La Cina vuole imporre le regole tecniche per il 5G

La Cina è entrata negli organismi che decidono gli standard internazionali con gruppi che si preoccupano più degli interessi di Pechino che di una sana tecnologia


di Nicola Iuvinale

L'Unione internazionale delle telecomunicazioni o il progetto di partenariato di terza generazione e organismi simili, stabiliscono gli standard di sicurezza per l'internet di oggi e di domani.


Fonti statunitensi sostengono che Pechino ha cooptato i consigli di amministrazione di tali gruppi, a vantaggio della Cina, per minare la privacy dei dati e la sicurezza delle informazioni nel resto del mondo.

Non deve e non può funzionare cosi.

Lo scopo di quei consigli di amministrazione è quello, invece, di mediare tra le proposte del settore in competizione alla ricerca delle migliori idee per tutti.

Questo è il processo che ha creato gli standard tecnici per tutto, dai DVD al WiFi, alla tecnologia 2G, 3G, 4G e così via.

"Anche se il processo non è completamente apolitico, considerando la posta in gioco, l'evoluzione di standardizzazione tecnica è stata tradizionalmente incentrata su argomenti tecnici, piuttosto che commerciali o politici, nel discutere i vantaggi di uno standard", afferma un documento dell'Asia Policy Institute. "Tuttavia, il crescente impegno della Cina nello sviluppo degli standard tecnologici e informatici, in particolare dato il suo approccio alla standardizzazione dall'alto verso il basso e incentrato "sullo stato" sul PCC, sta cambiando lo status quo".

Ma cosa potrebbe significare la modifica dello status quo?

Laura Bate, senior director della Cyberspace Solarium Commission, ha ricordato un avvenimento del 2016.

I membri del 3rd Generation Partnership Project stavano decidendo tra due proposte per la codifica dei dati in dispositivi 5G, una di Qualcomm con sede a San Diego, l'altra di Huawei, un Società cinese sospettata dalle agenzie di intelligence occidentali e da altri di aiutare Pechino a spiare il mondo; attualmente in Black List Usa.

Il rappresentante di Lenovo, un produttore cinese di laptop, ha votato per la proposta di Qualcomm e, subito dopo, ha dovuto affrontare "una dura reazione in Cina per essere antipatriottico", ha detto Bate in un evento organizzato da Defense One. Il rappresentante dell'azienda è stato poi punito dal PCC, è stato, ovviamente, costretto a cambiare il suo voto sulla proposta di Huawei e il co-fondatore dell'azienda ha promesso di non votare mai più contro lo standard preferito dalla Cina.

Nel 2018, il leader cinese Xi Jinping ha lanciato l'iniziativa China Standards 2035 con la quale cerca esplicitamente di dominare gli organismi di normazione. “Questo approccio include l'inserimento di cittadini cinesi in posizioni di leadership senior all'interno delle [organizzazioni per lo sviluppo degli standard]; aumentare la rappresentanza delle aziende tecnologiche cinesi all'interno di questi organismi; assumere posizioni di leadership in segreterie, gruppi di lavoro e sottocommissioni tecniche; e spingere le aziende cinesi a votare per le proposte cinesi", precisa il documento dell'Asia Policy Institute.
La Bate ha affermato, attraverso DefenceOne, che la Cina mira a plasmare gli standard futuri per tutto, dall'informatica quantistica al 6G, fino alle norme internazionali sull'intelligenza artificiale lungo linee simili.

"Quando inizi a vedere quel desiderio di votare non necessariamente per la soluzione tecnologicamente più valida, ma per amore del patriottismo, per promuovere gli interessi interni, stai entrando in un territorio piuttosto diverso", ha detto.

La Cina potrebbe, ad esempio, "spingere per uno standard che consenta una maggiore sorveglianza". Ma c'è anche una minaccia economica.

Fissando degli standard, le aziende cinesi avranno un vantaggio in termini di velocità nel brevettare nuove tecnologie per soddisfare tali standard, il che significa che più paesi e aziende pagheranno per utilizzare la tecnologia cinese.

Quei soldi torneranno in ricerca e sviluppo per migliorare nuove tecnologie e ottenere più brevetti; un ciclo che "allontana le aziende che pongono una maggiore enfasi sulla sicurezza", ha osservato Bate.

"Ci sono enormi parti dell'Africa, dell'Asia orientale e dell'Asia centrale che si affidano a queste tecnologie, tecnologie che forse non sono le più sicure".

Anche in Europa. È un problema che alcuni legislatori statunitensi stanno tentando di affrontare attraverso l'American Innovation and Competitiveness Act, che include disposizioni per promuovere la formazione per le aziende che sono parti interessate negli organismi di definizione degli standard. Fonte DefenceOne

86 visualizzazioni0 commenti