Invasione Ucraina: Beijing raddoppia la propaganda anti occidente

Mentre la tragedia umanitaria prosegue e le sfide legate al ritorno del COVID in Cina aumentano, Pechino ha chiarito che nessuna quantità di prove sulle atrocità russe la spingerà a vacillare nella sua decisione di schierarsi con Mosca


Geopolitcs


G Iuvinale

Dave Shullman, Senior Director del think tank Global China Hub, è categorico

Pechino ha fatto capire, definitivamente, che nessuna prova sulle atrocità russe la spingerà a cambiare idea sul restare schierarata con Mosca.

E ciò, ad onta anche di un rapporto indipendente di 99 pagine reso noto dall'OSCE secondo cui la Russia ha violato più volte il diritto umanitario internazionale.

La presa di posizione della Cina pro Russia è stata evidente al recente vertice UE-Cina, dove i punti di discussione di Pechino, dice Shullman, hanno riformulato formule stantie sulla necessità di ripristinare la pace, rifiutandosi però di riconoscere la colpevolezza russa ed offrendo zero impegni sull'applicazione delle sanzioni occidentali.

Foto Gettyimeges Chinese and Russian flag

La retorica paternalistica sull'importanza per l'Europa di intraprendere un percorso "indipendente" dagli Stati Uniti nei confronti dell'Ucraina, sembrava quasi progettata per far infuriare i leader dell'UE che sono venuti pronti a sottolineare il danno a lungo termine che l'attuale posizione della Cina avrà sulle relazioni in Europa.

Anche i ministri degli esteri della NATO, aggiunge l'analista, avevano in mente la Cina durante il loro incontro della scorsa settimana, con il segretario generale Jens Stoltenberg che ha sottolineato la necessità di affrontare "le sfide che Russia e Cina stanno ponendo insieme al nostro ordine internazionale basato su regole e ai nostri valori democratici".

Allora, cosa sta pensando Xi? La Cina non comprende i costi strategici che sta sostenendo con l'UE, il suo principale partner commerciale? Un'Europa che Pechino teme si unirà agli Stati Uniti per formare un approccio transatlantico unito all'ascesa della Cina? Al di là dell'Europa, perché la Cina sta rischiando un'immagine globale coltivata con cura come una potenza respponsabile in ascesa?

Il Segretario al Tesoro USA Janet Yellen, nel corso di un evento ospitato dal GeoEconomics Center ieri, 13 aprile, ha detto che

"l'atteggiamento del mondo nei confronti della Cina e la sua volontà di abbracciare un'ulteriore integrazione economica potrebbero essere influenzati dalla reazione della Cina al nostro appello a un'azione risoluta sulla Russia".

Ed alla domanda sul perché la Cina dovrebbe accogliere con favore l'isolamento internazionale e rischiare la sua reputazione di "Russia zoppicante", la Yellen ha così risposto:

Pechino ha un calcolo diverso. Come notato nell'ultima Global China Source, Pechino considera la Russia il suo partner più importante in una lunga rivalità strategica con il suo principale avversario, gli Stati Uniti. La straordinaria capacità di Washington di radunare una forte risposta alleata all'invasione non fa che rafforzare la convinzione di Pechino nell'importanza della partnership con la Russia. Al di là di questo, i leader cinesi non possono sopportare il pensiero di un regime di Putin fallito, che solleverebbe domande scomode sul sistema stesso della Cina e sulla saggezza di essersi gettati con una Russia fallita.

Beijing scommette anche sull'amnesia europea e sull'indifferenza globale, aggiunge Shullman.

Xi Jinping e altri leader ritengono che il duro discorso dell'Europa sulla posizione della Cina in Ucraina si dissolverà con il passare del tempo e le realtà economiche si riaffermeranno, in particolare in un paese chiave come la Germania.

In effetti, la Cina non si sente isolata, si sente incoraggiata a raddoppiare la propaganda anti-USA e anti-NATO. La Cina punta i suoi messaggi al Sud del mondo e spesso li trasmette attraverso una diplomazia di alto livello. FM Wang Yi ha incontrato - e lo stesso Xi si è impegnato personalmente - più di una dozzina di paesi in Asia, MENA e Africa per sottolineare la narrativa cinese sull'ipocrisia occidentale e la volontà di intraprendere una crociata ideologica che danneggia economicamente il mondo in via di sviluppo.

Intanto, il Dipartimento di Stato USA ha pubblicato il Rapporto 2021 sulle pratiche in materia di diritti umani in Cina.

Questo uno stralcio:

Genocidio e crimini contro l'umanità si sono verificati durante l'anno contro uiguri prevalentemente musulmani e membri di altri gruppi di minoranze etniche e religiose nello Xinjiang. Questi crimini erano continui e includevano: la detenzione arbitraria o altra grave privazione della libertà fisica di oltre un milione di civili; sterilizzazione forzata, aborti forzati e applicazione più restrittiva delle politiche di controllo delle nascite del paese; stupro; tortura di un gran numero di persone detenute arbitrariamente; lavoro forzato; e restrizioni draconiane alla libertà di religione o di credo, alla libertà di espressione e alla libertà di movimento.
Questioni significative sui diritti umani includevano rapporti credibili di: uccisioni arbitrarie o illegali da parte del governo; sparizioni forzate da parte del governo; tortura da parte del governo; condizioni carcerarie e di detenzione dure e pericolose per la vita; detenzione arbitraria da parte del governo, inclusa la detenzione di massa di oltre un milione di uiguri e membri di altri gruppi di minoranze a maggioranza musulmana in campi di internamento extragiudiziale e altri due milioni sottoposti a formazione di “rieducazione” solo diurna; prigionieri politici; rappresaglie politicamente motivate contro individui al di fuori del paese; la mancanza di una magistratura indipendente e del controllo del Partito Comunista sul sistema giudiziario e legale; interferenza arbitraria con la privacy, compresa la sorveglianza e il monitoraggio tecnici pervasivi e intrusivi; punizione dei familiari per reati asseritamente commessi da un individuo; gravi restrizioni alla libertà di espressione e ai media, compresi gli attacchi fisici e il perseguimento penale di giornalisti, avvocati, scrittori, blogger, dissidenti, firmatari e altri, nonché dei loro familiari; gravi restrizioni alla libertà di Internet, compreso il blocco dei siti; sostanziale interferenza con la libertà di riunione pacifica e la libertà di associazione, comprese leggi eccessivamente restrittive che si applicano alle organizzazioni non governative straniere e nazionali; severe restrizioni e soppressione della libertà religiosa; restrizioni sostanziali alla libera circolazione; il respingimento dei richiedenti asilo in Corea del Nord, dove nutrono un fondato timore di persecuzioni, comprese la tortura e la violenza sessuale; l'incapacità dei cittadini di scegliere pacificamente il proprio governo attraverso elezioni libere ed eque; gravi restrizioni alla partecipazione politica; gravi atti di corruzione del governo; sterilizzazione forzata e aborti forzati; tratta di persone, compreso il lavoro forzato; violenza nei confronti di membri di minoranze nazionali, razziali ed etniche; severe restrizioni ai diritti del lavoro, compreso il divieto ai lavoratori di organizzare o aderire a sindacati di propria scelta; e lavoro minorile. compreso il divieto ai lavoratori di organizzare o aderire a sindacati di propria scelta; e lavoro minorile. compreso il divieto ai lavoratori di organizzare o aderire a sindacati di propria scelta; e lavoro minorile.

L'invasione russa dell'Ucraina ha dimostrato drammaticamente la necessità di unirci per difendere il nostro ordine internazionale e proteggere la pace e la prosperità che è conferita sia ai paesi avanzati che a quelli in via di sviluppo, ha detto la Yellen. Mentre lo facciamo, vale la pena considerare l'ampiezza delle sfide globali non affrontate che trarrebbero vantaggio da una maggiore cooperazione del tipo che abbiamo raccolto nell'affrontare la Russia.


54 visualizzazioni0 commenti