top of page

Pechino: inutile la vendita degli USA del sistema IRST per gli aerei da guerra F-16V taiwanesi

Con la Cina che si rifiuta di porre fine alle sue regolari intrusioni nella zona di identificazione della difesa aerea (ADIZ) di Taiwan, gli aerei da guerra F-16 taiwanesi spesso inviati per intercettare i caccia PLAAF saranno equipaggiati con il sistema IRST (Infrared Search and Track) per migliorare capacità di rilevamento


di Nicola e Gabriele Iuvinale



Aprendo la strada all'aggiunta di nuove e avanzate capacità all'aereo, il governo degli Stati Uniti ha approvato la proposta di vendita di sistemi IRST (Infrared Search and Track) per aerei da caccia F-16 e attrezzature associate a Taiwan. Questo sarebbe l’undicesimo trasferimento di armi a Taiwan da quando il presidente Biden è entrato in carica nel 2021.

L'Agenzia statunitense per la cooperazione e la sicurezza della difesa (DSCA) del Pentagono ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che la vendita includerà i sistemi IRST F-16 e la relativa integrazione, test, supporto e attrezzature per aerei e munizioni, pezzi di ricambio e accessori, addestramento del personale, nonché servizi di supporto ingegneristico, tecnico e logistico.


Dopo l'approvazione, il Dipartimento di Stato statunitense, ha affermato di aver informato quello stesso giorno il Congresso della transazione di armi. I sistemi di sensori migliorati potrebbero essere utilizzati sulla flotta di F-16V modificati dell'aeronautica taiwanese, nonostante i ritardi nell'acquisizione di questi nuovi F-16C/D Block 70.


Gli IRST forniscono un ulteriore modo per identificare e seguire potenziali minacce aeree. Un sistema IRST è progettato per rilevare e tracciare oggetti che emettono tracce di calore e radiazioni infrarosse. Sono sistemi cruciali in quanto non sono influenzati dalle caratteristiche del bersaglio che cercano di ridurne la sezione radar.

Diversi aerei da caccia avanzati ora hanno questi IRST installati perché questi sensori hanno il vantaggio di essere impermeabili agli attacchi di guerra elettronica, che hanno lo scopo di disturbare i radar e altre emissioni di radiofrequenza. Ciò significa che l’IRST avrebbe un evidente vantaggio rispetto ai radar convenzionali utilizzati dai jet taiwanesi.

In risposta, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha dichiarato ieri, in una conferenza stampa, che la Cina chiede agli Stati Uniti di annullare immediatamente il piano di vendita di armi e di fermare la pericolosa tendenza ad armare l'isola di Taiwan.

La Cina adotterà misure risolute e potenti per salvaguardare la propria sovranità nazionale e integrità territoriale, ha affermato Wang.

Reuters ha affermato nel rapporto che gli aerei da caccia F-16V dispongono di avionica, armi e sistemi radar avanzati per "affrontare meglio" l'aeronautica militare del PLA, compresi i suoi aerei da combattimento stealth J-20.

Gli esperti della Cina ritengono che il sistema IRST avrebbe un potenziale solo teorico per rilevare aerei stealth, perché a differenza del radar che utilizza la riflessione delle onde radio per trovare bersagli, l’IRST utilizza segnali di calore irradiati dal suo bersaglio per rilevarli. Gli aerei stealth sono progettati per essere poco osservabili dai radar, ma la loro radiazione infrarossa può solo essere ridotta, non eliminata.

Tuttavia, per Pechino, ciò non renderebbe un caccia di 4,5 generazione come l’F-16V americano in grado di rivaleggiare con un caccia di quinta generazione come il J-20 cinese in combattimento reale.

"L'IRST può solo agganciare bersagli da una distanza più ravvicinata rispetto al radar, mentre il J-20 può rilevare l'F-16 da una distanza molto più lunga utilizzando il radar", ha detto giovedì al Global Times Wei Dongxu, un esperto militare con sede a Pechino.

"È un sogno ad occhi aperti per un F-16 combattere un J-20 usando l'IRST, che dovrebbe essere solo un sistema di supporto nel combattimento aereo o utilizzato per attacchi marittimi e terrestri", ha detto Wei.

"Nella guerra moderna, i singoli pezzi di equipaggiamento non possono vincere le battaglie. Gli F-16V dell'isola di Taiwan potrebbero non avere nemmeno la possibilità di decollare dagli aeroporti prima di essere distrutti a terra da attacchi di precisione nel caso scoppiasse un conflitto nello Stretto di Taiwan", ha detto all'agenzia stampa un altro esperto militare della Cina continentale, che ha chiesto l'anonimato.

"Anche se riuscissero a fare una sortita, la combinazione del PLA di velivoli di allarme rapido KJ-500, jet da combattimento stealth J-20 e missili oltre il raggio visivo PL-15 non darà agli F-16V alcuna possibilità di utilizzare l'IRST", ha detto l'esperto cinese

La maggior parte degli aerei da combattimento della PLA sono installati internamente con sistemi IRST, mentre l’F-16V dovrebbe probabilmente trasportare il sistema esternamente come pod, con un impatto negativo sulle prestazioni di volo, hanno detto gli osservatori di Pechino.

Un osservatore militare, che non ha voluto essere nominato, ha detto all'EurAsian Times: "Per metterlo in prospettiva, quando l'ordine della ROCAF per gli F-16V di nuova costruzione sarà completato entro il 2026 come attualmente stimato, è una possibilità reale che il PLA potrebbe avere più J-20 in servizio di quanti la ROCAF abbia caccia di tutti i tipi".

Taiwan sta attualmente cercando di acquisire le migliori capacità possibili, con un occhio alla crescente aggressività di Pechino.

Sebbene la Cina abbia intensificato la sua attività aerea intorno e all’interno dell’ADIZ taiwanese dal 2020, la situazione è diventata allarmante dalla visita dell’agosto 2022 della presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi a Taiwan.

Le continue intrusioni aeree e i preparativi della Cina per quella che viene pubblicizzata come una probabile invasione hanno innescato una massiccia risposta di modernizzazione militare a Taiwan. Così, Taipei si è rivolta a Washington per armarsi fino ai denti. Ad esempio, nel maggio di quest’anno, la ROCAF ha annunciato di aver equipaggiato i suoi Viper con missili AIM-9X Sidewinder acquistati dagli Stati Uniti.

La Cina si oppone regolarmente alla vendita di armi da parte degli Stati Uniti a Taiwan. Tuttavia, le forniture non si fermeranno poiché Pechino è diventata una minaccia significativa per il territorio insulare autogovernato e per gli altri alleati americani nella regione dell’Indo-Pacifico.

8 visualizzazioni0 commenti

Komentar


bottom of page