Cina: provato il genocidio e i crimini contro l'umanità. L'Italia boicotti le Olimpiadi di Pechino

Il governo cinese ha commesso genocidio e crimini contro l'umanità contro il popolo uiguro attraverso lo stupro, la sterilizzazione forzata, la tortura, la detenzione, la persecuzione, la deportazione e la sparizione forzata; così ha sentenziato il Tribunale pubblico inglese. La Casa Bianca, immediatamente dopo la sentenza, ha annunciato il boicottaggio diplomatico delle Olimpiadi di Pechino del 2022. Così anche Canada, Regno Unito e Australia. L'Italia abbia il coraggio di seguire il loro esempio


di Nicola Iuvinale

Il governo cinese ha commesso genocidio e crimini contro l'umanità contro il popolo uiguro; così ha sentenziato giovedì 9 dicembre 2021 un Tribunale pubblico istituito da un importante avvocato britannico che si occupa della difesa dei diritti umani.

"Il controllo forzato delle nascite e le politiche di sterilizzazione contro gli uiguri, nella provincia cinese dello Xinjiang, nell'estremo ovest della Cina, avevano lo scopo di ridurre la popolazione del gruppo", ha affermato il presidente del Tribunale, Sir Geoffrey Nice, dopo che il tribunale uiguro, un gruppo di nove avvocati, accademici e uomini d'affari ha emesso il verdetto.

La sentenza si chiude, a pag. 63, con questa citazione:

CHIESA CASA WESTMINSTER. 9 dicembre 2021:

“Nei campi di 'trasformazione attraverso l'educazione', la vita e la morte non significano la stessa cosa come altrove. Cento volte ho pensato, quando i passi delle guardie ci hanno svegliato nella notte, che il nostro tempo era giunto, per essere giustiziati. Quando una mano spingeva brutalmente le forbici sul mio cranio e altre mi strappavano...via i ciuffi di capelli che mi cadevano sulle spalle, chiusi gli occhi, offuscati dalle lacrime, pensando che la mia fine fosse vicina, che mi stavo preparando per la forca, la sedia elettrica, per essere annegato. La morte era in agguato in ogni angolo. Quando le infermiere mi hanno afferrato il braccio per "vaccinarmi", pensavo mi stessero avvelenando. In realtà ci stavano sterilizzando. Fu allora che capii il metodo dei campi, la strategia che si stava attuando: non ucciderci a sangue freddo, ma farci sparire lentamente. Così lentamente che nessuno se ne sarebbe accorto.”

Si legge in sentenza che, "Sulla base delle prove ascoltate in pubblico, il tribunale è convinto, al di là di ogni ragionevole dubbio, che la Repubblica popolare cinese, con l'imposizione di misure per prevenire le nascite destinate a distruggere una parte significativa degli uiguri nello Xinjiang, abbia commesso un genocidio".

Fondato da Nizza, un avvocato di alto livello che ha guidato l'accusa dell'ex presidente serbo Slobodan Milosevic e lavorato con la Corte penale internazionale, il tribunale è un organismo indipendente e non ufficiale, che non ha il sostegno del governo e non è giuridicamente vincolante in nessun paese.

È stato istituito nel tentativo di ritenere la Cina responsabile per il trattamento riservato agli uiguri e ad altre minoranze prevalentemente musulmane ed etniche turche nello Xinjiang.

Il Tribunale ha sentenziato che il presidente Xi Jinping e altri alti funzionari "hanno la responsabilità primaria" per ciò che è accaduto nello Xinjiang; "questo vasto apparato di repressione statale non potrebbe esistere se un piano non fosse stato autorizzato ai massimi livelli".

Pechino ha costantemente negato tutte le accuse di maltrattamento degli uiguri o di altri gruppi etnici, che sono stati oggetto di una repressione senza precedenti dal 2017. Funzionari cinesi hanno affermato che tutte le etnie sono trattate allo stesso modo.

Ma il processo ha accertato che la Cina ha commesso crimini contro l'umanità nello Xinjiang, attraverso lo stupro, la sterilizzazione forzata, la tortura, la detenzione, la persecuzione, la deportazione e la sparizione forzata.

Il tribunale, che ha stabilito di non considerare provati i crimini di uccisione di massa o di riduzione in schiavitù, non ha neppure formulato raccomandazioni in quanto non ha il potere di sanzionare la Cina o i suoi funzionari.

La sentenza si è basata sulle testimonianze di esperti e testimoni uiguri, alcuni dei quali hanno affermato di essere stati oggetto di percosse, violenze sessuali, torture, privazione del sonno e del cibo, nonché separazione dai propri figli.

In vista della sentenza, Muetter Iliqud, un assistente di progetto per Uyghur Transitional Justice Database, che raccoglie prove degli uiguri scomparsi e imprigionati, ha detto a NBC News che il suo team aveva documentato 530 strutture di detenzione per uiguri nello Xinjiang.

"Il mondo ha bisogno di sapere cosa stanno affrontando gli uiguri oggi", ha detto Iliqud, 24 anni, testimoniando dinanzi il tribunale.

"C'è un genocidio in corso. Ci sono milioni di persone rinchiuse in questi cosiddetti campi di rieducazione e migliaia di persone sono disperse", ha aggiunto.

Le accuse di maltrattamenti da parte della Cina nei confronti degli uiguri e di altre minoranze musulmane sono diventate un grosso problema per Pechino, accusata di aver detenuto più di 1 milione di persone in quelli che ha definito centri di istruzione e formazione professionale.

La Casa Bianca, immediatamente dopo la sentenza, ha annunciato un boicottaggio diplomatico delle Olimpiadi di Pechino del febbraio 2022, citando "il genocidio in corso e i crimini contro l'umanità nello Xinjiang e altre violazioni dei diritti umani".

Da allora Canada, Regno Unito e Australia hanno seguito l'esempio.

Se fosse realisticamente possibile portare la Repubblica popolare cinese dinanzi a qualsiasi tribunale internazionale formale – in particolare alla Corte internazionale di giustizia (ICJ) – non sarebbe stato necessario istituire un tribunale del popolo che non ha poteri sanzionatori o esecutivi. Giuridicamente è fortemente dubbia la possibilità di adire la Corte Internazionale di Giustizia, anche perché la Cina/RPC, sebbene firmataria e ratificatrice della Convenzione sul genocidio, ha formulato una riserva contro la giurisdizione della Corte internazionale di giustizia.

Una via potrebbe essere quella di dimostrare la commissione dei fatti anche al di fuori del territorio cinese, come già sostenuto dal governo del Turkestan orientale in esilio.

Lo scopo del tribunale uiguro è stato, quindi, quello di limitarsi a valutare le prove fornite, al fine di giungere ad un giudizio imparziale e ponderato sulla dimostrazione che, dei gravissimi crimini internazionali sono stati comunque commessi dalla RPC.

Spetterà agli Stati, alle istituzioni internazionali, alle società commerciali, alle istituzioni artistiche, mediche e educative e agli individui determinare come applicare la sentenza del Tribunale nei loro rapporti con la Repubblica popolare cinese.

Ciò potrebbe anche includere sanzioni commerciali e di altro tipo - anche contro gli individui - la proibizione della vendita di tecnologie, di strumenti di sorveglianza, di attrezzature mediche e la dichiarazione di non idoneità per i visti.

L'Italia inizi con il boicottaggio diplomatico delle Olimpiadi invernali di Pechino del 2022.

Uighur Tribunal - Web site

Scarica sentenza in PDF - in lingua Inglese

Foto del Tribunale degli Uiguri

352 visualizzazioni0 commenti