La crescita degli Stati Uniti ha superato quella cinese per la prima volta dal 1976

Bloomberg Economics vede la Cina rallentare al 2% sui cordoli del Covid. Un tale tasso di crescita sarebbe il più debole dai tempi della Rivoluzione culturale. All'indomani della repressione di piazza Tienanmen, un'economia cinese molto più piccola è cresciuta del 3,9% nel 1990. Sarebbe la prima volta, per la nazione cinese, porsi significativamente al di sotto dell'obiettivo annuale, da quando la pratica è stata adottata alla fine degli anni '90


di Nicola Iuvinale


Il blocco del coronavirus in Cina significa che la sua crescita economica potrebbe essere inferiore agli Stati Uniti per la prima volta dal 1976, in un'inversione di ruolo con potenziali riverberi politici sia a Pechino che a Washington.

La seconda economia più grande del mondo crescerà solo del 2% quest'anno, ha scritto Bloomberg Economics in un rapporto Giovedì scorso.

In confronto, il prodotto interno lordo statunitense aumenterà del 2,8% quest'anno.

Mentre Pechino sta applicando misure di stimolo fiscale, monetario e normativo, l'impatto viene attenuato dalla politica Covid Zero del presidente Xi Jinping, che richiede severi limiti alle attività quando si verificano focolai di virus. Gli Stati Uniti, pur lottando per far fronte all'elevata inflazione, sono ancora spinti da forti assunzioni e consumi.

L'appello di Bloomberg Economics è all'estremità ribassista dello spettro, con la previsione mediana per la crescita del PIL cinese nel 2022 ancora superiore al 4%.

Se hanno ragione, quest'anno sarebbe la prima volta che il ritmo di crescita per l'intero anno della Cina è rimasto indietro rispetto a quello del suo rivale dal 1976, quando la Cina stava uscendo dal decennio tumultuoso della Rivoluzione Culturale, secondo i dati della Banca Mondiale.

Dalla campagna "riforme e apertura" lanciata alla fine degli anni '70, la Cina ha goduto di tassi di espansione più rapidi, con ancora molto spazio per il suo PIL pro capite per ridurre il divario con gli Stati Uniti.



Il presidente Joe Biden, che sta esortando i legislatori del Congresso ad approvare un pacchetto di leggi volte a rafforzare la competitività degli Stati Uniti contro la Cina, sarebbe sicuro di cogliere un tale risultato di crescita relativa.

Ha inquadrato la sua agenda economica in parte dimostrando se le democrazie possono resistere al modello autoritario di Xi. La posta in gioco è ancora più alta per Xi, che è ampiamente previsto che si assicurerà un terzo mandato come capo del Partito Comunista entro la fine dell'anno in una mossa rivoluzionaria.

Un tasso di crescita del 2% sarebbe molto al di sotto dell'obiettivo di crescita ufficiale del governo di circa il 5,5% quest'anno.

Xi ha detto ai funzionari di garantire che la crescita della Cina superi gli Stati Uniti quest'anno, ha riferito il Wall Street Journal lo scorso mese. Sarebbe la prima volta, per la nazione cinese, porsi significativamente al di sotto dell'obiettivo annuale, da quando la pratica è stata adottata alla fine degli anni '90. Il governo non ha pubblicato un obiettivo nel 2020, quando è arrivata la pandemia. L'obiettivo di quest'anno di "circa il 5,5%", il più basso mai fissato, è stato determinato dai leader cinesi prima dell'ultima ondata di blocchi nelle metropoli, tra cui Shanghai, che hanno devastato la spesa interna. Alcuni economisti ora stimano che il PIL cinese si sia contratto in questo trimestre a causa del calo delle vendite al dettaglio e della produzione industriale di aprile.


Cosa dice Bloomberg Economics... "Anche in uno scenario al rialzo, con un improbabile allentamento della posizione Covid-Zero, un'espansione del 5% - per non parlare dell'obiettivo del 5,5% del governo - sembra fuori portata".

Un'espansione del 2% sarebbe anche la più debole per la Cina dal 1976, inferiore anche al 2020, quando la pandemia ha portato la crescita del PIL al 2,2%. All'indomani della repressione di piazza Tienanmen, un'economia cinese molto più piccola è cresciuta del 3,9% nel 1990. La politica potrebbe aver avuto un ruolo nella definizione di un obiettivo che sembrava già ambizioso prima delle ultime misure relative alla pandemia,

Il vicepremier Liu He all'inizio di questa settimana ha lasciato intendere che Pechino potrebbe essere pronta a rinunciare alla repressione delle aziende tecnologiche. Ma gli annunci del PCC non sono stati all'altezza di qualsiasi pacchetto fiscale specifico su larga scala o di un deciso allentamento monetario su tutta la linea, lasciando gli economisti e gli investitori non impressionati. "La Cina ha ancora opzioni politiche", hanno scritto questa settimana gli economisti di Citigroup Inc. Xiangrong Yu e Xiaowen Jin in una nota. "In questo momento, un lancio tempestivo e deciso di misure di stimolo reale è davvero fondamentale per riportare la crescita in carreggiata". Biden ha già rivendicato il merito di aver superato la Cina. "Per la prima volta in 20 anni, la nostra economia è cresciuta più velocemente di quella cinese", ha affermato il presidente in una dichiarazione sui dati del PIL a gennaio. Misurando il quarto trimestre dello scorso anno rispetto allo stesso periodo del 2020, gli Stati Uniti sono cresciuti del 5,5% contro il 4% della Cina. La crescita americana negli ultimi tre mesi dello scorso anno è stata accentuata da un balzo delle scorte. Resta da vedere se gli Stati Uniti possono superare la Cina su base media per anno solare.

Fonte: /Bloomberg Tom Hancock e Chris Anstey 20 maggio 2022

51 visualizzazioni0 commenti