Guerra in Ucraina, dilemmi strategici nell'Indo-Pacifico

Nell'Indo-Pacifico, l'invasione russa dell'Ucraina ha riacceso i timori per lo scenario sull'uso della forza da parte della Cina. Le reazioni locali riflettono questo timore, come la necessità di mantenere relazioni stabili con la Russia. Per gli Stati Uniti e loro alleati asiatici, questa è un'opportunità per riflettere sull'importanza delle storiche alleanze bilaterali che li legano. Avranno capacità deterrente da contenere l'espansione multidimensionale cinese? Funzioneranno efficacemente in caso di crisi?


di Nicola Iuvinale

I Paesi asiatici guardano con preoccupazione alla guerra russo-ucraina e ai suoi sviluppi, sebbene ne percepiscano il significato in modo diverso.

Molti di loro, malamente ripresisi dalle conseguenze economiche e sociali del Covid-19, temono gli effetti del conflitto sulla vita quotidiana, in termini di aumento dei prezzi dell'energia, turbolenze dei mercati finanziari e continuità delle filiere.

Coloro che hanno condannato l'invasione russa e si sono uniti alle sanzioni, come Singapore, Giappone, Corea del Sud o Australia, si aspettano di essere presi di mira da attacchi informatici di ritorsione.

Oltre a ciò, i paesi asiatici si trovano principalmente ad affrontare la difficoltà di mantenere relazioni diplomatiche equilibrate tra Stati Uniti, Russia ed Europa e con la Cina.

Quelle cinesi, ovviamente, li paralizza.

Il tono dei principali media asiatici riflette queste complessità di posizionamento.

La Russia, anche se attore distante, rimane il fornitore di importanti equipaggiamenti militari come sottomarini e aerei da combattimento che dovranno essere mantenuti a lungo termine, tranne che per lanciare nuovi e costosi programmi di acquisizione.

Gli Stati Uniti, grande potenza asiatica, che ha fatto dell'Indo-Pacifico la sua priorità strategica, sono anche il motore di un rinnovato sistema di alleanze politico-militari attraverso il QUAD e l'AUKUS, due meccanismi per contenere l'espansione cinese.

Dal canto suo, l'Unione Europea è un importante partner economico e commerciale, in particolare per l'ASEAN, l'India e il Giappone, ma anche per la Cina.

Oggi, il fondamentale fattore determinante rimane la dipendenza strategica dalla Cina nella valutazione fatta da molti paesi.

È proprio la trasposizione di uno scenario di ricorso alla forza da parte della Cina e il timore della radicalizzazione di situazioni di fatto, che si imprimono negli animi dei paesi asiatici, attraverso l'osservazione dell'andamento della guerra russo-ucraina.

L'espansione unilaterale di Pechino nel Mar Cinese Meridionale, l'inasprimento delle tensioni sino-giapponesi sugli isolotti di Senkaku e, ancorpiù, la prospettiva di un'acquisizione di Taiwan, sono i veri fattori che pesano nella manifestazione del sostegno mostrato verso l'occidente.

Così il presidente taiwanese ha condannato inequivocabilmente l'aggressione russa e si è subito allineato alle sanzioni occidentali.

È in quest'ottica che va analizzata la tiepidezza del comunicato stampa pubblicato il 26 febbraio dall'ASEAN.

!n particolare, il documento evita il termine invasione, preferendo l'espressione “ostilità armate”.

Solo Singapore e l'Indonesia hanno adottato un linguaggio più forte nel menzionare il rispetto per l'integrità territoriale dell'Ucraina.

Il Vietnam, uno dei principali importatori di armi russe e ucraine, ha optato per un tono cauto, riferendosi alla Carta delle Nazioni Unite.

Il paese si è astenuto dal voto dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite del 2 marzo, che chiedeva di condannare la Russia. Hanoi ha, infatti, con quest'ultima una partnership strategica di alto livello, uno status condiviso solo con India e Cina.

La giunta militare birmana, che gode dell'appoggio politico e militare di Mosca, ha parlato di “invasione giustificata”.

La moderazione dell'Asean, che riflette un importante dilemma strategico, non è solo la condizione di piccoli paesi in una situazione di asimmetria rispetto alle grandi potenze da cui dipendono.

La stessa India, divisa tra partner chiave, si è finora astenuta dal rilasciare dichiarazioni di condanna dell'azione russa.

Di fronte all'espansione cinese nell'Oceano Indiano e al suo confine himalayano, non vuole dover scegliere tra la Russia, suo principale fornitore di armi, e gli Stati Uniti.

Tuttavia, questa posizione di equilibrio sembra insostenibile a lungo termine, in particolare a causa dell'appartenenza di Delhi al QUAD.

Le reazioni sono più prevedibili in Asia orientale.

Non sorprende che la Cina non rinneghi chiaramente la Russia, mentre fa appello a Mosca e Kiev per una moderazione.

Da parte loro, Giappone e Corea del Sud si sono allineati alla politica sanzionatoria di Stati Uniti e Unione Europea. Tuttavia, i tre paesi sono preoccupati per l'eccessivo isolamento della Russia, che rimane, per loro, un vicino difficile da gestire.

Il Giappone non vuole alienare la Russia, che intende, invece, mantenere il controllo sull'Arcipelago Kuril (Territori del Nord per il Giappone) con grande preoccupazione per Tokyo, che osserva una marcata ripresa dell'attività nella flotta russa del Pacifico.

I due paesi non hanno ancora firmato un trattato di pace, dalla fine della seconda guerra mondiale.

Quanto alla Corea del Sud, il cui governo è stato un po' paralizzato dalle elezioni presidenziali del 9 marzo scorso, è preoccupata di mantenere buoni rapporti sia con la Russia che con la Cina, a fronte di una Corea del Nord che sta aumentando il numero di lanci missilistici dall'inizio dell'anno.

Ma ancora una volta Seoul è soprattutto vincolata dalla sua lealtà di alleato e dalla sua dipendenza dalla sicurezza nei confronti di Washington.

Il riavvicinamento osservato tra Cina e Russia è fonte di ulteriore forte preoccupazione.

All'apertura delle Olimpiadi di Pechino all'inizio di febbraio, Vladimir Putin si è mostrato compiaciuto al fianco di Xi Jinping, elogiando i loro legami "più stretti che mai".

In una dichiarazione congiunta, i due presidenti avevano denunciato la strategia indo-pacifica degli Stati Uniti e la partnership per la sicurezza AUKUS.

Questa comunità di interessi si riflette nelle loro denunce sui progressi della NATO in Europa.

Ma questa ostentata complicità, che serve i rispettivi interessi dei due uomini, non è esente da difetti.

La propensione di Vladimir Putin ad agire militarmente solleva interrogativi a Pechino. Con le sue incessanti azioni di forza, in Georgia, in Crimea, in Kazakistan, il presidente russo mette in discussione il principio di integrità e non ingerenza delle frontiere, che la Cina costantemente avanza, in particolare nella legittimazione dei “suoi diritti” su Taiwan.

Da qui, l'ambiguità della sua posizione sull'Ucraina, quest'ultima considerata da Pechino uno stato sovrano, a differenza di Taiwan presentata, invece, come una parte “inalienabile” del territorio cinese.

Paradossalmente, se la guerra in Ucraina costituisse per Pechino un mezzo per ostacolare le ambizioni indopacifiche degli Stati Uniti, non dovrebbe né aiutare troppo, né indebolire troppo il potere russo.

In questo senso, il vigore delle sanzioni internazionali, l'unità nella condanna della guerra e l'insorgere di una disputa interna in Russia, desta allarme in Cina.

L'efficacia della risposta di Washington, dell'UE e della NATO nel sostenere un paese amico sotto attacco è attentamente esaminata da Pechino.

La gravità della garanzia di sicurezza americana e la sua portata dissuasiva sono infatti elementi chiave per valutare la realtà della potenza statunitense nell'Indo-Pacifico.

La guerra in Ucraina è quindi una prova, a grandezza naturale, della capacità di Washington di coordinare una risposta efficace in grado di invertire il corso di un grande conflitto.

Tuttavia, Washington, pur non prendendo parte al conflitto, ha cercato di prevenire il conflitto condividendo intelligence e una significativa assistenza militare con l'Ucraina.

Per la Cina, è un caso di studio prezioso sia dal punto di vista politico-economico che operativo.

Ma per alcuni del sud-est asiatico, che pensano che la loro "neutralità" li protegga, il bipolarismo del panorama strategico internazionale suona come una minaccia concreta.

Fonte IRSEM Centro studi strategici della Scuola Militare Francese. Paper a cura di: Marianne Pé ron-Doise ricercatrice presso IRSEM e ricercatrice associata presso IRIS. Il suo lavoro si concentra sugli equilibri strategici nell'Asia orientale e sul ruolo della "sicurezza marittima" nelle relazioni internazionali.

Scarica PDF


25 visualizzazioni0 commenti