individuale. Nel prossimo futuro diventerà quasi impossibile sfuggire alla sorveglianza digitale, afferma la Hammond-Errey.

I big data "democratizzano" le capacità alla base del targeting e della sorveglianza, funzioni precedentemente riservate agli stati nazionali e ai loro governi. L'impronta digitale e l'infrastruttura dei big data utilizzate per analizzarli è prevalentemente di proprietà di entità commerciali, il che significa che i dati - e la capacità di trarne informazioni dettagliate - risiedono in gran parte nel settore privato. Gran parte di questa raccolta avviene all'interno di aziende che monetizzano i propri dati utente e gran parte di essi è disponibile per l'acquisto. La scala dei dati, spesso accessibili in tempo reale, crea incertezza su quando, dove e da chi possono verificarsi aggregazione, targeting e sorveglianza.

Laddove una volta gli Stati esercitavano la sorveglianza con autorizzazione e supervisione esterne, i sistemi di big data ne consentono iinvece il monitoraggio e l'analisi diretti e rendono queste capacità accessibili a molti più attori, in ambienti opachi con gradi di regolamentazione delle loro attività variabili, a volte inesistenti.

Esistono già le precondizioni affinché gli avversari acquisiscano dati per ostacolare la capacità degli Stati di raggiungere gli obiettivi di sicurezza nazionale e danneggiare elementi chiave delle società democratiche. È già possibile sorvegliare e opprimere individui e gruppi in modi più invadenti e meno regolamentati. Così fa il monitoraggio del posto di lavoro, il monitoraggio dello spazio privato e pubblico e il crowd sourcing di prove di reati incui gli investigatori raccolgono informazioni critiche e portano informazioni dal pubblico attraverso i social media. In futuro, possiamo aspettarci che gli stessi strumenti vengano utilizzati per facilitare lo spionaggio, l'interferenza e altri metodi di concorrenza interstatale.


Minaccia 3

I big data guidano le informazioni, l'influenza e l'interferenza politica

I big data possono essere utilizzati per danneggiare gli individui e la società fornendo meccanismi per migliorare la guerra dell'informazione, influenzando ed interferendo nel discorso politico e civico che è essenziale per la democrazia. L'efficacia di queste capacità è alimentata dalla dataficazione e resa possibile dall'utilizzo dei meccanismi di pubblicità mirata noti come “microtargeting”.

Ad oggi, aggiunge il rapporto, la pubblicità mirata è stata in gran parte focalizzata sullo sviluppo di nuovi flussi di entrate aziendali. Tuttavia, ha la capacità di plasmare l'ambiente informativo di un individuo, incluso ciò che vede, le scelte che gli vengono presentate, ciò in cui pensano che gli altri credano e, in definitiva, come potrebbero vedere il mondo. Paesaggi mediatici frammentati e microtargeting portano a un aumento della polarizzazione politica e sociale.

Il microtargeting presenta, quindi, importanti minacce alla sicurezza nazionale. Questi includono l'influenza e l'interferenza di massa, come la capacità di prendere di mira gruppi specifici, identificare e sfruttare le debolezze psicologiche e interferire nei processi politici e civili come le elezioni.

L'uso del microtargeting politico e commerciale, combinato con un flusso costante di grandi informatori tecnologici, continua l'autrice, dimostra che le aziende stesse sono consapevoli del suo potenziale edella sua influenza. Ed i big data ne hanno accelerato esponenzialmente il processo e l'efficacia.

Data la natura opaca dei processi di microtargeting e la loro disponibilità a chiunque sia disposto a finanziare campagne, sono un meccanismo ideale per la guerra dell'informazione nella zona grigia.

L'uso della tecnologia per influenzare ed interferire ha, dunque, il potere di sfidare i principi e le istituzioni democratiche. A meno che i rischi non vengano mitigati, conclude l'esperta, prolifereranno in problemi potenzialmente incontrollabili.


36 visualizzazioni0 commenti