Il futuro fantasma dell'Ucraina militarmente sola di fronte al duro blocco sino-russo

Vladimir Putin probabilmente preferirebbe trovare un modo alternativo per far fallire l'alleanza tra gli Stati Uniti, la Nato e l'UE con l'Ucraina se Biden fosse disposto a contrattare. Ma se Washington si rifiutasse di riconoscere "quella intoccabile" linea rossa russa, potrebbe essere pronto a combattere e, in tal caso, non ci sarebbe molto che gli Stati Uniti e la Nato potrebbero fare per fermarlo


di Nicola Iuvinale

Cosa potrebbe accadere se Washington tentasse di costringere la Russia a fare concessioni sull'Ucraina attraverso una dimostrazione di forza reaganiana, quando in realtà gli Stati Uniti e la Nato hanno una carta relativamente debole da giocare?

Perché, questa, è la situazione non invidiabile in cui si trova il presidente Joe Biden dopo il suo video incontro con il presidente russo Vladimir Putin e il suo duro discorso sul non voler riconoscere alcuna linea rossa russa.

Douglas Macgregor (colonnello in pensione, veterano di guerra decorato, ex consigliere del Segretario della Difesa nell'amministrazione Trump) e George Beebe (vicepresidente e direttore degli studi presso il TheNationalInterest, ex direttore dell'analisi della Russia presso la CIA ed ex consigliere del personale del vicepresidente Cheney) autori dell'articolo "The Ghost of Ukraine’s Future" ce lo spiegano dettagliatamente.

L'idea che gli Stati Uniti siano in svantaggio nella contesa con la Russia appare inverosimile alla maggior parte degli americani.

Dopotutto, il prodotto nazionale lordo statunitense è molte volte più grande di quello russo e gli Stati Uniti dominano il sistema finanziario internazionale.

Le forze armate USA sono più grandi e molto più preparate, le loro capacità informatiche offensive non hanno eguali e godono del sostegno di tanti alleati e partner militari in Europa e nel mondo.

Al contrario, la Russia ha pochi amici e alleati (salvo il dragone cinese), un'economia mediocre, in gran parte dipendente dalle esportazioni di energia e una popolazione in declino duramente colpita dal Covid-19.

"Sulla carta, gli Stati Uniti sembrerebbero avere molte carte da giocare in questa partita ad altissimo rischio. Ma, in pratica, la capacità di far valere la forza in circostanze specifiche, conta molto più delle capacità aggregate che determinano il potere della nazione".

Gli analisti ritengono che, quando si tratta dell'Ucraina, la Russia sarebbe in grado di spostare in battaglia un gran numero di forze pronte per il combattimento, avrebbe più familiarità con il terreno e sarebbe molto più preparata ad andare in guerra rispetto agli Stati Uniti, per i quali l'Ucraina non è una questione di importanza esistenziale.

La politica USA sull'Ucraina è, infatti, incentrata "solo" sul contenimento della Russia.

L'esercito russo ha recentemente accumulato esperienza di successo in Siria, per non parlare in Ucraina stessa.

E, molto probabilmente, Mosca ha anche pianificato la possibilità di porre rimedio alle draconiane sanzioni statunitensi ed europee e altre misure punitive che Washington e l'UE potrebbero imporre in risposta.


L'incontro di ieri tra Putin e Xi Jinping è stato anche per questo: rinsaldare una forte alleanza politica, militare ed economica da contrapporre, anche finanziariamente, al blocco occidentale.

"Se dovesse arrivare il momento critico in Ucraina, è molto probabile che la Russia vinca e anche rapidamente".

Se Mosca decidesse di invadere, una campagna russa sarebbe probabilmente mirata a trasformare efficacemente il territorio dell'Ucraina sudorientale in un'estensione della stessa Russia, sostengono gli analisti.

Fino a 200.000 forze di terra russe potrebbero essere disposte in un arco da nord a sud lungo un fronte di 600 miglia. Le foto satellitari pubblicamente disponibili mostrano che la più grande concentrazione di forze militari russe si trova attualmente tra Voronezh e la Crimea.

Le forze a nord e nord-ovest di Kiev possono costituire un attacco di supporto con l'obiettivo di impedire alle forze ucraine dentro e intorno a Kiev di spostarsi a sud per rafforzare le difese ucraine da Voronezh a Luhansk e Donetsk.

Le unità di manovra russe sono costituite da circa 100 gruppi tattici di battaglione (BTG): battaglioni di fanteria corazzati e rinforzati composti da circa 750 a 1.000 soldati tra cui artiglieria, ingegneri ed elementi di supporto.


La stragrande maggioranza di questa forza è posizionata nella Russia meridionale, in grado di colpire a ovest attraverso il confine con l'Ucraina lungo più assi con obiettivi operativi a sud di Kiev lungo il fiume Dnepr.

Circa dodici BTG sono posizionati per spostarsi a ovest lungo la costa del Mar Nero verso Odessa, la cui occupazione trasformerebbe l'Ucraina in uno stato senza sbocco sul mare.

La forza di manovra di terra opererebbe con elementi strettamente organizzati di intelligence, ricognizione e sorveglianza (ISR) collegati a potenti formazioni di attacco. Potrebbero esserci fino a 100 batterie di artiglieria a razzo nella forza complessiva di attacco.

Questi includono sistemi come il BM-30 Smerch, un sistema spesso indicato come un'arma convenzionale di distruzione di massa (WMD) di fascia alta.

"Una singola salva di cinque razzi da 300 mm BM-30 Smerch può distruggere un'area delle dimensioni di Central Park di New York City con la potenza esplosiva pari a una testata nucleare da un kiloton".

Inoltre, il sistema missilistico mobile Iskander, M un missile balistico tattico a guida di precisione, attaccherebbe aeroporti ucraini, quartier generali operativi e infrastrutture logistiche con testate convenzionali esplosive da 1.058 libbre che trasportano frammentazione HE, submunizioni, penetrazione ed esplosivo a distanze comprese tra 180 e 300 miglia.

Nel frattempo, a ogni livello - tattico, operativo e strategico - le difese aeree integrate composte da sistemi di difesa aerea e missilistica russi S-400 e S-500 proteggerebbero le formazioni di attacco e manovra russe dagli attacchi aerei e missilistici ucraini.

"Qualsiasi piattaforma subsonica ucraina o della NATO con o senza equipaggio, a bassa quota, che si tratti di un velivolo ad ala rotante convenzionale, un convertiplano o un aeromobile a turboelica ad ala fissa, sarebbe altamente suscettibile di rilevamento, ingaggio e distruzione".

Se le forze russe attaccassero, i cieli sopra le forze ucraine sarebbero affollati da un mix di droni di sorveglianza russi, aerei con equipaggio e, potenzialmente, con le nuove munizioni provenienti della Russia.

Questi sarebbero missili da crociera progettati per librarsi sul campo di battaglia per ore e ingaggiare bersagli terrestri oltre la linea di veduta.

Questi attacchi sarebbero rapidamente seguiti dal fuoco di artiglieria missilistica a guida di precisione.

"In queste condizioni, non è irragionevole presumere che le forze di terra russe potrebbero raggiungere i loro obiettivi operativi lungo il fiume Dnepr in appena settantadue-novantasei ore".

È difficile sapere se Mosca deciderà di spingersi più a ovest e occupare il porto di Odessa, ma l'azione collocherebbe le forze russe nelle immediate vicinanze della repubblica separatista moldava filo-russa della Transnistria al confine con la Romania, rendendo Odessa un bersaglio allettante.

"La capacità di Kiev di affrontare una campagna militare del genere è molto discutibile. Sarebbe ampiamente sopraffatta e disarmata dall'esercito russo. Il suo obiettivo sarebbe quello di conservare quanto più territorio possibile a est del fiume Dnepr ritardando l'avanzata russa, nella speranza che lo slancio russo rallenti e si prenda tempo per l'immensa pressione internazionale su Mosca per tentare di fermare la sua offensiva".

L'amministrazione Biden, la Nato e l'UE hanno già precisato di non prendere in considerazione un intervento militare diretto in caso di invasione dell'Ucraina.

"E con buone ragioni: potrebbero fare ben poco sul campo di battaglia per contrastare tali mosse".

Gli Stati Uniti hanno solo tre brigate da combattimento in Europa e due di queste sono leggermente armate con un equipaggiamento antiquato. Sebbene potrebbero realisticamente impiegare aerei da combattimento avanzati in Ucraina, dovrebbero fare i conti con avanzate difese aeree russe e le loro formidabili capacità di disturbo elettronico.

"La superiorità aerea degli Stati Uniti, che è stata fondamentale per le operazioni militari contro le potenze minori dalla fine della Guerra Fredda, non sarebbe assicurata in Ucraina".

Sapendo questo, Washington sta minacciando di imporre dure conseguenze alla Russia fuori dal campo di battaglia, parlando di “sanzioni da incubo” e altre misure non specificate, nella speranza che questo faccia desistere Putin.

Sfortunatamente, però, è molto probabile che i russi abbiano anticipato da tempo ciò che potrebbero fare gli Stati Uniti.

Gli analisti sostengono che, insieme alla Cina, si sono preparati alla possibilità di essere espulsi dal sistema internazionale dei pagamenti elettronici SWIFT.

Hanno alternative al gasdotto Nord Stream 2 di nuova costruzione, se la Germania e l'UE non ne autorizzassero l'uso e potrebbero persino essere pronti, per rappresaglia, a chiudere le loro forniture di gas all'Europa a metà inverno.

"La buona notizia è che Putin comprende quasi sicuramente che un'invasione dell'Ucraina porterebbe a una rottura completa delle relazioni con l'Occidente, rendendo Mosca, di fatto, un partner subalterno della Cina".

Inoltre, si rende anche conto che le forze russe avrebbero molto probabilmente a che fare con la resistenza nel territorio ucraino occupato e che parti libere dell'Ucraina occidentale potrebbero, a lungo termine, accogliere le forze statunitensi e della NATO.

"Probabilmente preferirebbe trovare un modo alternativo per far deragliare un'alleanza degli Stati Uniti, della Nato e dell'UE con l'Ucraina se Biden fosse disposto a contrattare. Ma se Washington si rifiutasse di riconoscere quella linea rossa russa, potrebbe essere pronto a combattere, e non c'è molto che gli Stati Uniti potrebbero fare per fermarlo".

Fonte TheNationalInterest



234 visualizzazioni1 commento