Ucraina: confronto tra l'influenza cinese e quella dell'Unione Europea

Per entrambe l'Ucraina costituisce un partner strategico. Tuttavia, mentre Cina e Ucraina hanno sviluppato in trenta anni una forte relazione economica e strategica, i programmi di finanziamento dell'UE sono finiti ad alimentare solo la grande corruzione


Geopolitcs


G Iuvinale

I rapporti Cina / Ucraina

Nel corso dei tre decenni di indipendenza dell'Ucraina, le risorse naturali, l'industria della difesa e l'ubicazione del paese hanno costituito una quota crescente degli interessi strategici della Cina.


Alla fine del 2019, la Cina aveva sostituito la Russia come principale partner commerciale dell'Ucraina, diventando il principale importatore di orzo e minerale di ferro ucraini, mentre l'Ucraina aveva superato gli Stati Uniti come principale fornitore di mais della Cina.

L'Ucraina è anche un importante fornitore di armi per la Cina, seconda solo alla Russia e la Cina è il più grande acquirente di armi ucraine. La prima portaerei cinese, la Liaoning , è una nave sovietica ristrutturata acquistata dall'Ucraina.

L'accordo di libero scambio dell'Ucraina con l'Unione Europea (UE) lo rende un punto di transito attraente per le merci cinesi, soprattutto alla luce della crescente esitazione europea nei confronti delle relazioni commerciali con la Cina. Il Parlamento europeo ha interrotto la ratifica di un accordo di investimento UE-Cina lo scorso anno e paesi come la Lituania si sono ritirati dal meccanismo "17+1" guidato dalla Cina per una maggiore cooperazione con l'Europa orientale.

Anche le infrastrutture e l'energia sono stati i principali punti di enfasi. Nel 2016, il gruppo COFCO, il più grande conglomerato agricolo cinese, ha costruito un terminal per il trasferimento di grano e petrolio da 75 milioni di dollari nel porto di Mykolaiv sul Mar Nero. Nel 2017, gli ingegneri cinesi hanno terminato l'ammodernamento del porto internazionale più trafficato dell'Ucraina, il porto di Yuzhny vicino Odessa. Nello stesso anno, due aziende cinesi hanno vinto l'appalto per la costruzione di una quarta linea della metropolitana a Kiev, con una disposizione per raccogliere fondi per il progetto da 1,3 miliardi di dollari dalle istituzioni finanziarie cinesi.

I promettenti mercati dell'energia eolica e solare dell'Ucraina hanno attratto i giganti cinesi delle energie rinnovabili. I piani principali includono il progetto di un parco eolico da 1 miliardo di dollari di PowerChina, che sarà il più grande impianto eolico onshore d'Europa una volta completato, e un impianto di energia solare guidato dalla China Machinery Engineering Corporation che sarà il terzo più grande d'Europa. La società China National Building Material ha già costruito dieci centrali solari in Ucraina, che rappresentano la metà della capacità totale di energia solare installata nel paese. Nel frattempo, le ricche riserve di petrolio e gas dell'Ucraina sono state una delle principali fonti di reddito per le aziende energetiche cinesi come la Xinjiang Beiken Energy Engineering.

L'Ucraina, inoltre, è entrata a far parte della Belt and Road Initiative (BRI) cinese nel 2017, cercando di sfruttare le sue relazioni con la Cina per accelerare la modernizzazione dei trasporti, in particolare per ferrovie e strade.

I politici ucraini hanno anche cercato di posizionare il paese come una porta per l'accesso della Cina all'Europa. Nella sua prima conversazione telefonica con il presidente cinese Xi Jinping nel 2021, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha definito la Cina “l'Ucraina n. 1 partner commerciale ed economico” e ha affermato di sperare che l'Ucraina diventi “un ponte verso l'Europa per gli affari cinesi”.

I due paesi hanno finora firmato contratti di costruzione relativi alla BRI per un valore di quasi 3 miliardi di dollari in settori come i trasporti e l'energia e la Cina ha utilizzato la leva della BRI per influenzare la posizione dell'Ucraina su questioni controverse.

Nel giugno 2021, Pechino e Kiev hanno firmato un ampio accordo sulle infrastrutture pochi giorni dopo che l'Ucraina si era ritirata da una dichiarazione congiunta firmata da più di quaranta paesi che chiedeva un'indagine indipendente sulle violazioni dei diritti umani nella regione cinese dello Xinjiang.

L'Ucraina è diventata anche un mercato importante per Huawei, il colosso cinese delle telecomunicazioni. Dopo aver sviluppato la rete mobile ucraina, Huawei ha vinto un contratto nel 2019 per costruire una rete 4G per la metropolitana di Kiev. Nel 2020, Huawei e l'agenzia per la sicurezza tecnica dell'Ucraina hanno deciso di cooperare in materia di sicurezza informatica e difesa informatica.


I rapporti UE / Ucraina

L’Ucraina rappresenta un partner geopolitico e strategico importante per l’UE. È uno dei maggiori paesi dell’Europa in termini geografici e demografici ed è anche uno dei vicini immediatamente confinanti con l’UE. Negli ultimi anni numerosi cittadini ucraini sono emigrati verso l’UE.

Da oltre 20 anni ormai, l’UE sostiene l’Ucraina nel suo programma di riforma in un cammino verso l’integrazione economica e relazioni politiche più approfondite. Questo paese è incluso nella politica europea di vicinato dal 2003. Nel 2007 l’Ucraina e l’UE hanno iniziato a negoziare l’accordo di associazione (AA), compresa la zona di libero scambio globale e approfondita (Deep and Comprehensive Free-Trade Area – DCFTA). Nel novembre 2013 l’Ucraina ha sospeso la firma dell’AA/DCFTA, suscitando così la rivoluzione di Euromaidan del 20143 L’AA/DCFTA è stato firmato, infine, nel giugno 2014 ed è entrato in vigore nel settembre 2017. L’AA è teso ad avvicinare l’Ucraina e l’UE, sviluppando rapporti politici più profondi, legami economici più forti e un maggiore rispetto per i valori comuni.

La sintesi dei rapporti commerciali al 2019:

  • l'UE è il principale partner commerciale dell'Ucraina, rappresentando oltre il 40% del suo commercio nel 2019. L'Ucraina è il 18° commercio dell'UE e rappresenta circa l'1,1% del commercio totale dell'UE. Il commercio totale tra l'UE e l'Ucraina ha raggiunto 43,3 miliardi di euro nel 2019.

  • le esportazioni dell'Ucraina nell'UE sono ammontate a 19,1 miliardi di euro nel 2019. Le principali esportazioni dell'Ucraina sono materie prime (ferro, acciaio, prodotti minerari, prodotti agricoli), prodotti chimici e macchinari. Si tratta di un aumento considerevole del 48,5% rispetto al 2016.

  • le esportazioni dell'UE in Ucraina sono state di oltre 24,2 miliardi di EUR nel 2019. Le principali esportazioni dell'UE in Ucraina comprendono macchinari e attrezzature per il trasporto, prodotti chimici e manufatti. Le esportazioni dell'UE in Ucraina sono state oggetto di un aumento impressionante simile dal 2016 del 48,8%.

  • il numero di società ucraine che esportano nell'UE è aumentato a un ritmo impressionante, da circa 11.700 nel 2015 a oltre 14.500 nel 2019.

Fino al 23 giugno 2020, l'UE ha vietato l'importazione di merci originarie della Crimea e di Sebastopoli, nonché gli investimenti e una serie di servizi direttamente collegati . Ciò è in linea con la sua politica di non riconoscere l'annessione illegale della Crimea e di Sebastopoli da parte della Federazione Russa.

Come detto, l’Ucraina è un paese del partenariato orientale dell’UE, che condivide con quest’ultima l’obiettivo comune di un’ulteriore integrazione economica e dell’associazione politica. L’Ucraina è il secondo maggior paese beneficiario dello strumento europeo di vicinato. Complessivamente, la Commissione ha impegnato all’incirca 5,6 miliardi di euro per programmi di assistenza macrofinanziaria (AMF) e 2,2 miliardi di euro per programmi di assistenza dal 2014. La Commissione europea, inoltre, garantisce prestiti della Banca europea per gli investimenti per 4,4 miliardi di euro. L’UE è il maggiore donatore dell’Ucraina

Nel febbraio 2022, nel contesto di una perdita di accesso ai mercati internazionali dei capitali dovuta all'accentuata incertezza geopolitica e al conseguente impatto sulla situazione economica in Ucraina, l'UE ha deciso di fornire 1,2 miliardi di euro supplementari al fine di promuovere la stabilità nel Paese.

Tuttavia, ai sensi dell'articolo 1, paragrafo 4, e dell'articolo 2, paragrafo 1, del regolamento (UE) n. 232/2014 che istituisce uno strumento europeo di vicinato, il relativo finanziamento prevede il rispetto dello Stato di diritto. E secondo l'articolo 2 del Trattato sul funzionamento dell'UE, si tratta di un valore fondamentale dell’Unione e di un principio guida della sua politica estera (articolo 21, paragrafo 2, del trattato sull’Unione europea e SEAE, A Global Strategy for the European Union’s Foreign and Security Policy, giugno 2016, pag. 26)

Inoltre, l’AA/DCFTA UE-Ucraina indica lo Stato di diritto e la lotta alla corruzione come elementi chiave per rafforzare la cooperazione tra le parti.

Su quest'ultimo aspetto, però, non c'è stato il benchè minimo miglioramento, nonostante il Servizio europeo per l’azione esterna (SEAE) e la Commissione hanno adottato un approccio multidimensionale, attraverso il dialogo politico e strategico, attività di progetto e condizioni per il sostegno al bilancio e i programmi AMF.

Una relazione speciale della Corte dei conti europea, infatti, sostiene che in Ucraina imperversano ancora la "grande corruzione" e la "cattura dello Stato", nonostante il sostegno concreto dell'UE.

L’Unione europea, dice la Corte, ha cercato di combattere la corruzione nel Paese considerando questa lotta una priorità trasversale e convogliando fondi e interventi in svariati settori, dall’ambiente concorrenziale al sistema giudiziario e alla società civile. Il sostegno fornito e le misure attuate finora, però, non hanno prodotto i risultati attesi.

Transparency International definisce la grande corruzione come “l’abuso di potere ad alto livello a beneficio di pochi e a scapito di molti, che reca danni gravi e diffusi ai singoli cittadini e alla società” [traduzione a cura della Corte]. In Ucraina, si basa su connessioni informali tra funzionari pubblici, membri del parlamento, pubblici ministeri, giudici, autorità di contrasto, dirigenti di imprese statali (State Owned Enterprises – SOE) e persone/imprese con legami politici. Vi sono circa 3 500 SOE a livello centrale e 11 000 a livello comunale.

Da molto tempo l’UE è a conoscenza delle connessioni tra oligarchi, alti funzionari, politici, sistema giudiziario e imprese statali. Tuttavia – osserva la Corte – non ha sviluppato una strategia concreta per contrastare la grande corruzione. I flussi finanziari illeciti (compreso il riciclaggio di denaro), ad esempio, sono colpiti solo marginalmente. Inoltre, la Commissione europea è stata eccessivamente indulgente nelle sue relazioni, dando luogo a valutazioni troppo favorevoli. La Corte cita, come esempio, il sistema di esenzione dall’obbligo del visto. Il funzionamento di questo sistema non è stato rivisto, benché non fossero soddisfatte due delle tre condizioni a cui è subordinato il sostegno UE.

Sul campo, gli aiuti dell'Unione hanno prodotto risultati solo limitati. Il sostegno erogato per combattere strutture e comportamenti anticoncorrenziali si è concentrato sul governo societario e sull’allineamento della legislazione ucraina alle norme UE.

Ad eccezione delle sovvenzioni per le fonti d’informazione e gli attivisti indipendenti, il sostegno UE non è stato mirato a individuare i sistemi di grande corruzione che vedevano il coinvolgimento di imprese pubbliche. Invece, dal momento che così tante imprese in Ucraina costituiscono monopoli od oligopoli corrotti, l’UE avrebbe dovuto intraprendere, a giudizio della Corte, un’azione più diretta per rimuovere gli ostacoli a una concorrenza libera e leale.

Neanche il sostegno UE alla riforma del sistema giudiziario ha prodotto risultati sufficienti, anche se i progetti europei hanno contribuito a riscrivere la costituzione ucraina e un gran numero di leggi.

Questi traguardi, tuttavia, sono messi costantemente a repentaglio da innumerevoli tentativi di eludere le leggi e annacquare le riforme, causando importanti battute d’arresto che le misure dell’UE non sono state in grado di mitigare.

Sotto accusa, inoltre, sono finite anche le principali istituzioni anticorruzione che la stessa UE ha contribuito ad istituire. Per i casi di corruzione ad alto livello, dice la Corte, l’intero sistema di indagine, imputazione e condanna è molto fragile. Benché l’Alta Corte anticorruzione abbia iniziato a mostrare risultati promettenti, la sua efficacia, indipendenza e sostenibilità sono messe continuamente in discussione.

Altro esempio citato al riguardo è l’ente nazionale anticorruzione.Seppur tuttora operativo e indipendente anche grazie al sostegno politico dell’UE, rimane sotto costante minaccia e le sue decisioni dipendono da fattori quale l’operato dei pubblici ministeri e della polizia scientifica. Basta un solo anello debole nella catena istituzionale, avvisa la Corte, perché l’intero sistema non funzioni più adeguatamente.





32 visualizzazioni0 commenti