top of page

Global Gataway UE per contrastare la BRI. Necessario uno zar al comando: SUPERMARIO DRAGHI in pole

Nessuno crede più nella propaganda win-win della Cina. I cinesi devono rendersi conto che non ci sarà alcun ritorno agli affari come al solito".


Noè Barkin ha scritto un articolo di aggiornamento sui rapporti UE / CINA.

Barkin lavora nel Programma Asia del German Marshall Fund of the United States (GMF). È senior visiting fellow di GMF e caporedattore di Rhodium Group, fornisce le sue osservazioni e analisi sugli sviluppi e le attività più urgenti relativi alla Cina in tutta Europa.


Sconosciuti noti

Negli ultimi cinque anni ho seguito i dettagli del rapporto dell'Europa con la Cina. Tuttavia, all'inizio del 2023, sono cauto nel prevedere dove è diretta questa relazione. Le incognite conosciute stanno aumentando e l'orizzonte è diventato sconcertantemente sfocato. Nelle ultime settimane del 2022, abbiamo visto la Cina abbandonare improvvisamente le draconiane restrizioni al COVID-19 che erano arrivate a caratterizzare il paese negli ultimi tre anni, un'inversione di politica che ha scatenato un'ondata mortale di infezioni in tutto il paese. Entriamo nel nuovo anno senza una fine in vista della brutale guerra della Russia in Ucraina e con i timori di un conflitto nello Stretto di Taiwan in aumento. Ci sono divisioni preoccupanti nella politica del governo tedesco sulla Cina, che stanno avvelenando il dibattito europeo, e crepe nelle relazioni transatlantiche che rischiano di approfondirsi mentre l'amministrazione Biden va avanti con nuove misure per limitare i legami commerciali e tecnologici con la Cina. Faccio fatica a discernere un percorso chiaro nel 2023, ma ho passato le ultime settimane a parlare con un'ampia gamma di responsabili politici, diplomatici e dirigenti in Europa, Cina e Stati Uniti per valutare l'umore e tentare di tagliare la nebbia.

La più grande incognita riguarda gli sviluppi in Cina. Se il tema generale degli ultimi tre anni, ha portato all'” incoronazione” di Xi Jinping in ottobre, l'ideologia ha prevalso sulle considerazioni economiche, è lecito ritenere che la brusca fine della politica zero COVID-19 abbia fatto pendere la bilancia nella direzione opposta? In tal caso, quanto è sostenibile questo riequilibrio in un momento in cui centinaia di migliaia di cinesi rischiano di morire a causa del virus? Il modo in cui la leadership cinese ha virato da un estremo all'altro sul COVID-19, senza preparare il terreno per un tale cambiamento, non dovrebbe rassicurare nessuno. Non è un'indicazione, come alcuni potrebbero credere, che Pechino stia tornando in sé, ma piuttosto l'ultimo segno di quanto sia diventata imprevedibile la politica sotto il nuovo leader cinese a vita. Se l'onnipotente partito-stato potesse mantenere il COVID-19 contenuto per tre anni, perché non potrebbe elaborare un ragionevole piano di uscita che includesse un programma di vaccinazione a livello nazionale e investimenti nelle infrastrutture sanitarie sottosviluppate della Cina? Questo avrebbe dovuto essere in cima alle priorità politiche della Cina nel 2022 e negli anni precedenti. Invece, il Paese sta attraversando la sua versione del caos pandemico trumpiano che gli Stati Uniti hanno vissuto nel 2020, con tre anni di ritardo.

I diplomatici europei con i quali ho parlato ritengono che dietro le affermazioni di Xi ci siano le preoccupazioni sullo stato dell'economia cinese (si veda questa recente nota dei miei colleghi del Rhodium Group per ulteriori informazioni su questo argomento), piuttosto che la breve esplosione di dissenso popolare alla fine di novembre Inversione di marcia del COVID-19. Queste stesse preoccupazioni sembrano guidare una nuova offensiva di charme verso l'Europa, incarnata dal socievole nuovo ambasciatore della Cina presso l'UE, Fu Cong. Ha trascorso le ultime settimane del 2022 a rassicurare i suoi interlocutori a Bruxelles, attraverso una raffica di incontri , interviste , tweet e editoriali.— che Pechino è impegnata a migliorare le relazioni. “La Cina e l'UE sono le due principali forze, mercati e civiltà del mondo”, ha dichiarato Fu, aggiungendo che a Pechino c'era “un sostegno politico di alto livello” per legami bilaterali più stretti.

Fondamentalmente, tuttavia, nessuno dei diplomatici europei con cui ho parlato ha affermato che la Cina mostra un'inclinazione a muoversi su questioni di sostanza. "Hanno aggiustato la loro retorica, su questo non ci sono dubbi", mi ha detto un alto diplomatico dell'UE. “Ma la Cina si muoverà davvero sulle questioni che sono importanti per noi? Questa è la grande domanda per il 2023”. Questo diplomatico ha parlato di un nuovo impegno su una base nuova, sobria, senza le illusioni del passato. “Nessuno crede più nella propaganda win-win della Cina. I cinesi devono rendersi conto che non ci sarà alcun ritorno agli affari come al solito", ha affermato. Ma ciò non esclude la possibilità che alcune capitali europee interpretino i nuovi toni soavi emanati da Pechino come qualcosa di più significativo. Un diplomatico francese con cui ho parlato ha descritto l'inversione del COVID-19 della Cina e il nuovo impegno dei suoi leader con il mondo esterno come un "cambio di paradigma". Questo diplomatico, indicando l' imminente viaggio del presidente Emmanuel Macron a Pechino, ha aggiunto : “Abbiamo una finestra per rilanciare le relazioni bilaterali e le più ampie relazioni UE-Cina . "


La realtà Cina-Russia.

Nella cancelleria di Berlino si sentono rumori simili. Alcuni funzionari si congratulano ancora con se stessi per essersi assicurati, durante il viaggio del cancelliere Olaf Scholz in Cina a novembre, una dichiarazione di Xi contraria a qualsiasi escalation nucleare della Russia in Ucraina. Ma se si guarda oltre la retorica, ci sono tutte le ragioni per essere preoccupati per la posizione della Cina. Durante le vacanze, mentre i missili russi piovevano sull'Ucraina in uno dei più feroci attacchi aerei dall'inizio della guerra, Cina e Russia hanno condotto esercitazioni navali congiunte nel Mar Cinese Orientale e Xi ha tenuto la sua tradizionale chiamata di fine anno con il presidente russo Vladimir Putin. In quella chiamata Xi ha salutato il partenariato strategico globale dei loro paesi come "più maturo e resiliente ". Non è sbagliato che i leader europei sollecitino Xi a usare la sua influenza su Putin per porre fine alla guerra, come hanno fatto dall'inizio dell'invasione quasi un anno fa. Ma non dovrebbero presumere che lo farà o che Pechino possa essere allontanata da Mosca. Alexander Gabuev del Carnegie Endowment ha descritto tali speranze come "pensiero magico" in un eccellente thread su Twitter poco prima di Natale. Un articolo di dicembre di Lingling Wei e Marcus Walker che descrive le ambizioni di Xi di approfondire i legami economici con la Russia dovrebbe essere letto anche da leader europei come Scholz e Macron.


Scholz mette in guardia Xi su Taiwan.

Una piacevole sorpresa negli ultimi mesi del 2022 è stata la posizione dell'Europa su Taiwan. A seguito dell'estrema reazione della Cina alla visita sull'isola da parte della portavoce della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi in agosto, ero preoccupato che i paesi europei diventassero avversi al rischio e frenassero il loro impegno con Taipei per paura di provocare la Cina. Ma è successo il contrario, con una raffica di visite, alcune pubbliche e altre al di sotto del radar, in atto. Abbiamo appreso il mese scorso che il ministro dell'Istruzione tedesco Bettina Stark-Watzinger sta prendendo in considerazione un viaggio a Taiwan all'inizio del 2023. Questa sarebbe la prima visita di un ministro tedesco in più di un quarto di secolo. Un diplomatico tedesco ha descritto il messaggio alla Cina come: "Se continui lungo la strada del confronto, vedrai più, e non meno, impegno con Taiwan".

Ho appreso da diversi funzionari informati sulla conversazione di Scholz con Xi a Pechino a novembre che il cancelliere è stato insolitamente franco con il leader cinese sulle conseguenze di un intervento militare a Taiwan per le relazioni economiche bilaterali. "Era un messaggio incredibilmente chiaro", mi ha detto un diplomatico. "Nessun leader cinese ha mai sentito una cosa del genere da un cancelliere tedesco su una questione di fondamentale interesse per Pechino". Mi è stato detto che il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha lanciato un messaggio simile su Taiwan quando incontrò Xi un mese dopo. Ciò riflette una crescente sensazione nelle grandi capitali europee che il futuro di Taiwan sia di vitale interesse anche per loro. Nella seconda metà del 2022, l'Europa ha imparato che non può permettersi di rimanere in disparte e lasciare il lavoro pesante agli Stati Uniti. Taiwan sarà un tema sempre più importante nelle relazioni UE-Cina quest'anno con l' avvicinarsi delle elezioni presidenziali del gennaio 2024 sull'isola, Washington aumenterà il sostegno militare per Taipei, e il Giappone inserirà Taiwan nell'agenda multilaterale durante la sua presidenza del G7. Dietro le quinte, gli Stati Uniti incoraggiano l'Europa a fare di più. "La domanda è se l'Europa è pronta ad andare oltre le chiacchiere e i passi simbolici su Taiwan e ad agire", ha detto un diplomatico di un paese non UE con sede a Bruxelles. "Non sono sicuro che siano ancora lì."


Cicatrici transatlantiche.

Che dire della più ampia relazione transatlantica? La mia sensazione è che i crediti d'imposta "Made in America" ​​nell'Inflation Reduction Act (IRA) lasceranno probabilmente profonde cicatrici in Europa, anche dopo gli aggiustamenti del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti progettati per placare le preoccupazioni europee sulla legislazione. Ciò avrà inevitabilmente un impatto sull'allineamento UE-USA alla Cina. "Penso che l'UE e gli Stati Uniti siano più vicini alla Cina di quanto non lo siano mai stati", ha detto il diplomatico con sede a Bruxelles. "Ma se la relazione sottostante non sta sparando a tutti i cilindri, allora l'accordo sulle grandi sfide di politica estera diventa più difficile". Ho trovato particolarmente sorprendenti i recenti commenti del commissario europeo per il commercio Valdis Dombrovskis. Convinto sostenitore delle relazioni transatlantiche, ha avvertito Dombrovskis che i massicci sussidi all'IRA potrebbero finire per spingere le aziende europee tra le braccia della Cina. In un momento in cui Pechino sta sussurrando cose dolci alle orecchie degli europei, questo messaggio dovrebbe preoccupare Washington, dove i funzionari si stanno preparando a lanciare un regime di controllo degli investimenti in uscita per integrare i severi controlli sulle nuove tecnologie rivolti alla Cina. Nel 2023, c'è un rischio significativo che le differenze transatlantiche su come riformulare le relazioni economiche con la Cina, che ribollono da anni, esplodano.


Lotte strategiche

La mia newsletter non sarebbe completa senza un aggiornamento sul dibattito cinese a Berlino, dove vi sono anche motivi di preoccupazione. Sul lato positivo, la cancelleria ha accettato di rinviare le consultazioni del governo con la Cina, inizialmente previste per il 9 gennaio, fino a quando non sarà insediato un nuovo governo cinese in primavera. Ma i negoziati interni sulla nuova strategia di sicurezza nazionale non stanno andando bene, secondo diverse persone con cui ho parlato. È stato segnalato la scorsa settimana Scholz e il ministro delle finanze Christian Lindner hanno sospeso i colloqui sulla strategia di sicurezza a metà dicembre a causa di divergenze con il ministero degli Esteri sui contenuti, inclusa la lingua sulla Cina. Ciò potrebbe ritardare la presentazione della strategia oltre la Conferenza sulla sicurezza di Monaco di metà febbraio. Anche i colloqui sulla strategia cinese si stanno rivelando problematici. Le persone che hanno parlato con i funzionari della squadra di Scholz dicono che vorrebbero tagliare a metà la bozza di 60 pagine del ministro degli Esteri Annalena Baerbock, smorzarne i toni e tagliare diverse proposte politiche. "Abbiamo un consenso a Berlino su molte questioni", mi ha detto un funzionario. "Le differenze riguardano quanto velocemente ci muoviamo e quanto lontano andiamo." Intanto Pechino ha colto le divisioni e, secondo diversi funzionari con cui ho parlato, ha lanciato una campagna per mettere da parte Baerbock. Sarebbe disastroso se Scholz permettesse che ciò accada.


Ad ogni costo

Infine, una parola su Global Gateway, la risposta nata morta della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen alla Belt and Road Initiative cinese. Nelle scorse newsletter ho dettagliato i problemi con l'iniziativa, tra cui la mancanza di nuovi fondi, le lotte burocratiche interne sulla strategia e la mancanza di titolarità a Bruxelles.

Rimettere in sesto il progetto. "Abbiamo bisogno di uno zar", mi ha detto un alto diplomatico europeo. "L'idea è di avere un ex capo di stato, qualcuno molto visibile". Il candidato preferito è Mario Draghi, l'ex presidente della Banca Centrale e, fino allo scorso ottobre, Presidente del Consiglio. Capisco che, in una riunione del consiglio di amministrazione di Global Gateway a dicembre, c'è stato un forte sostegno all'idea di nominare uno zar, anche se il nome di Draghi non è stato menzionato esplicitamente. Se ha potuto salvare l'Europa, si pensa, forse può salvare questa iniziativa. L'unica domanda è se "Super Mario" dirà di sì.


Fonte:

https://www.gmfus.org/watching-china-europe


72 visualizzazioni0 commenti
bottom of page