top of page

Come l'esercito americano del Pacifico si sta preparando alla guerra contro la Cina

Un'estesa esercitazione su più isole affina la capacità delle truppe di combattere nella giungla, attraversare “buchi umidi” e operare con più nazioni partner.

AEROPORTO DI DILLINGHAM, Hawaii -Cap. Sam Soliday è in piedi di fronte a un Black Hawk su una pista di atterraggio di ghiaia dall'altra parte della strada rispetto alla pittoresca costa nordoccidentale di Oahu, una toppa "giungla" attaccata con il velcro sulla manica della sua camicia da combattimento. È uno degli oltre 5.000 soldati statunitensi, indonesiani, tailandesi, britannici e neozelandesi sparsi sulle isole dalle Hawaii a Palau nel Pacifico occidentale per un'enorme esercitazione di addestramento che simula "un conflitto su larga scala contro un avversario alla pari nella giungla e nell'arcipelago"

È un modo per dire che si stanno preparando per uno scontro con la Cina nel Pacifico, anche se i funzionari dell’esercito preferiscono mantenerlo ufficialmente sul vago. Ma per Soliday, la differenza principale rispetto ai precedenti esercizi di addestramento è lo scenario: un conflitto tra le isole.

"Come esercito americano, non vedevamo un conflitto come questo dai tempi della Seconda Guerra Mondiale", ha detto Soliday, un ufficiale dell'intelligence. E c’è un “ulteriore livello di complessità alla serie di problemi che comporta lo spostamento di risorse da diverse isole, attraversando varchi umidi. E la task force dell’aviazione fornisce davvero il supporto per consentire tali operazioni. E i diversi tipi di terreno che possono variare sulle isole, andando da ripidi burroni a zone pianeggianti e desolate. Quindi operare nell’ambiente austero che queste isole offrono è davvero, davvero, il modo migliore per addestrare un caccia leggero e, come sapete, una brigata di aviazione da combattimento”.

Negli ultimi decenni, l’esercito americano ha svolto esercitazioni di questa portata nelle sue strutture di addestramento in California e Louisiana. Ma questa – la prima da quando il Joint Pacific Multinational Readiness Center è stato convalidato e certificato dal Pentagono a giugno come capacità di addestramento nazionale congiunto – è fondamentale per prepararsi al conflitto nella regione dell’Indo-Pacifico, ha affermato il generale Charles Flynn, comandante della Esercito americano del Pacifico.

In precedenza, “avremmo messo in valigia l’equipaggiamento di un’intera divisione e avremmo navigato attraverso il Canale di Panama” per raggiungere la Louisiana, ha detto Flynn, il che significava che i soldati erano separati dal loro equipaggiamento per “un paio di mesi”.

Non possiamo permetterci di uscire da questa regione. Dobbiamo restare nella regione”, ha detto. “E avere un ambiente come questo, questa non è la Louisiana. E quindi, stiamo usando moto d'acqua, stiamo usando sei C-130 e nove C-17 delle [Pacific Air Forces]."

Anche la flotta del Pacifico, il comando delle operazioni speciali e le risorse del Corpo dei Marines degli Stati Uniti sono coinvolti nell'esercitazione, denominata JPMRC 24-01 e tenutasi dal 20 ottobre al 10 novembre.

"Ci sono tutti questi vantaggi nell'avere una forza congiunta alle Hawaii", ha detto Flynn. "Questo è estremamente importante per la forza congiunta, perché non sono a conoscenza di nessun altro posto, almeno nell'esercito, dove si riceve effettivamente una tale quantità di addestramento tattico congiunto."


Fonte Defence One

18 visualizzazioni0 commenti

Bình luận


bottom of page