Le tendenze sono cattive, gli eventi sono peggiori, ma i "Trevents" potrebbero sorprenderci

Esageriamo l'importanza delle ultime notizie, ma proiettiamo anche illusioni sul futuro. La storia si fa davvero tra le corse brevi e lunghe.

di Nicola Iuvinale


Lo storico Niall Ferguson ha pubblicato, oggi, un bell'editoriale su Bloomberg.

In estate, l'ex segretario al Tesoro Larry Summers ed io stavamo discutendo della situazione economica e politica globale. Quanto sarebbero andate male le cose? Larry ha escogitato una formulazione tipicamente concisa: "Gli eventi sono negativi per il 75%", ha detto. "Le tendenze sono buone per il 75%".

Ho compreso a cosa stava alludendo. Il suo aforisma è un distillato dell'argomento di un altro amico di lunga data di Harvard, lo psicologo Steven Pinker. "Il giornalismo per sua stessa natura nasconde il progresso", ha affermato Pinker in una recente intervista, "perché presenta eventi improvvisi piuttosto che tendenze graduali... la stampa è una macchina della disponibilità. Include le cose peggiori accadute sulla Terra in un dato momento. Ma, aggiunge, "il progresso umano è un fatto empirico". (Questa è una visione che Pinker ha proposto in diversi libri: Rationality (2021), Enlightenment Now (2018) e The Better Angels of our Nature (2011).)

È certamente vero che i media mainstream prediligono le cattive notizie rispetto alle buone notizie. "Se sanguina, tira", è un vecchio adagio di redazione per buone ragioni. Pinker non è l'unico accademico che ha studiato i pregiudizi cognitivi che ci attraggono verso eventi avversi. Anche la BBC, a volte, ammette che i media prediligono la negatività.

Per quanto riguarda le nuove forme di social media, sembra che la nostra richiesta di "doom scrolling" sia così enorme da non poter essere soddisfatta dalla fornitura di veri disastri.

Molte notizie false consistono in calamità immaginarie.

Un buon esempio è stata la recente ondata di interesse su Internet per un presunto colpo di stato contro il presidente cinese Xi Jinping. A partire dal 23 settembre, la mia casella di posta era piena di domande su uno sconvolgimento politico che in realtà non stava accadendo. Era vero che Xi era stato arrestato? È stato difficile risalire all'origine di questa storia. Il mio primo assaggio è stato un tweet di una giornalista cinese di cui non avevo mai sentito parlare di nome Jennifer Zeng:

La prova a sostegno era un video di 55 secondi di veicoli militari.

Zeng ha un sito web chiamato "Verità scomode". Tuttavia, la caratteristica davvero scomoda della sua storia è stata che nelle successive 48 ore non è stato possibile trovare un briciolo di conferma da parte di nessuno degli esperti cinesi che ho letto costantemente, come Bill Bishop of Sinocism. A terra nel centro di Pechino, Georg Fahrion, il corrispondente cinese di Der Spiegel, si è divertito un po' (anche su Twitter ).

Certo, si potrebbe dire che un colpo di stato militare contro Xi sarebbe classificato come una buona notizia, non come una cattiva notizia. Ma ciò significherebbe dimenticare l'intera sanguinosa storia dei colpi di stato militari in tutti i paesi del mondo. In ogni caso, non era vero.

Il vero problema che ho a che fare con le tendenze, non con le notizie. Per dirla senza mezzi termini, sto lottando per vedere che le buone tendenze nel mondo sono più numerose di quelle cattive, di cui parlano Summers e Pinker.

Il pianeta è sempre più caldo e questa tendenza è quasi certa che continuerà, secondo l' Intergovernmental Panel on Climate Change. Prova a leggere il suo sesto rapporto di valutazione se vuoi vedere quanto sarà difficile evitare l'aumento delle temperature medie nei prossimi 30 anni.

La popolazione mondiale continua a crescere, secondo il World Population Prospects delle Nazioni Unite, grazie principalmente all'elevata fertilità e al miglioramento della mortalità in Africa. La combinazione dell'aumento della popolazione e del cambiamento climatico in Africa è una ricetta per la fame, se non la carestia, i conflitti e le migrazioni di massa.

Negli Stati Uniti, nel frattempo, l'aspettativa di vita è in calo, soprattutto a causa delle morti per oppioidi, come ha recentemente mostrato John Burn-Murdoch sul Financial Times. Anne Case e Angus Deaton dell'Università di Princeton hanno fatto questo punto su "morti di disperazione" per alcuni anni.

Nel frattempo, la salute mentale dei giovani è un disastro. Come riportato da Derek Thompson in un recente saggio sull'Atlantico, la quota di studenti delle scuole superiori americane che affermano di soffrire di "persistenti sentimenti di tristezza o disperazione" è aumentata dal 26% al 44% tra il 2009 e il 2021. Più di un quarto delle ragazze ha riferito che avevano seriamente pensato di tentare il suicidio durante la pandemia.

A parte gli effetti negativi del blocco del Covid, Thompson ha offerto quattro spiegazioni per la difficile situazione di Generation Gloom: dipendenza dai social media, "socialità" in declino (che traduco come socialità), la percezione che il mondo sia un luogo stressante e un ambiente moderno eccessivamente protettivo dalla genitorialità. Il terzo di questi solleva la possibilità che le notizie negative contribuiscano a un trend negativo.

Nel frattempo, nella politica statunitense, l'ex presidente Donald Trump potrebbe benissimo essere il candidato repubblicano nel 2024, il che gli darebbe una discreta possibilità di essere rieletto. L'approvazione netta di Trump è migliore oggi (-13) rispetto a quando ha vinto la Casa Bianca l'8 novembre 2016 (-21). I mercati delle previsioni politiche che presto scompariranno hanno il candidato repubblicano come probabile vincitore nel 2024. E solo di recente Trump è rimasto indietro rispetto al governatore della Florida Ron DeSantis come il più probabile candidato del GOP .

OK, lo so, ci sono delle buone tendenze. Ad esempio, i costi unitari del fotovoltaico e delle batterie per i veicoli elettrici sono notevolmente diminuiti negli ultimi due decenni. Nella maggior parte del mondo, ad eccezione del Sud America, c'è stato un aumento significativo della copertura arborea dal 1982. E ogni volta che mi siedo con il mio amico, il venture capitalist Vinod Khosla, mi tira sempre su di morale. L'ultima volta che l'ho visto, nel 2019, stavamo tutti passando dalla carne vera agli hamburger impossibili. Quest'anno ha grandi speranze nella fusione nucleare. Ma quelli sono colpi di luna, non tendenze.

Nel frattempo, in che senso l'andamento dell'inflazione nel mondo è buono? Trentasette paesi hanno ora tassi di inflazione a due cifre, secondo il World Economic Outlook del Fondo Monetario Internazionale di aprile , e lo shock dei prezzi dell'energia non mostra alcun segno di attenuazione né del gas né del carbone.

Che ne dici dell'andamento della finanza pubblica statunitense? Secondo il Congressional Budget Office, il debito federale detenuto dal pubblico sarà il 98% del prodotto interno lordo quest'anno, appena al di sotto del livello raggiunto nella seconda guerra mondiale. Entro il 2052 potrebbe raggiungere il 185%, poiché si prevede che il deficit federale aumenterà quasi ogni anno da oggi fino alla metà del secolo.

Credi che gli americani possano uscire da questa montagna di debiti? Consentitemi di mostrarti le tendenze al ribasso della crescita della produttività in tutte le economie sviluppate del mondo, per gentile concessione dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico . Ogni volta che mi viene detto che gli anni '20 non possono essere così inflazionistici come gli anni '70, faccio notare quanto fosse più alto il tasso di crescita del PIL per ora lavorata all'epoca.

Lo scorso fine settimana, ho chiesto a un eminente finanziere, abbastanza a lungo da aver prestato servizio nell'amministrazione del presidente Jimmy Carter, perché pensava che questo decennio sarebbe stato migliore di quello di mezzo secolo fa, quando tutti noi avevamo più capelli. Ha risposto che gli anni 2020 sarebbero stati meno inflazionistici per due motivi: la forza lavoro è meno sindacalizzata oggi e la globalizzazione è a un livello più alto.

VERO. Ma consideriamo alcune altre differenze.

Non solo la crescita della produttività è più bassa oggi. Giudicata in termini di tasso di crescita dell'offerta di moneta, l'anno scorso la Federal Reserve ha commesso un errore più grave che in qualsiasi momento tra il 1968 e il 1979. La situazione demografica e le prospettive sono peggiori in ogni grande economia. La situazione fiscale è molto peggiore oggi. Poi abbiamo avuto preoccupazioni per l'inquinamento; ora abbiamo la minaccia esistenziale del cambiamento climatico.

Poi il conflitto che ha esacerbato il problema dell'inflazione – la guerra arabo-israeliana del 1973 – è stato breve, durando appena 19 giorni. La nostra guerra calda in Ucraina è appena entrata nel suo ottavo mese, senza una fine ovvia in vista.

Poi abbiamo avuto il Watergate, che sembrava il punto più basso della democrazia americana. Oggi maggioranze significative - più di due terzi di repubblicani e democratici - credono che "la democrazia della nazione sia in pericolo di collasso", secondo un sondaggio Quinnipiac di fine agosto.

Per quanto riguarda la geopolitica, almeno negli anni '70 c'era la distensione, che ha sicuramente ridotto il rischio della terza guerra mondiale.

edo pochi segni di un tale allentamento delle ostilità tra Stati Uniti e Cina oggi.

Per tutti questi motivi, le tendenze di oggi mi sembrano più negative del 75%, che buone. Direi che la visione di Summers-Pinker potrebbe essere stata plausibile 10 anni fa. Ma nel 2012 eravamo ancora nel periodo tra le due guerre, tra la prima e la seconda guerra fredda, un periodo caratterizzato da standard di vita globali in aumento, progressi nella democrazia e livelli di conflitto relativamente bassi. Quel periodo ora è chiaramente finito.

Siamo entrati in una nuova e più pericolosa era, in cui è probabile che una rivalità di superpotenze sia associata a una crisi economica, una "recessione democratica" (secondo la frase del mio collega di Hoover Institution Larry Diamond) e un aumento dei conflitti, che vanno da guerre per procura come quello che imperversa in Ucraina, a rischio di un vero e proprio Armageddon nucleare su Taiwan.

Eppure oggi potrebbe esserci solo un modo diverso e più positivo di guardare al mondo. Forse, riflettendoci, c'è un errore concettuale al centro della distinzione tra "eventi" e "tendenze".

Per lo storico, molte delle tendenze che i contemporanei intravedono si rivelano, molti anni dopo, un'illusione. Karl Marx credeva di aver scoperto la tendenza ultima dell'economia industriale: che la combinazione della legge ferrea dei salari e la tendenza alla concentrazione del capitale avrebbe creato disuguaglianza insostenibile e, in definitiva, una rivoluzione esplosiva. Ciò si è rivelato sbagliato.

Altre tendenze che hanno ingannato le persone intelligenti in passato includono l'idea, originata da Thomas Malthus, che la crescita della popolazione supererebbe la produzione alimentare, portando alla carestia e alla fame; e l'idea ricorrentemente in voga che gli Stati Uniti siano in declino terminale. La versione più recente di quest'ultimo è il libro del miliardario di hedge fund Ray Dalio, il libro Principles for Dealing with the Changing World Order: Why Nations Succeed and Fail , in cui si sostiene che l'ascesa della Cina è inesorabile e che il dollaro alla fine sarà sostituito come valuta di riserva.

"I contanti sono spazzatura", è il modo in cui Dalio ha riassunto la sua opinione nelle interviste. Ma il dollaro USA è stato uno dei grandi vincitori dell'ultimo anno. L'indice del dollaro DXY è aumentato del 18% da inizio anno. Rispetto al dollaro, l'oro è in calo del 10%, lo yuan cinese del 13%, l'euro del 15%, la sterlina e lo yen del 20%, Bitcoin del 60% ed Ethereum del 65%.

Dollaro dominante



L'apprezzamento del dollaro è più una tendenza che un evento o, per essere precisi, è uno di quei movimenti pluriennali sostenuti che si trovano da qualche parte tra i due. Osservando il tasso di cambio effettivo reale, la valuta statunitense si è rafforzata dal 2011. Non abbiamo assistito a un tale aumento dal periodo tra la fine del 1978 e l'inizio del 1985, un periodo che associamo al mandato di Paul Volcker come presidente della Federal Reserve. Resta da vedere se Jay Powell sia davvero la reincarnazione di Big Paul. Ma sappiamo dal discorso frettolosamente riscritto di Powell alla conferenza di Jackson Hole di agosto che questo è ciò che vuole farci credere.

Cos'altro è successo tra il 1978 e il 1985?

La risposta è ovviamente che la Guerra Fredda è arrivata al culmine. L'amministrazione Carter è uscita su una marea di "malessere" e crisi geopolitica: la rivoluzione iraniana, l'invasione sovietica dell'Afghanistan. Ronald Reagan è stato eletto presidente in parte per aver rovinato la distensione. In carica, ha apertamente sfidato "l'impero del male". La spesa per la difesa degli Stati Uniti è stata aumentata. Il guanto di sfida dell'Iniziativa di difesa strategica è stato lanciato. Il mondo è arrivato sull'orlo della guerra nucleare nel 1983. (Il tenente colonnello Stanislav Petrov ci ha salvati tutti ignorando il sistema di allerta precoce sovietico quando ha scambiato il riflesso del sole su una nuvola per cinque missili balistici statunitensi in arrivo.)

Poi, con la nomina di Mikhail Gorbaciov a leader sovietico nella primavera del 1985, iniziò il grande disgelo. Al momento del vertice di Reykjavík nell'ottobre 1986, Reagan e Gorbaciov stavano facendo la distensione con gli steroidi, arrivando vicino a concordare una proposta per uno "zero globale" per tutte le armi nucleari.

Il declino e la caduta dell'Unione Sovietica non erano una tendenza nel senso di Summers-Pinker. Pochissimi esperti hanno apprezzato quanto fosse diventato fragile il sistema sovietico e quanto le politiche interne di Gorbaciov di perestrojka e glasnost si sarebbero rivelate dirompenti sia nell'URSS che nei suoi stati satelliti dell'Europa orientale. Appena due anni prima della caduta del muro di Berlino, lo storico di Yale Paul Kennedy pubblicò il suo best-seller Ascesa e caduta delle grandi potenze . Il suo risultato era che gli Stati Uniti correvano il rischio di un "eccessivo ampliamento imperiale", come la Gran Bretagna prima del 1914.

Per decenni, dalla sua edizione del 1961, gli studenti di economia avevano letto nel libro di testo di Paul Samuelson la seguente frase: "L'economia sovietica è la prova che, contrariamente a quanto avevano creduto in precedenza molti scettici, un'economia di comando socialista può funzionare e persino prosperare" — un frase apparsa ancora nell'edizione del 1989. Il libro estremamente influente di Samuelson conteneva anche un grafico in cui si prevedeva che il prodotto nazionale lordo dell'Unione Sovietica avrebbe superato quello degli Stati Uniti ad un certo punto tra il 1984 e il 1997. L'edizione del 1967 suggeriva che il grande sorpasso potesse avvenire già nel 1977. Entro il 1980 edizione, il periodo di tempo era stato spostato in avanti al 2002-2012. (Il grafico è stato tranquillamente abbandonato dopo l'edizione del 1980.)

Una tale tendenza sarebbe stata positiva per oltre il 75% per gli uomini incaricati della pianificazione economica sovietica. Imbarazzante per l'economia come disciplina, Samuelson aveva torto al 100%.

Eppure il crollo sovietico fu anche molto più di un semplice evento: una notizia. Piuttosto, illustra la natura non lineare del processo storico. Potrebbe quindi essere utile creare una nuova categoria per tali interruzioni in una tendenza che equivale a qualcosa di più di un semplice blip o di una meraviglia di un giorno. "Eventi", qualcuno? Penso di preferire i "trevent".

Consideriamo quindi i seguenti trevents, ai quali la maggior parte dei commentatori presta poca attenzione.

In primo luogo, come ho sostenuto qui due settimane fa, la Russia sta perdendo la guerra annessionista del presidente Vladimir Putin in Ucraina. Se (ed è un grande "se") gli Stati Uniti e i loro alleati forniscono più potenza di fuoco e più finanziamenti in questo momento cruciale, c'è una discreta possibilità che l'esercito coloniale russo nell'Ucraina meridionale si disfa e Putin si ritrovi al punto di partenza a febbraio, controllando solo la Crimea e parte della regione del Donbas.

La “mobilitazione parziale” di Putin è diventata una farsa, con giovani russi in fuga dal Paese e proteste contro le cosche della stampa fino al Caucaso. Putin si è ridotto di statura sulla scena internazionale al punto che non solo i leader cinesi e indiani ora lo trattano con disprezzo, ma anche i leader di Bielorussia, Kazakistan e Serbia hanno smesso di inchinarsi e raschiare.

Putin non è ancora finito. Ma un leader che ho a lungo paragonato a un padrino della mafia assomiglia sempre meno a Michael Corleone e sempre più a Tony Montana nelle scene successive di Scarface .

Il mio secondo trevent riguarda la Cina. È vero, il "colpo di stato" della scorsa settimana contro Xi era una fantasia. È quasi certo che consoliderà ed estenderà la sua presa sul potere all'avvicinarsi del Congresso del Partito.

Ma l'effetto soffocante della politica zero-Covid di Xi sull'economia cinese è reale, così come le terribili tendenze demografiche e la crisi finanziaria latente nel settore immobiliare. Nel frattempo, all'estero, One Belt One Road è diventata Many Debs Many Defaults. Le sabbie nella clessidra si stanno esaurendo per l'ultima dinastia cinese. Il Partito Comunista Cinese non celebrerà il suo centenario al potere.

Terzo, l'Iran è sull'orlo della rivolta per l'uccisione di una giovane donna di nome Mahsa Amini per aver violato il codice di abbigliamento della sharia. Naturalmente, le forze di polizia assassine a disposizione degli ayatollah potrebbero ancora una volta riuscire a reprimere il malcontento popolare, come hanno fatto in più occasioni dal 1979. Ma prima o poi il popolo iraniano si ribellerà contro la versione islamica di Gilead, immaginata da Margaret Atwood tirannia teocratica nel racconto dell'ancella .

Non prevedo che tutti e tre questi regimi autoritari cadranno in pezzi da qui al 2024. Ma credo che, anche con l'aspettativa di vita di un glaswegiano nato nel 1964, vivrò abbastanza per vederli crollare.

Questo non vuol dire che Summers abbia ragione e che le tendenze siano, dopo tutto, buone per il 75%. È più che le tendenze sono spesso illusioni ottiche, nate dall'estrapolazione di linee dal passato recente a un futuro incerto, o dall'immaginazione di cicli storici inesistenti. Nella storia, non è tanto che la tendenza sia tua amica; più che non puoi impedire il trevent.

E anche nello scenario a bassa probabilità che i miei tre trevent vadano tutti bene e molto velocemente - che i regimi in Russia, Cina e Iran cadano tutti entro i prossimi due anni - ricorda che le conseguenze politiche non saranno come potresti immaginare. Ricorda il destino di George HW Bush, che ha concluso la Guerra Fredda con un successo spettacolare, solo per fallire nella sua candidatura per la rielezione nel 1992.

Bush è stato per molti versi il presidente maestro quando si trattava di politica estera. Con straordinaria destrezza affrontò la caduta del muro di Berlino, il crollo di tutti i regimi comunisti nell'Europa orientale, la riunificazione tedesca e poi la disintegrazione sovietica. Sotto la sua sorveglianza, Nelson Mandela fu liberato e l'apartheid relegato ai libri di storia; e l'invasione del Kuwait da parte di Saddam Hussein fu annullata.

Eppure la presidenza è stata conquistata da un governatore del Sud incline allo scandalo con lo slogan banale ma geniale: "È l'economia, stupido".

Avvertimento per Joe Biden: fai attenzione a ciò che desideri in politica estera. Potresti ottenerlo ed essere ancora un presidente per un mandato. E un presidente con un mandato è molto più vicino all'essere un evento che una tendenza.


22 visualizzazioni0 commenti