top of page

Un rapporto spaventoso: il lungo gioco della Cina per infiltrarsi nella politica statunitense

Il regime cinese è “molto, molto paziente” nel suo obiettivo di penetrare e influenzare la politica americana a tutti i livelli, afferma un esperto di intelligence. Pechino compromette “ogni singolo livello” degli strati politici dei paesi occidentali. Gli ufficiali dell’intelligence cinese sono stati istruiti ad essere cittadini modello nel mondo occidentale per un periodo compreso tra i cinque e i dieci anni, facendosi strada nella società prima di essere “attivati”. Le operazioni di influenza cinese partono con l'inizio della carriera dei leader locali del Paese straniero. Quindi, sono agenti sotto copertura estremamente, estremamente profondi nella loro prospettiva. La riuscita manipolazione da parte di Pechino delle multinazionali americane passa anche attraverso incentivi economici. Il compito che abbiamo di smascherare le operazioni segrete cinesi è equivalente al tentativo di affrontare un “mostro” ben nutrito dall’Occidente che ora è “più grande di noi” e “con tentacoli ovunque”. Ma il genio è uscito dalla lampada e non ci rientrerà facilmente


Mentre le autorità cinesi scortavano l'alto funzionario della Federal Reserve fuori dalla sua camera d'albergo a Shanghai, gli venne detto di "dire cose positive sulla Cina" una volta tornato negli Stati Uniti.

L’atmosfera era “spaventosa”, ha ricordato alla Fed il funzionario, rimasto anonimo.

Quella è stata la prima di quattro volte in cui il funzionario è stato arrestato e interrogato durante un viaggio a Shanghai nel 2019. Secondo i repubblicani del Senate Homeland Security Committee che hanno reso pubblici i dettagli in un rapporto lo scorso luglio, le autorità cinesi hanno minacciato la sua famiglia, hanno intercettato i suoi telefoni e computer e hanno copiato le informazioni di contatto di altri funzionari della Federal Reserve dal suo account sull'app di social media cinese WeChat.

Il funzionario americano ha raccontato che le autorità cinesi cercavano di estorcergli “dati economici sensibili e non pubblici” e insistevano affinché lui “consigliasse alti funzionari governativi” su questioni economiche delicate come le tariffe commerciali mentre gli Stati Uniti e la Cina erano coinvolti in una guerra commerciale. Lo hanno costretto a bere alcolici e hanno tentato di convincerlo a partecipare a futuri incontri per consentire loro di raccogliere informazioni economiche.

Per quanto inquietante, l’incidente non è altro che parte di una campagna dannosa “di lunga durata e sfacciata” portata avanti dalla Cina nel corso di oltre un decennio per indebolire la politica economica degli Stati Uniti e promuovere l’ambizione di Pechino di soppiantare gli Stati Uniti come superpotenza globale.

La coercizione e le minacce rappresentano solo una parte degli strumenti a disposizione del regime per colpire la sfera politica occidentale.

Un think tank cinese con sede a Pechino, in collaborazione con l’Università Tsinghua, affiliata allo stato, nel 2019 ha valutato i consulenti della Casa Bianca e i governatori statunitensi in base alla loro cordialità nei confronti di Pechino. Il gruppo ha etichettato i funzionari come “amichevoli”, “ambigui” o “intransigenti” dopo aver esaminato parametri quali età, storia lavorativa, dichiarazioni pubbliche, attività commerciali con la Cina e durata del mandato.

Tempo, pazienza e meticolosità: questi sono gli attributi che Michel Juneau-Katsuya, ex capo dell'Asia Pacifico presso il Canadian Security Intelligence Service negli anni '90, vede nell'abilità di infiltrazione del regime cinese.

“Sono stati in grado di lavorare in un modo molto olistico”, ha detto a The Epoch Times.

La Cina, ha osservato, non dispone di un processo elettorale democratico che possa rimuovere la leadership dal potere. "Quindi sanno che possono piantare oggi qualcosa che potrà essere raccolto tra cinque, 10 o 15 anni."

Il senatore Mike Braun (R-Ind.), che ha sostenuto una posizione più dura nei confronti della Cina, è d’accordo.

“Stanno giocando a lungo termine”, ha detto a The Epoch Times.


Prendendo il loro tempo

Pochi, se non nessuno, sono i leader statunitensi, a livello federale, statale, locale e territoriale immuni dal rischio che il regime cinese li manipoli per sostenere la sua agenda nascosta, ha avvertito il Centro nazionale di controspionaggio e sicurezza nel luglio dello scorso anno.

Sfruttando le relazioni con i funzionari statunitensi – chiamate “usare il locale per circondare il centrale” in termini di slogan comunisti – Pechino può fare pressione su Washington affinché sostenga risultati politici favorevoli al regime, come l’approfondimento dei legami economici bilaterali e il repressione delle critiche all’abissale rapporto disumano del regime. registro dei diritti.

Secondo quanto riferito, una spia cinese ha guidato per 20 anni per la senatrice Dianne Feinstein (D-Calif.), recentemente deceduta.

Christine Fang, una presunta spia cinese che lavora per la principale agenzia di intelligence cinese, il Ministero della Sicurezza dello Stato, avrebbe utilizzato campagne di raccolta fondi, networking e relazioni romantiche con almeno due sindaci di città del Midwest per guadagnare terreno nelle loro sfere di influenza.

La signora Fang si è anche avvicinata al deputato Eric Swalwell (D-California) quando era membro del consiglio comunale di Dublino, ha raccolto fondi per la sua campagna di rielezione del 2014 e ha facilitato l'inserimento di uno stagista nell'ufficio del signor Swalwell, secondo Axios.

Il collegamento ha dato luogo a un’indagine durata due anni da parte del Comitato Etico bipartisan della Camera, che a maggio ha deciso alla fine di non intraprendere alcuna azione contro il deputato californiano, ma ha avvertito Swalwell di essere consapevole “della possibilità che governi stranieri possano tentare di garantire misure improprie attraverso doni e altre interazioni”.

Anche la rete del Fronte Unito, che aiuta il Partito a controllare la diaspora cinese, svolge un ruolo nella cooptazione di individui ben posizionati per gli interessi di Pechino.

Lu Jianwang, uno dei due presunti operatori di una stazione segreta di polizia cinese a New York, insieme a suo fratello, ha donato decine di migliaia di dollari ai politici di New York negli ultimi anni, incluso il vicepresidente del Comitato nazionale democratico Rep. Grace Meng (DN.Y.), il sindaco di New York Eric Adams e il governatore di New York Kathy Hochul, come mostrano i registri finanziari della campagna.

“I funzionari a livello locale e statali non saranno così consapevoli o in sintonia con alcuni di questi sforzi di influenza: stanno solo cercando di creare posti di lavoro”, ha detto a The The Guardian Sarah Cook, analista senior della Cina presso Freedom House.


Tempi epocali

“Il PCC è molto bravo a trarne vantaggio, per convincere le persone a schierarsi dalla sua parte, per convincere le persone negli Stati Uniti ad avere un interesse in ciò che vuole. Successivamente, ciò può essere attivato per creare situazioni più problematiche”.



"Penso che le persone nella prima parte di quella relazione non se ne rendano conto", ha aggiunto.

Come nel caso della signora Fang, le operazioni di influenza cinese partono con l'inizio della carriera dei leader locali.

“Sono molto, molto pazienti, hanno il tempo dalla loro parte. La loro determinazione e la loro attenzione sono notevoli", ha detto Juneau-Katsuya del regime di Pechino.

Ha detto che gli ufficiali dell’intelligence cinese, diventati disertori, gli avevano spiegato dettagliatamente come erano stati istruiti a essere cittadini modello nel mondo occidentale per un periodo compreso tra i cinque e i dieci anni, facendosi strada nella società prima di essere “attivati”.

"Quando i servizi di sicurezza o la polizia hanno provato a fare un controllo dei precedenti, non hanno trovato assolutamente nulla", ha detto. "Quindi sono agenti sotto copertura estremamente, estremamente profondi in quella prospettiva", ha detto Juneau-Katsuya.


"Mentire in bella vista"

Taiwan, Uiguri, Falun Gong, Piazza Tiananmen. L'elenco delle parole chiave del Partito Comunista Cinese potrebbe continuare. E il regime ha chiarito che nessuno, in Cina o altrove, dovrebbe agire contro la sua volontà.

Nella tarda notte del 28 marzo, un giorno dopo che la Camera ha approvato a stragrande maggioranza lo Stop Forced Organ Harvesting Act del 2023 del deputato Chris Smith (RN.J.), un'e-mail furiosa dal ministro consigliere dell'ambasciata cinese Zhou Zheng è arrivata nella casella di posta di un assistente al deputato.


L'e-mail, scritta da un account Gmail registrato a nome del signor Zhou, dichiarava il disegno di legge "assurdo" e affermava che "il cosiddetto 'espianto forzato di organi' in Cina è una farsa".

Il disegno di legge è stato il primo atto legislativo in assoluto a frenare l’uccisione di prigionieri di coscienza autorizzata dallo stato per l'espianto dei loro organi, un’atrocità che un tribunale indipendente di Londra nel 2019 ha concluso che ha avuto luogo in Cina per anni “su scala significativa”.

Un certo numero di informatori, compresi testimoni oculari, si sono fatti avanti su The Epoch Times per condividere la testimonianza dell'atto macabro.

Zhou, in puro stile pechinese, ha chiesto agli Stati Uniti di fermare “il clamore infondato e le mosse anti-cinesi e di smettere di precedere [sic] con questa legislazione”.

Il signor Smith ha detto che le affermazioni contenute nell'e-mail erano "una grande bugia in bella vista".

“I praticanti del Falun Gong e gli uiguri vengono uccisi per i loro organi, e sono decine di migliaia ogni anno, come sappiamo”, ha detto a The Epoch Times.


“Persone perfettamente sane vengono messe in una barella e drogate per effettuare l'estrazione involontaria di due o tre dei loro organi - e poi li uccidono - questo è un omicidio. Sono crimini contro l’umanità”.

Il repubblicano del New Jersey il 14 aprile ha scritto all’ambasciata cinese chiedendo un visto per visitare lo Xinjiang, la regione cinese nordoccidentale dove si stima che un milione di uiguri siano tenuti in campi di detenzione. Non ha ricevuto risposta.

Alcune settimane prima dell’e-mail al signor Smith, il consigliere Li Xiang dell’ambasciata cinese ha scritto al senatore Josh Hawley (R-Mo.), insistendo affinché ritiri il suo disegno di legge che ordina la declassificazione delle informazioni relative alle origini del COVID-19, che erano state convertito in legge il 20 marzo.

Il signor Hawley ha scrollato le spalle.

“Il governo cinese mi ha scritto chiedendomi di ritirare la mia legge sulle origini del Covid”, ha scritto in un post sui social media il 9 marzo. “Hahaha. Nessuna possibilità."

Anche il signor Li si è scontrato con un muro quando ha cercato di bloccare un’udienza del Congresso programmata sulle origini del COVID-19. Né ha avuto successo il suo avvertimento ai parlamentari della Camera di non incontrare la presidente di Taiwan Tsai Ing-wen durante la sua visita a Los Angeles.

L’audacia del regime nel fare richieste a un membro eletto del Congresso ha “incensato” la deputata Ashley Hinson (R-Iowa), uno dei destinatari della lettera minacciosa.

"Fondamentalmente, ho semplicemente detto: 'No, non puoi dirmi chi posso e chi non posso incontrare e andrò avanti a incontrarla'", ha detto la signora Hinson a The Epoch Times. "E questo è quello che abbiamo fatto."

"Il fatto che qualcuno sia stato abbastanza coraggioso da presumere di potermi inviare un'e-mail del genere, minacciandomi e maltrattandomi è incredibile."

"Non sarò vittima di bullismo, la mia opinione non cambierà di fronte a un'e-mail del genere, in cui stai deliberatamente cercando di minare la mia capacità di svolgere il mio lavoro."

"Effetto agghiacciante" Nonostante le reazioni negative, ciò che fa andare avanti i funzionari di Pechino, secondo la signora Cook, è che, anche se questa volta potrebbe non funzionare, può “indurre le persone a pensarci due volte prima di un’azione critica la prossima volta”.

Il signor Smith e il signor Hawley sono entrambi sulla lista delle sanzioni del regime per la loro difesa dei diritti umani.

Coloro che non hanno familiarità con le manovre dirette dallo Stato cinese sono più vulnerabili alle prepotenze del PCC, ha affermato la signora Cook, soprattutto se non sono consapevoli della frequenza con cui ciò accade. Alcune delle minacce espresse sono solo dei bluff, ha detto.

Se i funzionari cinesi “ricordassero” ai leader statunitensi le potenziali conseguenze economiche, qualcuno appena entrato in una carica elettiva o un parlamentare che sta introducendo un’azione politica che provoca Pechino potrebbe decidere di “evitare la controversia” la prossima volta, anche se portassero avanti la decisione.

"Potrebbero essere colti di sorpresa, e se si tratta di funzionari locali che ricevono una lettera intimidatoria da un grande governo nazionale e repressivo come quello cinese, allora si tratta di due entità che non operano allo stesso livello", ha detto. “E a seconda della situazione, potrebbero effettivamente avere più da perdere in termini, ad esempio, di investimenti nel loro distretto”.


Un esempio si è verificato in California nel 2017, quando l’allora senatore Joel Anderson ha cercato di spingere il legislatore statale ad assumere una posizione simbolica contro la persecuzione del Falun Gong da parte del regime cinese.

Due giorni dopo che la sua risoluzione era passata all'unanimità attraverso la commissione giudiziaria dello stato, un giro di lettere è volato dal consolato cinese a San Francisco ai membri del senato dello stato della California.

Immediatamente, un “effetto raggelante” si è instaurato sui colleghi del signor Anderson che in precedenza avevano sostenuto la risoluzione. Durante l'ultima settimana della sessione del Senato, Anderson ha tentato almeno 18 volte di portare il provvedimento in votazione, senza alcun risultato.

I suoi colleghi “non volevano parlarne”, ha detto in seguito a The Epoch Times. E “l’unica differenza tra sostenerlo o non sostenerlo” era la lettera.


Penetrazione profonda

Le tattiche del Partito per guadagnare influenza sono diventate sempre più aggressive nel corso degli anni. Dove il denaro manca, entrano in gioco lo spionaggio e l’intimidazione vera e propria.

Il figlio di un parlamentare britannico che parlava apertamente della Cina ha visto il suo posto universitario messo a repentaglio quando l’istituto ha ricevuto minacce di perdere tutti i finanziamenti cinesi; al figlio di un altro politico è stato impedito di imbarcarsi su un volo di una compagnia aerea cinese a causa del suo cognome.

Il deputato canadese Michael Chong, che ha affrontato la repressione cinese in qualità di ministro ombra degli Affari esteri, ha appreso a maggio che un funzionario del consolato cinese con sede a Toronto, Zhao Wei, aveva raccolto informazioni sulla sua famiglia a Hong Kong per colpirli con sanzioni a partire dal 2020, anche se il signor Chong aveva intenzionalmente interrotto i contatti con loro per anni per isolarli.

La combinazione di ricompense e ritorsioni del regime sembra aver dato i suoi frutti in una certa misura.

Nello stato conservatore dello Utah, dal 2007 fino a 25 legislatori si sono regolarmente recati in Cina ogni due anni, con i media statali cinesi che hanno pubblicato le loro giubilanti citazioni al fine di amplificare l’agenda di Pechino.

L’ambasciata cinese ha mediato uno scambio di e-mail in cui il leader cinese Xi Jinping ha scritto una nota in cui ringraziava gli alunni di quarta elementare dello Utah per i loro auguri per il Capodanno cinese, spingendo un legislatore repubblicano a dire all’aula del Senato statale che “non poteva fare a meno di pensare a quanto sia stato sorprendente che il leader cinese Xi Jinping si sia preso il tempo di scrivere una lettera così "straordinaria", secondo un rapporto investigativo dell'Associated Press .

Dopo essere stato contattato da un sostenitore di Pechino, un altro legislatore dello stato dello Utah ha presentato nel 2020 una risoluzione in cui esprime solidarietà alla Cina all’inizio della pandemia di COVID-19. La risoluzione è stata approvata, anche se il governatore ha rifiutato di firmarla.

Una risoluzione simile, proposta dai funzionari dell’ambasciata cinese, è stata respinta in Wisconsin.

A settembre, durante un'udienza della commissione di intelligence del Senato, alla domanda se il regime cinese fosse riuscito a cambiare i risultati politici, Glenn Tiffert della Hoover Institution ha risposto "assolutamente sì" e ha sottolineato la riuscita manipolazione da parte di Pechino delle multinazionali americane attraverso incentivi economici.

Lo scorso maggio il presidente Joe Biden ha denunciato il regime per aver esercitato pressioni contro una misura bipartisan volta a sostenere la produzione statunitense di semiconduttori. A luglio, il gruppo commerciale della Semiconductor Industry Association con sede negli Stati Uniti ha anche invitato l'amministrazione Biden ad "astenersi da ulteriori restrizioni" sulle vendite di chip in Cina, proprio mentre i funzionari dell'amministrazione riflettevano sull'aggiornamento delle restrizioni introdotte lo scorso ottobre volte a paralizzare il chip cinese. industria.

"La Cina non ha bisogno di inserirsi direttamente in queste consultazioni, perché gli stessi interessi delle aziende americane puntano in quella direzione", ha detto Tiffert ai senatori.


Il fattore di incentivazione si manifesta anche in altre forme: quando la città di Rockville nel Maryland stava contemplando un accordo di città gemella con la città di Yilan di Taiwan, i diplomatici cinesi a Washington sventolarono opportunità di investimento davanti ai funzionari della città di Rockville e li spinsero ad abbandonare il piano, citando il collegamento non ufficiale di Rockville con la città cinese sud-orientale Jiaxing, ha osservato il signor Tiffert durante l'udienza.

“Fortunatamente, la città ha resistito”, ha detto, ma partenariati come questo con la Cina sono diventati una delle finestre attraverso le quali i cinesi possono avanzare rivendicazioni sulla politica statunitense.
E quando i mezzi sottili non funzionano, Pechino non evita l’aggressione palese.

Nell'ottobre 2020, due funzionari cinesi che scattavano foto di ospiti a un evento di ricevimento tenutosi a Taiwan hanno aggredito un funzionario taiwanese dopo che gli era stato impedito l'ingresso. Il diplomatico taiwanese ha riportato ferite alla testa ed è stato ricoverato in ospedale.


Una "rete sofisticata"

Per sconfiggere un avversario è necessario comprendere dove è debole e una debolezza per l’Occidente è la democrazia: la necessità di avere cicli elettorali per “rinnovarci costantemente”, ha affermato Juneau-Katsuya.

“Poiché ci rinnoviamo, siamo anche nel processo di ricerca costante di approvazione, di sostegno, di voti elettorali”, ha detto. I cinesi “lo capiscono così bene” che fanno sì che le loro missioni diplomatiche si infiltrino nella comunità cinese locale, trasformandola in una merce di scambio per convincere i funzionari occidentali eletti a eseguire i loro ordini.

Il potere di tale controllo è stato messo in mostra durante le elezioni federali canadesi del 2021. Nel contesto dell'impennata del Partito conservatore nei sondaggi, le entità affiliate allo stato cinese hanno condotto una campagna di disinformazione per screditare i candidati conservatori, che secondo alcuni analisti ha portato a tenere fuori dall'ufficio candidati aggressivi come l'ex collega di Chong, Kenny Chiu.


"Il PCC è molto intelligente e dispone di una rete molto sofisticata per penetrare in molte comunità della diaspora", ha detto Chiu al media gemello di Epoch Times, NTD.

Il regime ha anche qualcos’altro a suo vantaggio: l’enorme volume di persone.

Juneau-Katsuya ricorda che durante la guerra di Corea, con armi meno sofisticate a disposizione, i cinesi decisero di inviare ondate di persone durante gli assalti, fino a sopraffare e superare i loro avversari. Hanno applicato lo stesso concetto al fronte all'intelligence, ha detto.

Al 2020, circa 60 milioni di persone di etnia cinese vivono fuori dalla Cina e centinaia di migliaia di studenti cinesi studiano all'estero ogni anno.

Queste popolazioni cinesi all'estero sono sotto costante sorveglianza da parte dei gruppi di facciata cinesi che fanno capo ai consolati o all'ambasciata cinese locale, rendendoli di fatto una pedina per amplificare l'agenda del regime, ha affermato Juneau-Katsuya.


'A tutto campo'

La profondità dell’infiltrazione cinese a livello globale è rimasta in gran parte nell’ombra fino agli ultimi anni.

Un pianificatore del deputato Don Beyer (D-Va.), che è stato a Capitol Hill per 34 anni, è stato licenziato lo scorso ottobre dopo aver presumibilmente tentato di organizzare incontri tra gli uffici del Congresso e i funzionari dell'ambasciata cinese.

Un recente rapporto del Times of London afferma che un agente del Ministero della Sicurezza di Stato cinese ha utilizzato i profili LinkedIn per attirare migliaia di funzionari britannici con denaro e accordi lucrosi in cambio di segreti di stato.

A marzo, la polizia britannica ha arrestato un uomo a Edimburgo perché sospettato di spionaggio a favore del regime cinese. Secondo quanto riferito, l'uomo, che aveva studiato e lavorato in Cina, aveva stretto legami con alti legislatori conservatori come ricercatore parlamentare e aveva contribuito a modellare la politica del Regno Unito nei confronti della Cina. A settembre il Partito conservatore aveva dichiarato di aver licenziato due aspiranti membri del Parlamento legati alla rete del Fronte Unito del regime dopo che l'agenzia di controspionaggio nazionale MI5 li aveva segnalati come a rischio.

Durante i primi cinque mesi di quest’anno in Canada, le preoccupazioni sull’ingerenza straniera cinese sono emerse allo scoperto quando più di 350 testimoni hanno testimoniato davanti a quattro commissioni parlamentari che indagavano sulla questione.

Juneau-Katsuya ha detto che si tratta di un ulteriore indicatore del successo di Pechino nel compromettere “ogni singolo livello” degli strati politici del suo paese.

Al Memoriale di Tiananmen a New York a settembre, il deputato Mike Gallagher (R-Wis.), presidente del comitato ristretto della Camera sul Partito Comunista Cinese, ha detto ai giornalisti che “è ragionevole presumere che tutti noi al Congresso e il nostro personale” sono obiettivi del Ministero della Sicurezza dello Stato (MSS) e del sistema del Fronte Unito.

"Dobbiamo essere consapevoli di questo fatto", ha detto quando gli è stato chiesto del livello di controllo del personale del Congresso.

"Qualunque sia il motivo, l'MSS non occupa nell'immaginazione o nella mente delle persone lo stesso posto che, diciamo, occupava il KGB, quindi è difficile per le persone comprendere veramente la portata e la portata dello spionaggio cinese."


E poiché “Hollywood è comprata e pagata dalla Cina”, in molti casi non ci sono film che aiutino a mettere la questione in prospettiva, ha detto.

Ha detto a Epoch Times che crede che l’ingerenza politica cinese si stia verificando “a tutti i livelli” e spera di istruire i suoi colleghi sulla natura dello spionaggio cinese e del lavoro del Fronte Unito in modo che possano proteggersi meglio da esso.


Affrontare un "mostro" I funzionari dell'ambasciata cinese non hanno contattato la signora Hinson, anche lei membro del Comitato della Camera Cina, dal suo incontro di aprile con il presidente di Taiwan.

"Penso che sappiano che non ho intenzione di ribaltarmi", ha detto. Ma l’ingerenza politica cinese, ha detto, è “viva e vegeta qui negli Stati Uniti, ed è nostro compito come comitato andare in attacco”.

"Se vengono di nuovo da me, sono pronta", ha detto. “Dobbiamo presentare il miglior pacchetto politico possibile senza alcun timore di influenza da parte del PCC”.

In un certo senso, Juneau-Katsuya vede il compito di smascherare le operazioni segrete cinesi come equivalente al tentativo di affrontare un “mostro” ben nutrito dall’Occidente che ora è “più grande di noi” e “con tentacoli ovunque”.

Non è "un lavoro facile", ha detto.

Ma “il genio è uscito dalla lampada e non può essere restituito”, e con l’unione dei paesi occidentali, crede che ci sarà un cambiamento, anche se ci vorrà del tempo.

"Sono avversari formidabili e lo fanno ormai da decenni", ha detto di Pechino. “Sono sottili, sono ovunque. Quindi ci vorrà un po’ di tempo prima che riusciamo a riprendere il controllo”.

Jan Jekielek e Steve Lance di NTD hanno contribuito a questo rapporto.

33 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page