Il vento dell'imperialismo sanitario

La nuova geopolitica: colonizzare con i vaccini. E tra USA e Mosca potrebbe iniziare una nuova "guerra fredda", con la Cina che non resta a guardare. Il blocco UE è in difficoltà e Matteo Salvini, intanto, è contento per la futura produzione del vaccino russo Sputnik in Italia


Nicola Iuvinale

Il giornale Russo “Kommersant”, riporta che Washington avrebbe intravisto degli intrighi dell'intelligence russa nella campagna di informazione contro Pfizer e Moderna.

Per il quotidiano, la politica di contenimento della Russia, attuata dalla nuova amministrazione Usa, si sarebbe estesa anche alla lotta contro la pandemia.

Rappresentanti della Casa Bianca e del Dipartimento di Stato, si legge, hanno accusato le agenzie di intelligence russe di un attacco di informazione ai vaccini occidentali, progettato per minare la loro fiducia come rimedio efficace e sicuro per l'infezione da coronavirus.

Washington avrebbe riferito che i vaccini Pfizer e Moderna erano l'obiettivo principale della "campagna di propaganda di Mosca" rivolta al pubblico occidentale e ha promesso di "combattere la disinformazione con tutti i mezzi".

Gli esperti russi intervistati dalla testata giornalistica ritengono che le accuse evidenziano un'escalation nella lotta per il mercato globale dei vaccini COVID-19.


Le piattaforme online controllate dai servizi segreti Russi

Kommersant riferisce che le dichiarazioni rese lunedì dal Segretario stampa della Casa Bianca, Jen Psaki, e dal portavoce del Dipartimento di Stato americano, Ned Price, hanno confermato che il continuo confronto russo-americano avrebbe sollevato un altro tema caldo: la lotta contro la pandemia e la "guerra dei vaccini".

Commentando i rapporti secondo cui le pubblicazioni dei media sui problemi dei due principali vaccini occidentali - Moderna e Pfizer - sarebbero state ispirate dai servizi speciali russi, Psaki ha confermato che l'amministrazione del Presidente Joe Biden starebbe seguendo da vicino questi rapporti e "stanno adottando misure per risolvere il problema". “Combatteremo la disinformazione - ha aggiunto Psaki - utilizzando tutti i mezzi a nostra disposizione. Conosciamo certamente l'approccio e la tattica degli sforzi di disinformazione russi. I vaccini Moderna e Pfizer sono sicuri e approvati dalla FDA "

Secondo la Psaki, gli Stati Uniti, avrebbero già individuato tre piattaforme online "controllate dai servizi speciali russi" che "diffondono disinformazione". Inoltre, secondo il Segretario Stampa della Casa Bianca, le pubblicazioni riguarderebbero non solo i vaccini, ma anche "organizzazioni internazionali, conflitti militari, proteste e qualsiasi questione controversa".

I fatti sarebbero confermati anche dal portavoce del Dipartimento di Stato USA, Ned Price.

Le dichiarazioni dei due funzionari statunitensi, sono state precedute dalla pubblicazione di un articolo sul Wall Street Journal intitolato "La campagna di disinformazione russa mira a minare la fiducia nella Pfizer e negli altri vaccini COVID-19, dicono i funzionari statunitensi".


L'inizio di una grande guerra commerciale

" Le accuse del Dipartimento di Stato contro alcuni indefiniti agenti russi di influenza dell'informazione sui siti web, di cui pochi hanno sentito parlare, fanno parte della guerra dell'informazione in cui gli Stati Uniti e l'Occidente accusano la Russia", afferma su Kommersant Anton Fedyashin, professore presso l'Università americana a Washington. Non sorprende, aggiunge Fedyashin, che l'estate scorsa i media occidentali abbiano preso in giro la registrazione del vaccino russo, mentre i politici occidentali continuano a speculare sul potere debole delle strategie di "geovaccino" del Cremlino. Da un lato distoglie l'attenzione dai nostri fallimenti e ritardi nella vaccinazione, dall'altro c'è una lotta disperata per i mercati".

Per Vladimir Vasiliev, capo ricercatore presso l'Istituto degli Stati Uniti e del Canada dell'Accademia delle scienze russa, i produttori occidentali, principalmente americani, si aspettano di ricevere fino a 50 miliardi di dollari dalla vendita di vaccini solo nel 2021, poiché la vaccinazione coprirà centinaia di milioni di persone. C'è già una lotta per questo mercato, che minaccia di trasformarsi in "guerre di vaccini senza regole". "A questo proposito, sta diventando sempre più ovvio che l'emergente mercato globale dei vaccini contro il COVID-19 richiede lo stesso meccanismo di regolamentazione che l'Organizzazione mondiale del commercio applica ai principali tipi di prodotti medici e farmaceutici", ha detto l'esperto su Kommersant.


"La pandemia COVID-19 è diventata una sfida globale che, da un lato, contribuisce al consolidamento degli sforzi internazionali per superarne le conseguenze e, dall'altro, crea le condizioni per l'emergere di nuove aree di concorrenza interstatale e aziendale".

Nelle relazioni russo-americane, tale competizione può essere particolarmente dolorosa e può svilupparsi a diversi livelli, spiega il direttore dell'IMEMO E. M. Primakov, Accademia russa delle scienze Fedor Voitolovsky.

Secondo l'esperto, intervistato da Kommersant, “i produttori statunitensi e russi si trovano a competere nei mercati di Europa, Asia, Africa, Sud e Centro America. Il risultato della competizione è spesso determinato non da quanto meglio ogni vaccino aiuta a proteggere la salute delle persone, ma da quale immagine pubblica di esso viene creata nella coscienza pubblica da attori pubblici e privati ".

Alcuni paesi hanno iniziato a vaccinare in modo massiccio i propri cittadini contro il coronavirus alla fine del 2020.

Gli Emirati Arabi Uniti sono i primi per popolazione vaccinata, mentre la Russia non è ancora tra i primi trenta.

Attualmente ci sono sette vaccini ampiamente utilizzati in tutto il mondo, tutti destinati ad essere somministrati in due dosi.

I vaccini sviluppati da Pfizer-BioNTech (USA-Germania) e Moderna (USA) dominano in Nord America, Europa, Israele e Stati del Golfo.

L'AstraZeneca-Oxford della Gran Bretagna viene utilizzata nel Regno Unito, in UE e nella stessa India, con quest'ultima che utilizza anche un vaccino prodotto dalla sua azienda farmaceutica, Bharat Biotech

Il vaccino russo Sputnik V è registrato in 48 paesi, tra cui Argentina, Bielorussia, Ungheria, Guatemala, Iran, Messico e Emirati Arabi Uniti.

Il secondo vaccino registrato nella Federazione Russa - "EpiVacCorona" - è ancora utilizzato solo nel paese.

I vaccini cinesi Sinopharm vengono introdotti in Cina, Emirati Arabi Uniti, Bahrein, Seychelles, Giordania, mentre Indonesia e Turchia utilizzano il vaccino cinese Sinovac.

La guerra è solo all'inizio.

Intanto in Italia è notizia di questi giorni che lo SPUTNIK V verrà prodotto nel nostro Paese ed i titolari della licenza hanno già presentato domanda di autorizzazione all'EMA.

Come riportato dalla testata “Prima pagina.TV L'Informazione parlamentare” , la notizia avrebbe fatto molto piacere al leghista Matteo Salvini.

39 visualizzazioni0 commenti