Sintesi di una conferenza congiunta sul decennio al potere di Xi Jinping


Sintesi di una conferenza congiunta del CLM e del presidente Freeman della CSIS sul decennio al potere di Xi Jinping.


L'8 settembre 2022 China Leadership Monitor e il presidente Freeman del Center for Strategic and International Studies hanno tenuto un briefing congiunto sul record di Xi Jinping da quando è diventato il leader del Partito Comunista Cinese (PCC) nel novembre 2012. Forniamo un breve riassunto dei punti principali della discussione che segue.

Da quando è salito al potere dieci anni fa, Xi Jinping ha dimostrato di essere un maestro della politica autoritaria. Ha consolidato con successo la sua autorità personale e ha intrapreso una campagna per rinvigorire l'ideologia del partito e la presenza nella società cinese. Xi ha formulato una visione massimalista della sicurezza nazionale incentrata sulla sicurezza del regime e del partito, e ha legato l'unificazione con Taiwan al percorso della Cina verso il ringiovanimento nazionale. La sua guida dell'economia e dell'agenda di politica estera hanno prodotto risultati contrastanti, mentre tenta di allontanarsi dagli Stati Uniti e rafforzare l'influenza di Pechino nel mondo in via di sviluppo.

Molte delle sfide che Xi deve affrontare ora lo seguiranno nel suo probabile terzo mandato come Segretario Generale. L'analisi delle sue prestazioni nell'ultimo decennio offre informazioni sulle sue debolezze, sui suoi punti di forza e sui possibili ostacoli e opportunità che potrebbe incontrare nei prossimi anni.


Capacità di leadership


Xi salì al potere nonostante avesse una base di potere relativamente debole. Ma ha rapidamente superato questo handicap e ha iniziato a consolidare il potere in modo rapido e spietato. Poche settimane dopo essere diventato Segretario Generale, Xi ha lanciato la sua prima campagna contro la corruzione per neutralizzare i suoi rivali nel PCC. Presto seguirono campagne ideologiche di ampia portata, con l'obiettivo di rinvigorire il partito e promuovere la fedeltà al centro del partito e al suo nuovo leader.

Lo straordinario successo di Xi nel consolidamento del potere può essere attribuito ai deboli controlli ed equilibri stabiliti nell'era post-Mao, così come al suo disprezzo per le norme del partito non codificate ma precedentemente rispettate. In retrospettiva, l'acume politico spietato di Xi lo ha servito bene, permettendogli di distruggere i rivali e circondarsi di lealisti. Nei suoi primi cinque anni in carica, le incessanti epurazioni di Xi, in particolare dell'apparato militare e di sicurezza, hanno contribuito a consolidare il suo controllo sull'arma e hanno notevolmente rafforzato la sua autorità.

A differenza dei suoi predecessori dalla mentalità pratica, Xi è un ideologo che mostra pragmatismo solo in alcune occasioni. Questo spesso lo porta a raddoppiare le politiche poco pratiche, come la sua politica Covid a tolleranza zero, invece di ritirarsi. Teme che un dietrofront possa minare la sua autorità politica in vista del 20° Congresso del Partito, che dovrebbe concedergli un terzo mandato.


Concezione della sicurezza nazionale


Una serie di eventi iniziati nel periodo precedente l'ascesa di Xi alla guida del PCC – tra cui la crisi finanziaria globale, la primavera araba, la fuga di informazioni di Edward Snowden e la caduta in disgrazia di Bo Xilai – hanno posto le basi per una nuova concettualizzazione del sicurezza. Xi ha costruito una visione massimalista della sicurezza nazionale, come delineato nel Global National Security Outlook (ONSO) pubblicato nel 2014. In questo quadro, sia le minacce tradizionali, come la presenza militare straniera al confine cinese, sia le minacce non tradizionali, come il tumulto pubblico su Weibo, sono considerate fonti di insicurezza nazionale. La sicurezza nazionale è diventata sinonimo di sicurezza del regime, fungendo da fondamento e motore per azioni ideologiche e materiali per proteggere il monopolio del potere del partito. L'ONSO così istituzionalizza la paranoia all'interno del PCC.

La Global Security Initiative (GSI), svelata da Xi nell'aprile 2022 poco dopo l'invasione russa dell'Ucraina, potrebbe rivelarsi l'estensione internazionale dell'ONSO da parte di Pechino. Se l'ONSO è il quadro di Pechino per ridefinire la sicurezza nazionale, allora il GSI potrebbe diventare il veicolo cinese per ristrutturare l'ordine di sicurezza internazionale. Sebbene il GSI sia agli inizi, probabilmente servirà a guidare la conversazione sull'architettura della sicurezza globale e presenterà un modello alternativo all'ordine guidato dall'Occidente.


Politica di Taiwan


Taiwan presenta preoccupazioni sia per la sicurezza nazionale che per la sicurezza del regime per Xi Jinping. Sotto la guida di Xi, la politica cinese nei confronti di Taiwan è diventata più coercitiva ed escalation. Pechino ha ampliato la gamma di quelle che considera azioni verso l'indipendenza taiwanese, impegnandosi così spesso in risposte più aggressive alle azioni americane o taiwanesi che considera movimenti verso l'indipendenza.

Xi ha anche radicato un collegamento bidirezionale tra il ringiovanimento nazionale della Cina e l'unificazione con Taiwan: l'aumento del potere cinese rende l'unificazione più raggiungibile e l'unificazione porterà al ringiovanimento della nazione cinese. L'anno 2049 è un punto di riferimento associato al ringiovanimento, suggerendo che potrebbe anche essere una scadenza morbida per l'unificazione.

Inoltre, Xi si è allontanato dall'approccio "Un Paese, due sistemi" dei suoi predecessori, che avrebbe concesso a Taiwan una certa autonomia politica, militare e sociale. Informato dagli eventi di Hong Kong, Xi prevede invece una soluzione a due sistemi per Taiwan, in base alla quale Taipei sarebbe subordinata a Pechino e non garantirebbe libertà politiche o militari. Xi è anche più disposto a usare mezzi coercitivi rispetto ai suoi predecessori per fare pressione su Taipei affinché accetti l'unificazione.


Prestazione economica


Sebbene Xi si sia dimostrato un leader politico scaltro, i suoi risultati economici sono contrastanti. Non è salito al potere con una chiara agenda economica e solo negli ultimi anni ha presentato un piano più mirato per l'economia cinese. La sua nuova agenda economica è strettamente legata alla sicurezza nazionale: la sicurezza economica è parte integrante della sicurezza nazionale e, per estensione, della sicurezza del regime. Pertanto, l'autosufficienza economica è diventata un segno distintivo della nuova strategia economica di Xi.

La performance economica sotto Xi Jinping è stata irregolare. Sebbene la Cina continui a crescere a un ritmo elevato rispetto alle economie sviluppate, la sua crescita economica è rallentata in modo significativo rispetto ai decenni precedenti. Particolarmente preoccupante è il calo della produttività totale dei fattori dal 2012.

Sebbene la politica industriale degli attivisti sia antecedente a Xi, il suo governo ha posto maggiore enfasi sulla politica industriale e ha messo a disposizione più risorse per attuarla. Il settore statale continua a essere il principale beneficiario di tali politiche, nonostante la crescente evidenza che il settore privato cinese è significativamente più produttivo. I pianificatori di Pechino hanno anche permesso la crescita di una bolla immobiliare, che rischia di scoppiare. In termini di riduzione del carbonio, la Cina non sta agendo abbastanza rapidamente, anche se rischia di perdere di più dal cambiamento climatico.

Nonostante la spinta retorica di Xi per una maggiore autosufficienza economica, la Cina è diventata più integrata con l'economia mondiale sotto la sua guida in molti modi (anche se è probabile che questa tendenza si inverta in futuro). I flussi commerciali e gli accordi sono aumentati in entità e numero (in particolare in Asia), le tariffe tariffarie medie sono diminuite e il contesto degli investimenti in Cina è migliorato, soprattutto nel settore finanziario. Tuttavia, la crescente tensione geopolitica e la politica zero-Covid del Paese stanno smorzando l'entusiasmo tra gli investitori stranieri.


Politica estera


Come evidenziato dall'aumento dei flussi commerciali della Cina verso i paesi RCEP e dalla cooperazione economica con altri partner globali, la politica estera sotto Xi è stata caratterizzata dalla sua ambizione e portata. Le partnership bilaterali sono più che raddoppiate sotto la guida di Xi, guidata in gran parte dalla Belt and Road Initiative (BRI). La BRI, l'Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB) e altre iniziative multilaterali guidate dalla Cina hanno collocato Pechino come un leader del mondo in via di sviluppo e un architetto alternativo dell'ordine globale. Questo secondo obiettivo è stato favorito anche dalle crescenti relazioni della Cina con gli avversari degli Stati Uniti, in particolare Russia, Iran e Venezuela. La maggiore importanza della Cina nel sistema internazionale ha rafforzato la voce di Pechino sulle questioni di governance globale e le ha conferito una maggiore influenza nelle istituzioni internazionali.

Sul piano interno, la narrativa cinese che circonda la sua politica estera è positiva, in quanto si considera un leader del mondo in via di sviluppo e una nazione di successo, in contrasto con un Occidente che sta crollando dall'interno. Tuttavia, al di fuori della Cina, le percezioni sono molto più negative: le relazioni della Cina con gran parte del mondo sviluppato si sono deteriorate rapidamente. In patria, la Cina deve anche affrontare gravi sfide come il calo demografico, l'elevata disoccupazione giovanile e il debito incontrollato. Il comportamento internazionale della Cina ha aperto opportunità agli Stati Uniti per rafforzare le proprie alleanze con i vicini della Cina e formare nuove coalizioni come AUKUS e Quad.


In attesa


Dopo essersi probabilmente assicurato un terzo mandato come Segretario generale in ottobre, Xi dovrà affrontare difficili sfide nazionali e internazionali. I suoi successi e fallimenti passati, così come i suoi punti di forza e di debolezza personali, fanno luce su ciò che i suoi futuri anni al potere potrebbero riservare.

In qualità di leader del partito, Xi ha accumulato un notevole potere personale, ma a un costo significativo. Le sue frequenti epurazioni dai ranghi del partito hanno provocato più nemici, facendo sentire Xi meno sicuro al potere e rendendo quindi necessarie continue epurazioni, anche di ex lealisti e alleati. Affronta anche le élite di partito scontente, che hanno rotto il consenso post-Tiananmen e le hanno private della capacità di accumulare fortune dalle loro posizioni di partito. Da un punto di vista storico, mantenere il controllo del partito potrebbe rivelarsi una sfida per Xi. A differenza di Mao e Deng, che avevano accumulato un notevole capitale politico prima di incontrare serie difficoltà politiche, Xi non possiede lo stesso grado di autorità nel partito e non ha accumulato una quantità di capitale politico equivalente a Mao o Deng. Negli anni a venire, Xi probabilmente continuerà a ricorrere alle purghe di fronte alla resistenza e coltiverà il suo culto della personalità per mantenere il potere. Date le limitate interazioni di Xi con i quadri più giovani, non è chiaro, forse nemmeno allo stesso Xi, chi potrebbe succedergli.

La concettualizzazione ampliata della sicurezza nazionale pone anche sfide all'effettiva sicurezza della Cina. Dal momento che quasi tutto può rientrare nell'ambito della sicurezza nazionale, a cosa daranno la priorità i funzionari? È possibile che i quadri depriortino i rischi realmente impattanti per la sicurezza della Cina al fine di affrontare le minacce percepite alla sicurezza dei partiti. In questo modo, l'ONSO ha istituzionalizzato la paranoia del partito nel governo dello stato.

Taiwan funge da importante punto critico per la sicurezza nazionale cinese e continuerà a essere tra le massime priorità di Xi, che potrebbe raddoppiare dopo il Congresso del Partito. Dal momento che Xi ha direttamente legato il ringiovanimento nazionale della Cina all'unificazione, una percepita mancanza di progressi sul fronte di Taiwan sarà considerata una mancanza di progressi sul fronte nazionale. Sebbene Xi preferisca utilizzare leve politiche ed economiche per promuovere l'unificazione, il potere militare sta diventando uno strumento sempre più attraente. Le relazioni tra lo Stretto saranno indubbiamente contrassegnate da una maggiore instabilità nei prossimi mesi e anni.

Tra le maggiori debolezze di Xi c'è la sua scarsa conoscenza dell'economia. Molte delle sue politiche industriali e ambientali si sono rivelate contraddittorie e inefficaci. Le repressioni normative hanno avuto un effetto raggelante sulla scena imprenditoriale cinese e hanno indotto le aziende a sospendere i piani di espansione. La politica Covid di Xi e la conseguente stagnazione economica sembrano sempre più aspetti della vita a lungo termine in Cina. Resta da vedere quanto successo avrà Xi nel rendere la Cina autosufficiente, poiché la sua economia dipende ancora fortemente da input esteri di fascia alta. Inoltre, gli alti costi degli alloggi, la significativa disoccupazione giovanile e il rallentamento della crescita economica potrebbero diventare tutti punti di infiammabilità del malcontento popolare.

Xi probabilmente utilizzerà i prossimi anni per rafforzare la posizione internazionale della Cina e il suo fascino come leader globale alternativo. Durante questo periodo, gli Stati Uniti saranno alle prese con le elezioni, distratti da una popolazione polarizzata e da un governo potenzialmente diviso. Xi probabilmente spingerà duro su un pezzo (o pezzi) cruciale della sua agenda di politica estera. Il track record di Xi suggerisce che è un leader di grande ambizione e probabilmente trarrà vantaggio dai momenti di opportunità strategiche percepite quando si presenteranno.



Scritto da Genevieve Collins.

Fonte: China Leadership Monitor. Hoover Institution.



25 visualizzazioni0 commenti