Invasione Ucraina: violato il diritto umanitario internazionale dalla Russia

Un rapporto di 99 pagine dell'OSCE conferma la commissione di crimini contro l'umanità


Diritto internazionale


G Iuvinale

Secondo un rapporto di 99 pagine che rappresenta le opinioni di 46 Stati dell'OSCE, la Russia ha violato più volte il diritto umanitario internazionale durante l'occupazione dell'Ucraina.

Foto Gettyimages (Man with sub-machine gun threatening man on floor, b&w)

La sintesi dell'esecutivo dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa è stata resa nota ieri (13 aprile) durante le osservazioni dell'ambasciatore rumeno, Stelian Stoian, presso OSCE.

Le accuse documentate includono "uccisioni mirate, sparizioni forzate o rapimenti di civili" e "attacchi sistematici diretti contro una popolazione civile".
Il rapporto afferma che "Ogni singolo atto violento di questo tipo, commesso nell'ambito di un tale attacco e a conoscenza di esso, costituirebbe quindi un crimine contro l'umanità".

Nel corso della dichiarazione congiunta sul rapporto del Meccanismo di Mosca dell'OSCE, il diplomatico rumeno ha richiamato il lavoro sin qui svolto dalla missione di esperti indipendenti autorizzata a "stabilire i fatti e le circostanze relativi a possibili violazioni degli impegni dell'OSCE, violazioni e abusi del diritto internazionale dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario, nonché possibili casi di crimini di guerra e crimini contro l'umanità, anche a causa di attacchi deliberati e indiscriminati contro civili e infrastrutture civili; e per raccogliere, consolidare e analizzare queste informazioni al fine di presentarle ai meccanismi di responsabilità pertinenti, nonché ai tribunali o ai tribunali nazionali, regionali o internazionali che hanno, o potrebbero avere in futuro, giurisdizione".

Questi i passaggi della dichiarazione:

  1. “la Missione ha riscontrato chiari schemi di violazioni del diritto umanitario internazionale (DIU) da parte delle forze russe nella loro condotta delle ostilità”

  2. "se loro (la Russia) avessero rispettato i loro obblighi in termini di distinzione, proporzionalità e precauzioni negli attacchi e riguardo a oggetti protetti in modo speciale come gli ospedali, il numero di civili uccisi o feriti sarebbe rimasto molto inferiore".

  3. "gran parte della condotta delle forze russe mostrata nelle parti dell'Ucraina che occupava prima e dopo il 24 febbraio 2022, anche attraverso i suoi delegati, le autoproclamate 'repubbliche' di Donetsk e Luhansk, viola il DIU dell'occupazione militare"

  4. il rapporto ha trovato “prove credibili che suggeriscono che tali violazioni riguardanti anche i diritti umani più fondamentali (diritto alla vita, divieto di tortura e altre pene e trattamenti inumani e degradanti) sono state commesse, per lo più nelle aree sotto l'effettivo controllo di Russia o entità sotto il controllo generale della Russia” Inoltre, ci sono forti indicazioni che crimini contro l'umanità commessi dalle forze russe potrebbero essersi verificati a seguito di attacchi diffusi o sistematici diretti contro una popolazione civile, con il rapporto che afferma:

  5. “alcuni modelli di atti violenti che violano il diritto internazionale dei diritti umani (IHRL), che sono stati ripetutamente documentati nel corso del conflitto, come uccisioni mirate, sparizioni forzate o rapimenti di civili, inclusi giornalisti e funzionari locali, rischiano di soddisfare questa qualifica. Ogni singolo atto violento di questo tipo, commesso nell'ambito di un tale attacco e con la consapevolezza di esso, costituirebbe quindi un crimine contro l'umanità".

  6. “La relazione può informare le indagini più approfondite di altri organi sulla responsabilità legale. I risultati possono anche contribuire a stabilire la responsabilità politica”.




53 visualizzazioni0 commenti