top of page

Preparati, Europa: Trump (ismo) sta arrivando

Gli atlantisti vecchio stile stanno bevendo al saloon dell'ultima possibilità.


Per tre decenni dopo il 1991, gli europei hanno ignorato la minaccia di Russia e Cina, lesinato sulla difesa e dato per scontato gli Stati Uniti.

Ora spendono di più per la difesa, temono la Russia e si preoccupano per la Cina.
Ma non hanno ancora compreso appieno la loro dipendenza dagli Stati Uniti e i pericoli che comporta.

Non erano preparati per il primo mandato di Donald Trump. Stanno adottando lo stesso approccio fiducioso a quella che i mercati delle scommesse dicono essere la sua possibilità su tre di essere rieletto nel 2024 e, forse ancora più importante, alla marea di opinioni che sta cavalcando. Molti a Washington DC, non solo i sostenitori di Trump, pensano che gli Stati Uniti siano sovraccarichi e dovrebbero lasciare l'Ucraina agli europei mentre si concentrano sulla Cina.

È vero, la prima presidenza Trump non è stata il disastro geopolitico predetto dai suoi critici. La presenza militare statunitense in Europa è aumentata, dopo anni di calo. Le alleanze sono sopravvissute. L'apparato di sicurezza nazionale ha funzionato. Dato il doloroso passato (il ripristino di Obama?) il record resiste al controllo. Ma non è stato completamente testato.


La credibilità della NATO si basa sulla volontà del presidente degli Stati Uniti di entrare in guerra per difendere gli alleati.

Se Vladimir Putin, forse incoraggiato da un risultato di stallo in Ucraina, scegliesse di mettere alla prova questa determinazione, magari con una “minore” incursione nella regione baltica, come risponderebbe il presidente Trump 2.0: con la forza militare, o con una telefonata al Cremlino?

Noi non lo sappiamo.

Ma sappiamo che l'Europa avrà poco da dire su questo.

L'Ucraina ha rivelato la sua nudità strategica. Gran Bretagna e Francia hanno capacità nucleari di ultima istanza e Finlandia e Polonia hanno armi furtive, convenzionali e di precisione che agiscono come una sorta di deterrente sub-strategico.

Ma almeno per il prossimo decennio, gli alleati europei non avranno il potere di respingere un attacco russo.
Tutto, come sempre, dipende dagli americani.

La grande domanda qui è: "Perché?"

Agli alleati europei non mancano persone o denaro. La loro popolazione è di 590 milioni (gli Stati Uniti sono 330 milioni). Il loro PIL combinato è di circa $ 18 trilioni (gli Stati Uniti, $ 26 trilioni). Possono spendere quando vogliono: i lettori potrebbero essere sorpresi dal sapere che dall'inizio della guerra i paesi europei hanno fornito più aiuti all'Ucraina rispetto agli Stati Uniti.

Né è mancato loro il tempo. Ogni presidente degli Stati Uniti, dai tempi di Eisenhower, ha evidenziato i pericoli della sottoutilizzazione e dell'ingenuità strategica (compresi, dagli anni '60, i rischi dell'importazione di gas sovietico).

Uno dei motivi di questa inazione è il processo politico: in tempo di pace, gli elettori generalmente preferiscono la spesa per il welfare.

Un'altra ragione, più sofisticata, è che i decisori e gli opinionisti ritengono che gli Stati Uniti abbiano bisogno di alleati e siano, quindi, disposti a pagare per la loro sicurezza.

Un tempo quell'approccio poteva sembrare parsimonioso se cinico. Ora sembra compiacente e costoso.

La guerra in Ucraina ha mostrato i limiti della propensione al rischio americana. L'amministrazione Biden ha fornito armi ma è sempre vincolata dai timori di un'escalation. Le decisioni (su carri armati, attacchi a lungo raggio e aerei da guerra) sono arrivate in ritardo o per niente. Ciò ha fatto guadagnare tempo alla Russia per rafforzare le sue difese. Gli ucraini hanno già pagato un prezzo orribile.

Se la Russia non venisse sconfitta in Ucraina, tutta l'Europa dovrà affrontare decenni di pericolo.

Con gli Stati Uniti sempre più distratti dalla minaccia della Cina, potrebbero affrontarli da soli.

Immaginate se l'Europa avesse iniziato a prendere sul serio la sicurezza interna ed esterna dopo uno dei tanti campanelli d'allarme a lungo ignorati in passato, come l'attacco informatico della Russia contro l'Estonia nel 2007. A questo punto, gli alleati europei potrebbero essere un formidabile partner globale per gli Stati Uniti, non solo per quanto riguarda la Cina ma anche su altre pressanti questioni globali. Ciò significherebbe costi e responsabilità.

Ma porterebbe anche dei privilegi, non ultimo essere presi sul serio.

Fonte: CEPA


81 visualizzazioni0 commenti
bottom of page