Perché la Cina vuole conquistare Taiwan. "Riunificazione"? L'isola non è mai stata "cinese"

Le minacce cinesi a Taiwan sono per Pechino un'opportunità sia per portare l'isola nelle sue mani autoritarie, sia per smantellare le alleanze americane nella regione. Tuttavia, il piano di cinese di conquistare Taiwan con la forza, se necessario, ha diverse ragioni storiche, strategiche e geopolitiche


di Nicola Iuvinale

Il Quotidiano francese "Le Monde" ha pubblicato un approfondito speciale su Taiwan e la Cina. La prima parte esamina l'origine del fragile status quo intorno allo Stretto (Comprendre l’origine du fragile statu quo autour du détroit de Taïwan), la seconda sul perché la Cina vuole conquistare Taiwan (Pourquoi la Chine veut conquérir Taïwan) e la terza, sulla difficoltà di prevedere il conflitto tra Taiwan e la Cina (Entre la Chine et Taïwan, un potentiel conflit difficile à prédire) tutti a firma di Gary Dagorn.


Perché la Cina vuole Taiwan?

Cerca di dominare tutti coloro che parlano cinese

Le ragioni principali sono soprattutto dovute al fatto che il regime comunista cinese - che ha ottenuto il controllo della Cina continentale nel 1949 - non ha mai voluto ammettere che la Repubblica di Cina è comunque sopravvissuta alla guerra civile: infatti, subito, negò la sua legittimità a governare a Taiwan.

“Nel 1934 Mao Zedong si espresse a favore dell'indipendenza di Taiwan. Perché nel 1949 si parla improvvisamente della sua "liberazione"? È per un motivo molto semplice, ovvero che la Repubblica di Cina non è scomparsa”, spiega Stéphane Corcuff, sinologo e ricercatore presso il Centro francese di studi sulla Cina contemporanea con sede a Taipei.

Il Partito Comunista Cinese (PCC) considera il "problema taiwanese" come una questione interna e non consente alcuna interferenza esterna, in un territorio che non ha mai controllato.

“La Cina rivendica la sovranità su Taiwan parlando di 'riunificazione' quando il termine è del tutto inappropriato, dal momento che Taiwan non è mai stata cinese. Non ci sarebbe una “riunificazione”, ma un'unificazione con la forza”, sottolinea Marianne Péron-Doise, ricercatrice associata e direttrice dell'Osservatorio geopolitico dell'Indo-Pacifico presso l'Institute of International and Strategic Relations (IRIS).

L'isola fu conquistata solo in parte alla fine del XVII secolo dalla dinastia Qing, regno dei Manciù durante il quale i cinesi occuparono il fondo della scala politica e sociale. Rimase sotto questo dominio imperiale Manciù (che quindi non è un dominio Han e che, peraltro, fu rovesciato perché considerato straniero) per due secoli, prima di essere annesso dai giapponesi nel 1895, per poi essere reintegrato nella Repubblica della Cina nel 1945, in seguito alla capitolazione dell'Impero giapponese.

Per Stéphane Corcuff, l'attuale affermazione di Pechino è “un irredentismo cinese che mira non a 'riunificare' Taiwan e la Cina, ma ad annettere uno Stato sovrano” sulla base di basi storiche, etniche o linguistiche.

Ma le motivazioni di Pechino non sono solo politiche; sono anche geopolitiche e strategiche.

Annullare le alleanze americane della "prima catena di isole"

La Cina del 2022 non ha più molto a che fare con la giovane Cina comunista di fine 1949.

Il suo spettacolare sviluppo economico, durante la seconda metà del XX secolo, le ha permesso di affermarsi come superpotenza ed entrare in rivalità con gli Stati Uniti.

Ma la geografia della regione del Mar Cinese Orientale e Meridionale, così come le alleanze dei suoi vicini, contrastano le sue ambizioni egemoniche.

I 14.000 chilometri di costa cinese si affacciano su quella che viene definita la "prima catena di isole".

"Pechino è in un certo senso confinata nei mari cinesi, non ha libero accesso all'Oceano Pacifico, perché si trova di fronte a questa catena di isole, che sono paesi con i quali intrattiene relazioni relativamente ostili", analizza Marc Julienne, capo delle attività in Cina presso il Centro Asia dell'Istituto Francese per le Relazioni Internazionali (IFRI).

Questa prima catena di isole è composta da quattro paesi alleati degli Stati Uniti: Corea del Sud, Giappone, Filippine e Taiwan. I primi tre hanno ciascuno concluso un trattato di mutua difesa con gli americani, offrendo garanzie di sicurezza considerate vitali da questi paesi. La Corea del Sud ospita due basi aeree navali americane e il Giappone sei. Dal 2014, un accordo di sicurezza ha anche fornito all'US Air Force cinque punti di supporto nelle Filippine.

Una seconda catena è costituita dalle Isole Marianne Settentrionali (dove si trova la principale base navale americana di Guam) Palau (un territorio precedentemente amministrato dagli Stati Uniti) e dall'arcipelago giapponese delle Isole Ogasawara.

Un'annessione militare di Taiwan avrebbe l'obiettivo e la conseguenza, tra l'altro, di indebolire nettamente la presenza americana nella regione e di affermare il dominio cinese.

Per la sua posizione centrale, "Taiwan è una specie di chiusa per la Cina sul Pacifico", spiega Marc Julienne.“ La Cina cerca di smantellare la rete delle alleanze statunitensi nella regione. L'obiettivo è rendere l'esercito cinese in grado di dissuadere gli Stati Uniti dall'intervenire nella regione attraverso tattiche di negazione dell'accesso, il che renderebbe molto più difficile per gli americani avvicinarsi alla Cina e Taiwan. Se gli gli Stati Uniti non fossero più in grado di difendere il Giappone, l'alleanza non reggerebbe più. »

L'eventuale scomparsa degli Stati Uniti come garanti della sicurezza nella regione “sarebbe una svolta strategica”, commenta una fonte ben informata del Ministero delle Forze armate. "C'è il rischio reale di aprire la strada a un'espansione della proliferazione nucleare in paesi come la Corea del Sud, forse il Giappone", ha affermato questa fonte in condizione di anonimato. Se questi due paesi non possono più fare affidamento sull'ombrello nucleare americano, potrebbero cercare di sviluppare il proprio deterrente per garantire la loro sicurezza.

"La Cina non potrà annullare questi trattati di sicurezza" tra Giappone, Corea del Sud e Stati Uniti, tuttavia, sfuma Marianne Péron-Doise. “Manterrebbero misure minime per creare fiducia, ma non puoi immaginare che la Cina possa sostituire quelle garanzie di sicurezza.»

In verità sono ipotesi molto remote.

Gli Stati Uniti hanno già iniziato a rafforzare l'alleanza militare con il Giappone, Corea del sud e Taiwan.

Estendere la portata dei sottomarini nucleari

Un altro dei potenziali obiettivi di Pechino riguarda il suo deterrente nucleare e, in particolare, la sua componente oceanica, perché diversi elementi geografici limitano le possibilità di manovra dei sottomarini missilistici balistici cinesi (SSBN).

L'attuale maglia delle due catene di isole consente agli alleati degli Stati Uniti di individuare facilmente i sottomarini cinesi che desiderano accedere all'Oceano Pacifico. "I giapponesi, gli americani e i taiwanesi hanno ottime capacità di guerra anti-sottomarino e sono in grado di tracciare questo tipo di sottomarino ", sottolinea Marc Julienne.

Ma, soprattutto, i mari della Cina meridionale e orientale hanno un traffico mercantile molto denso e acque poco profonde. Tre quarti del Mar Cinese Orientale è profondo meno di duecento metri, il che non basta ai sottomarini cinesi per diluirsi (cioè immergersi) e manovrare con discrezione, senza essere "ascoltati". "Gli SSBN vengono spinti nello spazio intorno all'isola di Hainan nel Mar Cinese Meridionale. Essendo il loro raggio d'azione limitato, non possono raggiungere gli Stati Uniti continentali. Per questo i cinesi devono fare affidamento sui loro missili balistici superficie-superficie, che sono per natura più vulnerabili di un sottomarino, ma possono nascondersi più facilmente", conferma la stessa fonte del ministero delle Forze armate.

Tuttavia, Taiwan ha il vantaggio di offrire un accesso diretto all'oceano profondo dalle sue coste orientali. “Sarebbe un'opportunità per la Cina di costruire una nuova base SSBN e avvicinarsi alle coste statunitensi. Per gli Stati Uniti sarebbe una minaccia diretta" , sostiene Marc Julienne.

Rafforzare altre rivendicazioni territoriali e marittime

La conquista di Taiwan servirebbe agli altri obiettivi di Pechino, come le sue numerose rivendicazioni territoriali e marittime.

"Dobbiamo ricollocare il problema dello Stretto di Taiwan in un insieme più ampio di espansione globale della potenza marittima cinese", afferma Marianne Péron-Doise. Controllando Taiwan, la Cina potrebbe espandere la sua zona economica esclusiva e introdurre restrizioni alle spedizioni". Se l'interesse immediato riguardasse edifici militari stranieri, l'estensione della sua zona sovrana consentirebbe anche alla Cina di opporsi al diritto di controllo sulla navigazione mercantile, una potente leva per esercitare pressioni sui suoi vicini o favorire i suoi interessi.

Lo Stretto di Taiwan fa parte delle aree marittime che la Cina vorrebbe controllare nella sua interezza, mentre è in parte costituito da acque internazionali liberamente aperte alla navigazione. La prospettiva che Pechino possa controllare questa principale rotta commerciale tra il Mar Cinese Meridionale e la Cina orientale preoccupa la Corea del Sud e il Giappone, le cui economie dipendono fortemente dalle importazioni.

L'obiettivo sarebbe anche quello di sostenere le rivendicazioni cinesi nel Mar Cinese Meridionale, dove Pechino sta cercando di consolidare la propria posizione, a discapito del diritto del mare e dei suoi vicini. Le controversie riguardano principalmente due arcipelaghi: le Isole Paracel, situate in acque internazionali a sud della Cina e l'arcipelago Spratleys, situato tra Vietnam, Malesia e Filippine, ma che Pechino rivendica fermamente, nonostante la lontananza dalle sue costole.

La presa di Taiwan potrebbe addirittura rilanciare la disputa sulle isole Senkaku, un arcipelago giapponese disabitato situato non lontano dalla costa orientale di Taiwan. “Non sarebbe impossibile per i cinesi cercare di portare i giapponesi a fare i conti con la regione, cosa che sembra essere di grande preoccupazione per le autorità giapponesi", spiega Marc Julienne.

Controllo dell'ambito mercato dei semiconduttori di Taiwan

Infine, la presa di Taiwan consentirebbe anche al regime di Pechino di controllare l'industria taiwanese dei semiconduttori, che rappresenta gran parte della produzione mondiale (63%). Questi componenti, essenziali per la fabbricazione di prodotti ad alta tecnologia (telefoni, aerei, pannelli solari, ecc.), sono cruciali per l'economia globale.

I semiconduttori più avanzati sono realizzati in gran parte dalla Taiwan Semiconductor Manufacturing Company (TSMC). Entrare in possesso di questa industria sarebbe un guadagno innegabile, ma non è detto che Pechino possa sfruttarla facilmente. TSMC è infatti essa stessa dipendente da materie prime importate in particolare da Giappone e Germania, che potrebbero decidere di ridurre o interrompere tali vendite in caso di tentativo di destabilizzazione da parte di Pechino.

Taiwan copre molti aspetti strategici per Pechino.

“C'è un'ambizione egemonica con il [presidente cinese] Xi Jinping. Non si tratta più di controbilanciare gli Stati Uniti, ma di entrare in rivalità con gli americani che, nel discorso cinese, sono sempre stati presentati come una potenza fuori dall'Asia ", secondo Marianne Péron-Doise.

E Taiwan è un grosso ostacolo al “rinascimento” cinese, il "sogno cinese" di Xi Jinping: quella "una comunità globale dal destino condiviso per l'umanità".
Questo è il punto che solleva la questione di un potenziale, evidente, conflitto armato.

60 visualizzazioni0 commenti