Blockchain con caratteristiche cinesi per lo scambio di token non fungibili NFT

La regolamentazione da parte della Cina degli NFT e della tecnologia blockchain si inserisce in un modello più ampio dello sforzo di Pechino di costruire un "internet con caratteristiche cinesi"


di Nicola Iuvinale

La cinese Blockchain Services Network (BSN), una società blockchain sostenuta dallo stato, ha annunciato a gennaio che intende lanciare un'infrastruttura per consentire lo scambio di token non fungibili (NFT).

NFT, una tecnologia basata su blockchain, consente agli utenti di timbrare un certificato di autenticità sui loro prodotti digitali unici.

La notizia è sorprendente per molti osservatori, perché la Cina ha bandito le blockchain pubbliche nel 2021, citando i timori che l'anonimato sulle blockchain avrebbe consentito frodi e riciclaggio di denaro.

Per affrontare questo problema, secondo quanto riferito , BSN lancerà la sua infrastruttura NFT su blockchain modificate, che richiederanno la verifica delle identità reali degli utenti e creeranno una backdoor per i regolatori cinesi.

Il trattamento, storicamente negativo di Pechino nei confronti delle criptovalute decentralizzate, dovrebbe essere distinto dalla sua promozione attiva della tecnologia blockchain e delle valute digitali sostenute dal governo.

Sebbene il governo cinese abbia vietato le transazioni con valute digitali decentralizzate come Bitcoin ed Ethereum, è stato, comunque, un precursore nel promuovere la tecnologia blockchain sottostante.

Nel 2021, la blockchain è stata inclusa nel 14° piano quinquennale cinese, etichettata come una "tecnologia digitale chiave" insieme ad intelligenza artificiale, big data e cloud computing. La banca centrale cinese ha anche adottato valute digitali centralizzate, lanciando quella digitale, spesso denominata "yuan digitale", e-CNY.

Gli NFT, basati sulla tecnologia blockchain, sono esplosi in popolarità nel 2021 con vendite che superano i 40 miliardi di dollari.

Finora, le vendite di NFT si sono concentrate principalmente nel settore dell'arte digitale: la casa d'arte Bored Ape Yacht Club, ad esempio, ha superato il miliardo di dollari di vendite di NFT sulla blockchain di Ethereum.

Le celebrità hanno anche incassato vendendo NFT di articoli che vanno dal primo tweet del fondatore di Twitter, Jack Dorsey, a una sitcom con Snoop Dogg e gli Harlem Globetrotters. Gli analisti hanno previsto casi d'uso in altri settori: per salvaguardare la riservatezza delle cartelle cliniche o per aiutare a verificare i diplomi universitari.

Prima dell'annuncio di BSN, gli NFT erano considerati uno spazio grigio legale.

Sebbene le autorità cinesi non abbiano mai dichiarato ufficialmente illegali gli NFT, le aziende che operano nello spazio hanno cercato di allontanare il loro prodotto dagli NFT basati su criptovalute nel resto del mondo.

Tencent, Alibaba e altri giganti della tecnologia hanno lanciato silenziosamente i propri token alla fine del 2021, etichettandoli come "oggetti da collezione digitali" piuttosto che NFT.

Poco dopo l'annuncio di BSN, il mercato online Taobao ha annunciato che avrebbe lanciato la propria piattaforma NFT per le opere d'arte digitali. Altre società hanno sottovalutato l'uso di NFT come prodotti di investimento per placare le preoccupazioni di Pechino sulla volatilità finanziaria dei prodotti crittografici. Alibaba e Tencent hanno bandito la rivendita di NFT sui mercati dell'usato, nel tentativo di fermare la truffa dei prezzi.

Alcuni commentatori mettono in dubbio la fattibilità degli NFT cinesi senza criptovalute.

In un'intervista con Protocol, Kelly Pu di Bain & Company ha notato la sfida di tracciare una "linea netta" tra NFT e tecnologia crittografica, senza compromettere la proposta di valore sottostante degli NFT, come la pseudonimizzazione e la libertà dalle valute emesse dal governo.

A differenza del resto del mondo, gli NFT e gli oggetti da collezione digitali in Cina sono stati denominati in yuan cinese piuttosto che in criptovalute.

Tuttavia, i consumatori cinesi hanno dimostrato un'elevata domanda di NFT senza criptovalute, acquistando 20.000 NFT emessi dagli organizzatori dei Giochi asiatici del 2022 a Hangzhou in meno di un secondo.

Il trattamento da parte della Cina degli NFT e della tecnologia blockchain si inserisce in un modello più ampio dello sforzo di Pechino di costruire una "Internet con caratteristiche cinesi".

Gli attivisti libertari spesso promuovono la blockchain come uno strumento per promuovere la privacy, la libertà di parola e quella dalle interferenze del governo.

L'adattamento cinese della blockchain e delle valute digitali per conformarsi agli imperativi politici del PCC, si pone contro contro questa narrativa e mostra che i regolatori cinesi sono in grado di infilare l'ago tra la repressione e la cooptazione di tecnologie potenzialmente sovversive.

Fonte Lofareblog

42 visualizzazioni0 commenti